Archive for aprile, 2017






 
 
 

Un prezioso divano B&B Italia raccontato anche nel libro che celebra l’azienda

Pubblicato da blog ospite in Design, Non Solo Arredo

Ci occupiamo oggi nuovamente dei divani di B&B Italia, anche perché il catalogo ma soprattutto il numero di designer che collaborano con questa azienda è vastissimo.

È la volta di Patricia Urquiola, che ha realizzato numerosi progetti sia per la zona living che per la zona notte, come l’affascinante divano Bend-Sofa, un complemento di arredo che suggerisce l’idea di essere ricavato da un unico blocco di materiale reso dinamico e movimentato dalla mano di quella che per noi è una vera artista dell’interior living, e non una “semplice” progettista.

Anche questo divano, come quelli a firma di Antonio Citterio, si distingue per l’elevata componibilità: si parte dagli elementi seduta per sviluppare poi attorno ad essi qualcosa di unico che si adatta alla perfezione anche a spazi più limitati. Bend-Sofa tuttavia esprime il meglio del suo carattere quando inserito in un ambiente di ampio respiro, nel quale possono dispiegarsi le sue linee dall’andamento irregolare e solo in apparenza sconnesso, un effetto ottico questo che è reso possibile dalle vistose cuciture a contrasto.
Plasmato su una robusta struttura composta da profilati e tubolari in acciaio, Bend-Sofa ha una morbida e confortevole imbottitura in schiuma di poliuretano e può essere rivestito sia in tessuto che in pelle.
Posizionato al centro di un’area living, si rivela perfetta sintesi tra la manualità e la tecnologia, con una flessibilità d’uso che cresce ad ogni elemento aggiunto.

Il libro Skira che omaggia B&B Italia

C’è, in questo divano, tutta l’inventiva della designer spagnola, la cui abilità è fondere nei suoi progetti il design industriale con l’arte decorativa: ciò giustifica, tra l’altro, la presenza di numerose sue opere nel libro-catalogo “La lunga vita del design in Italia“, un volume edito da Skira a settembre del 2016 in celebrazione dei 50 anni di attività dell’azienda.
Il sottotitolo B&B Italia, 50 anni e oltre rende chiaro l’omaggio alla coerenza di un progetto industriale e culturale che ha segnato un’epoca.

Tra le pagine di questo volume curato da Stefano Casciani non troviamo solo un ricchissimo apparato iconografico che attraversa luoghi, storia e prodotti evidenziando le più prestigiose collaborazioni che hanno reso B&B Italia grande anche nel mondo, ma anche una serie di contributi di figure di spicco del settore quali Renzo Piano e Ferruccio De Bortoli che raccontano passato e presente del progetto B&B.

Tra scatti e testimonianze si tratta di un volume prezioso per chiunque sia appassionato di design ed amante dell’arte, e perché no anche una idea regalo da prendere seriamente in considerazione se ben si conosce la sensibilità del destinatario!

 

ShareThis

Tags:

 
 

Copribarattolo in stoffa shabby chic: Tutorial

Pubblicato da blog ospite in Nell'Essenziale

Ciao Amiche, oggi chiudiamo il mese di Aprile ed iniziamo Maggio con un bel tutorial per realizzare un copribarattolo in stoffa!

copribarattolo in stoffa

Il copribarattolo è un cerchio di stoffa utile a vestire i vasetti di vetro in modo da abbellirli ed identificarne il contenuto. Diciamo che visivamente appare come un bel cappellino e può essere ricamato e adornato con altri elementi decorativi.

Fino a un po di tempo fa, non sopportavo questi oggettini, li reputavo inutili. Ora che sto organizzando la mia cucina invece, li trovo indispensabili, sia dal punto di vista funzionale che decorativo. Aprire una dispensa e trovare tutti i barattolini ordinati per contenuto … non ha prezzo… aumenta a livello esponenziale la mia voglia di cucinare e di riorganizzare i miei spazi!

Questo modellino che vi propongo è realizzato in stile shabby chic ed è molto semplice da cucire.  Potreste farlo anche senza l’uso della macchina da cucire.

I barattoli che ho utilizzato io non sono in vetro ma in plastica ed hanno delle dimensioni molto piccole, sono infatti 5x5x5 cm esatti (potete comprarli a questo link Vasetti di plastica con tappo a vite, H: 45 mm, 10 pz) . Nel caso vogliate realizzare un copribarattolo di dimensioni piu grandi, basterà misurare la dimensione del coperchio ed aumentare la circonferenza del cerchio di stoffa di 3/4 cm.

Occorrente per un barattolo di circa 5x5x5cm:

  1. Stoffa 1 in stile shabby chic per il cappello 15×15 cm.
  2. Merletto bianco da 1 cm 30cm.
  3. Stoffa 2 bianca per i petali  del fiore 5x30cm.
  4. Stoffa 3 coordinata per il pistillo 5x5cm
  5. Imbottitura per il pistillo (pochissima)
  6. Filo di raffia 50cm
  7. Elastico 15 cm
  8. Feltro o pannolenci per l foglioline 5x5cm
  9. Piccoli pompon per rifinire le estremità dell’elastico.
  10. Colla a caldo
  11. Ago e filo
  12. Un barattolo su cui mettere il copribarattolo, io ho usato i vasetti di plastica con tappo a vite.

Ecco gli step per realizzare il copribarattolo in stoffa.

Step 1: Preparare il cappello tagliando un cerchio della stoffa 1 con diametro 13 cm. Fare l’orlo con punto zig zag (potete utilizzare il piedino normale oppure quello per l’orlo). Cucite il merletto sul perimetro del cerchio. Potete anche farlo a mano.

Copribarattolo in stoffa step 2

Step 2: Preparare il fiore. Tagliate 5 cerchi con la stoffa 2 (diametro 5cm), 1 cerchio con la stoffa 3. Realizzare prima la corolla piegando in due la stoffa ed eseguendo un punto filza lungo il perimetro doppiato. Cucire in questo modo tutti e cinque i petali e legare i due capi del filo in modo da chiudere la corolla. Utilizzate un filo abbastanza spesso oppure in doppio.

copribarattolo in stoffa shabby chic

Realizzate il pistillo del fiore con il cerchio in stoffa. Effettuate una piegolina intorno al perimetro ed effettuate un dei punti filza, tirate i due capi del filo, imbottite con dell’imbottitura per bambole e legate.

tutorial copribarattolo in stoffa

Realizzate un fiocco con la Rafia come nella figura seguente.copribarattolo in stoffa shabby

Legate con un nodo a cappio l’elastico intorno al barattolo, sfilatelo ed incollate il nodo sopra il fiocco di rafia. Incollate la corolla di petali sopra il nodo dell’elastico. Incollate il pistillo sopra la corolla e premete. Ritagliate le foglioline ed incollatele tra i petali e la rafia. Incollate i pompon alle estremità dei capi liberi dell’elastico.

copribarattolo in stoffa shabby

Step 3: Mantenete ben fermo il cappellino sul barattolo e infilate l’elastico con il fiore che avete appena preparato.

copribarattolo in stoffa 2

Il barattolino con copribarattolo in stoffa è pronto per essere messo in dispensa!

Vuoi rimanere sempre aggiornata con la pubblicazione dei miei tutorial??  iscriviti alla mia newsletter! riceverai una sola mail al mese contenete tutti gli aggiornamenti del blog e tutti i tutorial pubblicati nel mese precedente!

Copribarattolo in stoffa shabby chic

Con questo tutorial partecipo all’iniziativa “Handmade Earth Day 2017” del gruppo  The Creative Factory. Vi invito a fare visita alle altre crafters del team per scoprire cosa hanno creato per questo bellissimo evento!

L’articolo Copribarattolo in stoffa shabby chic: Tutorial sembra essere il primo su Nell’Essenziale.


 
 

Arredare il salotto con scelte di stile e una palette cromatica ben studiata.

Pubblicato da blog ospite in Design, Non Ditelo all'Architetto

Moodboard

Cartongessi e arredi

Sapete quanto amiamo l’interior design, la decorazione e i complementi d’arredo ma ovviamente l’attenzione alla funzionalità degli spazi non deve mai venire meno e dunque, prima di tutto, bisogna sempre analizzare le esigenze del committente e, come il dottore fa l’anamnesi, anche noi intraprendiamo un’attenta investigazione!

Oltre a studiare nuovi spazi e soluzione, come sapete, adoriamo reinterpretare, recuperare e reinserire vecchi arredi e complementi, ricchi di contenuti per i proprietari o semplicemente da non buttare via, nei nuovi progetti.

Nel caso di questo salotto era necessario studiare uno spazio guardaroba all’ingresso ed una parete attrezzata-libreria, inoltre andavano inseriti nella nuova organizzazione una cassapanca ed un comò dei proprietari.

Abbiamo dunque optato per la realizzazione di strutture realizzate su misura ad och in cartongesso, che potessero assolvere alla loro funzione ed accogliere anche i vecchi arredi.

All’ingresso è stato consigliato di realizzare un armadio a muro a tutta altezza per contenere, nell’anta laterale, cappotti e borse e, nei vani superiori, valige ed altri elementi ingombranti.

La stessa struttura è stata studiata però anche per contenere il comò antico, in modo da avere un comodo piano d’appoggio all’ingresso, per chiavi ed altre cose, ed utili cassetti magari per bollette e documenti.

La realizzazione del guardaroba viene a creare anche una piccola zona di filtro all’ingresso, non essendoci una vera e propria separazione con il living.

Il comò antico da reinserire nel nuovo contestoarredare il salotto

E’ previsto di inserire il comò all’ingresso all’interno di una struttura in cartongesso studiata ad hoc

arredare il salottoarredare il salotto

Due illustrazioni su legno dal sapore shabby riscaldano la parete vuota della zona pranzo appena dopo l’ingresso. I quadri sono di Kasanova

 

La parete attrezzata con libreria e vano tv è stata fornita anche di uno spazio che potesse alloggiare la cassapanca di famiglia, mentre la spalla della libreria, verso la porta della sala da pranzo, è stata progettata obliqua con piccole mensole espositive in modo da “accompagnare” verso l’altra stanza e mascherare esteticamente il fianco della struttura.

arredare il salotto

Un’altra struttura in cartongesso accoglie la libreria, delle mesnole espositive e un vano per inserire la cassapacanca dei commitenti che farà da base alla TV.

Per quanto riguarda gli arredi è stata scelta con la committente una palette cromatica pastello, elegante e fresca ispirata ai toni neutri e polverosi dei rosa e del grigio tortora con un pizzico di verde chiaro che ritroviamo nelle foglie dei cactus di cuscini e piantine e nella stampa erbario oltre che nella sedie e sgabello da esterni di Ok design, che trovano spazio in modo originale e creativo in questo salotto abbastanza ordinario.

Altri elementi eclettici e originali come il cuscino “Art Gang” di redbubble e il fenicottero in filo di metallo alla parete, movimentano e danno vita ad un arredamento equilibrato, sobrio, elegante e funzionale.

Il divano che andava sostituito è stato scelto in una versione con penisola che contribuisse a delimitare la zona relax, insieme al grande e soffice tappeto utile anche per far giocare il piccolo di casa.

Cuscini fantasia allegri e moderni e tende color corda andranno a completare l’accogliente zona relax.

Il  divano viene servito dallo sgabello ok design che grazie all’apposito vassoio si trasforma in comodo tavolino da appoggio rotondo, per non avere spigoli a rischio per il figlio di tre anni della committente.

Anche il fondo di alcuni riquadri della libreria può essere dipinto con lo stesso tono malva o talpa dei complementi tessili, per dare un tocco elegante e delicato di colore alle pareti.

Per il salotto arredi dai colori pastello eleganti e delicati ma primaverili e pieni di gioia.

Una base neutra da creare con cuscini rivestiti con la fodera “Gurli” beige di Ikea (3.99€) per poi potersi sbizzarrire con qualche elemento eccettrico come il cuscino rosa Art Gang di Redbuble (17.38€) o una delle ultime tendenze di grido, per essere sempre un pò alla moda, come la federa misto lino con fantasia di cactus che trovate QUI a 11.95€

arredare il salotto

Lo sgabello “Centro” e la sedia “Codtesa” (che prende nome da un famoso quartiere di Città del messico) sono simpatici arredi da esterno di OkDesign che abbiamo pensato di inserire in questo salotto per movimentare e dare carattere all’impostazione abbastanza classica.

Resistenti, dalle linee morbide e facili da pulire si adattono anche alle esigenze del piccolo di casa. Lo sgabello grazie al vassoio studiato ad hoc si trasforma in comodo tavolino

arredare il salotto

La lampada da tavolo “Anortit” di Ikea può trovare spazio sullo sgabello tavolino per illumiare il divano in modo soft. Le linee classiche del cappello abbinato alla base modaiola in tondino di metallo ramato interpretano perfettamente l’animo di questo interno.
arredare il salotto

Bellissimo il divano color vinaccia di Doimo   arrdare il salotto
Tappeto tessuto a mano color grigio tortora di zara home, soffice ma semplice da pulire.

Tende color corda di Leroy Merlin  

La cassapanca dei committenti

arredare il salotto

Moodboard

Negli scaffalati laterali sulla spalla della libreria rivolta verso la zona pranzo e l’ingresso possono trovare posto diversi elementi in vetro che non appesantiscono e riempiono eccessivamente ma arredano e arricchiscono la composizione.

I faretti a soffitto preesistenti illuminano già a sufficienza e in modo omogeneo lo spazio, si può aggiungere sul tavolino una lampada da appoggio per una luce da lettura o d’ambiente più soffusa.

Sulla parete dietro al divano una composizione di diverse stampe di varie dimensioni, a tema botanico, movimentano, arredano e completano il salotto.

arredare il salotto

Il fondo della libreria in muratura può essere dipinto con una tenue tinta malva in linea con la palette cromatica

Complementi d’arredo in vetro per riempire, senza appesantire, le mensoli sulla spalla della libreria in cartongesso, rivolta verso il tavolo da pranzo. Partendo da in alto a sinistra Campana di Vetro Alta 19cm con base in bambù e Mmicro LED a Luce Bianca che potete trovare QUI. In alto a destra vaso in vetro trasparente con particolare in sughero Zara Home (22.99€); in basso adestra decorazione in vetro con pianta grassa sintetica alta 19cm by Kasanova ed in fine lampada con lampadina a vista e base rettangolare in legno di Zara Home (59.90€). arredare il salotto

Sulla parete dietro al divano una composizione eterogenea ispirata alla natura nei colori del verde e del rosa. 1- decorazione da parete in legno rosa 29x60cm  di Maiosn du Monde (16.99€). 2- “Green Flora” poster di Fine little Day. 3- quadro ovale in legno 17X22,5 di Kasanova. 4- Tvilling set di due poster con soggetto di piante grasse di Ikea (5.99€). 0- Decorazione da parete “fenicottero rosa” in fili di metallo h77cm-erikadi Maiosn du Monde

Il risultato è un ambiente ordinato, sobrio ma studiato in ogni dettaglio, che sembra essere avvolto da una soffice nuvola ovattata, nel quale trascorrere ore di relax fuori dallo stress quotidiano.

L’articolo Arredare il salotto con scelte di stile e una palette cromatica ben studiata. proviene da Architettura e design a Roma.

Tags:

 
 

Come scegliere lo schema di colore giusto? Qui ci sono le risposte!

Pubblicato da blog ospite in Decor, Idee, VDR Home Design

Come si fa a scegliere uno schema di colore che vada bene per casa nostra? Da cosa si parte? Come si mettono insieme i colori? Qui tutte le risposte!

……….

È una cosa più comune di quello che pensate: come caspita si fa a scegliere il colore giusto per casa nostra? Tutte le nostre case sono strabordanti di mobili e oggetti che abbiamo raccolto nel corso degli anni.

Mille accessori diversi, testimoni del nostro passato glorioso, che però molto spesso contribuiscono a creare ambienti stile supermercato.

Ora vi trovate a dover imbiancare magari, e volete esseri sicuri di scegliere uno schema di colore che rimetta a posto tutto, invece del contrario.

Ma da dove si parte per capire quali sono i colori perfetti per riequilibrare e rimettere insieme tutto quello che abbiamo in casa? Un punto di partenza sempre molto utile è il pavimento.

Eh si, perché è l’elemento più importante della casa, essendo la base di tutti i nostri spazi. Trovando i colori giusti che accompagnano il pavimento avrete già fatto la metà del lavoro.

E oggi voglio farvi un esempio concreto: partiamo dal (bruttissimo purtroppo) pavimento di casa nostra. Una comunissima ceramica, neutra e un po’ anonima. Di quelle base che si trovano in tutti i capitolati, più o meno.

Vediamo come ridargli un po’ di onore con quattro schemi di colore diversi.

SCHEMA DI COLORE #1: NEUTRO E MONOCROMATICO

schema di colore

(1) Tenda in lino Rimini | tessuti (5-6-7) Panama, Goa e Delilah | www.terrysfabrics.co.uk

Gli schemi di colore di base da scegliere sono molti, ognuno dei quali vi permetterà di ottenere stili completamente diversi. Partiamo con uno schema classico: neutro e monocromatico.

Partendo dal greige del pavimento (un mix di beige e grigio), ho scelto colori vicini nel cerchio dei colori. Sono tutte tinte simili (si differenziano perché più chiare o scure) ma neutre, che creano un ambiente classico ed intramontabile.

Se però come pavimento avere un parquet in rovere sbiancato o un gres porcellanato (come le foto 3 e 4), lo schema è applicabile ugualmente (come tutti gli altri). Questo perché sono tutte tonalità scelte per andare d’accordo con pavimenti naturali e neutri, perfetti compagni di quasi ogni stile.

Tende in lino beige e tessuti floreali e geometrici per decorare ogni ambiente. Un divano in tessuto marrone o un letto tessile nello stesso colore sarebbero i perfetti protagonisti di un ambiente con questi colori.

SCHEMA DI COLORE #2: FREDDO E CONTRASTANTE

schema di colore

(1) Tenda Ninni Rund di Ikea | Tessuti (5-6-7) Manila, Panama, twist | www.terrysfabrics.co.uk

Saliamo di difficoltà e cominciamo a indagare il campo degli schemi di colore più coraggiosi. Passiamo ad uno schema dai colori freddi e a contrasto. Cosa vuol dire a contrasto? Significa che se guardiamo sul cerchio dei colori, queste tonalità si trovano uno di fronte all’altra perché il contrario una dell’altra.

È meglio non esagerare usando questi colori nei vari ambienti, ma piuttosto dosarli come accenti qui e la. In questo modo l’effetto finale sarà incredibile.

I pavimenti sono un punto fisso, quello che cambia è il resto: tende grigie di Ikea, a cui si accompagnano accessori in colori energetici. Non vi da una grande sprint questo insieme di colori?

SCHEMA DI COLORE #3: CALDO E ARMONIOSO

schema di colore

(1) Tenda grigia in cotone di Maison du Monde | Tessuti (5-6-7) Suede, Dandelion, Flavia | www.terrysfabrics.co.uk

Amanti del calore e dell’energia, questo è per voi! Un caldo rosso e un vivace giallo-arancio per portare il sole in casa. Uno schema perfetto soprattutto per le stanze esposte a nord, povere di luce e calore.

Io consiglio sempre questi colori forti nei cuscini, nei tappeti.. Ma se siete coraggiosi, perché non optare per un divano in pelle rossa? Oppure un tappeto a fantasia floreale, per dare un tocco decorativo alla stanza.

Questo schema ha per protagonisti colori si caldi, ma vicini nel cerchio dei colori: questo fa si che crei uno schema armonioso e sempre di successo, data la grande interconnessione dei colori.

SCHEMA DI COLORE #4: VIA LIBERA AI COLORI ACCESI

schema di colore

(1) Tenda verde a stampe di Maison du Monde | Tessuti (5-6-7) Richmond, Autumn Leaves, Panama | www.terrysfabrics.co.uk

Finiamo con uno schema dai colori saturi e accesi, per creare ambienti vitali e con tanta energia. Ci sono la freschezza e il sapore dell’estate in questo azzurro e verde, che si declinano in tutti gli aspetti della stanza.

Dalla tenda un po’ urban jungle che tanto ci piace, al tessuto a foglie che è perfetto per i cuscini. Che ve ne pare di un letto in turchese?

O di un bel tappeto verde carico? Si tratta sicuramente di colori per chi non ha paura di cambiare e osare, ma il risultato vi convincerebbe di sicuro!

Visto quante scelte? Basta darsi un po’ di tempo e scegliere bene e il gioco è fatto!

L’articolo Come scegliere lo schema di colore giusto? Qui ci sono le risposte! sembra essere il primo su VHD.

Tags: ,

 
 

Wikiwaste, la nuova app che facilita la raccolta differenziata

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee
raccolta differenziata

Wikiwaste è l’innovativa applicazione per smartphone nata con lo scopo di aiutare i cittadini nella raccolta differenziata e che ha superato il milione di download in tutta Italia.


Creata dalla cooperativa ERICA – Educazione, Ricerca, Informazione e Comunicazione Ambiente, l’applicazione informa i cittadini dei comuni che hanno aderito su come, quando e dove conferire in modo corretto i rifiuti, oltre a ricevere news e aggiornamenti in tempo reale.


raccolta differenziata

Una volta scaricata l’applicazione si possono visitare le diverse sezioni del menù, come ad esempio “Dove lo butto”, all’interno della quale, selezionando da un elenco di circa un centinaio di rifiuti quello che desideriamo gettare, ricevendo le indicazioni per il suo corretto smaltimento.

Nella sezione “Segnalazioni”, invece, l’utente può segnalare rifiuti abbandonati o discariche abusive, inviando fotografie geolocalizzate direttamente al personale addetto del proprio comune.

raccolta differenziata

L’applicazione è disponibile sul Google Play Store per chi possiede un dispositivo Android oppure sull’ App Store per i possessori di dispositivi Apple.


Per maggiori informazioni www.wikiwaste.org

Tags: ,

 
 

Stile industriale a Parigi

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Stili

loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-1

Questa settimana siamo stati affascinati da un eclettico ed accogliente loft con vista sui tetti di Parigi!
Possiamo facilmente condensare gli elementi principali dell’appartamento, che lo avvicinano allo stile industriale, ma con un tocco chic: ampie vetrate, travi in cemento, pareti in mattoni a vista, pavimento di legno di rovere anticato.
Riguardo l’arredamento, pezzi in stile industriale o vintage comprati ai mercatini sono stati accostati a mobili di famiglia e a qualche classico ed intramontabile arredo di design. Un mix perfettamente equilibrato, che si sposa bene anche con le pareti vetrate interne, che abbiamo visto spesso negli interni parigini.

Lo stile loft-industriale lo ritroviamo anche nella scelta dei colori principali, il nero e varie sfumature di grigio, rallegrati da tocchi di rosso e blu.
Il tutto circondato da una splendida vista sulla Torre Eiffel, si può chiedere di più? 😉

loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-1b
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-2
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-3
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-4
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-5
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-6
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-7
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-7b
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-8
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-8b
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-9
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-10
loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate-11

Fonte: Australian design review – Foto di Wolfgang Birgitta Drejer
+ cotemaison.fr – Foto di Nicolas Mathéus

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags: ,

 
 

Come arredare l’ufficio con uno stile contemporaneo da Kasanova

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

L’ufficio è spesso immaginato come un ambiente serioso e asettico. Eppure in un contesto lineare e funzionale è sempre possibile inserire alcuni elementi di rottura. Abbiamo scelto alcuni esempi tra i prodotti Kasanova, prendendo spunto dalle ispirazioni presenti sul sito e-commerce del brand.

L’ufficio è uno degli ambienti nei quali trascorriamo una parte importante delle nostre giornate, a volte ci passiamo più tempo che a casa. Per questo motivo è bene partire dal colore, che deve essere diversificato a seconda delle funzioni, ma è utile poi inserire alcuni elementi caratterizzanti per ogni stanza, per conferire personalità e stile.

Per la scelta degli oggetti abbiamo consultato opinioni e recensioni per Kasanova

Leggendo recensioni e opinioni su Kasanova, abbiamo trovato indicazioni utili sui prodotti da acquistare, sia online che nei negozi in tutta Italia e così abbiamo selezionato una serie di oggetti per l’ufficio ispirati allo stile industrial.
Lontano dagli standard classici, lo stile industriale è basato su accostamenti un po’ azzardati e sulla possibilità di trasformare gli elementi strutturali in elementi estetici.
Nei prodotti Kasanova abbiamo selezionato oggetti caratterizzati da un aspetto un po’ vissuto, ma non rustico, né vintage. Si tratta piuttosto di uno stile basato sul modernariato, riprodotto fedelmente per consentire a tutti di introdurre alcuni elementi caratterizzanti nel proprio luogo di lavoro.

1. Prodotti Kasanova in stile industrial: il calendario da tavolo in ferro

Nella proposta di Kasanova per lo stile industriale abbiamo individuato un calendario da tavolo con targhette amovibili, dotato di supporto posteriore per appoggiarlo comodamente su ogni base. Dotato di un ripiano dove poter riporre le targhette con giorni e mesi, per cambiare il numero del giorno basta semplicemente ruotarlo.

2. Selezionato dalle opinioni Kasanova: il posacenere in vetro

Un originale posacenere quadrato in vetro dal gusto vintage, ideale per accontentare ogni genere di ospite in ufficio. Il posacenere è dotato di scanalature per posare sigari e sigarette e di una concavità per raccogliere mozziconi ed è anche lavabile in lavastoviglie.

3. Contemporaneo modernariato: il modellino decorativo

Una accurata riproduzione del famoso maggiolino, perfetto per creare uno stile industriale contemporaneo. Questo oggetto Kasanova è caratterizzato da proporzioni studiate per essere una riproduzione perfetta sotto ogni punto di vista, che donerà un tocco personale all’ambiente professionale.

4. Prodotti Kasanova per lo studio: l’orologio da tavolo in ferro con contenitore

Consigliato dalle opinioni su Kasanova degli utenti, questo orologio è un accessorio originale che può rendere unica la scrivania, ma può conferire stile a tutta la stanza se poggiato su una mensola o una libreria. Il quadrante che rivela un vano interno con apertura su cardini, lo rende un oggetto davvero particolare, con un design di effetti industrial dato dai segni di usura artificiali che lo rendono ideale per ambienti shabby chic e vintage.

Tags: ,

 
 

WORLD 🌿 INTERIORS #19

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Paz Garden

Ma che bello pensare di doversi preparare ad un altro ponte di duro Relax vero?
Io personalmente non aspettavo altro si si!!!
E per rendere ancora più piacevole questo Venerdì vi porto a curiosare uno dei lavori di HEJU coppia di architetti bravissimi (e ormai anche molto famosi) che vi consiglio di seguire perchè veri talenti quando si parla di Stile e Gusto contemporaneo.
Un mix perfetto di colori delicati e rilassati, insieme ad arredi vintage e soluzioni semplici ma ben studiate sono il tratto progettuale che li contraddistingue e questo appartamento di 85 mq al centro di Parigi è un ottimo esempio di come si possano unire Poesia e Design per ottenere un risultato sorprendente.

Che ne dite non è davvero un appartamento speciale?
Buon weekend amici belli!!!

APARTAMENT VOLTAIRE – All the photos are via HEJU website

SalvaSalva

Tags:

 
 

Tipologia di letto: quale scegliere

Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto, Idee
Serena Pagana firma oggi un altro consiglio d’arredo per Arredamento Perfetto, parlandoci del dormir sano.
Il letto è sicuramente uno dei protagonisti indiscussi dell’arredamento non solo della camera da letto, ma di un appartamento in generale, sia che si tratti di un letto matrimoniale, che singolo o una piazza e mezza. Il letto è molto importante per il nostro riposo notturno e dunque per la nostra salute e per questo motivo oltre al fattore estetico va curato anche l’aspetto funzionale. La scelta del letto deve essere mirata e consapevole e deve essere mirata alla rete e materasso perché è bene avere un letto bello dal punto di vista estetico, ma è necessario che questo sia anche comodo e salutare. A seconda delle dimensioni di letti standard, possono essere classificati come matrimoniale o a due piazze, singolo o a una piazza alla francese o ad una piazza e mezzo; questi tipi di letti, come prevedibile, hanno differenti misure e nello specifico quello matrimoniale solitamente è fatto per ospitare dei materassi di dimensioni 160×190 cm, quello singolo o ad una piazza richiede dei materassi di dimensioni 90×190 cm, quello alla francese è creato per materassi di dimensioni variabile in larghezza tra 120 e 140 cm di lunghezza standard di 190 cm.
E’ risaputo, inoltre, che esistono anche letti oversize, che hanno delle dimensioni differenti e più grandi rispetto ai letti matrimoniali, ma è anche possibile avere dei letti fatti su misura e questi vengono realizzati per lo più per le persone molto alte, che necessitano di un materasso più lungo di 190 cm. Oltre alle dimensioni esistono differenti tipi di letto, ovvero i classici realizzati in legno e provvisti di testiera e pediera, ma anche quelli in ferro battuto, a baldacchino, a soppalco, a castello o a ponte che solitamente però vengono impiegate nelle camerette soprattutto quando si ha uno spazio limitato. Esistono anche diversi letti, ispirati alla cultura orientale, letti bassi, squadrati e minimal, letti classici sommier e letti in stile moderno/contemporaneo. 
Per chi vuole osare, e soprattutto per chi ha voglia di osare, esistono anche i letti rotondi, ma questi richiedono comunque degli spazi adeguati e dunque non vanno scelti per chi ha delle camere da letto piuttosto piccole. Infine in commercio esistono soluzioni trasformabili o a scomparsa ideali per arredare monolocali, ovvero dove zona giorno e notte sono uniche. A prescindere dalla tipologia di letto è necessario scegliere il materasso giusto, che è quello memory foam. Questi tipi di materasso rappresentano il futuro del dolce dormire, in quanto grazie a questi il peso del corpo viene distribuito in maniera uniforme su tutto il materasso. Per acquistare un materasso memory foam vi consigliamo di consultare il sito www.materassi-memory.com.

Tags:

 
 

Alla ricerca dello spazio perduto? Scegli un arredamento multitasking

Pubblicato da blog ospite in Design d' Ingegno, Idee

Abbiamo arredato la nostra casa con gusto, abbiamo scelto i mobili, la tappezzeria ed abbiamo impreziosito i locali con dettagli e cose che parlano di noi. Tantissimi sono gli oggetti che ci circondano: dai libri alle foto, dagli Svarowski ai vasi di fiori, dai giocattoli ai vari souvenir delle vacanze e così via. Giorno dopo giorno la nostra casa si riempie di vita e di cose, ma non sempre abbiamo lo spazio che vorremmo.
A volte può essere sufficiente anche solo un nuovo acquisto, un regalo, un cambiamento in casa ed è facile ritrovarsi intrappolati nell’arduo compito di trovare la giusta collocazione alle piccole o grandi novità nella nostra abitazione.

Non deve stupirci nemmeno se perfino un evento calcolato e programmato – come può essere l’arrivo di un bambino, di un nuovo animale domestico o la ristrutturazione e il cambio di arredi di uno dei locali della casa – può presentare degli imprevisti, costringendoci a calcolare nuovamente gli spazi e a definire una diversa organizzazione dei vari elementi presenti in una stanza.

arredamento con scomparti extra

Come si fa a creare più spazio?

La soluzione è generalmente una sofferta selezione per decidere cosa dovremmo confinare in soffitta e cosa relegare in cantina, per poi pentirsi magari a distanza di tempo. È sicuramente successo a molti di noi e se non disponiamo di grandi metrature, i cambiamenti rischiano di procurarci più stress del dovuto, senza farci godere appieno della novità.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, per rimediare basta ricorrere a semplici soluzioni che solitamente è possibile integrare nell’arredamento già presente, per essere pronti ad accogliere a cuor leggero dei nuovi oggetti e ricordi in casa.

Ogni stanza ha naturalmente le sue dinamiche ed ogni stile di arredamento ha i suoi limiti estetici da rispettare. Alcuni dettagli, però, possono essere semplicemente aggiunti, come succede per mensole e ripiani, a patto ovviamente di non rendere l’ambiente troppo carico e soffocante.
Qui di seguito trovate una serie di idee che potete applicare anche a casa vostra secondo le diverse necessità e budget: lasciatevi ispirare oppure chiedeteci qualche consiglio se avete esigenze particolari.

Boiserie libreria a tutta parete

Una parete fluida

Se avete una porta collocata al centro della parete la soluzione migliore sarebbe quella di usare tutto lo spazio dal pavimento al soffitto per installare un mobile libreria con vari scomparti, in modo da sfruttare lo spazio in altezza anche sopra la porta.
Questa soluzione può essere un’ottima scelta pure se volete creare una divisione non troppo netta tra due ambienti comunicanti, come l’angolo cottura e il salotto.

Il design della parete Motus, realizzata da Vittore Niolu per Scavolini, è moderno ed vibrante, con vari scomparti per organizzare gli oggetti e per equilibrare gli elementi al suo interno.
Si tratta di una parete attrezzata a spalla, ovvero realizzata con lo stesso principio delle librerie. È infatti composta di colonne che possono essere montate l’una accanto all’altra da terra ed ogni colonna è costituita da ripiani e da spalle a cui possono essere aggiunti schienali posteriori oppure ante secondo la sua funzione.

In questo modo, da un lato all’altro della parete attrezzata può esserci permeabilità o chiusura, in base anche alla tipologia di moduli utilizzati nel mobile stesso. Il vantaggio di questa soluzione sta nel fatto che si possono creare più aree contenitive senza invadere troppo l’area calpestabile della stanza e quindi lascia una maggiore libertà nell’utilizzare lo spazio rimanente.

Mobile libreria a parete di Scavolini

Una poltrona vuota

Le poltrone e i divani – grandi o piccoli che siano – sono un elemento immancabile nelle nostre case e quindi rientrano in quel genere di arredi la cui funzionalità può e deve essere sfruttata. Possono ad esempio essere un modo per spezzare la continuità di una parete attrezzata oppure fungere loro stessi da spazio contenitivo.

Questo è già possibile con i divani contenitore che sotto le sedute prevedono aree capienti in cui riporre oggetti o cuscini e coperte extra. Inoltre, la soluzione di una seduta fornita di scomparti per riporre oggetti non è certo una cosa nuova e sono diverse le proposte che nel tempo hanno tentato di rendere accattivante una combinazione di funzionalità e design per poter garantire una seduta confortevole ed uno spazio utile allo stesso tempo.

Hollow Chair è una poltrona ideata da Judson Beaumont e la cui caratteristica principale è quella di avere una linea e delle forme assolutamente classiche. A ciò si contrappone la cavità dei braccioli e della parte sottostante la seduta per cui è veramente possibile utilizzare questo scomparto per posizionare molti oggetti pur avendoli sempre a portata di mano.

Sembra perfetta per la stanza dei ragazzi o per lo studio, ma se avete un salotto compatibile con uno stile che in fondo è un po’ giocoso, potete anche collocarla nella zona giorno ed utilizzarla per tenere libri e riviste.

Poltrona Cava di Judson Beaumont

Una super credenza

La cucina ha solitamente una composizione già ottimizzata secondo l’ambiente in cui viene inserita e non sempre è possibile aggiungere elementi ulteriori in questa stanza. Tuttavia, le credenze sono un tipo di arredo che può essere collocato anche nella sala da pranzo o in salotto, perché di norma possiede un aspetto discreto ed ordinato.

Questo mobile è forse il “segreto di Pulcinella” in fatto di recupero spazi ed è inoltre sufficiente apporre semplici modifiche  – compatibilmente con il design e lo stile – o scegliere modelli già predisposti per ricavare ulteriore spazio.
Se infatti si aggiungono pochi centimetri (circa 15-20 cm al massimo) alla profondità standard dell’ingombro di questo genere di arredo è possibile collocare dei piccoli ripiani sulle ante, simulando in un certo senso quella che è la capacità contenitiva di un comune frigorifero.

In questo modo, sfruttando la verticalità del mobile, anche le ante diventano spazio adatto per riporre alimenti, barattoli e bottiglie. Più è alto il mobile, dunque, più cose può contenere. Naturalmente la capienza delle ante è limitata ad una certa categoria di contenitori e potete invece lasciare gli stipetti per le cose più ingombranti.

Credenza con spazio extra

Una cassettiera da té

Un altro punto strategico della zona living, e più precisamente del salotto, è sicuramente il tavolino da tè. Questo elemento è sempre più spesso apprezzato come contenitore e ne esistono molte versioni, con scomparti a vista, con ceste e scomparti a cassetto.

Comodo per riporre piccoli oggetti e non solo, in base alle sue variabili di design e allo stile in cui rientra potete avere un diverso spazio a disposizione e ripiani più o meno capienti. Di fatto si tratta di un arredo che in ogni caso viene utilizzato al 100%, a partire dalla sua superficie.

È una soluzione molto versatile che può essere inserita anche in ambienti ridotti. In alternativa al tavolino da tè potete comunque optare per un’ottomana a bauletto che possa fungere da contenitore, ma la separazione a scomparti è secondo me da preferire, perché rende più facile la gestione degli oggetti.

Tavolino da tè con cassetti

Un letto – comò

Anche in camera da letto, non è sempre facile trovare nuovi spazi oltre i soliti armadi, comò e comodini. Se la stanza è sufficientemente ampia si può pensare di aggiungere una cassapanca in fondo al letto, oppure (o in aggiunta) esistono strutture letto fornite di cassettoni anche per il matrimoniale.

Gli scomparti possono essere posizionati in fondo, ai lati oppure tutto intorno e questa è una soluzione che ben si adatta a numerosi stili. Ci risparmia ulteriori ingombri dello spazio calpestabile ed è una valida alternativa al classico letto contenitore.
I cassetti ci consentono anche qui di suddividere meglio la biancheria o gli altri oggetti in essi riposti, perciò questa è un’ottima soluzione anche per tenere più ordinata la stanza con facilità.

In alcuni casi anche la testiera si può trasformare in un ripiano utile per non riempire troppo il comodino (e chi ama leggere libri al letto prima di dormire può capire molto bene di cosa parlo), ma le varie opzioni si possono naturalmente combinare secondo il proprio gusto.

Letto contenitore con cassetti

Un caro vecchio sottoscala

Se avete un’abitazione disposta su due livelli, avere una scala può essere un comodo vantaggio. In base a come è disposta la vostra casa, il sottoscala può essere adibito a diverse funzioni ed è uno spazio a volte sottovalutato.

Può diventare un angolo studio per il computer, può essere uno spazio per accogliere una cucina (naturalmente su misura), un armadio oppure un classico ripostiglio. Il sottoscala può essere una vera comodità per recuperare centimetri preziosi.

Le soluzioni possibili prevedono mobili con cassettoni, librerie, stipetti e scaffali. Insomma non esistono regole e le possibilità sono davvero tante, più o meno articolate.

Mobile sottoscala

Tags: ,

 
 




Torna su