Dossier balcone: come rendere accogliente uno spazio microscopico

Pubblicato da blog ospite in Decor, Idee, La Tazzina Blu

L’altro giorno mi ha scritto su facebook una ragazza per chiedermi aiuto nella decorazione del suo mini balcone. Credo che questo sia un problema comune a molte persone dal momento che i prezzi sono quelli che sono ed ogni centimetro quadro diventa uno spazio preziosissimo, per questo motivo ho scelto di dedicare un post a questo argomento. 
I micr- balconi si dividono in due categorie:
  1. quelli in cui non ci sarà mai spazio per godersi una cenetta con la famiglia o non ci si potrà mai mettere a prendere il sole con una sdraio;
  2. …e quelli in cui si può stare solo in posizione eretta da homo sapiens. In pratica dove non ci starebbe nemmeno una pianta grassa
Per entrambi i casi ci sono delle soluzioni decorative che renderanno questo piccolo spazio outdoor una vera oasi. Non dimentichiamo che il balcone è da considerare un’estensione della superficie dell’appartamento piuttosto che uno spazio esterno vero e proprio come può esserlo una terrazza, di conseguenza avrà molta importanza la scelta stilistica del decor perchè impatterà molto sugli interni.
Giocare con i rivestimenti
Ci sono alcune regole fondamentali per rendere qualsiasi spazio esterno un ambiente intimo e personale: i rivestimenti. Scegliamo di decorare il nostro balcone con rivestimenti provvisori, facilmente sostituibili: per il pavimento mi piacciono molto le pedane in legno (all’Ikea se ne trovano di molti tipi), ma se la superficie è proprio micro può bastare una stuoia, un tappeto di plastica per esterni (quelli colorati che vanno di moda adesso per intenderci), o perchè no, un tappetino di erba sintetica.
Adoro le stuoie in bamboo anche in verticale, lungo tutto il perimetro della ringhiera: assicurano privacy e ti fanno sentire in vacanza solo a guardarle.

(via Ikea)

Scegliere una sola funzione
Concluso il discorso dei rivestimenti, dobbiamo prima decidere quale funzione vogliamo che abbia il nostro micro-balcone. Vogliamo che sia un’oasi di relax dove leggere e rilassarsi o preferiamo attrezzarlo per le nostre cenette all’aperto? Nel primo caso, ricordiamoci che con un paio di pouf si va dappertutto: è il passepartout di ogni spazio, la seduta jolly per eccellenza.
Ecco come il nostro balconcino potrebbe trasformarsi in un salotto all’aperto grazie all’aiuto di qualche pouf e un paio di cuscini:

(via Mojbalkon)

Se il balcone è stretto e rettangolare, possiamo sfruttare le due estremità per creare dei divanetti: in fin dei conti bastano delle panche (magari contenitive) e dei cuscini:
(dall’alto a sx in senso orario: 1, 2, 3, 4)
Per quanto riguarda la funzione pranzo, anche per i balconi più piccoli, una soluzione c’è: il set di tavolo + due sedie da bistrot.
Le sedie in questione hanno ben due pregi:

  1. occupano pochissimo spazio;
  2. ti fanno sentire a Parigi.
E un difetto:
  1. sono scomode…
…Ma le foto qui in basso vi faranno dimenticare quest’unico difetto ;)
(via Lovely C.)
(dall’alto in senso orario: 1, 2, 3)
Un’altra soluzione che mi piace molto per la zona pranzo outdoor è il tavolo ribaltabile…Forse lo prenderò in considerazione per il mio terrazzino ;)
Inutile parlare della funzione delle piante: rendono migliore qualsiasi spazio e donano subito quell’atmosfera “da casa”. Nel caso il balconcino fosse troppo piccolo per tutte le soluzioni sopracitate, vi basterà un po’ di verde per renderlo bellissimo… :)
Questa soluzione in particolare mi ha fatto innamorare:

Spero di essere stata utile a qualcuno, soprattutto a Michela che mi ha dato un bellissimo spunto chiedendomi questo piccolo aiuto ;)

Tags:

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su