E LUCE FU.

Pubblicato da admin in Rosso Papavero

Lo sapete qual’è un altro elemento FONDAMENTALE in una casa?

La luce. Si, perchè possiamo mettere tutti i mobili di design appena usciti sul mercato, le novità dei più importanti architetti e tutto quello che ci pare in casa, ma non possiamo trascurare l’illuminazione, ciò che da la giusta atmosfera ad ogni ambiente, caratterizzandolo per l’utile che se n’è deciso di fare. 
La luce è l’elemento che non può mancare e va pensato con la giusta attenzione.
Innanzitutto le tipologie sono svariate: Lampade da terra, da tavolo, a sospensione, a soffitto, a parete. E’ per questo che ogni ambiente può godere della luce adeguata. Su un grande tavolo da pranzo l’ideale è una lampada a sospensione con un apertura ampia per fare passare bene la luce, in modo che durante i vostri pranzi/cene possa essere sufficiente ad accompagnare il convivio senza bisogno di dover accenderne delle altre. Fate attenzione, molte delle lampade in commercio, di design e non, fatte di svariati materiali, non fanno molta luce in quanto la dirigono in punti precisi e in zone che necessitano di illuminazioni ampie non sono adeguate, seppur belle.
In soggiorno, come in camera da letto meglio evitare i punti luce centrali a soffitto ma stabilire punti “strategici” come i comodini, il comò o lo scrittoio, sono ambiente che non necessitano di luci invadenti e forti ma di accompagnamento. Per cui definiamo la zona divano con una lampada da terra che illumina la zona conversazione e dei punti luce a parete ( a seconda della grandezza del locale) che illuminano il locale.
In cucina invece, a seconda della conformazione del locale, il punto luce centrale è utile perchè da una visione d’insieme dello spazio, bisognerà poi illuminare adeguatamente il piano lavoro utilizzando le luci sottopensile, meglio se neon a luce calda, fanno molta più luce del led durando molto e costando molto meno!
Se abbiamo un piano snack o un tavolo in cucina faremo diventare il punto luce centrale laterale, lo indirizziamo verso la zona tavolo mantenendo comunque una luce d’insieme.
Il bagno è un’altra zona che richiede delle luci di servizio, per cui anche qui il punto luce centrale va bene, a soffitto e assolutamente non a sospensione (abolito il classico lampadario!). Se possiamo e ci piace rilassarci quando facciamo la doccia o il bagno, possiamo incassare dei faretti nel controsoffitto proprio sopra questi spazi, li utilizzeremo come luci d’ atmosfera. La luce sullo specchio richiede un occhio di riguardo perchè il riverbero che crea riflettendosi non sempre è piacevole, per cui meglio scegliere delle lampade schermate, con del vetro.
In cameretta vale un pò la regola della camera da letto, quindi una luce vicino al letto e in direzione delle scrivanie, qui però una luce a soffitto non mi sento di sconsigliarla del tutto, soprattutto se i bambini non sono molto grandi.
Se abbiamo poi delle scale che portano in taverna o al piano superiore, prevediamo delle luci conta passi incassate nel muro, che evidenziano i gradini e aiutano a non cadere. Queste sono situazioni che è giusto pensare in fase di costruzione, per avere un lavoro fatto bene e preciso.



 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su