Coppie in crisi: l’arredamento è il pomo della discordia

Pubblicato da Olivia in Blog Arredamento, Blogger Ospiti, News

Due cuori e una capanna? No, a quanto pare è l’esatto contrario: secondo un sondaggio condotto da un sito che si occupa di architettura e design, uno dei fattori che dividono le coppie moderne è la scelta dell’arredo.

“Amore che ne diresti di fare quella parete arancione?” “Pensa che io la immaginavo blu”. Il tono iniziale delle discussioni è piu o meno questo; un tono che però può decisamente peggiorare quando oltre all’argomento colori (è noto che fra l’universo maschile e quello femminile a tal proposito ci siano oggettive differenze), si passa a parlare dei mobili veri e propri e infine dello stile d’arredo (classico per i maschietti, moderno o anche ultracontemporaneo per le femminucce; anche se conoscendo le differenze tra Venere e Marte e considerando l’amore degli uomini per l’hi-tech, stento a credere a quest’ultimo dato).

Non solo: la discordia metterebbe bocca anche sulla scelta delle stanze da ampliare o ristrutturare; pare che la prediletta dal mondo femminile sia la cucina, mentre per l’uomo è più importante avere una grande camera da letto. Luoghi comuni difficili da sfatare (e se invece fosse una buona volta l’uomo a comandare in cucina e la donna a letto?!?).

Al di là dei gusti prettamente maschili o femminili tuttavia, la riflessione è d’obbligo: perchè l’arredamento ha tutto questo potere? Ed è davvero impossibile scendere a compromessi?

Intanto toccherebbe capire se l’arredo sia “utilizzato” soltanto come capro espiatorio, questione di principio su cui impuntarsi per ribadire le proprie ragioni in tutt’altri contesti, oppure se sia considerato davvero così fondamentale da creare tensioni e litigi.

Nel mio caso la risposta sarebbe la seconda: i mobili, gli accessori, i colori sono elementi fondamentali per il benessere in casa, sono in grado di trasmettere emozioni e di influire sull’umore, oltre a dare la possibilità di esprimere una propria personalità.

E l’ampia scelta a cui ci stiamo abituando, pur essendo una grande conquista dei nostri tempi, in questo caso potrebbe rivelarsi deleteria: troppi modi per esprimere i propri gusti, troppe occasioni su cui scontrarsi.

Dunque io cercherei di ribaltare la cosa a favore della coppia: tante teste tante idee? Tante idee tante realtà? Benissimo: lasciamo che ci vengano in aiuto concetti come il “fusion”, che ci permettono di far convivere più stili nella stessa casa o addirittura nella stessa stanza, dando poi effettivamente voce a soluzioni completamente inedite e quindi uniche nel loro genere.

Il segreto è accontentare tutte le parti, con un poco di sacrificio da ognuna. E magari il risultato potrebbe rivelarsi un autentico punto di incontro, meglio di qualsiasi terapia di coppia.

Tags:

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su