Archive for marzo, 2017






 
 
 

Un trittico di design: 3 divani firmati B&B Italia!

Pubblicato da blog ospite in Design, Non Solo Arredo

In un nostro articolo di alcuni giorni fa abbiamo speso parole di elogio per le collezioni di arredamento firmate dal marchio Maxalto, e nelle quali è più che evidente la mano “sperimentale” di Antonio Citterio. Avevamo anche accennato che Maxalto è un brand appartenente al Gruppo B&B Italia, per cui ci sembra oggi doveroso dedicare attenzione anche ad una casa madre che sin dal 1966 è realtà di rilievo nel panorama dell’arredo di design, con un’organizzazione aziendale che nei decenni si è affermata con il gusto e la creatività tipiche del settore mobiliero italiano supportate da un’evoluzione tecnologica sempre al passo con i tempi e con le richieste della cultura dell’abitare contemporaneo.

Nascono da queste capacità industriali ed imprenditoriali elementi di arredo dalla personalità incisiva, sempre orientati alla ricerca ed all’offerta di un prodotto migliore che nasca da progetti unici, firmati dai più prestigiosi nomi del design internazionale.
Noi vogliamo omaggiare oggi proprio Antonio Citterio ed alcuni dei suoi progetti meglio riusciti tra i tantissimi realizzati per B&B Italia all’interno della collezione di sedute e divani, nei quali è evidente la sua competenza nel disegno industriale applicato ad idee equilibrate e ricche di dettagli preziosi.

Sistema di sedute Ray

Funzionalità ed estetica convivono in un sistema modulare come Ray, che offre possibilità compositive illimitate grazie alla presenza di pouf, chaise longue, elementi lineari ed angolari: il divano viene progettato “su misura” per integrarsi nell’ambiente cui è destinato, ed ha tra i suoi tratti distintivi i dettagli sartoriali incastonati tra i profili, ancor più enfatizzati se scelti a contrasto.
Poliuretano sagomato e piuma i cotone riempiono le comode e confortevoli sedute ed i cuscini, per i quali è previsto rivestimento in fibra di poliestere o di cotone per un risultato complessivo che fa dell’eccellenza anche nella durata un motivo che convince chiunque.

Sistema di sedute Michel

Con Michel, Citterio ha elaborato una semplicità progettuale ai limiti del minimal: forme semplici e senza fronzoli, decorazioni inesistenti per portare quasi per mano la funzionalità ai suoi vertici estremi.
Anche per Michel l’ampia gamma di scelta per i moduli consente di adattare la composizione a spazi sia formali che più conviviali, in un gioco compositivo senza fine tra le forme e le linee. Comfort e modernità sono i paradigmi di questo divano imbottito in schiuma di poliuretano e con una robusta struttura interna in tubolari in acciaio verniciato e profili in alluminio.

Sistema di sedute Michel Club

Il trittico di divani firmati dall’architetto e designer brianzolo è completato nella nostra rassegna dal “gemello” Michel Club, la diretta evoluzione del precedente sistema che ne modifica in parte l’approccio formale configurando rapporti diversi tra cuscinatura e struttura.
Si inserisce così meglio nel solco della tradizione del design, tuttavia mantiene una personalità fortemente contemporanea anche sfruttando la sua totale componibilità per ricreare le configurazioni più disparate, con un elevatissimo livello di personalizzazione reso possibile dalle texture, dai colori e dai materiali.

Un divano B&B Italia è sempre sinonimo di eleganza e di buon gusto, e riesce sempre ad essere al centro dell’attenzione!

ShareThis

Tags:

 
 

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Nook Twelve

Located in the old town of Palma de Mallorca, Spain in the La Lonja district, the Puro Hotel Palma is the place to book if you’re looking to stay in a modern hotel that holds true to its Mediterranean roots.

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

The 22-room boutique hotel recently underwent a renovation by design studio OHLAB who had the challenging task of working with the building’s complex configurations due to its existing structures. The result? Each room provides a hospitality experience that is literally unique because the rooms are different from each other in layout and design, something not all hotels can boast.

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

Each room at the Puro Hotel is unique, ensuring you have a one of a kind experience during your vacation. Artist Pedro Oliver was commissioned to create a series of unique mural paintings for each room. OHLAB updated the boutique hotel with modern custom fixtures and furnishings including the beds, headboards and benches. However, they kept the hotel’s local roots by incorporating traditional materials and decor, like natural hemp ropes, raffia carpets and wicker baskets. The studio also chose to recover and reuse the original solid wood mandala doors in the rooms.

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

To promote the bathrooms as a place of relaxation rather than a place of necessity, sculptural and freestanding tubs were placed in the bedroom as if it was another piece of furniture to unwind on/in. The nondescript desks, cabinets, and minibars that you usually see in regular hotels have all been replaced by a series of aged bronze furniture that was designed with the traditional metal carts bellboys used to transport luggage as inspiration.

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

Natural materials like oak wood, cement, limestone, hemp, aged leather, linen, and cotton give each room a Mediterranean look, aided by the inclusion of traditional decor like upholstery made from majorcan looms, raffia carpets, and wicker baskets. With an eye for design though, OHLAB manages to veer more towards a contemporary vibe rather than a rustic one.

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca, Nook Twelve

Photos José Hevia via v2com, Info Puro Hotel Palma, Design Milk

The post Puro Hotel Palma, Palma de Mallorca appeared first on Nook Twelve.

Tags:

 
 

Black lodge

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors
Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano

L’origine di questa casa, situata in Croazia e progettata da Tomislav Soldo, è davvero particolare. 
Inizialmente c’era solo un grande albero di noce, perfetto per fare ombra ad uno spazio esterno, così è stata creata una terrazza intorno ad esso, e da qui l’idea di costruire una casa di campagna.
Il terreno in pendenza con la sua fantastica vista panoramica sulla vicina foresta, insieme alla posizione della terrazza, sono stati gli unici elementi determinanti nel processo di progettazione di questa casa.

Con una superficie di 100mq l’abitazione si compone di un piccolo ripostiglio al piano seminterrato, un soggiorno con una cucina a vista e un bagno al piano terra, mentre al primo piano si trova la zona notte.


Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano
Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano
Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano
Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano
Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano
A parte il basamento in cemento e le fondazioni, la casa è stata interamente realizzata in cemento cellulare che ha significativamente accelerato le fasi della costruzione. Le pareti esterne, spesse 30cm, sono state realizzate in cemento cellulare al fine di garantire un buon isolamento termico.

L’efficienza termica in termini di surriscaldamento indesiderato durante la perdita di calore d’estate e in inverno è stata arricchita da una facciata ventilata realizzata con un rivestimento in larice siberiano. La facciata è stata dipinta con due strati di catrame di legno nero, un prodotto naturale che penetra in profondità garantendo una maggior protezione e durata.


Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano
Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano
Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano
Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano
Una casa sostenibile che mette la natura in primo piano

Durante il giorno l’aspetto compatto dell’edificio ricorda un monolite nero, mentre la sera, quando si accendono le luci, la casa assomiglia più ad una lanterna.


Fotografie di Jure Živković

Tags:

 
 

Dal balconcino al parco, idee per rinnovare l’arredo outdoor

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto
tavole e sedie per balconcini

Buondì cari amici! La primavera è appena iniziata e la voglia di stare all’aria aperta si fa sentire, anche se le giornate sono ancora tiepide. Questo è il momento giusto per sistemare i nostri spazi outdoor, che si tratti di un balconcino o di un parco: si rinvasano le piante, si puliscono le aiuole e si riportano all’aperto i mobili da giardino. 
E se vi venisse la voglia di rinnovare il vostro arredo outdoor, magari un po’ datato e acciaccato, e non aveste voglia di fare il giro dei garden center, spendendo una fortuna? Il web ci viene in aiuto, grazie agli e-commerce che offrono ormai una scelta vastissima di prodotti di buona qualità a prezzi vantaggiosi, che potete acquistare con un clic, come per esempio Eminza, un sito specializzato nella vendita di arredi, complementi e decorazioni per la casa e il giardino.

Oltre agli arredi canonici, su Eminza ho trovato idee strepitose per un piccolo balcone, e voi sapete quanto mi piace proporre soluzioni sull’arredamento dei piccoli spazi! Come per esempio il tavolo da ringhiera assortito con le sue deliziose sedie pieghevoli, perfetto per gustarsi un aperitivo all’aperto anche su un balconcino minuscolo.

salotto da esterni
Per chi ha la fortuna di avere un giardino, c’è l’imbarazzo della scelta: si va dai salotti alle tavole da pranzo per venti persone, dai gazebo fino alle tende da cerimonia per organizzare feste ed eventi. Ogni prodotto è descritto nei minimi particolari, con una guida sui materiali e i consigli d’uso, oltre alle misure e ai colori.

gazebo da giardino

E poi ci sono prodotti per ogni stile, dal moderno allo shabby chic all’etnico: io mi sono divertita a comporre un paio di mood board, selezionando i prodotti in base a materiali e colori.

Qui sopra, una selezione di articoli in bambù e accessori abbinati, per un outdoor in stile tropicale giocato su una palette sobria ed elegante di toni naturali accostati al nero e al grigio.

Di ispirazione opposta, la mia selezione in stile moderno è giocata sui toni del grigio che caratterizza le sdraio e le poltrone, ravvivati dagli accessori in allegri colori fluo.
Non vi resta che visitare il sito e progettare il nuovo look per il vostro giardino o il vostro balcone, comodamente seduti a casa vostra.

Tags:

 
 

MUST, il miscelatore ad incasso con canna estraibile

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor
Miscelatore in acciaio inox da incasso per cucina e bagno

Must di Mina sorprende abbinando la soluzione del miscelatore ad incasso con il plus della canna estraibile, caratteristica fondamentale per ogni ambiente cucina e pratico anche per la stanza da bagno.


Un’idea che nasce da un’esigenza funzionale, ispirata alla praticità d’uso, e che stupisce per la soluzione estetica adottata: un processo progettuale di scomposizione degli elementi del miscelatore cucina, e successiva ricostruzione, in maniera razionale ma nuova.


Un gruppo rubinetteria spogliato da ogni decoro ed elemento aggiuntivo per restituire l’essenza del miscelatore e del suo meccanismo, che diventa il centro della composizione. Lo sviluppo della canna estraibile rimane un dettaglio discreto non predominante ma incassato a parete.

Il sistema è composto da più elementi, disposti nello spazio: la canna estraibile, di diametro 34mm, abbinata al miscelatore, con cui si interagisce per regolare l’acqua e direzionarla con la massima libertà; la presa d’acqua ed il flessibile, visibili o nascosti in base alla scelta dell’arredo; il corpo centrale, incassato a muro, in cui il flessibile scorre e permette il movimento della canna.
Miscelatore in acciaio inox da incasso per cucina e bagno
Miscelatore in acciaio inox da incasso per cucina e bagno

Must è così: minimale ed insolito. Una soluzione efficace non solo per la cucina, ma anche in bagno, ed ovunque ci sia l’esigenza di un miscelatore pratico, ed igienicamente sicuro, poichè interamente in acciaio inox.
Miscelatore in acciaio inox da incasso per cucina e bagno
Miscelatore in acciaio inox da incasso per cucina e bagno
Miscelatore in acciaio inox da incasso per cucina e bagno

MINA propone accessori 100% acciaio inox. Una scelta univoca e lungimirante per una rubinetteria da sempre capace di produrre prodotti di design eccellenti.

Tags:

 
 

Mimi Choi make up illusions, il trucco c’è e si vede!

Pubblicato da blog ospite in Design, Things I Like Today

mimi choi makeup

La make up artist Mimi Choi crea illusioni ottiche tridimensionali sbalorditive e inquietanti, con uno suo stile surreale ma perfettamente realistico

Mimi Choi è una make up artist di Vancouver ma non una qualsiasi! Dal suo profilo Instagram, che ha quasi 130.000 follower, le sue creazioni sono diventate virali anche se guardandole si stenta a credere che queste incredibili trasformazioni facciali siano dovute solo a cerone, matite e ombretti… eppure Photoshop qui non c’entra davvero!

“La mia faccia è una tela bianca su cui esecito la mia arte. La gente dice ‘non è vero’ oppure ‘non può essere solo trucco’ eppure è così. Trascorro ore a fare questo. Mi piace creare cose originali. Sono così orgogliosa quando ho creato qualcosa che nessuno ha mai fatto prima e la gente dice ‘wow’.”

Mimi Choi - Pieces of me

Mimi Choi – Pieces of me

Mimi Choi è un’ex insegnante che, dopo aver lasciato un lavoro che  non la rendeva felice, ha deciso di dedicarsi alla sua passione per il make up di cui aveva solo una piccola esperienza con il trucco da sposa. Ha seguito un corso come truccatrice e ha iniziato a sperimentare su se stessa, postando in rete le sue creazioni sempre più elaborate e incredibili. Di sicuro Mimi Choi ha uno stile tutto suo e cerca di stupire spingendo la sua immaginazione oltre ogni limite. Molte delle sue creazioni sono ambigue, disturbanti, a volte anche macabre ma col suo talento riesce sempre  a realizzare illusioni ottiche tridimensionali davvero realistiche.

Lo stile di Mimi Choi fra l’altro ricorda moltissimo quello dell’artista giapponese Hikaru Cho che trasforma i corpi attraverso la sua body painting iperrealistica e surreale piuttosto inquietante.

LEGGI ANCHE: Body painting iperrealistica e surreale di Hikaru Cho

Guarda il video con gli incredibili make up realizzati da Mimi Choi

Mimi Choi prende ispirazione dalle situazioni della vita quotidiana, cercando la bellezza intorno a se per poterla riprodurre sul suo viso. Il suo make up illusionistico si ispira anche all’arte (o forse è solo una coincidenza) comunque sia la somiglianza fra questo make up e i quadri surrealisti a esposizione multipla di Alex Garant è impressionante!

Così come quest’altra creazione, dal titolo Drift, ricorda moltissimo la pittura iperrealista di Mike Dargas, in particolare la sensuale serie Honey Face fatta di visi femminili sui cui colano miele o cioccolata.
Ammirate questa piccola selezione dei suoi make up illusionistici e se volete, visitate il profilo Instagram di Mimi Choi che vi lascerà senz’altro sbalorditi!

Mimi Choi - Drift

Mimi Choi – Drift

Mimi Choi - Swirl

Mimi Choi – Swirl

Tags:

 
 

RISPARMIO ENERGETICO ATTRAVERSO I SERRAMENTI

Pubblicato da blog ospite in Idee, Voglia Casa

Il risparmio energetico è l’insieme dei comportamenti che ci permettono di ridurre i consumi di energia necessaria allo svolgimento delle nostre attività. Inoltre è un fattore di grande importanza per ottimizzare le risorse nella propria casa e rispettare l’ambiente che ci cirrconda.

2 In questo senso sarà bene prendere in considerazione anche gli infissi per risparmio energetico, perché grazie alle loro caratteristiche tecniche sono un ottimo punto di partenza per migliorare l’isolamento termico della casa.
Per isolare la propria abitazione, infatti, sarà bene sostituire le finestre e gli infissi, elementi principali dai quali avviene la maggior dispersione di calore per un edificio. La sostituzione con serramenti di qualità ridurrà le dispersioni verso l’esterno e quindi garantirà un risparmio considerevole soprattutto sui riscaldamenti e sul climatizzatore.

3

I serramenti rappresentano un punto critico per l’efficienza energetica in quanto circa il 30/35% delle dispersioni che si verificano in un’abitazione avvengono attraverso essi; l’unità di misura che indica la dispersione termica è il Valore di Trasmittanza.
Questo valore indica quanto calore si disperde attraverso 1 mq di serramenti in determinate condizione che sono 20° interni e 0° esterni, quanto minore sarà questo valore, migliore sarà la qualità del serramento. Il valore totale del serramento si calcola mettendo in relazione i dati del telaio e del vetro installato, tenendo in considerazione i requisiti da rispettare per le varie zone climatiche.

4
Nella produzione di ALBA DOORS l’infisso che offre le migliori caratteristiche per il risparmio energetico è il modello Cielo, nella sua versione più performante legno-alluminio, con telaio da 75×16 mm a cui viene accoppiato un profilo in alluminio del nodo superiore/laterale del telaio.
Il bloccaggio dei profili avviene tramite clip distanziatrici avvitate a legno. Questa struttura permette la separazione fra alluminio e legno, creando un’intercapedine di pochi millimetri che consente l’eliminazione della condensa interna.
Il valore di trasmittanza di questa linea su una portafinestra da 1650×1500 con triplo vetro è di 0,6 W/mqK per il vetro e 1.00 Uw/mqK per l’intera finestra.

5Questi infissi si comportano in modo differente a seconda della stagione climatica grazie all’ausilio di specifici vetri detti “intelligenti” e sono quindi in grado di massimizzare il risparmio energetico.
Infatti durante il periodo invernale riescono a trattenere il caldo all’interno dell’abitazione, nella stagione estiva invece riflettono quasi tutta la componente calda dei raggi solari evitando quindi il surriscaldamento degli ambienti.
Il tutto senza rinunciare al design.

6

www.albadoors.it

Salva

Tags:

 
 

Ecobonus 65%

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch

Nella nuova Legge di Bilancio vengono prorogati fino al 31 Dicembre 2017 i bonus per la riqualificazione energetica.

 

Schermata 2017-03-30 a 19.56.25

Di che si tratta? E’ un bonus simile a quello per le ristrutturazioni ma riguarda tutti gli interventi di miglioria finalizzati alla riqualificazione energetica degli immobili. Rispetto al vecchio bonus, quest’anno sono stati introdotti incentivi più consistenti per gli interventi di riqualificazione energetica nei condomini. Infatti il bonus potrà arrivare fino al 70% se si tratta di interventi di riqualificazione dell’involucro per almeno il 25% della superficie, cioè in caso di posa di cappotto termico, inoltre potranno aumentare fino al  75% nel caso in cui ci sia un miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva secondo i parametri definiti dal DM 26 Giugno 2015.

Per quanto riguarda le singole abitazioni l’ecobonus non presenta novità rispetto al 2016, potranno usufruirne i proprietari degli immobili per interventi di riqualificazione energetica fino al 31 Dicembre 2017.

Gli interventi per cui è prevista l’agevolazione sono:

istallazione di pannelli solari

installazione fotovoltaico

posa di schermature solari

sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

lavori sull’involucro esterno

Per poter usufruire dell’ecobonus i pagamenti dovranno avvenire con bonifico “parlante” ed il rimborso avverrà in 10 anni, con rate annuali di pari importo. Le spese incentivabili avranno tetti di spesa dai 30 mila euro per sostituzione di impianti di climatizzazione fino a 100 mila euro per interventi di riqualificazione energetica generale.

 


 
 

Come arredare la sala hobby per trasformarla in un accogliente salotto

Pubblicato da blog ospite in Design, Non Ditelo all'Architetto

Visione d’insime della proposta arancio

come valorizzare la parete di fondo con la piccola finestrella alta.

La richiesta di Cinzia è stata quella di realizzare il restyling di un grande locale doppio al piano seminterrato della sua casa, il piano, pur essendo seminterrato, affaccia su un bel giardino ed andava sicuramente valorizzato per essere vissuto al meglio. Anche l’accesso al locale, comunemente definito sala hobby (nome che io detesto…ma non ditelo all’architetto!) aveva bisogno di essere rivisto, arredato e migliorato sotto diversi aspetti.

La richiesta era dunque quella di rendere accogliente e ben organizzato lo spazio comprendente anche un ingresso, alla fine di una scala in cemento grezzo, sul quale affacciavano altre due porte oltre alla doppia entrata del locale in oggetto.

Abbiamo fatto a Cinzia due proposte, entrambe incentrate su una scelta cromatica che coinvolgeva tinte unite e carta da parati fantasia alle pareti e dettagli tessili come tappeti e cuscini.

  

Proposta arancio con carta da parati Valerie di http://www.cartadaparatideglianni70.com

Proposta blu con carta da parati Remix di http://www.cartadaparatideglianni70.com

Cinzia aveva molti mobili da recuperare, di qualità e carattere, come due piccole credenze bianche, utili per arredare la zona pranzo con un gioco di simmetrie, una cassettiera artistica decorata a mano con rigoni colorati alla maniera di Seletti, anch’essa inserita nell’area pranzo come utile contenitore e base d’appoggio. Aveva inoltre un pregiato mobile bianco latte anni ’70 di Tisettanta (famosa azienda dell’epoca dalle caratteristiche maniglie in acciaio), alcune stampe e dei porta cd da parete.

arredare la sala hobby

Mobile biancoa due ante da reinserire nel restyling dello spazio

Mobile Tisettanta vintage

arredare la sala hobby

Mobile decorato in modo creativo.

arredare la sala hobby

Stampa di Merylin Monroe

I porta cd sarebbero stati perfetti riorganizzati nella zona living, allestita per un buon home teatre. Il mobile Tisettanta avrebbe trovato spazio anch’esso in questo stesso ambiente come base per la tv, qualora non fosse stata attaccata alla parete.

Mobili molto diversi tra loro dunque  e dal carattere forte, che siamo riuscite ad organizzare in uno spazio eclettico, brioso ed accogliente.

Le due opzioni di colore scelte si abbinavano entrambe bene ai mobili di Cinzia, accomunati dal colore bianco; se mentre da un lato il blu donava un’aria più moderna e fredda dall’altra l’arancio riscaldava l’ambiente avvolgendolo con un’atmosfera più rustica e “classica”.

In entrambi i casi, per scaldare lo spazio e coprire i pavimenti, non proprio bellissimi, si sono scelti due grandi tappeti dai toni bruciati.

Per le sedie è stato pensato un restyling molto creativo nei toni del giallo, di quelle preesistenti, che ha valorizzato anche il grande tavolo rustico messo in risalto dalle nuova versione POP delle sedute.

restyling sala hobby

restyling sala hobby

Alcuni esempi di un possibile restyling

restyling sala hobby

Pianta in cui si evidenziano le aree relax e pranzo evidenziate dai due tappeti nei toni bruciati

restyling sala hobby

Una possibile proposta è il tappeto che potete trovare QUI 230×320 cm

Il progetto gioca con il colore e le fantasie che troviamo sopratutto sulla carta da parati che ricopre alcune pareti dello spazio, definendone la funzione e creando delle aree distinte: Tv, pranzo, relax. Trova spazio anche un piccolo angolo studio con uno scrittoio di dimensioni ridotte ma funzionali.

arredare la sala hobby

Accostamento di tinte unite e fantasie in arancio

arredare la sala hobby

Accostamento di tinte unite e fantasie in blu.

Piccolo e comodo scrittoio utile per un angolo studio. Si chiama Marlene, di Novità home, è un piccolo scrittoio in legno di shisham con il piano in Mdf Arancione. Le linee sono ispirate Agli Anni Cinquanta.

Assonometria della proposta in blu

Assonometria della proposta in arancio.

Per quanto riguardo lo spazio alla fine della scala il desiderio era quello di mimetizzare le porte presenti: una è stata rivestita con la stessa carta da parati scelta per la parete in modo da scomparire completamente e una è diventata un grande quadro grazie ad uno stickers per porta che riproduce un’opera di Klimt, dai caratteristici toni dorati. Due grandi specchi, già in possesso di Cinzia, posizionati sulla parte davanti alle scale, amplificano lo spazio e donano luminosità.

Un’altra richiesta è stata quella di valorizzare la scala in cemento fredda e spoglia, che sembrava più quella di accesso ad un garage, abbiamo deciso così di rivestire l’alzata dei gradini con la stessa carta da parati scelta per le pareti protetta da un primer trasparente, idea decòr che si è rivelata di grande impatto.

 

La scala in cemento grezzo che porta al locale oggetto del restyling può essere valorizzata da una parete colorata a contrasto.

 

Le numerose porte presenti nell’anticamera del doppio locale oggetto del restyling possono essere mimetizzate rivestendo parete e porta con la stessa carta da parati.

Le alzate della scala possono essere decorate con carta da parati, carta adesiva, disegni, stickers e tanta fantasia!

la propietaria aveva a disposzione due specchi lunghi che sono stati posti alla fine della scala per ampliare lo spazio.

Le porte possono essere mimetizzate e trasformate in quadri anche attraverso stickers specifici.

La scelta alla fine, in accordo con Cinzia, è ricaduta sui vividi colori autunnali come l’arancio abbinato a dettagli in giallo che donano luminosità ed elementi verde oliva chiaro, abbastanza simile al greenery di moda in questo 2017!

I colori delle foglie cadute, per uno spazio che non è il solito seminterrato ma un bellissimo ambiente luminoso con affaccio sul verde.

Di colore arancio è stata dipinta anche la parete che affianca la scala per donare in questo modo luminosità e piacevole accoglienza mentre si scende verso la “sala hobby”.

Vista d’insieme della proposta arancio in cui si nota la tv posta sul mobile tisettanta e il piccolo scrittoio per l’home-office accanto al divano.

cuscini nei toni del colore pantone 2017greenery.

– 

Anche la sedia per il piccolo scrittoio può essere declinata in un bel color verde brillante 

Sul grande tavolo in legno trova spazio un runner verde per proteggere e ravvivare.

Dei semplici barattoli di plastica o vedre dipinti di un bel giallodiventano perfetti vasetti per portare il sole anche all’interno dell’ambiente.
Perfetti per l’interno ma anche per l’esterno i pouf realizzati con vecchie gomme d’auto. I cuscini sono rivestiti con un tessuto impermeabile perfetto per l’outdoor.

Vecchi arredi tornano a nuova vita con una mano di colore e tanta creatività.

Uno spazio prima lascitao in semi abbandono, arredato con mobili di risulta e assolutamente non valorizzato, diventa il centro della casa, un luogo dinamico, brioso allegro e comodo da vivere con gli amici o per svolgere i propri passatempo.

L’articolo Come arredare la sala hobby per trasformarla in un accogliente salotto proviene da Architettura e design a Roma.

Tags:

 
 

Consigli su come arredare in stile moderno e accogliente in maniera low cost e ottimizzando gli spazi

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor
Idee per arredare piccoli appartamenti

A Milano il proprietario di un piccolo appartamento di 33 mq ha la necessità di ottimizzare gli spazi, arredando in stile moderno e accogliente.

Pillar, la prima piattaforma al mondo di crowdsourcing per l’architettura e l’interior design, offre al cliente una soluzione alternativa all’architetto tradizionale.

Questo, infatti, ha potuto lanciare un concorso di progettazione tra migliaia di designer da tutto il mondo, per ottenere dozzine di progetti e poter rinnovare lo spazio.

La sua priorità è di ottenere idee progettuali focalizzate soprattutto sui colori finiture e materiali e sul sistema d’illuminazione e arredi da inserire.

In soli 14 giorni il cliente ha ottenuto ben 10 diverse proposte progettuali. Diamo un’occhiata a tre delle più interessanti.

Il progetto vincente è di Andrea Coppola

Idee per arredare piccoli appartamenti

L’architetto ricava un bilocale dal monolocale attuale, rimuovendo la parete scorrevole e inserendo un muro in laterite con scrigno e porta scorrevole di design.

Vari elementi di arredo sono inseriti per ottimizzare lo spazio, ad esempio, nel soggiorno l’elemento murario all’ingresso è trasformato in un armadio contenitore, oppure un piccolo tavolo ‘su e giù’ è inserito nel salotto e si trasforma facilmente in un tavolo per sei persone.

La cucina è pensata come composizione a “L” dinamica e moderna e prosegue con area TV, contenitori e mensole. Il divano letto permette di ospitare persone per la notte ed è inserito davanti alla TV, appoggiato alla nuova parete divisoria con la stanza. Per l’area notte, il progettista propone due soluzioni differenti, la prima ha l’accesso del bagno dal salone; nella seconda variante il bagno è en suite ed ha una nicchia che ospita la lavatrice, un’area stoccaggio, una scarpiera e un vano scope. In tutta casa è prevista la sostituzione del parquet in rovere prefinito, questo si contrappone al bianco delle pareti, alcune a contrasto sono in grigio o tortora. 


Secondo progetto interessante è di Celien B
Idee per arredare piccoli appartamenti

La progettista, per rispondere a entrambe le richieste del cliente, sia quella di un arredamento che permette di ottenere un appartamento moderno e affascinante con colori chiari come il beige, crema e grigio, sia di ridurre al minimo i costi. La designer ha mantenuto la cucina esistente perché fornisce abbastanza immagazzinaggio. Per dividere l’angolo cottura dal salone è stato inserito un separé che permette all’occorrenza di ottenere due spazi distinti. Per dare un tocco di moderno ha proposto di dipingere i vari elementi di arredo, come per esempio gli armadi, nei colori richiesti dal cliente.

La living area quindi è organizzata ponendo su una parete la cucina, su un’altra la zona pranzo con tavolo e sedie e nel restante spazio la zona relax con divano e tv. La stanza da letto mantiene lo stesso layout cambiando i colori e decorando le pareti con alcuni elementi che danno modernità all’ambiente. Anche qui è proposto un bagno en suite con un’area stoccaggio nel disimpegno che accede al bagno. La pavimentazione mantenuta è quella originale che ben si accosta ai colori scelti per l’arredo, come il grigio, bianco o beige. 


Ultimo progetto degno di nota è di Gordana Ninkovic
Idee per arredare piccoli appartamenti

Quest’ultima ha pensato a una disposizione molto simile alla precedente. La living area, infatti, ha la cucina sulla parete di ingresso, un tavolo con sedie e l’area relax al centro.  Gli spazi sono divisi attraverso l’arredamento e il colore differente delle pareti. Ad esempio, la parete dell’area pranzo presenta una carta da pareti decorata in grigio, che sarà riprodotta anche nella stanza da letto, mentre tutte le restanti sono bianche. La cucina ha un separè, che all’occorrenza può essere chiuso per separare gli ambienti.

Gli arredi sono moderni in colori chiari come grigio, beige e tortora mentre altri sono in colori sgargianti, come il divano in verde, il tutto per porre un contrasto con i colori tenui e il bianco delle pareti. Anche questo progetto ricava il bagno en suite e un piccolo disimpegno utilizzato come area di stoccaggio. Infine, la pavimentazione scelta in tutto l’appartamento è il parquet.

Tags:

 
 




Torna su