Bonus Mobili 2013: la detrazione del 50% sull’arredamento

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, News

Bonus mobili: di cosa si tratta e chi lo può avere?

Si parla tanto in queste ultime settimane della proroga dell’incentivo sulla ristrutturazione a cui è stata aggiunta la detrazione del 50% sulla spesa sostenuta per l’acquisto di arredamento, il tutto previsto dal decreto legge n. 63 del 4 giugno 2013.

Tutto vero. Il bonus arredamento ha però dei limiti di applicazione.

Il beneficio fiscale infatti può essere usufruito esclusivamente su mobili acquistati nell’ambito di una ristrutturazione edilizia, anche se non è ancora chiaro se gli arredi debbano essere per forza destinati ad arredare la stanza, o le stanze, oggetto dei lavori.

Una cosa è certa: il bonus mobili vale solo per chi ristruttura.

1. Quando?

Le spese per la ristrutturazione devono essere state sostenute tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2013. Vale la data del pagamento, indipendentemente dalla data di inizio o fine lavori. Allo stato attuale, e in mancanza di chiarimenti ufficiali, riteniamo sia possibile detrarre l’acquisto di mobili acquistati entro il 31 dicembre 2013.

2. Quanto?

La detrazione sui mobili è del 50% su una spesa massima di € 10.000. Gli aventi diritto potranno di conseguenza beneficiare di uno sconto fiscale per un massimo di € 5.000.

La detrazione è in aggiunta a quella applicata sulla ristrutturazione edilizia (il tetto massimo di spesa per la ristrutturazione ammonta a € 96.000).

3. Chi può usufruire del Bonus Mobili e Ristrutturazione

– Proprietari o nudi proprietari

– Titolari di un diritto di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)

– Locatari o comodatari (chi è in affitto o gode di comodato d’uso)

– Soci di cooperative

– Imprenditori individuali

– Soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata

4. Le rate

Il Bonus Mobili 2013 prevede la ripartizione in 10 rate annuali di pari importo.

5. Importo della Rata Sconto

Prendiamo come esempio la cifra massima ammessa: chi avrà acquistato mobili per una cifra di € 10.000 potrà beneficiare ogni anno e per 10 anni di uno sconto pari a € 500.

La documentazione

Per ottenere la detrazione sull’acquisto di mobili e arredamento le spese dovranno essere antecedenti al 31 dicembre 2013 e dovranno essere necessariamente documentate.

I pagamenti devono essere effettuati attraverso bonifico bancario o postale “parlante” indicante la corretta causale e in cui siano presenti: il codice fiscale di chi ha sostenuto la spesa per l’acquisto dei mobili ed il codice fiscale o Partita Iva di chi ha ricevuto il pagamento.

Per ulteriori informazioni: guida aggiornata al Bonus Mobili 2013

Ultime news: anche gli elettrodomestici da incasso possono rientrare nella detrazione del 50% purché di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni).

Non sono inclusi accessori tecnologici.

(Fonti: Corriere.it 27/06/2013; Panorama.it 27/06/2013; )

Tags:

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su