PIANO COTTURA ad INDUZIONE.

Pubblicato da admin in Rosso Papavero

Se oggi acquistate una casa di nuova costruzione, con il concetto di casa clima a risparmio energetico ed ecologico, dovrete con molta probabilità affrontare il “problema” di non avere il gas per cucinare.
Nel resto d’Europa è un “problema” superato ormai da anni, il costo dell’energia essendo decisamente più basso rispetto che da noi, invoglia e agevola l’utilizzo di piani cottura ad induzione. Ma le nuove norme di sicurezza ormai impongono anche a noi italiani di non utilizzare più il gas.
Dall’estetica accattivante e molto semplice, completamente lisci e di facile pulizia, questi piani cottura permettono di ridurre notevolmente i tempi di cottura agevolandoci nella nostra estenuante mancanza di tempo. Dotati di bobine che generano campi magnetici, funzionano a corrente elettrica, e appoggiando una pentola di metallo sul piano si crea questa reazione che trasforma in calore l’energia del campo magnetico.
Certo, tutte le pentole che abbiamo in casa non vanno bene. Il fondo deve essere necessariamente in acciaio o ferro, per permettere alla chimica di creare queste reazioni, quelle in rame (così belle) in alluminio o in ceramica, ahimè, sono da cestinare!
Al di là delle pentole però, il problema che ci affligge, sono i consumi energetici e spesso il potenziamento del contatore in casa, il 3 kw portato ormai a 4,5, consentirebbe di accendere solo il piano cottura spegnendo però tutte le luci in casa. Giusto sabato una cliente mi poneva l’incognita “ma se accendo il condizionatore, posso utilizzare anche il piano cottura induzione?”. Ecco, bella domanda. Allora, ho scoperto che ci sono, ad esempio, i piani cottura Siemens che consentono di limitare la potenza assorbita dallo stesso, anche a 2 kw, in modo da poter mantenere il contatore da 3 kw. Certo, se la mia cliente accendesse piano cottura, condizionatore, frigorifero e lavastoviglie insieme, dubito che il contatore da 3 kw possa essere sufficiente, ma in casi di consumi meno smodati, certamente questi piani cottura dalla potenza regolabile possono essere interessanti.
A livello di sicurezza invece siamo ormai al top. Infatti il calore si genera solo sulla pentola lasciando così la superficie del piano sempre fredda, ciò vuol dire che se il vostro bambino super pestifero ci mettesse su le mani, non si scotterebbe, vuol dire anche che se ci cade un pezzetto di cibo sul piano, non si brucia nè incrosta, la pulizia risulta quindi immediata e praticissima. Se non mettiamo la pentola sulla zona di cottura il calore non si produce, quindi niente sprechi. Fantastico!
Esteticamente questi piani sono molto belli, partendo dal vetro ceramica nero lucido al metal design estetica inox, possiamo abbinarli ad ogni tipo di altro elettrodomestico e cucina, dall’incasso standard al filo top, abbiamo tutte le possibilità di scelta per non rimane delusi.
Se invece, come la mia cliente, siete un pò titubanti e non volete azzardare troppo per restare senza corrente, potete scegliere quelli combinati, con gas ed induzione. Meglio di così!




 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su