Una porta di classe

Pubblicato da Eleonora Caseri in Blog Arredamento, Blogger Ospiti, Idee

Molti si chiedono come proteggere la propria casa dagli intrusi e uno degli accorgimenti più adottati perché molto efficaci è l’installazione di una porta blindata. È vero che ha un certo costo, ma è giustificato dai materiali, dalla tecnologia e da test e certificazioni.

Ogni produttore, infatti, deve sottoporre le proprie porte blindate (una per tipo) a dei test, necessari per ottenere la certificazione secondo le norme europee. Le prove simulano vari tentativi di effrazione: con attrezzi, con spinta di carico statico su determinati punti, con urto e con trazione e torsione della maniglia o del pomolo.
L’esito di questa serie di test conferisce a ciascun modello di porta una classe, secondo una classificazione europea che va da 1 a 6, dove 6 è la classe con le migliori prestazioni di resistenza (ma assolutamente esagerata per un’abitazione).
Quale porta scegliere? Per un appartamento in un normale condominio, è sufficiente anche una classe 2, mentre per un appartamento in contesto signorile è preferibile una porta blindata antieffrazione come Compakta di Silvelox, di classe 3.
Per villette a schiera o singole, con la porta d’ingresso che dà immediatamente all’esterno, è raccomandabile una classe 3 o 4, mentre le classi 5 e 6 sono generalmente adottate per i negozi.
Naturalmente la porta blindata non offre tutta la protezione necessaria, specialmente se si abita al piano terra o al primo piano: In questi casi sarà opportuno prendere dei provvedimenti per rendere più sicure anche finestre e terrazze, a cominciare dall’adozione di maniglie a chiave o a bottone.


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su