Soggiorno design eco-friendly con i mobili in legno riciclato

Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

Nel futuro prossimo tutti i mobili dovrebbero essere realizzati senza toccare un solo albero. Quello di mobili in legno riciclato non è solo un auspicio, ma anche una necessità e una responsabilità che grava sopra ognuno di noi. Si fa sempre più urgente l’adozione di misure che limitino lo sfruttamento della Terra e della natura che ci circonda, non saremo certo noi a spiegarvi per quale motivo!
Tanti piccoli passi avanti sono stati fatti e tanti altri sono in progress, si è visto chiaramente all’ultimo Salone del Mobile di Milano: moltissimi di noi produttori avevano in mostra arredi realizzati attraverso il riuso e il riciclo del legno, ma anche del metallo, della plastica e di altri materiali. Oltre al riciclo, molti si stanno impegnando nella realizzazione e nell’impiego di materiali alternativi. Noi vi avevamo già parlato ad esempio dei mobili in eco-malta.
Sul versante legno noi abbiamo pensato a un soggiorno dal design eco-friendly, con mobili caratterizzati da elementi in legno riciclato, nello specifico il legno ricavato dalle briccole veneziane.

Credenza design 2.13 legno riciclato.

La credenza design 2.13 alterna ante laccate a inserti in legno riciclato.

Le briccole sono i celebri pali in legno che costellano la laguna veneziana ed alcune altre zone costiere venete. La sagoma di questi pali in legno si staglia nelle acque caratterizzando il paesaggio lagunare e segnando le vie percorribili guidando così il percorso delle imbarcazioni verso un attracco sicuro, lontano dai banchi di sabbia.
Le briccole sono solitamente formate da due o più pali in legno di rovere legati tra loro ed hanno una durata che va dai 10 ai 20 anni.

Parete attrezzata 594 con ante in legno ricavato dalle briccole veneziane.

Parete attrezzata 594 con ante in legno ricavato dalle briccole veneziane.

dettaglio-mobile-legno-riciclato-594Un pezzo della nostra tradizione viene così rigenerato e portato a nuova vita, assumendo una doppia funzione: da una parte quella di riciclare una risorsa tanto importante come il legno, dall’altra quella di soddisfare una ricerca estetica in continua evoluzione e sempre più aperta ad accogliere la bellezza dell’imperfezione del legno grezzo contro la freddezza (e la noia!) dell’omogeneità e della perfezione.
Il riuso è sinonimo di un cambio di rotta (per rimanere nel gergo marinaresco) che noi tutti dobbiamo imporci e che deve riguardare il reperimento delle materie prime e i metodi di produzione.

Legno di rovere ricavato dal riciclo delle briccole.Dobbiamo guardare con occhi nuovi a materiali e oggetti che fino a pochi anni fa venivano semplicemente scartati e distrutti: questi sono i materiali che, se trattati con la giusta cura e lavorati con attenzione, svelano una genuina ed inimitabile bellezza.
Un soggiorno di design, un mobile, una parete attrezzata, diventano pezzi unici diversi l’uno dall’altro.

A renderli davvero inimitabili sono i solchi che corrono sulla loro superficie: decori tutti naturali lasciati dall’incessante lavorio dell’acqua e delle sue flora e fauna.
Il concetto di “design” (spesso abusato e superficiale) si arricchisce così di un valore aggiunto prezioso, non perché costoso o firmato da un designer di fama internazionale, ma perché ideato nel nome del rispetto per ciò che ci circonda.Panorama di Venezia con briccole

Tags: ,

 
 

 
 

 
 
 

 
Torna su