Le Cucine dei Mastri: il sublime incontro tra tradizione e innovazione

Pubblicato da Eleonora Caseri in Blogger Ospiti, Design, Stili

Intramontabili, piccoli gioielli dal design curato ed estremamente funzionali, le cucine in arte povera “tradiscono” il loro nome e si distinguono nel panorama degli arredi interni per l’eleganza e la funzionalità.
Le meravigliose proposte de “Le cucine dei Mastri”, progettate, realizzate e collaudate da artigiani altamente specializzati, vengono disegnate su misura e con cura sartoriale, impreziosite da tanti piccoli dettagli e dall’accostamento di materie prime di ottima scelta. Dal legno massello di castagno a quello di noce nazionale, dalle ceramiche ai marmi, tutti i materiali si sposano armoniosamente esaltando il colore naturale del legno o sottolineando i colori di un tempo, quei delicati toni pastello sul verde e il celeste che impreziosivano le cucine delle nostre nonne.

L’ambiente suggestivo che ricreano rievoca il profumo del pane appena sfornato, il calore di un caminetto acceso e i sapori gustosi e genuini delle delizie fatte in casa.
Archi e capitelli in legno, zona fuochi con cambi di profondità, il tagliere estraibile, la stufa a libera installazione, le strutture in muratura con la macchina del caffè incassata, il bancone da lavoro studiato nel dettaglio: questi sono solo alcuni dei tanti piccoli dettagli che possono arricchire queste composizioni e farne un vero e proprio gioiello.

Il vantaggio in più? La tecnologia! A tutta questa atmosfera che sa di cose buone di un tempo si unisce l’eccellenza delle innovazioni più moderne.
Se esternamente il richiamo è all’antico e alla tradizione, dentro ai modelli de “Le cucine dei Mastri” batte un cuore tecnologico e all’avanguardia: elettrodomestici di ultima generazione, particolari criteri ergonomici e dettagli funzionali rendono queste cucine un luogo magico dove innovazione e tradizione si incontrano e si integrano a meraviglia.

Perfette per chi ama lo stile eterno del legno massello e delle antiche case di campagna, ma non vuole rinunciare alle soluzioni più moderne e funzionali.

Tags:

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su