Arredare un ristorante con il Feng Shui

Pubblicato da admin in Arredamenti Diotti A&F

Oggi viaggeremo con la fantasia a Siderno, una località in provincia di Reggio Calabria e sosteremo al ristorante “L’Angoletto” per la gioia di chi sa apprezzare colori, sapori e aromi della meravigliosa terra di Calabria, ricca di cultura e tradizioni.
Qui potremo gustare il cibo mediterraneo che contraddistingue questa regione. La cucina è un’ arte, e ha bisogno anche di un ambiente adatto per poterlo apprezzare e gustare.

L’Angoletto è un piccolo, ma grazioso ristorante a pochi passi dal mare, disposto su due livelli.

Mi è stato chiesto di poter riadattare una parte dei mobili utilizzati già nella vecchia gestione. Rimanendo fedele al Feng Shui e usando un po’ di creatività e ingegno, ho ideato un ambiente nuovo rivalutando una parte di ” vecchio”.

Bell’ architettura in stile liberty, costruita nel 1925, anno in cui nacque l’Art Déco a Parigi, considerata filiazione dello stile liberty.

L’ampia piazza che domina il fronte, si trasforma in un accogliente giardino in fiore durante i mesi estivi. Palme, limoni e piante mediterranee, verdeggiano e rallegrano il luogo.


Una bella fontana, simbolo di ricchezza e prosperità, panche in legno e un bersò, accolgono i turisti incuriositi dall’armonia ed dall’eleganza dell’ambiente.
All’entrata del piccolo sito, posiziono due “guardiani“, rappresentati da due piante tipiche del luogo. Ho scelto proprio i limoni, un frutto caratteristico e rigoglioso. Le piante rappresentano l’Elemento Legno, necessario in questo particolare punto, e nel contempo attrattiva per invitare il cliente ad entrare.
Vicino una piccola fontanella con acqua sempre corrente è simbolo di prosperità e coadiuuvante per questo punto energetico.

Casa con entrata a Sud, orientamento legato alle nuove attività, al dinamismo e ad eventi eccezionali. Buon passaggio di Ch’i umano e ottima la presenza del mare di fronte.
Entrando, a sinistra, ho posizionato uno splendido benjiamin, alto quasi due metri, le sue foglie mobili, portano freschezza e incrementano l’Elemento Legno, necessario per alimentare questo punto.

Importante mix di colori per spezzare gli ambienti, senza chiudere i volumi, dando ad ogni spazio una sua personalità. A farli risplendere ed esaltare, è la luce che penetra dai finestroni a tutta altezza, dai quali, dal soppalco, si scorge il mare. Tinte originariamente molto scure ed inquietanti.
Pareti marrone e bordeau sostituite da toni caldi, delicati e leggeri, donano un senso di ampiezza e luminosità all’ambiente.
Le tinte chiare dei muri, giallino spugnato, verde salvia e riquadri dorati, contrastano il pavimento a mattonelle liberty di colore bordeau, marrone-ocra e verde salvia.
E’ un pavimento che ho rivalutato nel rispetto dell’ epoca.

Ho prestato attenzione anche alla scelta dei tovagliati. Olive e foglie disegnate, donano freschezza e aria di nuovo all’ambiente, trasgredendo alle usuali e rigorose tovaglie da ristorante.
Una scala a chiocciola ci accompagna sul soppalco.

Stato di fatto progetto

Troviamo un “angolo” romantico e raccolto, diversificato nel colore dalla stanza sottostante.

Incontriamo la Signora Mimma, gestore del locale. Mi racconta che i tavoli da pranzo posizionati nella zona dell’entrata non sono mira dei clienti, non ne capisce il motivo. Tutti si orientano verso le salette interne.
Ora spiegherò il perchè di questo disagio e l’intervento che ho attuato per ovviare al problema.
Ho posizionato un’elegante separé, in tinta e in armonia con le forme, simulando una saletta. In tal modo evito che il cliente a sedere sia a contatto diretto con la porta d’ingresso e quindi con il pubblico. Pertanto creo una barriera tra l’entrata e la sala comunicante. Il cliente non si sentirà più “minacciato” o troppo esposto agli sguardi degli altri, ma godrà di tranquillità e raccoglimento nel gustare il cibo.
Come ben sapete, il metodo dei Quattro Animali induce ad avere sempre le sedute e le spalle ben protette, quindi ad avere una “Tartaruga”.

Il baricentro è il punto di espansione delle energie. Attraverso l’uso del Lo Pan, risulta negativo.
Emerge l’Elemento Terra negativo. E’ importante neutralizzarlo. Intervengo con i correttivi legati all’Elemento Metallo statico, rappresentato da oggettistica in rame, argento, oro, piatti e vasi in metallo, forme tonde e circolari. In questo punto è stata creata un’arcata, la sua forma sferica, dona forza e contribuisce a curare questo punto. (Le forme sferiche sono legate all’Elemento Metallo).

Come ormai avrete appreso, quando l’Elemento Terra risulta negativo, la cura congeniale risulta essere l’Elemento Metallo statico. Nel ciclo generativo dei 5 Elementi, il Metallo è successivo alla Terra e quindi in capace di togliergli forza.

La zona del bancone è invece legata alla fortuna e al potere. E’ stata attivata con l’Elemento Metallo in movimento, qui richiesto. Sono state posizionate le campane eoliche, ma ottimi anche l’orologio a pendolo o la musica d’ambiente. Si sceglie il correttivo adatto alle esigenze del luogo.

Il nostro breve viaggio virtuale termina qui, in attesa di un altro spostamento!

Vi ricordo sempre che per qualsiasi informazione, perplessità o semplicemente curiosità, potete contattarmi al mio indirizzo di posta elettronica: blu.design@alice.it

Benessere e prosperità a tutti voi!

Cristina.


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su