Casa residenziale e Daeyang gallery by Steven Holl: tutto un UNICUM

Pubblicato da admin in Blogger Ospiti

L’architettura residenziale contemporanea segue linee molto simili tra loro e diversi progetti spesso si possono confondere. Oggi voglio però parlare di un progetto che sebbene si rifaccia alle linee dell’architettura residenziale contemporanea, ha degli elementi di novità.

Sto parlando della Casa e Galleria Daeyang progettata dallo studio d’architettura newyorkese Steven Holl.

Il residence è situato a Seoul, nella zona di Kangbuk, ai piedi delle pittoresche colline della città. Questo edificio è stato progettato per essere adibito sia a galleria con la possibilità di ospitare eventi che a casa privata: tre padiglioni sono collegati tra di loro da una piscina che separa gli spazi interni in zone funzionali ben definite.

Si entra in casa attraverso una reception che conduce a una delle abitazioni e ad uno spazio multifunzionale situati sopra il livello dell’acqua della piscina mentre la galleria si trova al di sotto di tale livello.

I visitatori scendono le scale per dirigersi nella zona della galleria trovandosi davanti la vista della piscina incorniciata da vetrate continue.

Le geometrie derivano dallo schizzo di uno spartito musicale del 1967, “Sinfonia in modulo” del compositore Istvan Anhalt.

L’ampia illuminazione degli ambienti deriva dalla presenza di 55 lucernari lineari, cinque lastre di vetro per riflettere la luce del sole negli spazi interni della casa offrendo al “visitatore” una diversa esperienza per ogni ora del giorno e ogni stagione.

Un’ulteriore modularità la troviamo nelle camere che sono dimensionate in base alla serie di numeri 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55.

Un progetto molto complicato in cui i progettisti hanno curato i diversi aspetti dell’edificio ponendo al centro di tutto l’esperienza del visitatore.

 

E tu cosa avresti cambiato in questo progetto di casa residenziale?


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su