ABITARE IN MANSARDA. UNO SGUARDO SUL CIELO.

Pubblicato da blog ospite in Design, Idee, Rosso Papavero, Stili

Le mansarde, insieme ai sottotetti, godono di un fascino quasi indiscusso. Prima locali tipici delle zone di montagna, con il recupero dei sottotetti ad uso abitativo, sono diventati un ambiente in più anche nelle città più comuni. 

Il bello di questo ambiente, oltre alla variazione d’altezze che regala un piacevole gioco di volumi, è la vista che la disposizione delle finestre regala sul cielo. La scelta dei velux è infatti molto importante. 
Le mansarde risultano essere estremamente calde ed è quindi necessario che le finestre siano sufficientemente isolanti e predisposte per oscurare la luce del sole quando serve ed allo stesso tempo che contribuiscano ad impedire la dispersione di calore quando il sole è scarso.
Le finestre sul tetto non hanno le medesime caratteristiche delle finestre, in primo luogo per l’apertura perchè apribili con aste o a motore, quindi con telecomando per comodità d’altezza. Il punto focale però è l’impermeabilità e la posa di questi elementi. Non vorremmo mai che una forte grandinata ci inondasse la camera proprio dal tetto! Il pvc e l’alluminio, comunemente utilizzati per i serramenti esterni, consentono una minore manutenzione nel tempo ma anche il legno resta consigliato soprattutto per la possibilità di accoppiare legno sulla parte interna e alluminio sulla parte esterna. La posa, ad hoc, deve essere precisa ad evitare infiltrazioni o condense dovute a pioggia e umidità.
Il vetro deve essere antisfondamento, antigrandine e resistente agli urti, due vetri separati tra loro da una camera d’aria. Isolato sia a livello acustico che termico. E’ possibile infatti che il vetro sia oscurabile (attraverso un sistema motorizzato) da tende o persiane sia interne che esterne, per un effetto total black.
Le zanzariere invece, che impediscono l’ingresso non sono delle zanzare ma di vari insettini striscianti sui tetti, possono essere le classiche installate dalla parte interna del serramento, scorrevoli anche manualmente, consentono comunque l’apertura del lucernario e il ricircolo d’aria.
Per un effetto più romantico e d’impatto invece, si possono utilizzare delle tende appositamente studiate e prodotte da Ten-za in tessuto ignifugo, facilmente applicabili da tutti i comuni mortali, senza necessità di richiedere l’intervento di un tecnico.
L’impatto a livello visivo è notevole, caldo ed accogliente.

Tags:

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su