What a bike rider needs – a Cykelslangen !

Pubblicato da blog ospite in Architettura, News, Nook Twelve

1405420852051DSC_6055

Copenhagen ha un’obiettivo. E lo persegue senza sosta. Entro la fine del 2015, la capitale danese vuole diventare uno dei luoghi più bike friendly del mondo. Dopo Superkilen molti pensavano che Copenaghen ha già guadagnato questo titolo, però la città ha una strategia di ciclismo molto ambiziosa ancora da sviluppare. Il Cykelslangen (= serpente per le bici) è un ponte per i ciclisti sul porto interno di Copenhagen. La struttura è costituita da un ponte in acciaio 190 metri di lunghezza e 30 metri di rampe. La pista ciclabile bidirezionale di colore arancio è larga quattro metri e si trova a sei-sette metri sopra l’acqua. L’illuminazione integrata rende la guida di notte molto sicura. Inoltre, il ponte illuminato è un elemento di design unico nel porto. I costi di costruzione sono stati circa 5,1 milioni di euro.

“Sotto, c’è una parte anteriore del porto, quindi ci sono pedoni in movimento lento “, afferma Mikael Colville-Anderson, CEO di Copenhagenize, una società di design danese. “Non era un pendolarismo liscio per i ciclisti. La gente sulle bici vuole tornare a casa e pedoni vogliono passeggiare. Il conflitto pedoni – ciclisti non è mai stato un problema, ma i ciclisti non potevano pedalare a velocità costante e hanno avuto a che fare con le scale. La nuova strada, che corre un’idea più in alto del suolo, permette loro di muoversi senza interruzioni.”

Chi non è stato a Copenhagen o non è amante delle bici,non potrà capire l’importanza di questo ponte. E dalla mia esperienza personale posso dire che girare Copenhagen in bici è un’esperienza unica. Come lo è anche questo ponte – i ciclisti non solo possono proseguire con la sua costante velocità senza mischiarsi con i pedoni, ma potranno godere anche la bella visuale! 

Copenhagen è una città tutta da scoprire e una settimana non vi basterà mai. Non vedo l’ora di tornare!

1405421025643Cykelslangen-03 1405420879937cykelslangen-10

Copenhagen has a goal. And pursues it relentlessly. By the end of 2015, the Danish capital wants to become one of the most bike friendly in the world. After Superkilen many thought that Copenhagen has already earned this title, however, the city has a very ambitious strategy of cycling yet to be developed.

The Cykelslangen (=cycle snake ) is a bridge for cyclists on the inner harbor of Copenhagen. The structure consists of a steel bridge 190 meters long and 30 meters of ramps. The bidirectional bike path colored orange is four meters wide and is located twenty feet above the water. The integrated lighting makes driving at night much safer. In addition, the illuminated bridge is a unique design element in the harbor. The construction costs were approximately 5.1 million euro.

“Underneath, there’s a harbor front, so there are slow moving-pedestrians,” says Mikael Colville-Anderson, CEO of Copenhagenize, a Danish design company. “It wasn’t a smooth commute for the cyclists. The people on bikes want to get home and the pedestrians want to saunter. Pedestrian-cyclist conflict was never an issue, but cyclists couldn’t pedal at a constant speed, and they had to deal with stairways. The new roadway, which runs one story above the ground, lets them move without interruption. “

Who hasn’t been to Copenhagen or is not a fan of the bikes, may not understand the importance of this bridge. And from my personal experience cycling around Copenhagen is a unique experience. As is this bridge – cyclists can not only continue with their constant speed without mixing with pedestrians, but will also enjoy the beautiful view of the harbour!

In two words – a city that cannot be seen all in only one week. Can’t wait to go back!

  1405420864139IMG_9057 1405420891099Cykelslangen-34 e4c58c5553234cc3e931b85b0a5da0c7 a48d5246951ce6612990830d2957f0e2   Credits: Berlingske, The Guardian, Photos from Architizer 

Tags:

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su