Torna la Poltrona Pouf Sacco, direttamente dai Sixties

Pubblicato da admin in ArredaClick

Poltrona pouf sacco, “Bean Bag”, poltrona fagiolo, chiamatela come volete, sta di fatto che è tornata e a noi piace molto, in tutte le sue versioni e riletture contemporanee.
Noi abbiamo scoperto Babol, che di nuovo ha un rivestimento ultra-resistente in microfibra, una lycra che può essere allungata fino a 7 volte rispetto alla dimensione originaria.
La poltrona sacco Babol è un’evoluzione della “Bean Bag” degli anni Sessanta, infatti il materiale e la tecnologia con cui è fabbricata permettono una seduta comoda ed ergonomica: Babol si adatta alla forma del corpo e ne segue i movimenti, ma una volta alzati la poltrona sacco torna alla sua forma originaria.
Ci si può sdraiare, riposare, chiacchierare, guardare la tv, studiare, leggere, lavorare al computer e molto altro ancora. Ma non sono io a dovervi suggerire gli infiniti usi di questa poltrona pouf a sacco dalle mille forme ed infinite funzioni! Date sfogo alla vostra fantasia, reinventatela, personalizzatela. La scelta di colori è davvero infinita.
Divertente, giocosa ed estremamente moderna per la sua adattabilità a qualsiasi ambiente, la poltrona sacco nasce in Italia alla fine degli anni ’60 dall’unione di Radical Designers come Pietro Gatti, Cesare Paolini e Franco Teodoro. Il successo arriva nel decennio successivo, un po’ grazie alla celebre scena di Fantozzi nell’ufficio del direttore, un po’ grazie alle strisce di Snoopy e Charlie Brown, spesso ritratti insieme nella loro “poltrona fagiolo” favorita.


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su