L’aeroporto di New York ha perso una parte del prototipo #sofa4manhattan. Dobbiamo posticipare la sessione di crowd-crafting prevista per domani.

Pubblicato da blog ospite in News

Dopo averlo visto disegnare a New York, da 12 tra i migliori designer internazionali.

Dopo averne realizzato il prototipo qui in Brianza, in 3 settimane.

Dopo esserci letteralmente scapicollati per portarlo al corriere internazionale entro i termini previsti.

Dopo tutto questo, un elemento essenziale del nostro prototipo di #sofa4manhattan viene smarrito all’aeroporto di New York.

Abbiamo trascorso la giornata di ieri e parte della nottata al telefono con funzionari dell’aeroporto, ma nulla da fare: il pezzo non si trova, e purtroppo si tratta di una parte essenziale per realizzazione del divano in crowd-crafting, la cui sessione di lavoro era prevista per domani, sabato 15 marzo.

Siamo quindi costretti a postporre il workshop.

Anche se si tratta di una eventualità – come si dice sempre – “indipendente dalla nostra volontà”, ci brucia tantissimo aver incontrato un problema proprio alla fine di quella che per noi è una corsa incredibile, contro il tempo, contro le risorse limitate, contro le difficoltà di ogni giorno.

Ma siamo abituati alla sfide difficili e, non lo neghiamo, ci piacciono gli obiettivi ambiziosi. Quindi: non sarà certo l’errore di un corriere a fermarci.

I nostri artigiani sono già al lavoro per creare un altro prototipo, e presto annunceremo la nuova data della sessione di crowd-crafting a New York, per realizzare #sofa4manhattan, come previsto.

Stay tuned!

E se nella zona di New York vedete un prototipo di #sofa4manhattan, ricordate che noi siamo come Forrest Gump: non smettiamo mai di correre, anche se ci capita di pestare qualcosa che non piace.


 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su