Bagno nuovo: la parola d’ordine è "arredare"

Pubblicato da admin in Arredamenti Diotti A&F

Arredare nel vero senso della parola, proprio come si fa con il salotto o con la camera da letto: in bagno è ormai più di un desiderio realizzabile, è diventato un must, una scelta indispensabile per rinnovare veramente uno dei luoghi della casa più riconsiderati del nostro tempo.

E settembre potrebbe essere il momento migliore per decidere di ristrutturare o rinnovare il bagno: i bambini fra poco tornano a scuola, lasciando campo libero, e i professionisti del settore potrebbero essere più flessibili sui prezzi, grazie al fatto che dopo le spese per le ferie, non sono in molti a decidere di rinnovare la casa proprio in questo mese.

Così si può dare il via a tutta una serie di operazioni, dove idraulico, piastrellista ed elettricista giocano dei ruoli fondamentali. Eppure, il risultato finale del bagno, quello che colpirà l’occhio e la fantasia prescinde da tutti questi elementi, oltre a non essere nemmeno associato a oggetti come i sanitari o la doccia, che apparentemente dovrebbero costituire il centro nevralgico di questo ambiente della casa.

In realtà ciò che farà la differenza finale saranno gli arredi: l’arredobagno è un ambito che sta assumendo proporzioni gigantesche e il cui fascino non sembra arrestarsi, nè soffermarsi su proposte immobili e prive di slancio. Anzi: le idee sono così innovative da stupirci con presentazioni pressochè inedite, dove l’arredobagno è affiancato sempre più spesso da vere e proprie zone relax, come se ci si trovasse in un naturale prolungamento del salotto o del living.

Perchè i mobili pensati per il bagno effettivamente potrebbero inserirsi con facilità in contesti differenti, grazie ad estetiche sempre più duttili e interessanti, alle quali abbinare elementi che altrimenti risulterebbero estranei a un ambiente come il bagno. Elementi come sedie, poltrone, chaise-longue, che concorrono a trasmettere esattamente quella sensazione di centro benessere a cui “la sala da bagno” anela da tempo.

E se la vostra intenzione è quella di rinnovare il bagno esistente, non potete non tenere conto di questi elementi e dunque non potete esimervi dallo scegliere un arredobagno accattivante, importante, all’avanguardia; un arredobagno da accostare magari a sedute particolari, anche se non avevate mai pensato a una possibilità simile.

Ad esempio il bagno Linea, che come dice il nome risulta minimale e rigoroso, nella sua semplicità si può adattare a qualunque ricontestualizzazione moderna: in questa immagine in effetti l’arredobagno viene presentato con una seduta che non passa certo inosservata e che crea un piacevolissimo bilanciamento visivo, tra i colori, ma anche tra le forme, rigorosa l’una, irregolare l’altra.

Il bagno Gura in larice laccato potrebbe risultare una scelta elegante, ma anche ironica al punto giusto, sicuramente di gran carattere e abbinabile a sedute anche stravaganti.

Il bagno Brill con piano in vetro esprime invece tutta la contemporaneità dell’arredobagno attuale: linee raffinate, superfici riflettenti, forme minimali prive anche di maniglie visibili, grazie all’utilizzo delle gole. Un arredobagno da accostare, come nell’immagine, a qualche pezzo del design classico in grado di dare risalto a un’eleganza infine senza tempo.


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su