Come scegliere un divano di qualità?

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, Design, Stili

Quando si parla di divani di alta qualità sono i dettagli a fare la differenza. Il divano deve essere bello “dentro e fuori” perché solo in questo modo può essere un divano destinato a durare a lungo.

Un divano sartoriale è un pezzo unico il cui valore si misura dagli elevati standard costruttivi, dalla fattura delle materie prime, dalla qualità dei rivestimenti e dalla cura posta nelle rifiniture. Chi produce divani deve inoltre saper concepire un design in grado di sopravvivere alle mode passeggere e di saper così soddisfare pienamente le esigenze estetiche del suo proprietario nello scorrere del tempo: dopotutto il divano è uno di quegli arredi che con si cambia tutti i giorni! Se per i diamanti è stato coniato il celebre “un diamante è per sempre”, per i divani, se ben fatti, vale quasi la stessa regola.

Divani di alta qualità ben concepiti nascono per incontrare i più svariati gusti ed esigenze, offrendo una vasta gamma di modelli moderni e classici totalmente componibili.
Esigenze di gusto, ma anche di spazio: il segreto della componibilità che tanto ci piace esaltare non è tanto legato alla libertà di personalizzazione, quanto alla funzionalità e alla possibilità di crearsi divani e mobili inseribili in vari contesti, dai più piccoli e complessi ai più grandi.
In questa filosofia si inserisce perfettamente la collezione di divani Cloud.

Cosa bisogna sapere di un divano prima di acquistarlo?
Quante volte avrete sentito pronunciare la fatidica frase “meno spendi più spendi”?
Non sempre è vero, ma il più delle volte spendere davvero poco per un prodotto dedicato al nostro benessere come un divano, un letto o un materasso è una mossa sbagliata per la nostra salute. Almeno in casa nostra coccoliamoci un po’!
Personalmente se scelgo un prodotto di alta qualità non mi aspetto un acquisto low cost, ma voglio anche avere quante più informazioni possibili: voglio un identikit del prodotto e voglio poter tracciare da dove arrivano le materie prime utilizzate per la sua realizzazione. Da una parte è un desiderio di giustificare la spesa (tutto femminile o c’è qualche uomo là fuori che mi capisce?), dall’altra pecco di vanità e voglio potermi vantare dell’acquisto effettuato. Ecco perché esistono pagine come questa: una scheda tecnica dettagliatissima dedicata esclusivamente a spiegare come sono fatti i divani in pelle e tessuto della collezione Cloud. Questa scheda risponde anche all’essenziale domanda “cosa bisogna sapere prima di comprare un divano?” e sapendo com’è fatto un divano si sa anche cosa chiedere e su quali dettagli concentrarsi. Informazioni ancora più essenziali quando si tratta di comprare un divano online!La Struttura
La struttura – o fusto – dei divani deve essere realizzata in materiali resistenti. Tradizionalmente viene scelto il legno che può essere accoppiato ad un telaio di supporto in acciaio o in altro materiale metallico. Il legno deve provenire da foreste europee certificate, dove il taglio e il rimboschimento sono costantemente monitorati. Queste sono normative europee che non sono applicate in altri paesi dove il controllo è meno rigido ed il rimboschimento non è previsto. Sia nel caso di legno massello che di multistrato o pannelli in particelle di legno, l’approvvigionamento della materia prima deve rispettare normative comunitarie.

Il Molleggio
Esistono diversi sistemi di molleggio: molle greche, molle indipendenti, fasce elastiche…l’importante è che siano di buona fattura e che non siano né troppo fitte né troppo distanti fra loro perché altrimenti rischierebbero di offrire una pessima seduta e rovinare i cuscini. Una seduta deve avere la giusta portanza, né troppo rigida né troppo soffice e nemmeno entrambe le cose. Sedendosi su un divano non bisogna avere una spiacevole sensazione di sprofondamento, ma neanche di estrema rigidità.
Il divano deve accogliere: per questo è importante informarsi su dettagli che spesso passano inosservati, proprio come le molle.

Cuscini
Prima cosa: per un’agevole manutenzione e per una maggiore igiene un divano dovrebbe avere i cuscini removibili. Se vi sembra scontato, non lo è: a volte ci sono cuscini fissati alla struttura che non permettono nemmeno la sfoderabilità. I divani in tessuto della collezione Cloud sono totalmente sfoderabili, scocca inclusa.
I cuscini devono garantire sostegno e morbidezza: tutto questo deve essere calibrato e deve durare nel tempo, una garanzia che solo un divano di alta qualità può offrire. Esistono divani che uniscono la funzionalità dell’espanso indeformabile alla bellezza e comfort della piuma d’oca. Il divano con poggiareni Ronin è un esempio: l’unione dei due materiali impedisce ai cuscini di “sgonfiarsi” o deformarsi, mantenendo l’aspetto morbido e gonfio che caratterizza gli imbottiti in piuma d’oca.Il mix indeformabile – piuma d’oca può funzionare anche in modo diverso. Nel caso di Sauvignon i cuscini di seduta sono in espanso indeformabile poiché sono quelli chiamati a sostenere il maggiore peso, mentre quelli dello schienale sono in piuma d’oca. L’effetto giudicatelo voi:Negli schienali imbottiti in piuma la fodera viene suddivisa in tre parti e cucita: questo evita lo scivolamento dell’imbottitura verso il basso mantenendo i cuscini sempre in forma.

Rivestimenti
Nel campo rivestimenti c’è solo l’imbarazzo della scelta: qui si esce dal “come scegliere” e si entra nel campo della personalizzazione, che ovviamente dipende dai vostri gusti.
Una cosa è certa: esistono tre tipi di rivestimento e sono il tessuto, la pelle e l’ecopelle.
Il rivestimento non deve solo “essere bello”, deve soddisfare delle caratteristiche tecniche fondamentali per la resistenza e lunga vita del vostro divano: essendo lo strato superficiale è anche quello più maltrattato e sottoposto a stress quotidiani, soprattutto se ci sono bimbi e animali domestici in giro per casa!
- Tessuto: un divano di qualità prevede tessuti di qualità. Oltre alla manifattura ciò che importa sono i test di trazione, di pilling (test di usura, sfregamento, abrasione) e di resistenza delle cuciture.
Un piccolo aiuto in più nella manutenzione viene da particolari tessuti idrorepellenti, anti-macchia e antibatterici.
- Pelle: la migliore qualità di pelle è la cosiddetta Pieno Fiore. Spesso i divani in pelle poco costosi sono realizzati con loa parte meno nobile del pellame, chiamato “crosta”.
La collezione Cloud di divani in pelle utilizza la Pieno Fiore: la qualità e morbidezza non passano inosservate, basta guardare questo dettaglio del divano in pelle Ronin Leather:- Ecopelle: una soluzione alternativa, a ridotto impatto ambientale, per chi ama l’effetto pelle. Più economica della pelle, l’ecopelle è un materiale sintetico che riproduce la texture della pelle Pieno Fiore.

La qualità si vede anche dalla cura posta nella creazione di dettagli preziosi: un valore aggiunto che trasmette tutta la passione per l’artigianalità che contraddistingue il Made in Italy. Le varie cuciture e rifiniture proposte dalla collezione di divani moderni Cloud ci parla di una passione per i dettagli che nella grande distribuzione si va perdendo, a favore di un consumo rapido privo della bellezza insita nell’osservazione e nella ricerca di quei dettagli che renderanno unica la nostra casa.

Tags: , ,

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su