Casa al mare, un’abitazione che sa di estate.

L’estate è ormai arrivata e molti di noi aspirano alle vacanze, desiderando un po’ di relax in spiaggia sotto il sole.lighthouse

La casa al mare è un sogno per chiunque e una possibilità per qualcuno. Avere un luogo dove potersi rifugiare lontano dallo stress e dalla quotidianità di tutti i giorni è un privilegio: per questo oggi mi rivolgo sia a coloro che vogliono arredare una casa al mare, sia a tutti quelli che fantasticano e desiderano portare un po’ di atmosfera marina nella propria casa. Naturalmente i consigli sono focalizzati principalmente per mini appartamenti o piccole case, ma chissà che qualche spunto non sia utile anche per chi possiede una villa sul mare!

Prima regola: controllare il budget!

1Solitamente le case al mare vengono vissute per pochi mesi durante il periodo estivo o per qualche weekend nel corso dell’anno: non sono quindi consigliabili spese folli per complementi di arredo e mobili di alto design, facile esca anche per i ladri. E’ opportuno partire dall’immagine che vogliamo dare alla casa, come sempre d’altronde, e, di conseguenza, giocare con rivestimenti, tessuti e colori per donare all’ambiente freschezza e semplicità.

Finiture e colore.

Inevitabile ricadere su colori che vanno a richiamare l’ambiente marino anche quando non abbiamo una vista diretta sul mare: le varie gradazioni di blu, azzurro, le tonalità sabbia e il bianco sono una soluzione con cui non si può proprio sbagliare.



Ultimamente è molto utilizzato dagli esperti del settore anche il giallo, che sconsiglio però di inserire tra i colori principali. Questa tonalità può essere invece una scelta azzeccata per alcuni complementi, fornendo un elemento di contrasto apprezzato e di sicuro impatto. Anche le varie fantasie a righe per un divano o addirittura per una parete possono aiutare a qualificare un’ambiente.

6

Per quanto riguarda i rivestimenti e le finiture la scelta è enorme e dipende molto dai gusti e dalle specifiche esigenze. Il legno per i pavimenti, soprattutto a doghe lunghe, sarebbe una scelta congeniale, che donerebbe calore all’ambiente e aiuterebbe anche a fornire quell’effetto “barca” che, dato il tema, sarebbe sicuramente perfetto. Il legno necessita però di cura e attenzione, requisiti che non sempre si addicono bene ad uno spazio flessibile e pratico come questo: in alternativa quindi, per i meno puristi, potrebbe essere più indicato un gres porcellanato o un PVC (entrambi effetto legno), che richiedono una minor cura e manutenzione.9

Un’unica raccomandazione per quanto riguarda le varie decorazioni: non riempite i piani con soprammobili inutili e spesso di intralcio alla pulizia; piuttosto decorate con alcuni oggetti marini di recupero, come i remi di legno o un vecchio timone (si trovano spesso in fiere antiquarie, sopratutto in luoghi di mare), vedrete come sia possibile riempire e caratterizzare uno spazio con poco.8

I tessuti migliori sono quelli naturali e trasparenti come lino e cotone; scegliete tonalità molto chiare, quasi bianche, in modo da non appesantire molto l’ambiente: la casa deve essere sobria e accogliente.

Ritagliare gli spazi.

Molto spesso le case in località marine non sono molto grandi, per questo tutti gli spazi devono essere studiati in modo funzionale e pratico: piccole nicchie possono essere sfruttate per creare ripostigli a scomparsa, dimpegni e corridoi troppo alti possono essere abbassati creando uno stanzino in quota dove poter riporre tutti quegli oggetti che non vengono usati abitualmente. Cercare di trovare un piccolo spazio per la lavatrice in bagno o in un angolo della cucina può essere molto comodo.4

Questi piccoli accorgimenti sembrano trascurabili, ma vi assicuro che ritagliare tutti questi spazi in un ambiente molto dinamico come una casa al mare vi tornerà sicuramente utilissimo!

Fonti: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]

L’articolo Casa al mare, un’abitazione che sa di estate. sembra essere il primo su Lorenzo Magi.

Written by: