Verande in vetro e giardini d’inverno: splendidi tutto l’anno

Pubblicato da Olivia in Blog Arredamento, Blogger Ospiti, Idee

Per gli amanti della natura e delle atmosfere primaverili il giardino d’inverno è la soluzione ideale per avere, anche durante i mesi freddi, un angolo green in cui leggere un buon libro, sorseggiare un tè in compagnia o magari semplicemente rilassarsi.

Chi non ha mai desiderato infatti, quando il cielo è spesso grigio e il clima caldo sembra ancora lontano, ritagliarsi uno spazio tutto per sé in cui mantenere intatta la bella stagione? Realizzando un giardino d’inverno il sogno diventa realtà. Basta un po’ di spazio a disposizione e sarà come avere il sole dentro casa anche se fuori piove!

I giardini d’inverno hanno radici abbastanza lontane, nordiche soprattutto, ma si possono ricondurre anche alle antiche e più note orangerie e limonaie, ovvero a quelle grandi serre destinate a contenere piante particolarmente delicate (in origine agrumi, da cui il nome).

Oggi questo ambiente nasce dall’esigenza di vivere uno spazio chiuso come se si trattasse in realtà di un luogo aperto, per mantenere un contatto più diretto con la natura anche nei periodi freddi.

Le alternative sono davvero tante. E’ infatti possibile trasformare in giardini invernali: verande, gazebo, pergolati, padiglioni, purché si tratti di strutture chiuse (o richiudibili) su tutti i lati. Fondamentale è infatti che vi sia un ottimo isolamento tra esterno e interno per evitare condense o spifferi che potrebbero altrimenti mutare la qualità del posto e i suoi benefici.

Un elemento importantissimo di cui non si può non tener conto quando ci si accinge a realizzare il proprio giardino invernale è la luce. Questa deve infatti poter penetrare all’interno dello spazio attraverso vetrate o finestroni, i quali danno inoltre la possibilità a chi si trova all’interno di poter mantenere un contatto visivo o col giardino vero e proprio o comunque con lo spazio esterno della casa.

I materiali normalmente usati in questo caso sono vetro, cristallo o pvc, che possono essere utilizzati per ricoprire non solo le pareti, ma anche il tetto (piano o a cupola), mentre la struttura vera e propria è di norma costruita in legno lamellare, ferro battuto, acciaio o alluminio.

Trattandosi di uno spazio che verrà sfruttato anche d’inverno bisognerà ovviamente pensare a  come riscaldarlo. Di certo, quando le temperature saranno abbastanza miti, utile si rivelerà la luce solare che,  presente all’interno del nostro giardino durante il giorno, lo manterrà abbastanza caldo anche nelle ore serali. Tuttavia è bene armarsi di altri e più efficaci strumenti, poiché nei giorni in cui la temperatura scende sotto lo zero o il cielo è sempre coperto, il calore del sole può fare ben poco.

Le stufe a gas per esempio rappresentano la soluzione più semplice ed economica, ma, accanto a queste, non vanno dimenticati i classici condizionatori d’aria (che possono essere utilizzati anche d’estate se l’ambiente si surriscalda), sia da terra che da parete.

Se la struttura è invece pensata come un prolungamento della casa stessa allora la scelta migliore sarà trasportare sotto la veranda il sistema di riscaldamento interno, ampliando quello già esistente.

Il giardino d’inverno infatti può essere o meno annesso all’abitazione e presentarsi quindi in alcuni casi come una sorta di piccola dependance.

La parte più bella e divertente nelle varie fasi di realizzazione del nostro giardino è, ad ogni modo, quella relativa all’arredamento.

La tipologia di arredo verso cui conviene indirizzarsi è quella degli arredi da giardino tipici degli spazi esterni. Pertanto non mancheranno salottini in vimini e bambù, con cuscini e sedute imbottiti, composti da divanetti e tavolini bassi, né tanto meno sedie e tavoli ancora una volta in legno o ferro, scelti magari nel tentativo di richiamare i materiali della struttura stessa.

Negli ultimi tempi è addirittura possibile trovare in commercio linee di mobili realizzati ad hoc per questi ambienti, che uniscono quindi forme confortevoli a materiali studiati per resistere bene anche in spazi più rustici.

Niente vieta tuttavia di arredare questo particolare ambiente seguendo il proprio gusto personale. Un’idea in più potrebbe essere ad esempio quella di utilizzare mobili e oggetti da recupero che, invece di essere gettati via, potrebbero venir restaurati o abbelliti a nostro piacimento e riambientati in questo nuovo contesto.

Accanto agli elementi indispensabili poi, come quelli sopra citati, si possono sempre aggiungere altri complementi d’arredo dal valore prevalentemente ornamentale come piccole amache pensili, pouf, chaise longue e sedie a dondolo.

Protagoniste assolute del nostro giardino invernale saranno infine le piante. E’ infatti proprio la presenza del verde a donare al nostro ambiente la sua peculiare caratteristica.

Non è vero che con l’abbassarsi delle temperature la natura si spegne. Esistono anzi numerose specie che, com’è noto, sopravvivono anche durante l’inverno e trattandosi comunque di un ambiente chiuso le piante d’appartamento sempreverdi, comela Spatifilloo il Ficus Benjamin, andranno benissimo.

Pure tra i fiori la scelta è abbastanza vasta: ciclamini, crisantemi, viole, camelie, bucaneve, iris, narcisi, erica, da utilizzare recisi nei vasi o, ancora meglio, da coltivare nella terra dando al nostro giardino d’inverno il carattere di una vera e propria piccola serra abitabile.


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su