Icone di stile: Audrey Hepburn tra moda, cinema e glamour

Pubblicato da admin in Modà Collection Blog

Ecco cosa si cela dietro un’icona di stile e di eleganza come Audrey Hepburn.

L’immagine ben fissa nella mente che abbiamo di lei è quella tratta da Colazione da Tiffany, con il suo little black dress e il cappello e la stanghetta degli occhiali in bocca, che guarda in camera in modo dolce, birichino e deciso. Di Audrey Hepburn ricordiamo il ruolo nel film tratto dal romanzo di Truman Capote, ma anche la bella favola di Vacanze Romane e il successo di My Fair Lady. Eppure, in pochissimi sanno che la vita di questa icona di stile e di eleganza, amica intima di Givenchy che le curava il guardaroba sin dal film Sabrina, era tutta legata al savoir fair e alla discrezione.

audrey Icone di stile: Audrey Hepburn tra moda, cinema e glamour

Mai uno scandalo, una vita vissuta, almeno negli ultimi anni, lontana dai riflettori, vicino alla famiglia e ai figli. “Vittima” anche lei del clima di Hollywood e degli studios che la acclamavano come una regina dopo l’Oscar per il ruolo di Holly Golightly in Colazione da Tiffany, certo presa tra amori e attori che la desideravano perché sempre perfetta, molto bella e professionale.

Un personaggio dello stesso carisma di Marilyn Monroe, ma certo con una storia diversa e un epilogo non così tragico – la Hepburn morirà per un tumore allo stomaco nel 1993 – un carisma, si diceva, che però accomuna le due donne, fissate nell’immaginario collettivo come modello di perfezione e glamour.

1954 Audrey Hepburn 224x300 Icone di stile: Audrey Hepburn tra moda, cinema e glamour

Audrey Hepburn rimarrà sempre la Holly sbarazzina e allegra, un po’ sopra le righe e naif di Colazione da Tiffany, un ruolo che le è valso la nomination all’Oscar come migliore attrice. Ci piace immaginarla sempre con quel vestito nero e il suo sguardo un po’ ingenuo e un po’ sbarazzino e malizioso, perfetta, come solo lei sapeva essere.

Icone di stile: Audrey Hepburn tra moda, cinema e glamour è un articolo pubblicato da: modacollectionblog.it


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su