I MIEI PREFERITI.

Pubblicato da blog ospite in Decor, Rosso Papavero

In tutti i miei post non ho mai nascosto la mia preferenza nei confronti di prodotti, aziende e materiali. Non ci posso fare niente se traspare! Dovrei essere “imparziale”, ma come si fa??
Mettetevi nella mia posizione, in cui vedo centinaia di prodotti e li abbino in diversi modi, vi garantisco che è davvero difficile scegliere, perchè anche quelli che presi singolarmente non mi dicono granchè, hanno buone possibilità di colpirmi positivamente una volta contestualizzati!
Alcuni di tutti quegl’ elementi che vedete fotografati, potendo, vorrei non mancassero nella mia casa ideale. Ovviamente in un mondo ipotetico nel quale non debba preoccuparmi del budget per la mia casa ideale.
Tra le svariate cose che mi piacciono ce ne sono alcune dal budget piuttosto impegnativo ma che a livello estetico possono essere sostituiti da prodotti più economici somiglianti. Altri invece, sono prodotti più economici ma non per questo meno affascinanti.
In primis ci sono due pezzi must di Flexform: 

– il divano “groundpiece” con i cuscini di schiena completamente in piuma d’oca, rivestito con il suo classico tessuto misto cotone nei colori terra.
– L’altro è la poltrocina “thomas”, seduta bassa e schienale in legno avvolgente… Da sempre per me un pezzo elegante se proposta in toni soft, sfizioso se proposto in toni decisi e colorati.
– Lampade aplique per illuminare pareti e lampade a sospensione per definire zone precise della casa.
– Sedie in tessuto plastico per la cucina, leggere, pratiche e non troppo ingombranti.
– Per la zona pranzo, adoro quelle di vibrazioni art design in metallo recuperato.
– Legno grezzo invece per il
tavolo da pranzo e per il piano di lavoro della cucina.
– Madia e vetrina Ikea, caratterizzate da colori accesi, che sono quelli della collezione attuale.

– Specchi dalle cornici molto lavorate, ma caratterizzate da colori soft.
– Letto imbottito. Ma anche dei pouff o una panca ai suoi piedi, spazio permettendo.
Ovviamente non tutto ciò che preferiamo corrisponde a ciò che abbiano in casa.

Tags:

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su