Quale sarà il futuro del Made in Italy? La provocazione di AnalogicoDigitale al prossimo FuoriSalone, con Berto Salotti e i makers!

Pubblicato da admin in Blogger Ospiti

analogico digitale con berto salotti

Si chiama AnalogicoDigitale l’iniziativa dell’autore di “Futuro Artigiano“ Stefano Micelli (abbiamo già parlato di lui e del suo straordinario libro, per noi di grande ispirazione anche nel marketing) e di Stefano Maffei, designer e professore del Politecnico di Milano, a cui abbiamo l’onore di partecipare al prossimo Fuorisalone.

Cos’è AnalogicoDigitale? E’…

un incontro tra imprese artigianali, designer e fablab per creare una cultura del making originale e autoctona. 

Nuove connessioni e nuovi modi di lavorare che producono risultati sperimentali, innervati di qualità manifatturiera, conoscenza strumentale e spirito di scoperta hacker.

La “qualità di scoperta hacker” è quello che ci piace di più ;-)

Saremo un gruppo di artigiani coraggiosi – c’è chi li chiama makers – insieme a un gruppo di designer scelti da SUBALTERNO1, una galleria che si occupa di autoproduzione, in via Conte Rosso 22, nella zona VenturaLambrate, dal 17 al 22 aprile.

Il tutto sarà rafforzato da Tecnificio, una maker facility dove nuovi microatelier temporanei cercheranno quella che è stata definita una nuova “utopia concreta”:

Inventarsi la propria tradizione.

Come si vede, la sfida è alta, e se ci siamo lanciati in un’impresa così ambiziosa è grazie all’incoraggiamento di Stefano Micelli, con il quale Berto Salotti ha iniziato un interessante percorso, che ci ha già visto coinvolti nel lavoro di ricerca dei suoi studenti, proprio qui da noi, a Meda.

All’interno di questo progetto, Filippo Berto non solo collaborerà alla realizzazione di un prodotto insieme al designer Alessandro Marelli, ma farà da coordinatore del gruppo di imprese raggruppate nella denominazione AA+ Artisan Avangard. Un gruppo che avrà anche la forza del supporto di Confartigianato Milano, Monza e Brianza.

L’ambizione del nostro gruppo è anche quella di elaborare un nuovo modo di lavorare, cambiare,  innovare e  e collaborare insieme in un distretto tradizionale come quello brianzolo.

Sono sfide grandi e importanti, alle quali ci avviciniamo con un mix di umiltà, entusiasmo e voglia di nuovo… l’unica cosa che sappiamo, infatti, è che il futuro va conquistato giorno per giorno, mettendosi in gioco, reinventandosi sempre.


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su