Archive for marzo, 2012






 
 
 

Ten questions for “Futuro Artigiano” with Stefano Micelli

Pubblicato da admin in Blogger Ospiti

We mentioned earlier that the essay Futuro Artigiano, by Stefano Micelli, had fascinated and interested us.

Truly it’s a vision that is interwoven with our way of thinking; creating value based on working with your hands is what we have done from our first day of work, in 1974.

Professor Micelli teaches economics at the University of Venice, he focuses his research on the transformation of the Italian industrial system with particular attention given to the issue of the competitiveness of small and medium size enterprises. Our professional affiliation has evolved thanks to his research and the initiative to work together, to better understand the atmosphere of an artisan, Berto Salotti hosts a group of his students in Meda, so they could “live the experience as future artisans”.

In short, we understand Professor Micelli’s approach, what inspired us led us to our new advertising strategy, #whyBerto.  We now communicate through a series of videos clips, with content and conversations relative to our products.

We will continue with #whyBerto, in fact, we appreciate what you wrote Professor Micelli just below the title of your book, on the cover: “Innovation in the hands of the Italians.”  This gave us a greater desire to expand the discussion and what better way to do just that than an interview.

Shall we begin?

1.

Berto Salotti: Thank you for being available for this interview, Stefano.  In your opinion, why has innovation suddenly passed through the hands of Italians? Why now and not 10 years ago?
Stefano Micelli: Innovation has always been learned by doing: today we realize it because we look differently at economic and social phenomena that are always before our eyes. Over the last fifteen years we have embraced the idea that innovation would pass only through scientific research and industrial patents. However, this just isn’t so any longer.  Innovation also passes from doing.  This does not mean we should underestimate the importance of investment in research.  We simply must keep in mind that without the dimension of innovation from doing, advancement clearly remains stagnant.  This dimension we originally underestimated, and are somewhat guilty, because in reality it’s one of the strengths of our country.

 

2.

BS: Why this book? What course of study and what type of human encounter pushed you to elaborate this thesis?
SM: A decade of my life was spent studying the clusters and the transformation of the competitive model of what is: “Made in Italy”.  It’s been an interesting study because I was able to look closely at the transformation of our way of doing business. Just because I followed the business model over time, the variance of certain elements has become very clear to me.  And, one of these elements is knowing how to make artisan matrixes, which now more and more is combined with managerial techniques and marketing research, which has always remained constant in the background.

 

3.

BS: Many people compare your book to “The Craftsman” by Robert Sennett: The Italian case has similarities with the American?
SM: Sennett’s book is about sociological matrixes, with some philosophical passages. He speaks of the working man, highlighting his role in Western culture, his (many) virtues and his limitations. I, on the other hand, am an economist as a result I look at craftsmanship from another point of view: how the work of the artisan makes our manufacturing system competitive, in a global economy, whether we speak of small businesses or large established brands. We have two complementary viewpoints. For those who have read Sennett, it may be interesting to complete the course and read my book as well.

 

4.

BS: The idea that innovation is in the hands of the Italians; considering the transportation obstacles and bureaucratic infrastructure of our country, which has so far has strangled our economy, isn’t it a bit optimistic?
SM: Our country has many problems and yet we have to imagine this as our starting point. The book is an interesting signpost for those who wish to confront the theme of restarting.  Just like someone who has to cross a river they must decide where to put their feet in order to jump to the other side, the same is true for our country eventually we must decide where to find a reliable foothold. I’m not saying that this is the only possibility, but it is certainly a good one.

 

5.

BS: You have a great deal of contact with our youth; they are the future of our society and our economy.  How do they envision their future? Do they like the idea of being future artisans?
SM: To exit from the present crisis we need a new strategy toward ​​work. Today, there is more talk about employment contracts than about work in itself.  It’s something a bit different isn’t it? To begin with, we must explain to young people, the new generation, what they may actually encounter in the years to come. The young people who have already bought my book did so because they asked themselves, “What will I do for eight hours a day?”  We must also acknowledge that today’s twenty something’s are the first generation of fully digital adults, their exposure to making and doing something with their hands is revolutionary and in many cases, an exciting discovery.

 

6.

BS: All of us at Berto Salotti have had an excellent experience with your students coming to Meda. Did your students find that the working world still has worthy opportunities to offer young people, or are we still up against the never ending cycle of sending CVs that no one answers?
SM: Let’s begin by talking about the new manufacturing economy. This implies a different attitude from the youth of today, knowing how to do something and being able to produce it.  Instead of speaking of an Italy as defeatist and systematically reluctant to modernization, we must tell our young people that there are treasures to be valued, companies like Berto Salotti, along with many other Italian businesses, are what the world envies and in a global economy there are still great possibilities for growth. If we provide young people a positive picture we put new energy into motion. One thing I want to emphasize is: not all young people must become craftsmen!  The sense of my book is another. We must recognize the artisan as a treasure with which to restart the economy.

 

7.

BS: Italy vs. The rest of World: Your book has many encouraging pages on the future of our country, reading them however, while the rating agencies massacred Italy had a particular effect.  What can you say about this apparent contradiction?
SM: If we look at how the capacity for innovation was measured in the last 10 years, we discover that we have always been considered last in the class because we have been assessed on the basis of variables related to the very logic of big business and finance.  Now, even the United States understands the importance of innovation in manufacturing processes, keeping this in mind, we go back to being an interesting country to study, having looked at the processes differently.

 

8.

BS: Let’s imagine a future where your arguments have become recognized in Italy and around the world, and that our country has been able to “build innovation with our hands. “In your opinion, which of these drivers would be most important: politicians, corporations, global trends?
SM: I would without any doubt say that if something has to change in our culture it changes from below. Internet certainly has had an enormous influence from this point of view.  As an economist, I believe that one of the crucial points that our future rests upon (and the future of working men and women) is that of distribution. Our distribution methods are relative to a typical model of mass production. If we want to think about new ways to enhance the value of craftsmen, on a different scale from what we practice today, we must adjust our methods of distribution, and in general alter our approach to communication about the product, logistics and electronic commerce.

 

9.

BS: Last week Rome hosted a great event, World Wide Rome; Chris Anderson was the honoured guest, during the event he said that, “Italy could become the home of the makers.”  But are we not already home to the most excellence craft production?
SM: This is the thesis of the book: “we are already the home of the makers,” the problem is that we have not realized it yet. This thesis is also a provocation. We are arguing that our workers are not only guardians of tradition, but they are also innovators of globalization. This is the most important step forward we can make, like the fairytale caricature of Geppetto a craftsman by trade, he represents today the work of the artisan that gives many small, medium, and even large scale companies their competitive advantage.
The craftsman makes improvements by continually renewing the tools of his trade, using new materials and creating new ways of working. True craftsmanship is not something preserved in the past, but rather, is renewed in time and accepts the challenges of technology. To declare that, Italy is the home of the makers, means to speculate on the power of the internet and new technologies in general.  It’s like saying that our workers are not the protagonists of the (unhappy) decline in the economy but they are the protagonists of a new industrial revolution centred on new ideas of ​​work and value.

 

10.
BS: I know that you and Stefano Maffei are planning a special year for Fuorisalone. Can you give us a special preview?
SM: We have created a show with an explicit idea: AnalogicoDigitale. The project brings together the tradition of Italian craftsmanship with the potential of new technologies related to makers of: 3d printers, laser cutters, the new CNC machines that now populate the various makers’ shops and FabLab, etc.. The idea is to physically bring together these two groups, in the second half of April at the galleria Subaltern 1, in the Ventura area of Milan, set their goods around a table and  introduce them during the show. I think it will be an interesting opportunity to see a mixed group of people who are unfamiliar with one another, but who have good reason to come together.

 


 
 

Quadra di Pianca

Pubblicato da admin in Blog Arredo

Quadra
Pianca ha pensato bene di fare un tuffo nel passato decidendo di reinterpretare la classica madia con questo prodotto, che ha infatti ereditato lo stesso design geometrico con le sue linee nette e i suoi angoli retti. Quadra è pronta ad adattarsi alle vostre esigenze: può, infatti, essere pensile o poggiata a terra, con cassetti, ante battenti o a ribalta. Verrà presentata al Salone del Mobile di Milano che si terrà fra meno di un mese.

=> Continua!


 
 

In affitto

Pubblicato da admin in Una casa non a caso

cartello affittasi

Negli ultimi tempi mi è capitato spesso di essere ospite in casa di  amici che vivono in appartamenti presi in affitto. Inevitabilmente i discorsi della serata si concentrano sulla difficoltà di riuscire a comprare una casa e la sensazione di precarietà in cui si sprofonda quando non si vive in una casa propria. Non si può intervenire in alcun modo perché non si ha il potere di apportare modifiche sostanziali e, soprattutto, perché fare interventi architettonici importanti in un bene che non è tuo, non conviene. Non si può acquistare la cucina che si desidera perché poi chissà se la si riesce a sistemare nella futura casa e … così via con il resto dei discorsi. E poi ancora : “le pareti sono squallide” così, tutte, quasi sempre,  gialline; per non parlare dei pavimenti: “orrende piastrelle in ceramica ormai passate di moda ed anche un po’ consumate nei punti di maggior passaggio”. Il pensiero mi è andato immancabilmente al nostro Blog nel quale parliamo spesso dell’importanza di un buon investimento economico nella ristrutturazione per dare un valore aggiunto al proprio bene, oltre che ad organizzarlo per migliorare il proprio benessere. Ma se non viviamo in una casa di nostra proprietà? E’ naturale che l’investimento economico in una casa in affitto si risolve in quello che basta per poterci vivere decorosamente. Spesso però ci si arrangia, e ci si adatta, vivendo una situazione di disagio e di precarietà. I nostri amici ci hanno parlato di questo. Per tutta la sera! “Tanto sono in affitto”. “Avessi una casa mia, vivrei molto meglio”. Soluzioni semplici da realizzare possono aiutarci ad organizzare meglio gli spazi, che non possiamo modificare strutturalmente. Ho ascoltato con attenzione quanto ci è stato detto da questi amici. Il loro impegno nel cercare  delle soluzioni è notevole… ma il risultato non risponde alle aspettative. Per intervenire in maniera semplice nelle nostre case si deve rispondere a precise regole che non possono essere soggette ai nostri gusti, ma sono complementari. Avrò ripetuto, per serate intere, piccoli suggerimenti elementari come fossero un mantra… e allora mi sono detta: “Perché non esprimerli nel Blog?” e godermi le serate tra amici rispondendo loro: “Vai a dare un’occhiata al Post… abbiamo pensato proprio a te.” Intervenire in uno spazio, e sulle  superfici, in modo risolutivo  è molto difficile. Per non fare errori grossolani e ottenere poi il risultato opposto  occorre  porre l’attenzione allo studio delle  forme, al colore, alla luce…. così come abbiamo già parlato in altri Post. Tutti noi abbiamo delle fissazioni che è difficile rimuovere. Spesso mi capita di ricordare una vignetta della Settimana Enigmistica in cui veniva rappresentata una signora elegantissima e con ricchi gioielli ma… ORRENDA! Rivolgendosi al chirurgo plastico chiedeva di togliere un piccolo bozzetto antiestetico che aveva al dito mignolo. Perdeva di vista tutto il resto! Quindi non concentriamo le nostre forze nel dettaglio perdendo di vista l’intero contesto. Ci chiedono di “allargare lo spazio”; “fare entrare la luce”… così, arbitrariamente. Non è detto che per avere una visione spaziale più ampia, l’ambiente debba essere necessariamente “allargato”. Magari occorre la cosa opposta. Così vedo inevitabilmente che i più inseriscono delle superfici specchiate “per allargare lo spazio”, “per dare maggiore profondità”. Ma questi specchi, se proprio necessari, vanno posizionati in modo da ottenere effettivamente una maggiore spazialità e non rendere   lo spazio ancora più confuso. 

Altra nota dolente sono  i corridoi che spesso  sono lunghi e stretti. Con il solo trattamento delle pareti,  senza interventi architettonici, è possibile riproporzionare lo spazio e diminuire così quella sensazione di disagio.

Se siamo in presenza di pareti molto alte che sbilanciano la percezione della superficie di un ambiente facendolo sembrare più piccolo, per ridurre le proporzioni di una parete questa va spezzata con elementi orizzontali  e giocando con le superfici.

E poi: i pavimenti. Ma che preoccupazione c’è a posare una moquette pur di non vedere le orrende fantasie a fiori? può sembrare delicata, ma lo è meno di quanto si pensi…e si vive meglio. Poi quando si va a vivere nella casa nuova, si può rimuovere. E poi… per la nuova casa, chiamate l’architetto. Ovvio!


 
 

Tweety di Berto Salotti

Pubblicato da admin in Blog Arredo

Tweety
Con la sua forma avvolgente, la seduta ergonomica e la morbida imbottitura in poliuretano espanso Tweety di Berto Salotti è un ottimo rifugio per riposarsi dopo una dura giornata di lavoro. Grazie alla sua versatilità sarà facile adattarla ad un piccolo soggiorno o ad una camera da letto o semplicemente essere una seduta in più per il vostro salotto.

=> Continua!


 
 

Un consiglio dagli Usa: “pensa artigiano”.

Pubblicato da admin in Blogger Ospiti

Thomas Friedman è un giornalista con la G maiuscola: oltre che autore di numerosi saggi, tra cui “Il mondo è piatto – Breve storia del XXI secolo” sugli effetti della globalizzazione – è stato vincitore del premio Pulitzer per ben tre volte.

Leggendo il suo ultimo libro “That used to be us” ci ha fatto piacere ritrovare – tra le sue raccomandazioni  ai lavoratori per superare il difficile momento economico – questo consiglio:

“Pensa come un artigiano”.

Magari a noi artigiani può sembrare strano un suggerimento come questo, abituati come siamo a sentirici sempre in difficoltà, stretti tra le difficoltà pratiche di ogni giorno e un mondo che sembra premiare solo i grandi, e invece l’autorevole firma del New York Times considera il fatto di applicare una mentalità puntigliosamente orientata alla qualità in ogni cosa che si fa come uno dei piccoli-grandi segreti per rimanere e prosperare sul mercato del lavoro, qualunque sia la propria professione.

Efficacissima la sintesi con cui Friedman chiude questa sua riflessione, a pag. 137 del suo libro:

“Ogni cosa che fai, saresti pronto a firmarla con le tue iniziali?”

 


 
 

La Giornata di un Artigiano. Riflessioni a caldo sulla Convention dei Giovani Confartigianato (Firenze, 23/24 marzo 2012).

Pubblicato da admin in Blogger Ospiti

Sono tornato da poche ore dalla convention di Confartigianato Giovani a Firenze,  il meeting annuale degli imprenditori artigiani under 40.

Eravamo in circa 400 delegati da tutta Italia compreso il  gruppo provinciale Monza/Milano, che presiedo.

Riporto qui a fianco qualche cifra veloce per inqudrare l’importanza della cosa.

Sono 4.583.000 le piccole e medie imprese in Italia e rappresentano il 94% del totale, contribuendo alla creazione del 14% del PIL nazionale.  Mentre sono circa 400.000 i giovani imprenditori artigiani italiani. 

Nonostante siano ormai nove le edizioni a cui ho partecipato, ogni volta aspetto questo evento con grande emozione.

Quest’anno il palco è stato attrezzato con i numeri e le cifre delle incombenze che le nostre imprese devono sostenere quotidianamenete per adepiere alle richeiste della burocrazia.

A lato abbiamo posizionato un grande contenitore dove abbiamo inserito simbolicamente le chiavi delle nostre aziende che vorremmo consegnare agli interlocutori della politica che abbiamo invitato a discutere con noi sulle tematiche a noi più care.

Quest’anno,  è chiaro a tutti,  è stato il più delicato per il nostro movimento.

La crisi picchia duro e siamo in prima linea sul fronte caldo della resistenza sui mercati.

Il presidente Marco Colombo ha aperto infatti  lavori con un discorso molto forte sul sitema Paese, dedicando ai nostri legislatori la parte più dura, con un richiamo alla loro responsabilità e sensibilità affinche vengano create le condizioni per poter continuare a fare impresa.

Non si può più, infatti, resistere a queste condizioni.

Possiamo farcela, certo, perchè nel nostro DNA abbiamo lo spirito e le idee per continuare a costruire e a immaginare il futuro,  ma se le condizioni interne, oltre che ovviamente il mercato,  non cambieranno  in meglio, anziché continuare a peggiorare, non ce la faremo.

E sarebbe un vero peccato.

Il ministro Passera, che ha concluso la príma giornata di lavori, ci ha peró dato qualche segnale positivo in merito al riconoscimento sul nostro contributo per il rilancio del paese e ci siamo resi disponibili da subito al confronto.

Per cui lo slogan di quest’anno è stato perfetto: “Riprendiamoci la nostra impresa”.

In questo blog ho condiviso spesso, fin dal 2004, le mie idee ed emozioni,  non solo verso il mondo dell’arredamento, del design, ma anche della vita all’interno delle mia impresa e delle dinamiche “familiari” connesse alla sua gestione nel distretto legno arredo brianzolo.

Ho portato alla luce le storie che la fanno vivere, i sogni e le ambizioni, i sacrifici nostri e dei nostri collaboratori,  (alcuni dei quali insieme a noi da molti anni ) e la passione che ogni giorno ci fa alzare, aprire e ricominciare a lavorare.

Siamo felici di questa condivisione. Crediamo che il valore importante che proponiamo sia, oltre che nel prodotto o nel servizio, nelle persone e nelle storie che li realizzano e che coloro che ci celgono rafforzano ogni volta.

La nostra è una storia semplice, come ce ne sono tante altre in Italia.

Siamo stati molto fortunati, probabilmente, ad emergere come “caso studio “  per l’innovazione attraverso internet e le nuove tecnologie nella comunicazione,  grazie alla nostra pionieristica sperimentazione , e ce ne siamo resi conto dopo, forse perchè  impegnati a lavorare, ma siamo convinti  che in Italia ci siano moltissime storie incredibili e appassionanti da conoscere.

Quando dal palco hanno annunciato l’ingresso dei principali esponenti del mondo politico per la tavola rotonda, ed è stato lanciato il video ”la giornata di un artigiano”,  ho avuto la certezza di non essere solo di fronte alle sfide del momento.

In questo video,  il nostro collega Sandro Venzo è stato semplicemente filmato in una sua giornata tipo.

Sveglia presto, e subito in ditta tra progettazione e strategia, lavoro “sul pezzo”, coordinamento dei collaboratori, burocrazia, trasferte verso clienti lontani, pranzi al volo e infine il ritorno a casa, la sera tardi, con la famiglia ad accoglierlo con un caldo abbraccio.

Mi sono commosso, non ho vergonga a dirlo e ancora adesso sento l’emozione pensandoci e scrivendolo.

Sarà perchè sono padre da pochi mesi  e vedere la figlia di Sandro corrergli contro ad abbracciarlo mi ha toccato perosnalmente , ma la storia di Sandro è la storia di tutti noi.

E’ la nostra storia, quella dei nostri padri e quella dei nostri collaboratori, oggi come non mai uniti nell’impresa.

E ho visto, se ancora non l’avessi capito, che non siamo soli, che siamo in tanti e che ci sono centinaia di pazzi come me che hanno voglia e  psasione per il proprio mestiere, vedono in esso la libertà di esprimersi in autonomia e la possibilità di dare un futuro ai propri collaboratori e alla propria famiglia.

E ho capito che se deve esistere  un futuro in Italia, questo può e deve passare per le nostre imprese artigiane.

Noi non ci arrenderemo.

Anzi, continueremo a rilanciare con forza e passione, investendo in qualità e innovazione, impegnandoci sempre di più a comunicare al mondo che vale la pena di sceglierci .


 
 

La casa quadro di Cocoon Architect: be artistic!

Pubblicato da admin in Blogger Ospiti

Casa monofamiliare a Genk

Lo studio d’architettura Cocoon ha curato il progettato della ristrutturazione di una casa colonica a Genk, in Belgio, trasformandola in una “casa-quadro”

La struttura, risalente al 1970 è stata, è stata modificata estendendo lo spazio interno al di là dei muri perimetrali dell’edificio cosentendo la realizzazione di un nuovo spazio che permette alla casa di dialogare con il giardino e lo spazio esterno.

Per assicurare la privacy dello spazio interno, la facciata esposta verso la strada è riparata da una serie di pannelli metallici mentre pannelli di vetro nella copertura garantiscono l’accesso di luce agli spazi interni.

Perchè casa-quadro? Perchè grazie alla scelta dell’arredamento e soprattutto con il posizionamento di un bellissimo pianoforte, è come osservare un vero e proprio quadro gigante.

Ma che cosa non ci piace di questo progetto? Sebbene gli spazi interni siano armoniosi, dimostrino continuità l’uno con l’altro, non si può certo dire che l’esterno è integrato, tutt’altro. Il nuovo “inserto” si stacca totalmente, in stile e forme, dall’edificio preesistente: sebbene dal prospetto frontale abbiamo un aspetto gradevole, tutto cambia guardando la casa dal retro.

Concludo velocemente: bello dentro, bella l’idea, migliorabile l’estetica esterna.


 


 
 

Sedie ufficio tra ergonomia e design

Pubblicato da admin in ArredaClick

È innegabile: per chi lavora in ufficio sono quasi più le ore passate alla scrivania che quelle tra le mura domestiche. È quindi importante scegliere i complementi d’arredo giusti che ci consentano di rendere il tempo dedicato al lavoro il più piacevole possibile. In particolare il complemento d’arredo che merita maggior attenzione, soprattutto per le conseguenze che porta con sé, è la sedia da ufficio.
È infatti necessario ricordare come la scelta della sedia da ufficio non sia soltanto una scelta dettata da motivi estetici ma anche ergonomici. Perché una sedia dev’essere bella in termini estetici e comoda, dove comoda significa “ciò che provoca benessere”. E ciò che vale per le sedie in generale vale in maniera ancora più forte per le sedie da ufficio.
Per questo ArredaClick.com ha inaugurato un nuovo reparto dedicato proprio alle sedie ufficio all’interno del quale è possibile trovare sedie ufficio di tutte le tipologie, dai modelli più classici ed istituzionali a quelli più freschi e con un occhio di riguardo al mondo del design.
La sedia da ufficio Pixel, dal design moderno, è sicuramente molto elegante e riprende i tratti caratteristici della sedia operativa: basamento a razze con ruote, imbottitura in  resina espansa e ai braccioli in poliuretano. La comodità dell’utente è senza dubbio il principio guida con il quale questa sedia è stata disegnata: dotata di seduta, supporto lombare e poggiatesta regolabili in altezza; i braccioli possono essere regolati in larghezza e inclinazione e lo schienale lascia la schiena di chi la occupa libera di respirare.
Rappresenta senz’altro la soluzione più tradizionale di seduta in uffici ed ambienti di lavoro, ma non per questo l’unica:Sedia Ufficio SohoSedia Ufficio Diva GRQueste due sedie sono la dimostrazione che operatività e design sono due concetti che possono coesistere: entrambe le sedie sono girevoli e dotate della struttura a razze con ruote che caratterizza le sedie da ufficio e contemporaneamente hanno un design ed una personalità molto forte.
La sedia Soho è dotata di meccanismo per la regolazione in altezza, e la struttura in faggio rivestito rappresenta una soluzione che unisce alla piacevolezza estetica la comodità.
La sedia Diva Gr, girevole e regolabile in altezza, si caratterizza per il design accattivante, le tinte vivaci che assume la scocca e la forma conica della stessa fanno della sedia da ufficio Diva Gr la protagonista assoluta del contesto in cui è inserita.


 
 

Plastica e design: arredi in trasparenza

Pubblicato da admin in ArredaClick

A partire dagli anni ’60, l’arredamento ed il design si sono rivolti, sempre più spesso ed in maniera sempre più decisa, al mondo delle materie plastiche per potersi esprimere. Il progetto della prima sedia in plastica risale addirittura al 1950, e si trattava di una seduta realizzata in policarbonato.
Il policarbonato è un polimero scoperto sul finire degli anni Venti che iniziò, però, ad essere sfruttato solo negli anni ’60. A partire da questo periodo ha visto crescere in maniera impressionante il suo utilizzo per le proprietà di trasparenza e resistenza, sia termica sia meccanica, praticamente in ogni ambito.
Contemporaneamente l’arredamento stava vivendo il suo periodo pop e quindi l’esplosione dell’utilizzo della plastica non poteva trovare terreno più fertile.
Per la trasparenza era però necessario aspettare ancora del tempo, finchè nel 1998 Philippe Starck disegnò Le Marie, la prima sedia al mondo completamente trasparente, realizzata in policarbonato trasparente.
Dal quel momento in avanti la trasparenza smise di essere associata al solo vetro, materiale splendido ma inadatto a certi contesti per costi elevati e fragilità, e vennero utilizzati sempre più spesso i materiali plastici come ad esempio il metacrilato, la più trasparente tra tutte le materie plastiche, che eccelle per rigidità, resistenza all’invecchiamento, eccellente facilità di lavorazione e possibilità di ottenere una vastissima gamma di colorazioni: tutte caratteristiche eccezionali per la realizzazioni di sedie, tavolini, ma anche tavoli e strutture per lampade e divani.Particolare che evidenzia la trasparenza

Il particolare che ho qui voluto evidenziare del tavolo Oste sottolinea ed evidenzia il grado di trasparenza che il metacrilato è in grado di offrire.
La trasparenza totale del tavolo permette di creare notevoli giochi di luci ed effetti cromatici accostandovi, per esempio, un lampadario a sospensione oppure una sedia trasparente, come la sedia da cucina Kai.

La seduta in metacrilato dona un tocco di modernità anche agli arredi più classici e si sposa perfettamente in un ambiente fresco e luminoso.
Ho scelto la sedia Kai per ribadire un’altra caratteristica di questo polimero: la possibilità di ottenere una vastissima gamma di colorazioni e di lavorazioni differenti. In un’altra versione della sedia da cucina Kai la seduta e lo schienale, avendo subito due lavorazioni differenti, sono l’una in metacrilato coprente e l’altro in metacrilato lucido. Un’altra seduta trasparente che sottolinea le infinite possibilità delle materie plastiche trasparenti è la Milano 2015. Scelta come simbolo dell’Expo che si terrà nel 2015, la sedia è un omaggio alle classiche sedute delle trattorie milanesi rivisitata in chiave moderna.
Il contrasto è voluto ed evidente: la sedia delle osterie, rigorosamente in legno, spesso dalle tinte scure ora è trasparente, lascia che la luce filtri attraverso di essa, colorandosi e colorando l’ambiente in cui si trova.

Questo può la plastica, che per definizione è morbida e malleabile, ma non solo: è trasparente, colorata e ben si presta a giochi di trasparenza ed opacità, giochi di luce ed abbinamenti cromatici  moderni ed attuali.


 
 

10 risposte per un “Futuro Artigiano” con Stefano Micelli.

Pubblicato da admin in Blogger Ospiti

Abbiamo già detto come la lettura di Futuro Artigiano, il bel saggio di Stefano Micelli, ci abbia affascinato e interessato.

Davvero una visione che si intreccia con il nostro modo di creare valore, basato sul lavoro delle mani fin dal nostro primo giorno di lavoro, nel 1974.

Il contatto con il prof. Micelli (che insegna all’Università di Venezia e concentra la sua attività di ricerca sulle trasformazioni del sistema industriale italiano con particolare attenzione al tema della competitività della piccola media impresa) si è poi evoluto, grazie all’iniziativa di far lavorare presso Berto Salotti un gruppo di suoi studenti presso di noi a Meda, in modo che potessero “respirare sul serio” l’atmosfera di un’azienda artigiana, per un periodo prolungato e significativo.

Infine, possiamo certamente contare l’approccio di Micelli tra le varie ispirazioni che hanno portato alla nostra strategia di comunicazione: l’insieme di video, contenuti e conversazioni compresi in #percheberto.

Con percheberto continuiamo, infatti, a valorizzare quello che Micelli ha scritto proprio sotto il titolo del suo libro, in copertina:

L’innovazione nelle mani degli italiani.

Tutto questo ci ha fatto venir ancora più voglia di approfondire il discorso, e quale strumento migliore di una bella intervista?

Partiamo dunque :-)

 

1.
Berto SalottiDopo i dovuti ringraziamenti per la disponibilità, caro Stefano, ti chiediamo subito… perché mai improvvisamente l’innovazione passa dalle mani degli italiani? Perché ora e non 10 anni fa?

Stefano Micelli: L’innovazione è sempre passata dal fare: oggi ce ne accorgiamo di nuovo perché guardiamo diversamente a fenomeni economici e sociali che sono sempre di fronte ai nostri occhi. Negli ultimi quindici anni abbiamo abbracciato l’idea che l’innovazione passasse solo attraverso la ricerca scientifica e la sua traduzione in brevetti industriali. Non è così. L’innovazione passa anche dal fare. Nessuno vuole mettere in secondo piano l’investimento in ricerca. Semplicemente dobbiamo tenere presente che senza la dimensione del fare l’innovazione non decolla. Questa dimensione l’abbiamo sottostimata in modo un po’ colpevole perché in realtà è uno dei punti di forza del nostro paese.

2.
BS: Come sei arrivato a questo libro? Quale percorso di studio e quali incontri umani ti hanno fatto elaborare queste tesi?

SM: Una decina d’anni della mia vita li ho passati a studiare i distretti industriali e la trasformazione del modello competitivo del Made in Italy. E’ stato uno studio interessante perché ho potuto guardare da vicino la trasformazione del nostro modo di fare impresa. Proprio perché l’ho seguito nel tempo è stata molto chiara l’invarianza di alcuni elementi. E uno di questi è proprio il saper fare di matrice artigianale, che oggi sempre di più si sposa con tecniche manageriali, marketing, ricerca; ma che rimane una costante di fondo.

3.
BS: Molti accostano il tuo libro all’americano “L’uomo artigiano” di Robert Sennett: il caso italiano presenta analogie con l’americano?

SM: Quello di Sennett è un libro di matrice sociologica, con qualche passaggio filosofico. Parla dell’uomo artigiano mettendo in evidenza il suo ruolo nella cultura occidentale, le sue virtù (molte) e i suoi limiti. Io sono un economista e guardo al lavoro artigiano da un altro punto di vista: mi chiedo come il lavoro artigiano può rendere competitivo il nostro sistema manifatturiero in un economia globale, sia che si parli di piccola impresa che di grandi marchi affermati. Sono due punti di vista complementari. Per chi ha letto Sennet può essere interessante completare il percorso e leggere il mio libro.

4.
BS: L’idea dell’innovazione nelle mani degli italiani – visti gli ostacoli infrastrutturali e burocratici del nostro paese – non è un po’ troppo ottimista, visto anche che questi stessi fattori l’hanno finora strangolata?

SM: Il nostro paese ha molti problemi e da qualcosa bisogna pur partire per immaginare un suo rilancio. Il libro è un segnale interessante per chi si confronta col tema della ripartenza. Come chi deve attraversare un corso d’acqua, deve decidere il sasso dove appoggiare il piede per fare un salto e passare dall’altra parte, anche il nostro paese deve decidere dove trovare punti d’appoggio affidabili. Non dico che questo sia l’unico sasso possibile, ma è certamente uno di quelli buoni.

5.
BS: Tu sei a contatto con i giovani, il futuro della nostra società e della nostra economia. Loro come lo vedono, il loro futuro? Piace l’idea di un futuro artigiano?

SM: Per uscire dalla crisi abbiamo bisogno di una nuova idea di lavoro. Oggi più che parlare di lavoro, parliamo di contratti di lavoro. E’ una cosa un po’ diversa. Per ricominciare a ragionare con i giovani dobbiamo spiegare cosa farà concretamente una generazione negli anni a venire. Il pubblico giovane che ha comprato il libro lo ha fatto perché si chiede “cosa farò otto ore al giorno?”. Va tenuto conto che i ventenni di oggi sono la prima generazione pienamente digitale e per loro la scoperta del fare e del fare con le mani è una scoperta eversiva e anche in molti casi entusiasmante.

6.
BS: Noi in Berto Salotti abbiamo avuto una eccellente esperienza con i tuoi studenti a Meda. Trovi che il mondo dell’artigianato abbia modo di avvicinare i giovani secondo un percorso virtuoso, o ci stiamo ancora scontrando con l’invio dei CV a cui nessuno dà risposta?

SM: Cominciamo a parlare di new economy manifatturiera. Questa comporta un diverso atteggiamento dei nostri giovani verso il saper fare e verso la produzione. Invece di parlare sistematicamente di un’Italia rinunciataria e renitente alla modernità,  dobbiamo dire ai nostri giovani che là fuori c’è un tesoro da valorizzare, che le aziende come Berto e quelle di tanti altri distretti italiani sono ciò che il mondo ci invidia e che in un’economia globale ci sono grandi possibilità di crescita. Se forniamo ai giovani un quadro positivo mettiamo in moto energie nuove. Una cosa ci tengo a sottolinearla: non è che tutti i giovani devono diventare artigiani! Il senso del mio libro è un altro. Dobbiamo riconoscere nel lavoro artigiano un tesoro con cui mettere in moto l’economia.

7.

BS: Italia vs. Resto del Mondo: il tuo libro ha pagine molto incoraggianti sul futuro del nostro paese, leggerle mentre le agenzie di rating ci massacravano faceva un certo effetto… cosa ci puoi dire di questa apparente contraddizione?

SM: Se andiamo a vedere come è stata misurata la capacità di innovazione negli ultimi 10 anni, scopriamo che siamo sempre stati considerati gli ultimi della classe perché siamo stati valutati sulla base di variabili molto legate alle logiche dalla grande impresa e dalla finanza. Oggi che persino gli Stati Uniti si accorgono dell’importanza del fare manifatturiero nei processi di innovazione, ecco che ritorniamo ad essere un paese interessante, da studiare e da guardare in modo diverso.

8.
BS: Immaginiamoci un futuro in cui la tua tesi si sia affermata, in Italia e nel mondo, e che il nostro paese abbia saputo “costruire l’innovazione con le proprie mani”. Quali tra questi driver saranno stati più rilevanti secondo te: politici, aziende, trend globali?

SM: Direi sicuramente che se qualcosa cambierà sarà per un cambiamento culturale dal basso. E la rete sicuramente ha un potere enorme da questo punto di vista. Da economista, dico che uno dei nodi su cui si gioca il nostro futuro (e il futuro del lavoro artigiano) è quello della distribuzione. La nostra distribuzione è figlia di un modello tipico della produzione di massa. Se noi vogliamo pensare a una valorizzazione del valore artigiano su una scala diversa da quella che oggi sperimentiamo dobbiamo innovare nella distribuzione e, in generale, sul fronte della comunicazione del prodotto, della logistica, del commercio elettronico.

9.
BS: Settimana scorsa a Roma c’è stata una grandissima manifestazione, il World wide Rome, che ha avuto come protagonista Chris Anderson, il quale afferma che l’Italia potrebbe diventare la patria dei makers. Ma noi non siamo già la patria di eccellenza della produzione artigiana?

SM: Questa è la tesi del libro: noi siamo già la patria dei makers, il problema è che non lo abbiamo realizzato. Questa tesi è anche una provocazione. Stiamo dicendo che i nostri artigiani non sono solo custodi della tradizione, ma sono innovatori nella globalizzazione. Questo è un cambio passo importante rispetto a una caricatura della figura di artigiano molto legata a Geppetto, una caricatura che oggi va strettissima a tantissime piccole, medie ma anche grandi imprese che han fatto del lavoro artigiano il proprio vantaggio competitivo.

L’artigiano innova attraverso gli strumenti del suo lavoro, i nuovi materiali, nuovi modi di lavorare. Il lavoro artigiano non è custodire acriticamente il passato; piuttosto, è rinnovarsi nel tempo e accettare la sfida della tecnologia. Dire che in Italia siamo la patria dei makers vuol dire scommettere sulla rete e sulle nuove tecnologie in generale. Significa dire che i nostri artigiani non sono i protagonisti della decrescita (infelice), ma sono i protagonisti di una nuova rivoluzione industriale centrata su una nuova idea di lavoro e di valore.

10.
BS: So che con Stefano Maffei state organizzando un Fuorisalone speciale quest’anno. Ci vuoi dare qualche anteprima?

SM: Abbiamo immaginato una mostra che ha un titolo abbastanza esplicito: AnalogicoDigitale. Il progetto mette insieme la tradizione artigianale italiana con le nuove potenzialità delle tecnologie tipiche dei makers: le stampanti 3d, i laser cutter, le nuove macchine a controllo numerico che oggi popolano i vari maker shop, fablab, ecc. L’idea è quella di far incontrare questi due gruppi, anche fisicamente, attorno a degli oggetti che poi verranno presentati durante il Salone nella seconda metà di Aprile presso la galleria Subalterno 1, zona Ventura a Milano. Credo che sarà un’occasione interessante per vedere mescolate persone che si conoscono poco, ma che hanno ottimi motivi per stare insieme.

 


 
 




Torna su