CANALE ATTREZZATO IN CUCINA.

Pubblicato da admin in Rosso Papavero

Torniamo a parlare dell’argomento preferito e più gettonato in fatto di casa. La cucina.
Ambiente madre, in cui si svolge la vita, in cui tutto prende forma. Dal cibo, alle chiacchiere, ai compiti dei bambini, alle confidenze in fase di preparazione.
Essendo l’ambiente che richiede la miglior organizzazione della casa è bene che sia studiato nel dettaglio e oltre che disporre gli elettrodomestici con un ordine consono al loro utilizzo, seguendo la cronologia di azioni (conservazione-appoggio-lavaggio-appoggio-cottura) sarebbe bene non sottovalutare la possibilità di utilizzare e sfruttare le profondità.
La cucina standard, ha una profondità delle basi di 60 cm. finite (poco meno), ovviamente l’utile con questa profondità si aggira intorno ai 54-55 cm. e meno per quanto riguarda i cestoni. E’ ancora più vero però, che la maggior parte delle cucine che si arredano potrebbero permettersi di sfruttare profondità maggiori, utilizzando e avendo ancora più spazio contenitivo.
Spesso è una soluzione che non viene neppure proposta ai clienti, perchè ovviamente fà lievitare il prezzo della cucina in quanto comprende: basi più profonde (75-80 cm.) e anche il top più profondo, e 20 cm su un top in pietra non è differenza da poco. Sebbene io sia convinta che giocare questa carta sia estremamente vantaggioso e che la spesa venga abbattuta e ricompensata nel tempo potendo sfruttare a pieno di un contenimento più ampio, vi mostro un alternativa utilizzabile in entrambi i casi, ovvero: sia con basi profondità standard sia con basi dalla profondità maggiore.
Parlo del canale attrezzato che viene inserito tra il top della cucina e il muro, avanzando così le basi di 15-20 cm a seconda del suo spessore. Niente top profondi e volendo niente basi a profondità maggiore. La scelta è varia.
Il particolare di questo elemento è innanzitutto il dislivello che crea con il top, generalmente crea un gradino di 6-8 cm. utile a fare da salvagoccia e alzatina, seconda cosa: tutto ciò che può contenere. Si, perchè se una volta era solo un pianetto d’appoggio rialzato in acciaio, oggi nasconde un infinità di accessori inseribili a scelta. E quindi, piccoli contenitori per piccoli oggetti oppure piccoli elettrodomestici. Vi faccio un breve elenco delle meraviglie che possiamo trovare in così poca profondità:
- scolapiatti;
- bilancia elettrica;
- vaschette di varie dimensioni porta spezie (alcune già con i barattoli)
- vaschette di varie dimensioni con coperchio;
- coperchio apri e chiude per nascondere la chiave di apertura/chiusura del gas portata ad un’altezza comoda;
- ceppo porta coltelli;
- vani con prese di corrente per piccoli elettrodomestici, sempre con coperchio di sicurezza.
Guardate che non sono mica poche cose!
Soprattutto il particolare della bilancia elettronica, le prese e la chiave del gas, sono piuttosto vantaggiose in fatto di spazio e comodità. Le prese rimangono sempre protette da umido e schizzi grazie al coperchio, utilizzabili solo in caso di necessità. La chiave del gas, predisposta ad un altezza di 90-95 cm da terra rimane facilmente utilizzabile, non solo quando si va via per molti giorni. e la bilancia, bhè…non manca mai in una cucina!
I canali attrezzati, con le medesime caratteristiche sono di due tipi: il primo ha una altezza limitata, che va di poco sotto il top, è alto quindi 15 cm. c.a. Il secondo, più complesso e costoso, è un secondo muro, che arriva fino a terra e può essere utilizzato nelle cucine a isola, perchè finito anche sul retro e, dal lato delle basi, consente di creare un collegamento di scolo per l’acqua dello scolapiatti in esso inserito, direttamente allo scarico del lavello. Fà da quinta all’isola di lavoro in modo molto pratico.
L’azienda che oggi offre il maggior numero di personalizzazioni, sia in fatto di accessori che di finiture (alluminio o acciaio) è Valcucine, che come sempre è all’avanguardia e attenta. Ma anche Ernestomeda offre diverse personalizzazioni, ad esempio.
Va de sè che tutti questi particolari abbiano un costo, spesso paragonabile a quello di un top più profondo, se non addirittura maggiore  con l’utilizzo di particolari accessori. Indubbi sono però i vantaggi rispetto alla semplice profondità del top.
In ogni caso, non abbiate paura di osare con una profondità maggiore, con una zona lavoro della vostra cucina che prende il sopravvento. Vi accorgerete che assume un carattere più professionale e incisivo!



 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su