Casali: idee di design e arredamento

Pubblicato da blog ospite in Decor, Design

Avete deciso, come tanti, di lasciare una volta per tutti i ritmi frenetici della città e di andare a vivere in campagna? Avete ereditato una masseria in Puglia o state pensando di acquistare un casale da ristrutturare in Toscana, ma non avete idee? State pensando all’acquisto di una seconda casa in mezzo al verde dove poter passare le vostre vacanze in tranquillità?
In questo articolo cercheremo di darvi degli spunti originali per la ristrutturazione di un casale o di un rustico in campagna.


Iniziamo dalla cucina, che è il fulcro di molte case, ma quando si parla di un casale o di una casa di campagna, questo vale a maggior ragione. Quello che è importante nella progettazione di una cucina che riesca a integrare originalità, eleganza, stile, ma senza snaturare la propria appartenenza rustica sono i materiali.
Il legno è infatti il materiale sovrano di ogni casa di campagna che si rispetti, e trova la più ampia applicazione soprattutto in cucina. Potete lasciarlo così, nudo, come lo trovereste in natura o divertirvi a ridipingerlo nelle tonalità che preferite.

Per quello che riguarda i mobili, suggeriamo l’utilizzo di grandi superfici come ad esempio delle tavolate di legno che richiamano immediatamente alla convivialità di una volta, o, se preferite un tocco di modernità, perché no, potreste anche pensare come soluzione ad un’ampia isola.
Potrete inoltre rendere più pittoresca la vostra casa attraverso l’uso di credenze d’epoca ridipinte e appendendo alle pareti pentole e stoviglie.


In cucina, così come in altri ambienti della casa, ad esempio in salotto, potrete sfruttare le forme e gli spazi proprio di un casale e creare originali innesti con forme ultracontemporanee e molto particolari creando delle stanze molto suggestive e di sicuro effetto.


Infatti anche per quel riguarda il salotto, se siete degli amanti del design contemporaneo non c’è da temere. I casali di campagna offrono sconfinate possibilità. Gli ampi spazi si prestano infatti alla propria sfruttabilità attraverso ad arredamenti openspace impreziositi con elementi moderni di design, quali ad esempio lampadari geometrici e particolari che scendono dal soffitto, poltrone e divani dalle linee nette e minimali, librerie di forme irregolari e insolite che arrivano fino al soffitto.


Ma non si perde niente in eleganza e in stile a conservare i materiali di una volta e a preferire un arredamento più classico e meno azzardato. Esaltando infatti la povertà di alcuni materiali tipici di queste costruzioni si possono ottenere dei risultati di sicuro effetto e di innegabile gusto: le travi in legno dei soffitti, possono essere appena levigate e lasciate grezze, e conferiranno nello stesso tempo semplicità, ma carattere alla stanza. Per il pavimento e le pareti possono essere recuperati i cotti e le pietre originali, restituendo ai locali la loro originaria atmosfera di campagna.
Molto importante il camino, che potrà essere ristrutturato seguendo la propria forma e struttura originaria, oppure totalmente stravolto seguendo nuove forme e geometrie.


Ed ecco infine la camera da letto. Qui vi consigliamo di sbizzarrirvi con letti molto grandi e riempirli di cuscini. Quello che ci sentiamo di consigliarvi e di lasciar prevalere un bianco o crema quasi totale, in perfetto stile shabby chic, che tende a sposarsi molto bene con il legno, il parquet, il cotto ed il mattone, o comunque di privilegiare nel mobilio una prevalenza di toni chiari e pastello.


Se anche in questo caso però volte stravolgere l’ambiente e stupire tutti con un arredamento ardito e moderno, vi consigliamo uno stile minimale: stanze enormi, con mobili squadrati e poche divisioni. Potreste ad esempio riprendere un tema ricorrente in molte delle vecchie case di campagna, che avevano nella stanza da letto la vasca da bagno, ma ripercorrerlo attraverso stilemi contemporanei e futurstici creando anche, qualora si voglia, dei piccoli divisori, che suddivideranno lo spazio in maniera ancora più frammentata e d’impatto.

Tags: ,

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su