Archive for luglio, 2017






 
 
 

Il baule ridipinto con le pitture decorative Wilson&Morris

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee
Come rinnovare un vecchio baule con il colore

Sfumature green per riportare a nuova vita un vecchio baule inutilizzato!

Grazie alle fantastiche pitture decorative ricevute dal noto brand Wilson& Morris, questa sarà un’estate all’insegna del restyling attraverso il colore! La palette che abbiamo scelto e che ci rappresenta al meglio, è il verde in 5 raffinate nuance in gradazione: 1072 Green Fortune, 1069 Single Blade, 1071 Green Trail, 2010 Duck Egg, 1075 Cloudy Day


Come rinnovare un vecchio baule con il colore

I colori fanno parte della linea Emulsion Matt di Wilson&Morris, una pittura decorativa con base all’acqua, finitura opaca e vellutata al tatto. Si tratta di un prodotto di alta qualità, adatto alla decorazione di pareti e soffitti per interni ma utilizzabile anche per intonaci vecchi e nuovi, sia a base di calce che cementizi, cartongesso e legno, previa opportuna preparazione della superficie da trattare.

Nel caso specifico, prima di poter procedere con la nuova verniciatura del baule, è stato necessario scarteggiare interamente la superficie esterna per rimuovere il vecchio strato di colore giallo, utilizzando una levigatrice orbitale.

Come rinnovare un vecchio baule con il colore

Una volta rimosso tutto il vecchio colore abbiamo preparato il fondo applicando due mani di cementite bianca su tutta la superficie esterna.

Per il nuovo look abbiamo scelto di utilizzare tre colori: 1071 Green Trail, 2010 Duck Egg e il 1075 Cloudy Day


Come rinnovare un vecchio baule con il colore
Come rinnovare un vecchio baule con il colore

Prima di procedere con la verniciatura è stato applicato del nastro di carta per evitare sbavature e infine abbiamo steso i tre colori utilizzando un rullo di piccole dimensioni.


Come rinnovare un vecchio baule con il colore

Dopo una prima mano di pittura decorativa, lo abbiamo lasciato ad asciugare per circa 8 ore e poi steso una seconda mano di pittura.

Ed ecco il baule con il nuovo look, pronto per la sua nuova funzione contenitiva! 


Come rinnovare un vecchio baule con il colore
Come rinnovare un vecchio baule con il colore

La pittura decorativa è un elemento in grado di influenzare il nostro umore, di stiolare le nostre emozioni. La palette cromatica di Wilson&Morris offre una ricca gamma di sfumature per una scelta personalizzata del colore.

Tags: ,

 
 

Arredare col bambù, 5 mobili esotici per la casa estiva

Pubblicato da blog ospite in Idee, Things I Like Today

arredare col bambù la casa estiva

Arredare col bambù è la soluzione giusta per la casa estiva, per creare un’atmosfera esotica e regalare un tocco etnico all’ambiente

Se amate lo stile etnico e volete dare un tocco esotico alla vostra casa, una soluzione è quella di arredare col bambù, un materiale forte, leggero e naturale. Il bambù è un materiale molto flessibile e resistente e perciò estremamente versatile, sempre più usato da architetti e designer anche per essere ecosostenibile.
Le nuove linee di design sono modernissime ed eleganti, lasciando ormai al passato l’aspetto “artigianale” dei vecchi mobili in bambù. Nella casa estiva il bambù consente di creare ambienti dall’atmosfera etnica e coloniale che si sposa perfettamente al clima caldo e può essere declinato in infinite possibilità, sia per gli spazi interni sia per i mobili da esterno o i mobili da giardino.

Tokyo Chaise Longue di Cassina

Tokyo Chaise Longue in bambù

Chaise Longue in bambù

Questa elegantissima chaise longue ha una struttura di base e una seduta composta da 12 fasce di legno di bambù curvato e una linea minimalista ed essenziale. Progettata nel 1940 dalla designer francese Charlotte Perriand (che collaborò per oltre 10 anni con Le Corbusier e Pierre Jeanneret), la chaise longue Tokyo di Cassina è il risultato di un suo soggiorno in estremo oriente, che la portò a interpretare la realtà del’abitare mescolando tradizione e modernità, come negli arredi da lei prodotti, con le antiche tecniche di lavorazione del bambù.
E’ perfetta sia all’interno, per il soggiorno, sia per il giardino o la veranda!

Fare ombra con stile

paravento in bambù

Black199 dell’architetto Paola Navone, prodotto per Gervasoni1882, è un paravento in black bamboo con cornice in noce canaletto. Il bambù nero è una varietà di bambù proveniente principalmente dalla Cina e dal Giappone e i suoi steli neri (o quasi) particolarmente lucidi, sono stati molto apprezzati da architetti e designer negli ultimi anni.
Questo paravento è un oggetto dalla linea essenzialem modernissimo e versatile che può essere usato in interno o esterno e fungere da parete divisoria mobile oppure come schermo contro il sole cocente dell’estate.

Lampadario Flower, bambù al laser

lampadario di design in bambù

I lampadari in bambù regalano all’ambiente una luce calda e naturale e anche quell’atmosfera esotica che d’estate ci fa subito immaginare luoghi lontani e meravigliose isole tropicali. Questo si chiama Flower ed è un bellissimo lampadario a sospensione in bambù progettato dal designer olandese Djanim Fabian Van Der Schalk.
Semplice ed elegante, è ispirato alla simmetria del fiore con i suoi petali che si congiungono al centro.  Assemblate con lo stesso principio, le 30 lamelle in bambù di Flower lasciano passare la luce in modo progressivo, dal centro verso l’esterno, creando dei bellissimi giochi di ombre.
Le lamelle sono realizzate con pannelli di bambù tagliato a laser. Grazie alla tecnica del crash bambù, in cui il legno delle canne viene lavorato e pressato, si possono infatti creare dei pannelli dalla texture molto interessante e caratteristica.

flower - lampadario in bambù - design olandese

Otto, l’elegante ventilatore in bambù

OTTO ventilatore in bambù

C’è un caldo torrido ma non volete cedere alla tentazione dell’aria condizionata?
Potete optare per l’elegante ventilatore da terra OTTO  dell’azienda svizzera Stadler Form  con telaio in bambù ecosostenibile e con i piedini regolabili in altezza. Comodo, pratico e facilmente trasportabile, con la sua linea essenziale si può integrare perfettamente in quasiasi tipo di arredamento, caratterizzando l’ambiente con il tocco naturale del legno.

Arredare col bambù: il letto a baldacchino

letto a baldacchino in bambù

E per finire sul classico, ecco Coconut, il letto a baldacchino in bambù di Maison du Monde con tanto di tendaggi in tessuto bianco per filtrare la luce del sole. Esotico e romantico al tempo stesso, questo letto dallo stile etnico è perfetto per arredare la camera da letto della casa al mare. Il letto a baldacchino ha origini molto antiche, nato probabilmente già nel medioevo per creare intimità, riscaldarsi e proteggersi dagli insetti indesiderati ma ancora oggi può essere un elemento d’arredo particolare per rendere unica una stanza da letto.

LEGGI ANCHE: Geometria ed esotismo, Vito Selma e l’intrinseca bellezza del legno

Tags:

 
 

Happy Holiday

Pubblicato da blog ospite in REDaddress

Buone vacanze a tutti, ci rivediamo in settembre!


 
 

I cuscini da interno di Ambienti

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Decor

Ambienti Design è il nuovo progetto parallelo ad Ambienti, e non ne potrei essere più fiero!
Qualche mese fa ero determinato: trovare i fondi atti a finanziare il mio progetto che tanto covavo dentro.

 

Innumerevoli sono le richieste che ho fatto, altrettanti i rifiuti.
Un’azienda però, in me ci ha creduto: la Contrado; ad alcuni di voi potrebbe non suonare nuovo, infatti la Contrado è un’azienda con base in Inghilterra che si occupa di stampa in alta qualità su diversi sopporti in tessuto come cuscini appunto, ma anche vestiti e complementi.

Così, dopo aver ritenuto il mio portfolio idoneo è iniziata la mia nuova avventura, e con essa, il nuovo marchio di Ambienti, Ambienti Design accompagnato dal mio slogan Spread the Style, diffondi lo stile!

In realtà le collezioni pronte erano solamente una o due, tra cui Small Garden e qualcosa da Quote, quindi in poco tempo ho dovuto fare testa china ed impegnarmi nella creazione di nuovi design. Il risultato? Lo store ora conta 6 collezioni con 41 articoli in totale. Un vero record!
In ordine alfabetico, sono:

  • Boho-Chic
  • Old School
  • Ombrè
  • Once upon a time
  • Quotes
  • Small Garden

I mie design preferiti, a cui sono affezionato, sono due: il primo è Acchiappasogni, dalla collezione Boho-Chic, il secondo è Felis, il cuscino unicorno da Once Upon A Time.

Entrambi i cuscini sono stampati fronte e retro, e per entrambi è stata usata la tecnica del Backround; in realtà non so se esiste questa tecnica, io la chiamo così. Consiste nel scegliere un’ immagine e cancellare il superfluo; nel primo caso è stata scelta una texture oro, per il secondo cuscino invece una galassia.

Per vedere tutte le collezioni al completo potete farlo cliccando sul link: http://bit.ly/Ambienti-design

Lorenzo Damiani

Tags:

 
 

La casa nella roccia in Grecia

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors
Questa casa di pietra quasi si fonde con la collina rocciosa che caratterizza l’isola di Kea, in Grecia.
Distribuita in tre volumi, la casa è stata costruita su un terreno ripido, ergendosi dalla montagna in perfetto equilibrio con le abitazioni tradizionali circostanti e soprattutto con il contesto naturale.

The rock house in Kea, Greece

This stone house almost blends with the rocky hill that characterizes the island of Kea, Greece.
Distributed in three volumes, the house was built on steep terrain, rising from the mountain in perfect balance with the surrounding traditional houses and above all with the natural environment.

 

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Calcolo metri quadri casa: come realizzarlo?

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto

Calcolo metri quadri casa come realizzarlo

Quando abbiamo bisogno di arredare una casa appena acquistata o vogliamo rinnovare quella in cui abitiamo da tempo ci serve capire con esattezza quanta superficie abbiamo a disposizione per realizzare tutti i nostri sogni.

Vi avevo già spiegato, in un articolo sulla ristrutturazione del bagno, come fare un rilievo in scala per posizionare gli elementi esistenti, ma come funziona il calcolo metri quadri? Come facciamo a capire se nella stanza da letto possiamo inserire una scarpiera più ampia, una cabina armadio con spogliatoio o se nel bagno possiamo mettere sia una doccia che una vasca idromassaggio? In cucina un forno, una lavastoviglie e un bel frigo ci starebbero bene, soprattutto se si potesse creare una bella penisola dove poter anche mangiare. Sognare non costa nulla, ma bisogna fare i conti con le superfici che si hanno a disposizione. Il calcolo dei metri quadri non serve solo a questo, ma è utile anche quando si vuole costruire un cappotto esterno ed in ogni caso serve ad avere preventivi sempre più precisi dalle varie imprese a cui ci si è rivolti per i lavori.

Dalle nozioni di geometria agli strumenti giusti

Alcuni lavori necessitano di professionisti del mestiere, ma per altri si può cercare di fare da soli. Per calcolare i metri quadri di casa l’imperativo è quello di muoversi in maniera molto precisa ed usare gli strumenti giusti. Le pareti interne o esterne, ma anche i pavimenti richiedono strumenti di rilievo delle superfici diversi. Calcolare i metri quadri del pavimento sarà facilissimo e richiederà di tornare indietro nel tempo. Servirà cioè rispolverare le nozioni di geometria imparate alle elementari e trovare così l’area della superficie di un quadrato o rettangolo dopo aver controllato la forma esatta sulla pianta della propria casa. Come si calcola l’area di un quadrato? Sapendo la formula ci si accorge immediatamente che bisogna misurare la lunghezza di una parete. Per fare questo basterà utilizzare un semplice metro a nastro ed essere il più precisi ed accurati possibile. Per l’area di un rettangolo, invece, bisogna misurare ben due lati, ovvero la base e l’altezza. Anche in questo caso sarà il metro a nastro a correre in aiuto di ciascuno di noi, ma si potrebbe utilizzare, se lo si possiede, un misuratore laser. Quest’ultimo attrezzo diventa indispensabile se si vogliono misurare i metri quadri delle pareti esterne proprio perché è quasi impossibile riuscir a raggiungere tutte le altezze anche con l’utilizzo di una scala e di un metro a stecca ovvero un metro rigido.

Calcolo metri quadri casa come realizzarlo

Piccoli accorgimenti per non commettere errori

Quando si calcolano i metri quadri del pavimento bisogna considerare che per la posa di parquet o piastrelle dovrà essere calcolato uno scarto dovuto alle lavorazioni. Quando si calcola, invece, la superficie delle pareti per ricontrollare scrupolosamente i preventivi ricevuti dai vari professionisti, bisogna ricordarsi che gli imbianchini, ad esempio, rilasciano preventivi chiamati “vuoto per pieno” dove non viene sottratta la superficie di porte e finestre. Se, infine, si esegue il calcolo dei metri quadri casa per una valutazione dell’immobile, è bene sapere che il balcone, il terrazzo e il box dovranno essere considerati al 50% della loro metratura mentre per tutte le murature interne dell’immobile bisognerà aggiungere un 10% rispetto al calcolo ottenuto.

Calcolo metri quadri casa come realizzarlo

The post Calcolo metri quadri casa: come realizzarlo? appeared first on La gatta sul tetto.

Tags:

 
 

Le 4 migliori novità Ikea di Agosto 2017

Pubblicato da blog ospite in Easy Relooking, Idee

READ IN ENGLISH 

L’Ikea si preoccupa da sempre di migliorare il nostro stile di vita e di rendere il più piacevole possibile la quotidianità, realizzando prodotti a basso costo di cui vengono particolarmente curate la funzione, l’estetica e la qualità. Come ho potuto riscontrare più volte pone effettivamente una grande cura nel rispettare l’ambiente, tanto da organizzare controlli periodici dei prodotti realizzati per prevenire la possibilità di causare inquinamento.

Siamo fatti per cambiare” è il nuovo slogan che l’Ikea ha deciso di promuovere per il 2018, ponendo alla base dei suoi nuovi prodotti il tema del “cambiamento”. L’idea principale sarebbe quella di promuovere la realizzazione di prodotti innovativi, colorati e originali, ponendo grande attenzione alla sostenibilità.

In questo post voglio mostrarti alcuni dei prodotti più creativi e vantaggiosi che troviamo nelle anticipazioni di Agosto e che si ritroveranno anche nel catalogo 2018.

Comfort e innovazione: sedia ODGER

Mi è piaciuta a prima vista! Per le sue linee morbide e molto “nordiche”, mi ricorda la sedia Visu di Muuto  e in parte anche la Form Chair di Normann Copenhagen. Si tratta di una vera e propria icona del design, data la morbidezza delle linee e la sua innovativa realizzazione in legno e plastica riciclata. Oltre ad essere al passo coi tempi, risulta molto confortevole in quanto, grazie alla presenza di un sedile concavo, è perfettamente adatta a chi è costretto a starvi seduto per molte ore.

Un mix di prodotti perfetto per i bambini: serie letto SLÄKT

Hai dei figli? Se la risposta è affermativa, allora troverai questo prodotto assolutamente indispensabile per la cameretta dei tuoi bambini. La serie letto SLÄKT si adatta soprattutto ai bambini di età compresa tra gli 8 e i 12 anni. Un’età un po’ particolare in cui avere spazio per giocare nella propria camera è fondamentale tanto quanto poter condividere tale spazio con i propri amici.

La serie letto SLÄKT mi piace perché risulta funzionale in entrambi i casi perché include un elemento con rotelle che può servire da comodino, un letto con cassetti inferiore estraibile e una seduta con contenitore sottostante. Ovviamente il tutto è costruito nel massimo rispetto dei requisiti di sicurezza, così che i tuoi bambini avranno la possibilità di divertirsi da soli o in compagnia senza correre mai alcun pericolo.

La naturale bellezza del piano di lavoro PINNARP

Il piano di lavoro PINNARP è costruito in truciolare e presenta un rivestimento in frassino massiccio che ricorda alla perfezione la naturale bellezza del legno. Per di più è realizzato con una tecnologia innovativa e sostenibile, perché costruito nel pieno rispetto dell’ambiente e con l’utilizzo di una minore quantità di legno, ottenendo comunque un piano durevole e resistente sia all’acqua che all’umidità. PINNARP è caratterizzato da una finitura unica che dura nel tempo e, come tutti i piani di lavoro Ikea, ha una garanzia di 25 anni. Dunque il piano di lavoro PINNARP è perfetto per chi vuole rinnovare la sua cucina con un bell’effetto legno!

Novità Ikea 2018

Un dettaglio naturale per valorizzare i tuoi mobili: maniglie in pelle ÖSTERNÄS

Le maniglie ÖSTERNÄS sono assolutamente innovative perché vengono realizzate con la pelle ricavata dagli scarti di altri processi produttivi. Sono perfette per l’uso quotidiano perché molto durevoli e resistenti all’acqua.

Sono disponibili in due misure e sono utilizzabili sia in bagno che in cucina. Desideri dare un tocco di originalità ai tuoi vecchi mobili? Le maniglie in pelle ÖSTERNÄS esaudiranno il tuo desiderio, accompagnandolo con una piacevole estetica e una grande funzionalità.

Queste secondo me sono le novità più interessanti di Ikea per Agosto 2017 e 2018! Cosa ne pensi?

L’articolo Le 4 migliori novità Ikea di Agosto 2017 proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Il mondo del lusso nelle principali città italiane

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor
Castello Doria a Loano

Il lusso è un mercato che non conosce veramente crisi. Mercato per eccellenza, alimentato da una fascia di popolazione mondiale costante, sia locale che straniera, che permette il mantenimento di determinati standard qualitativi e il sempreverde giro di denaro legato a alta moda, ristoranti d’eccellenza, hotel di altissima qualità e abitazioni di lusso.
È proprio questo campo che diventa uno degli elementi trainanti per il nostro paese.

L’Italia infatti ha la fortuna di ospitare incredibili abitazioni e dimore storiche, cuore delle vacanze di lusso mondiali e dedicate ad eventi, soggiorni e a veri acquisti da parte dei paperoni internazionali.

Dimore storiche e ambienti ultralusso

Palazzo Donà Giovannelli Venezia
È proprio il lusso a far da padrone nel mercato immobiliare italiano, in un momento di stasi, e di lenta ripresa del mercato del mattone, pochi sanno che il mondo delle abitazioni di lusso non ha mai rallentato. Grazie anche a una forte domanda da parte di clienti stranieri, le case di lusso hanno continuato a mantenere il loro valore, dando l’occasione di effettuare incredibili vendite, o di essere affittate per vita o turismo in un sistema d’élite, perfettamente oliato e funzionante.


Le abitazioni di lusso sono diffuse in tutto il paese, dal nord al sud. Troviamo le splendide dimore storiche della Toscana, così come gli appartamenti ultralusso del nord Italia. Ogni area è caratterizzata dalla sua nicchia di mercato ma la qualità generale si rivela sempre altissima.

La Bagnaia Resort Immobiliare Percassi

Il lusso, può essere anche una grande idea di investimento. Acquistare un immobile di lusso offre infatti la possibilità di investire su un prodotto solido, capace di generare profitto, sia con la crescita di valore che con l’affitto dei locali, sia a scopo abitativo che per eventi e manifestazioni.

Ecco che il lusso diventa una fonte alternativa di rendita al troppo abusato mercato finanziario.

Una ricchezza tutta Italiana
Quando si parla di lusso l’Italia è davvero una delle mete più ambite, ecco quindi che troviamo clienti in cerca di case di lusso Milano, appartamenti nei principali centri storici nazionali, così come villette e poderi nelle aree di campagna dove il nostro paese non è davvero secondo a nessuno.


Attico su due livelli a Milano

Lo stile di vita Italiano così come la sua moda e le sue abitazioni rimangono quindi l’emblema mondiale del lusso e del benestare, tra isole e colline, il belpaese non perde la sua fama e la sua qualità da Dolce Vita nonostante crisi e problemi.




 
 

“LAGOM” is the new Hygge

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Design

“Lagom” è un avverbio svedese piuttosto difficile da tradurre, ma che racchiude in una sola parola un vero e proprio stile di vita.
Testualmente, significa “moderato”, “equilibrato”. Sta ad indicare un quantità giusta: né eccessiva, né carente bensì sufficiente. Nella quotidianità si concretizza nell’intenzione di possedere solo l’essenziale, trascorrendo un’esistenza semplice.
È un po come il nostro “in medio stat virtus”. Ovvero la virtù si trova nel mezzo tra un eccesso e l’altro. Non c’è bisogno di esagerare né di volere sempre di più per raggiungere la gloria e la serenità.

Non ho resistito e per entrare nel giusto mood, sono andata ad ascoltare la pronuncia su Google Translate. Suona un po’ come “lò!-gòm!”. 

Come hygge (di cui ti ho parlato qui) per il 2016, sembra proprio che lagom sia la parola svedese più popolare del 2017. 
È il concetto chiave del quieto vivere svedese che si riversa inevitabilmente anche sull’abitare uno spazio.
I “must” per una casa in linea con l’etica lagom sono tutti incentrati sul rispetto per l’ambiente.


RISORSE NATURALI

Dai materiali naturali, all’attenzione agli sprechi di energia. La filosofia lagom non lascia spazio a materie plastiche e  sovracconsumo, per il bene dell’ambiente e di chi lo abita.

Il legno, protagonista indiscusso, caldo e vivo e soprattutto ecologico. Ecologico, non solo perchè è naturale, ma soprattutto perché la lavorazione è a basso tasso d’inquinamento.
Dal parquet ai complementi d’arredo, il legno è il materiale più azzeccato per una casa lagom. La scelta del legno è ideale anche per i piccoli complementi ed utensili (ad esempio un appendiabiti o un tagliere).


La lana è perfetta per tappeti e wall hanging, ammessi “in medie quantità” per creare movimento ed aggiungere texture. La lana, è un prodotto cruelty free dai molteplici vantaggi. Dalla tosatura degli animali al prodotto finito, il processo produttivo non influisce negativamente sull’ambiente. Inoltre ci aiuta a scaldarci e quindi alleggerisce i costi del riscaldamento in casa.
Dunque, sì a tappeti, wall hangigs e morbide coperte di lana (meglio se handmade) per vestire l’ambiente e renderlo ospitale.


Una vera risorsa di sostenibilità: le piante. Da usare non solo per creare scenografici angolini decòr, ma anche per…mangiarle!
Sì, mangiarle, autoprodurre il cibo da portare in tavola, magari outdoor in un bucolico orto da giardino. C’è qualcosa di più ecologico?
Un’idea adorabile è dedicare una zona della cucina alle piante aromatiche, da cogliere al momento della preparazione dei pasti.


COLORI

In conformità con i principi di equilibrio ed assenza di eccessi, la palette su cui focalizzarsi per creare l’effetto lagom è senz’altro costituita da colori neutri. Una combinazione semplice e rilassante.
Grigi, beige e tortora su un rigoroso sfondo bianco. 


Le pareti candide, bandiera dello stile nordico, hanno una spiegazione. In Svezia, da Settembre a Marzo, le ore di luce sono poche. Il bianco, scelto in molti casi anche per gli arredi, migliora la percezione della luminosità, permettendo così di ritardare, almeno di un po’, l’accensione delle lampadine.
Tuttavia, sono ammessi degli accenti di colore in piccole quantità, come su un cuscino, una decorazione da parete o un piccolo oggetto.

SCELTA DEGLI ARREDI

Praticità e funzionalità sono le keywords da tenere a mente per la scelta dell’arredamento. 
La scelta ricade su mobili pensati per essere usati confortevolmente oltre ad essere belli da ammirare.

I pezzi vintage o semplicemente di seconda mano sono i prediletti. Sarebbe uno spreco comprare una nuova poltrona se ne hai già una in buone condizioni. Se invece è malconcia, ma ha un grande potenziale, con una nuova tappezzeria, del fai da te ed olio di gomito, tornerà come nuova.
Quindi assolutamente sì a pezzi da mercatino o vecchi arredi della nonna.


Un must have dello scandi-living è la stufa a legna. Perché a legna? è chiaro, perché è un combustibile naturale.
Le classiche stufe in ceramica cilindriche a tutt’altezza sono le più popolari su Pinterest.


Un’altro punto importante riguarda il come posizionare gli arredi
Una sedia accanto al camino, una mensolatura sulla scrivania, un appendiabiti vicino al letto. Soluzioni intelligenti ed utili, le preferite del vivere lagom
In più, c’è da fare attenzione a come si dispongono i mobili in base alla luce. Ad esempio, la zona ufficio può essere collocata accanto ad una finestra come anche la cucina ed il tavolo da pranzo, in modo da poterne usufruire senza accendere la luce, fino a che quella naturale non va via del tutto. Inoltre è bene non ostruire il passaggio della luce naturale con degli ingombri che ne limitano l’entrata indoor.


Lagom mi piace un sacco: è esattamente la mia filosofia di vita. Solo che non sapevo avesse un nome. 

E tu, sei un tipo da lagom oppure no? 

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Coprifornelli shabby chic e studio dei tessuti

Pubblicato da blog ospite in Decor, Nell'Essenziale
coprifornelli shabby chic

Per tutte le amanti dei coprifornelli shabby chic, eccone la serie a pois! Oggi vi parlo dei vantaggi dei tessuti scelti per la serie shabby chic e delle caratteristiche che questi tessuti hanno. Ma soprattutto vi racconto le motivazioni per le quali li ho scelti.

Coprifornelli shabby chic a pois in tessuto rustico

Per gli articoli in stile shabby chic per tutto quest’anno ho deciso di utilizzare il tessuto rustico in puro cotone a pois. Questo tessuto rustico l’ho abbinato al cotone avorio con lavorazione panama ed al tessuto Arno rigato. Tutte queste tipologie di cotone sono  tinte in filo. Sono tessuti resistenti ed adatti per un uso quotidiano in cucina. Il tessuto panama è un tessuto con una lavorazione particolare, anche questo è molto resistente ed adatto a tanti usi. La cosa meravigliosa di questo cotone è la morbidezza che associata al tipo di imbottitura in fibra di silicone termico dona a questi coordinati un aspetto soffice.

coprifornelli shabby chic

Studio dei tessuti che scelgo

Tutti i tessuti da me scelti hanno dei perché. Questo ti sembrerà strano ma io scelgo con cura i tessuti, e prima di proporli li testo e li studio.

Il tessuto rustico a pois

Il tessuto rustico a pois è un tessuto piu pesante e piu spesso rispetto a tutti i tessuti da me utilizzati. La trama di questa stoffa ha una costruzione a raso, che permette il motivo a pois tinto in filo.  Anche questa come tutte le stoffe che io utilizzo è  100% made in Italy, 100% cotone, tinto in filo. Inoltre le fibre sono state tinte con processo indanthrene, quindi non temono la candeggina, non scoloriranno con i lavaggi ed i colori rimarranno brillanti per lungo tempo. Il trattamento indanthrene è un tipo di tintura realizzata con coloranti organici al tino. Questi coloranti sono derivati  derivati dell’antrachinone e sono  particolarmente stabili alla luce, agli agenti atmosferici, ed ai detersivi. Fino ad oggi non ci sono studi rilevanti sulla tossicità del trattameto Indanthrene.

Il tessuto Arno

Il tessuto Arno è una stoffa in cotone 100% con motivo rigato. Questo tessuto è coordinato con il tessuto rustico a pois. E’  una stoffa tinta in filo perfetta per confezionare cuscini, tovaglie, grembiuli e tende. E’ resistente e non contiene fibra sintetica.

 

coprifornelli shabby

Il tessuto Panama

Il tessuto Panama è un particolare tessuto con armatura che raddoppia in pari numero i fili di ordito e di trama. Questo tipo di intreccio dona a queste stoffe una incedibile resistenza. In piu queste stoffe hanno subito il trattamento di sanforizzazione che limita il ritiro durante i lavaggi e assicura al copri fornelli (ed a qualsiasi mia creazione) una lunga, lunghissima durata…

coprifornelli shabby chic

L’imbottitura

Le imbottiture da me utilizzate sono in fibra di silicone termico resistenti alle alte temperature. Questa imbottitura fa si che il calore del ferro da stiro appiattisca il copri fornelli perché questa imbottitura non si scioglie al calore.

coprifornelli shabby chic

Insomma, le mie realizzazioni hanno una storia, i tessuti da me scelti hanno tanti perché …. Cio che vedete ora e che vedrete in futuro è frutto di uno studio e di una ricerca dei tessuti migliori in commercio che meglio possono adattarsi alle necessità quotidiane di cui abbiamo bisogno!

coprifornelli shabby chic a pois

Se vuoi vedere tutti i miei coprifornelli shabby chic puoi trovarli nella categoria dedicata. E sono tutti disponibili su ordinazione nel mio etsy shop!

Anche oggi ti ho raccontato un po di cose nuove, ma tu non dimenticare di lasciare il tuo parere a riguardo!

Ciao

Rosa

 

L’articolo Coprifornelli shabby chic e studio dei tessuti sembra essere il primo su Nell’Essenziale.

Tags:

 
 




Torna su