Il soggiorno e il Feng Shui

Pubblicato da admin in Arredamenti Diotti A&F

Ben ritrovati a tutti voi!

Avete provato ad applicare qualche piccolo suggerimento?

Oggi parleremo del soggiorno; lo spazio abitativo legato al ritrovo familiare e alle relazioni.
Donate ampia visibilità e luce all’ambiente. Non create quindi barriere visive utilizzando suppellettili o mobili troppo ingombranti.
Rispettiamo ciò che la Scuola della Forma o dei Quattro Animali ci insegna: disponete gli arredi, soprattutto divani e poltrone in modo tale che le spalle siano sempre ben protette, quindi evitate di collocare sedute sull’asse di una porta.
Con i divani formate un’angolazione, qui potrete posizionare la televisione, non creando disturbi di passaggio continui.

Luce e solarità sono importanti, per cui l’orientamento ideale per il soggiorno, sarebbe il Sud, ricordate che questo posizionamento è legato all’energia Yang, ovvero quella delle attività e della produttività.

Stato di fatto Progetto di un salotto











Nelle foto potete notare la mutazione radicale del sito, la particolare cura nella scelta dei colori e degli arredi. I colori sono morbidi e delicati accompagnati da leggere spugnature.

In quanto agli arredi utilizzate mobili dalle forme morbide evitando il più possibile, spigoli, soprattutto nei punti di maggior transito o quantomeno che siano alleggeriti da lievi rotondità.

La forma e il posizionamento del tavolo sono importanti, seguite sempre il metodo dei Quattro animali e sceglietelo in base alla sua funzione e in rapporto al materiale da costruzione.
Vi porto un semplice esempio: un tavolo in vetro è ottimo come tavolo rappresentativo, ma non appropriato per funzioni decisionali.
Non disponete il tavolo con un lato davanti ad una porta e fate in modo che le sedute controllino tutte le aperture o quasi. Astenetevi dalle posizioni oblique. Scegliete tavoli dalla forma regolare, evitando quelle disarmoniche e spigolose. Potrebbero creare dispersione.
Pertanto, in base alla sua conformazione, il tavolo assume un ruolo differente: per riunioni e meeting, è ottimo il tavolo dalla forma ovale o rotonda; la forma ottagonale dona sicurezza, mentre a capo di un tavolo dalla forma rettangolare, nasce una relazione di controllo e potere. Seduti a metà della parte più lunga, si crea uno stato di controllo armonico. Nasce una relazione di intimità quando le sedute sono vicine, dalla stessa parte. Una di fronte all’altra, creano una relazione di controllo e confronto reciproci.

Cercate di non posizionare le sedute sotto alle travi.

Anche i colori hanno grande importanza, in quanto influiscono sul nostro stato d’animo, quindi dedichiamo loro particolare attenzione e cura.
Per il salotto vi consiglio tinte calde, legate ai colori della terra, ovvero l’ocra, il giallino; tinte luminose e solari. Le spugnature, oltre ad essere piacevoli, aiuteranno a muovere l’energia negli spazi. Ricordate di non tingere mai tutte le pareti di una stanza, ma generalmente quelle contigue, opposte all’entrata.

Le luci dovrebbero essere posizionate lateralmente rispetto ad un tavolo da lavoro, ma possono essere anche centrali, se si tratta di un tavolo da pranzo.
Belli e d’effetto sono faretti e applique, donano giochi di luce.

Vi aspetto sempre più numerosi, e soprattutto mi farebbe veramente piacere sapere se avete preso nota e messo in atto qualche mio suggerimento!
A presto! Cristina

L’angolo del “Sapere

Il Baricentro
L’inizio di ogni espansione ha origine da un centro nevralgico di forze. Pensate alla cellula e al suo nucleo. Considerate la nostra Galassia e la rotazione che compie e in virtù della quale tutti gli oggetti orbitano attorno al centro galattico.
Nell’antichità il baricentro dei luoghi di culto era considerato un punto sacro da cui dipendevano le forze d’espansione, infatti nel Feng Shui la forza divina, che va estesa ed alimentata, risiede nel centro di uno spazio.
Quindi il centro della casa va estremamente valorizzato.
Come? Illuminandolo e lasciandolo libero, pertanto evitate di bloccarlo attraverso la costruzione di ripostigli, bagni, muri portanti o cavedi.
Sarebbe congeniale che coincidesse con un sito importante dell’abitazione, poiché elargirebbe proprio a quest’ultimo tutta l’energia della casa. Nel caso in cui il baricentro risultasse bloccato da muri o addirittura si trovasse proprio nel bagno, per ovviare, si potrebbero attivare i baricentri dei due locali adiacenti.


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su