Archive for gennaio, 2018






 
 
 

Kiki Slaughter’s studio in Atlanta

Pubblicato da blog ospite in +deco

Adoro gli studi: il più delle volte raccontano la storia di una passione, non solo di un lavoro.

Lo studio di Kiki Slaughter ad Atalanta è meraviglioso, ha grandi finestre, pareti di mattoni e l’armonia dei colori dei suoi dipinti tutt’intorno.

L’ultima creazione di Kiki Slaughter è la carta da parati Oh La La in Verdigris  per FEATHR, parte della collezione  di carte da parati Oh La La. 

Questo rivestimento, con la sua palette di “verde menta tenue, verde mare tendente al blu con inserti di rosso mattone e terracotta” – come ben descritto sul sito di FEATHR, rappresenta lo sperimentale, spontaneo approccio pittorico dell’artista americana.

Guarda lo studio di Davide Dormino o gli studi degli stilisti Antonio Marras e Stella Jean e dimmi quale più si avvicna al tuo stile.

Se invece di piace l’idea del colore steso ad acquarello, ma preferiresti dei cuscini guarda quelli di Romo.

Photographs by Jimmy Johnston

The post Kiki Slaughter’s studio in Atlanta appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.


 
 

Angolo studio/lavoro in casa: qual è il tuo preferito?

Pubblicato da blog ospite in Idee, Maison Rock Coucou

Stavo “sfogliando” i miei soliti siti e blog che parlano di interiors, per tenermi aggiornata e trovare le ispirazioni per riprendere a scrivere il blog con continuità.
Così, mentre guardavo un post di sfgirlbybay, mi sono incantata davanti alle due fotografie che vedete qua sotto.

Senz’altro il tappeto dai colori così vivaci e vissuti ha contribuito a far soffermare il mio sguardo… spero di averne uno prima o poi! E ammetto che vorrei andare in Marocco solo per poterne acquistare!

Tappeto a parte, sono sempre stata attratta dagli angoli studio perché sono parte della mia vita, delle mie esigenze. Io ho un vitale bisogno di avere un angolo tutto mio dove mettermi a studiare e lavorare. Prendere appunti, fare i miei elenchi e schemi, creare progetti… dove mettere in moto il mio cervello!

E uno studio mi piacerebbe organizzato così:
postazioni da lavoro rettangolari appoggiate al muro… perché qui entra la mia parte puntigliosa e matematica che vuole tutto schematico, lineare e privo di distrazioni.
Un bel divano per leggere con comodità, per i momenti di relax e per ricevere.
E un tavolo con sedute attorno per riunioni e quando si ha la necessità di spazi più grandi.
Di queste due foto apprezzo soprattutto la disposizione delle aree, la funzionalità.

Ed è un periodo che ho veramente bisogno di un angolo lavoro tutto mio!
Sto iniziando un corso di modellazione 3D e rimango ore attaccata al pc dove devo avere tutto a portata di mano, perché l’ordine e l’organizzazione quando si studia e si lavora è fondamentale.
Ma devo anche essere comoda per le tante ore che resto seduta, devo avere una copertina perché stando fermi si ha freddo.
E allora, in questa nuova casa dove l’angolo lavoro non c’è, almeno per il momento, sapete come mi sono organizzata?
Con poltrona e tavolo da campeggio!
O mio Dioooo, lo so, lo so, è assurdo……………….. ma giuro, è così comodo che non vedo l’ora di sedermi e iniziare a lavorare. Almeno fino a quando non troverò una valida alternativa, ma che sia così comoda!

Sotto ho messo delle foto di angoli lavoro che per me sarebbero l’ideale, perché hanno proprio tutto quello che mi servirebbe. Guardate i pannelli da appendere alle pareti per attaccare gli appunti o per creare delle moodboard. Penso di aver scelto queste immagini solo per la presenza proprio di questi pannelli… e per il clima caloroso, informale ma pulito e ordinato, che tanto mi piace.

Quest’ultima postazione lavoro è per chi ha lavori creativi, immagino un angolo di una fiorista, una crafter… che meraviglia!

E da qui, dalla nostra Maison Rock CouCou è tutto per questa sera!
Buonanotte cari amici!

Elena

Crediti fotografici in ordine di apparizione:
thehousethatlarsbuilt, sfgirlbybay, thehousethatlarsbuiltbloglovin, bloglovin

Tags:

 
 

Il mezzo del futuro? La bicicletta

Pubblicato da blog ospite in Amerigo Milano

Parliamo di biciclette. Negli ultimi anni tornate di moda per innumerevoli motivi, tra i quali ambiente, salute e stile, sono il mezzo di locomozione preferito da chi vive la città in prima persona. Città come Milano, Londra, Parigi, San Francisco, Singapore oggi possono essere riscoperte con nuovi occhi, grazie proprio a questi mezzi di trasporto affascinanti e da sempre utilizzati.

Parigi in bicicletta

Ormai ne esistono di innumerevoli tipi, oltre alla classica bicicletta da strada o da sterrato, oggi siamo abituati a fare i conti con la pedalata assistita, con la bicicletta elettrica e molto altro ancora. In Amerigo Milano abbiamo deciso di dare la possibilità ai nostri clienti di scegliere se fornire la propria bicicletta con la pedalata assistita o meno. E cosa c’è di meglio di un gentiluomo a bordo di una due ruote con uno stile retrò ma dall’anima tecnologica?

gentleman in bici

Ma di cosa si tratta esattamente?

La biciclettta a pedalata assistita è il mezzo per tutti. Come le elettriche ha un motore, ma per chi già pensa a una somiglianza con un motorino, meglio chiarire le cose… anche a motore “acceso” si deve pedalare. 

pedalata assistita

La differenza rispetto a una bici tradizionale è proprio questa, l’aiuto che il motore dà al ciclista quando deve affrontare tragitti più lunghi o tratti in salitaSe già quella tradizionale è tornata di moda perché la sensibilità delle persone verso l’ambiente è in crescita come è in aumento l’attenzione verso il portafogli, la bici a pedalata assistita potrebbe riguadagnare il suo posto come mezzo ideale (e del futuro).

Le biciclette a Spazio Live

I vantaggi della bicicletta a pedalata assistita

Ambiente, salute, tempo e stile. Sono questi i principali vantaggi di una bicicletta a pedalata assistita.

In un mondo sempre più connesso e saturo di automobili e mezzi veloci, la bicicletta a pedalata assistita permette di riscoprire il piacere della mobilità dolce, di mantenersi in forma senza sforzi eccessivi e di utilizzare un mezzo di trasporto che è ricco di stile; Isidoro, Leopoldo, Leopolda e l’ultima arrivata in casa Amerigo Milano VERDERAME ne sono un esempio perfetto.

SCOPRI LA BICI VERDERAME, L’EDIZIONE LIMITATA DI AMERIGO MILANO

VERDERAME di Amerigo Milano


 
 

IL LUSSO E’ CONDIVISIONE E PERSONALIZZAZIONE

Pubblicato da blog ospite in Amerigo Milano

Il vero lusso  non riflette più l’esigenza di esibire ricchezza. Il concetto di lusso coincide con bisogni nuovi e con la voglia costante di essere immersi in un’esperienza unica (di viaggio, di acquisto, di vacanza, di soggiorno, …). 

In altre parole, i “nuovi consumatori”  aspirano ad acquistare prodotti e servizi di fascia alta, ma soltanto se i brand riescono a creare una connessione emozionale tra prodotto e acquirente: si vuole vivere attraverso l’acquisto un legame personale con il brand.

Il “nuovo lusso” è dunque CONDIVISIONE E PERSONALIZZAZIONE.

artigiani di Amerigo milano

Dopo la moda di personalizzare gli abiti, come la moda delle star di tutto il mondo di personalizzare il Poncho by Burberry.

Dopo la tendenza di incidere le iniziali sulle proprie borse, come le storiche Louis Vuitton, o le recentissime, e decisamente più urban, borse di Mia Bag e la Selfie Bag by le Pandorine, in cui è possibile decidere tra un nome intero o semplicemente le iniziali, ecco che la tendenza si sposta sulle scarpe e più precisamente sulle SLIPPER.

La fantasia dei nomi non ha limiti ed ogni pezzo diventa unico ed esclusivo.

slipper amerigo milano 

In questo modo le slipper possono avere una marcia in più grazie al “proprio e personale contributo”  creativo.  

Amerigo Milano ha fatto sua questa moda ed ha creato slipper dove è possibile anche  ricamare le iniziali del proprio nome. Questa nuova moda affascinerà sicuramente tutti le fashion addicted che non potranno rinunciare a questo nuovo “lusso”.

slipper da donna amerigo milano

Ma dove poter personalizzare le proprie slipper? Bhe , si ha solo l’imbarazz della scelta. Infatti è possibile ricamare le proprie inizali  sia lateralemnete che nella parte frontale .

slipper da uomo amerigo milano

Personalizzare le scarpe è diventato quasi un obbligo per le vere fashioniste ed è così che una slipper può essere diventare espressione della propria personalità

slippper pink

Buon shopping creativo e buona condivisione sui social !


 
 

Rainforest Residense in Noosa National Park, Australia

Pubblicato da blog ospite in Nook Twelve

Rainforest residence is the perfect caption this home immersed in the treescape and seascape.

Tucked away in the foliage of Australia’s Noosa National Park, this rainforest residence is an epitome of tropical tranquillity. The once disconnected 1980s holiday home has been refurbished by Mim Design as a modern sanctuary that encapsulates its idyllic surrounds, aptly named ‘Edge of the Rainforest’. It is a place of retreat to relax, slow down and enjoy life’s simple pleasures.

Rainforest Residense Noosa National Park Australia - Nook Twelve

Across three levels Mim Design have revamped both the exterior and interior. The primary focus of the design process was to be considerate of the tropical environment, first addressed in the layout. Mim Design reworked the home to accommodate an expansive kitchen and a basement entertaining area, topped with a fourth bedroom and ensuite. Of course at no stage were the lush surrounds forgotten, instead they’ve been built into the kitchen clear glass splashback and linked by the balcony extension. The black-frame windows capture both the view of high palm branches and undergrowth, with unobtrusive shutters to appreciate fresh air and filtered natural light.

Rainforest Residense Noosa National Park Australia - Nook Twelve

Rainforest Residense Noosa National Park Australia - Nook Twelve

Stripping away the artificial and privileging the coastal throughout, Mim Design have complemented the striking greenery from the outside with a palette of the neutral and navy. To attune the home with its beachside locale, the interior relies on the smoothness of marble, smoked oak floors and white lining boards as joinery. It is a refined reflection of easy living and the perfect blend of shared and private, speaking with refreshing comfort in soft furnishings. There is no lack of quiet space, with cosy nooks ready for you to curl up, reflect and rejuvenate.

Photography Andrew Richey | Info Est Living

Rainforest Residense Noosa National Park Australia - Nook Twelve

Rainforest Residense Noosa National Park Australia - Nook Twelve

Rainforest Residense Noosa National Park Australia - Nook Twelve

Rainforest Residense Noosa National Park Australia - Nook Twelve

Rainforest Residense Noosa National Park Australia - Nook Twelve

The post Rainforest Residense in Noosa National Park, Australia appeared first on Nook Twelve.


 
 

Restyling di due camere superior per un’elegante b&b al centro di Roma

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Non Ditelo all'Architetto

 b&b al centro di Roma b&b al centro di Roma
b&b al centro di Roma

Poco prima dell’estate ci siamo occupate del restyling di due stanze di un elegante b&b al centro di Roma  il Domus Cavour; il desiderio del committente era quello di personalizzare maggiormente due camere della sua struttura e dotare una di queste di ulteriori confort, grazie all’aggiunta di una parete attrezzata multifunzione, con rastrelliera porta abiti, piano per il bagaglio e scrivania.

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma b&b al centro di Roma b&b al centro di Roma

Le due stanze erano già originariamente caratterizzate dal colore, che veniva ripreso anche negli eleganti bagni in marmo, dunque abbiamo deciso di mantenere vivo l’aspetto cromatico esaltandolo e valorizzandolo maggiormente, accostando al colore della stanza blu una carta da parati dalla fantasia argento e alla stanza rossa la stessa carta in versione dorata; in entrambi i casi sono state rifoderate con le carte da parati anche le applique e i lampadari, realizzazioni artigianali eseguite da I l l u m i n a m i 

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma

L’unione dell’argento e del blu nella camera ha generato la stanza della luna, elemento presente nel paesaggio della carta da parati di Marimekko acquistata da Pavart e ripreso da una tela appesa dietro al letto, nonostante le cromie fredde la camera è risultata elegante ed accogliente ed anche molto più ampia, grazie all’eliminazione di una tavola che faceva da piano da appoggio posto sotto la finestra, che ora accoglie delle bellissime tende d’arredo color tortora lunghe fino a terra.

La nicchia, prima completamente spoglia, è stata arredata, come detto, da una parete attrezzata realizzata su disegno, con il piano di legno che riprende l’essenza delle porte e dell’armadio preesistente ed elementi in plexiglass, che alleggeriscono la struttura e la rendono moderna e di design. Il plexiglass è stato utilizzato per realizzare anche uno dei due comodini e la mensola sotto la tv, che serve da piano per il bollitore e le tisane.

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma

Vari arredi della stanza blu sono stati recuperati e rivalorizzati grazie al colore, come la testata, il comodino e lo specchio. Sono stati ridipinti di argento dalla nostra decoratrice Francesca Rossetti con un’effetto molto particolare che li ha portati a nuova vita; alla testata è stato inoltre aggiunto un elemento tessile asimmetrico, che riprende la fantasia di cuscini e coperte.

La stessa cosa è stata fatta anche nella camera rossa, in questo caso la testata ha mantenuto il colore del legno originale, trattandosi di una stanza dai toni molto più caldi e per questo intitolata al sole (come ci ricorda la scultura scelta per la parete dietro al letto).

Come dicevo, anche in questo caso, è stato realizzato un elemento parallelepipedo tessile da aggiungere alla testiera preesistente, per arricchirla e personalizzarla.

Entrambe le stanze presentavano inoltre, dietro alla testata, dei riquadri a parete con profili di stucco, l’impostazione degli arredi e dei dettagli dunque, era abbastanza classica, ma si sono sfruttati in modo creativo, dipingendoli a contrasto, per creare un effetto eclettico e moderno, per due camere più contemporanee e di design, perfettamente in linea con il target al quale si rivolge la struttura.

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma

b&b al centro di Roma b&b al centro di Roma

 

 

L’articolo Restyling di due camere superior per un’elegante b&b al centro di Roma proviene da Architettura e design a Roma.

Tags:

 
 

Dal Giappone le ciabatte che si parcheggiano da sole

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee

La nota casa automobilistica Nissan ha pensato di sfruttare l’innovativo sistema di guida autonoma ProPILOT Park per un uso quotidiano, testandone il risultato in un hotel di Hakone, località vicino al monte Fuji.

L’hotel si presenta come un tradizionale ryokan giapponese : pantofole allineate in ordine all’ingresso, camere tatami arredate con bassi tavolini di lacca rossa, cuscini sui pavimenti perfettamente in ordine. La particolarità è che in questo hotel pantofole, tavolini e cuscini sono tutti dotati con una speciale versione della tecnologia di guida autonoma ProPILOT Park di Nissan e quando non vengono utilizzati è sufficiente premere un pulsante per vederli tornare in ordine al loro posto.


Il ryokan di Hakone testerà per un determinato periodo di tempo questa tecnologia innovativa sia per intrattenere i propri ospiti che per diminuire il carico di lavoro del personale, mentre Nissan lo utilizzerà come premio per un concorso su Twitter che mette in palio una notte per 2 persone.
Per i più disordinati è certamente una grande comodità!


 
 

Arredare il giardino o la terrazza per tutte le stagioni

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
come arredare il giardino o la terrazza rendendo lo spazio fruibile sia d’estate che d’inverno
Chi possiede una casa con giardino o un appartamento con terrazza, ha una grande fortuna, soprattutto nelle stagioni calde quando ci si può rilassare all’aperto circondati dalla natura. Il problema si pone con l’arrivo del freddo, quando le basse temperature, la pioggia e la neve ci costringono a restare chiusi in casa con il desiderio che arrivi presto la primavera.
Sfruttare il giardino o la terrazza anche durante l’inverno è possibile, grazie alla scelta di soluzioni innovative in grado di ripararci dal freddo, scegliendo l’arredamento nei materiali giusti e inserendo complementi e accessori adatti a qualsiasi stagione.
Ecco per voi idee e consigli su come arredare il giardino o la terrazza rendendo lo spazio fruibile sia d’estate che d’inverno. Per farlo abbiamo selezionato per voi alcune delle soluzioni dedicate al giardino, proposte dall’azienda Fiorin Mauriziodi Treviso.  Leader nella produzione e distribuzione di complementi di arredo e mobili da giardino da ben tre generazioni, Fiorin si distingue proprio per il suo ricco assortimento di prodotti per vestire con stile gli spazi all’aperto, rendendoli funzionali e confortevoli tutto l’anno e sempre con un occhio di riguardo al “Made in Italy” e al design


Pensare alla copertura

Il primo passo per poter usufruire degli spazi outdoor durante i mesi più freddi, è la scelta di una copertura.  Le pergole bioclimatiche rappresentano oggi la soluzione più innovativa ed ecologica presente sul mercato. Realizzate prevalentemente in alluminio, le pergole bioclimatiche dispongono di una copertura formata da lamelle orientabili che durante l’inverno si chiudono completamente impedendo il passaggio di acqua, vento e neve. Per una maggior protezione è sufficiente chiudere il perimetro con delle pareti vetrate.

Pergola bioclimatic PRATIC
Pergola bioclimatic PRATIC
La pergola bioclimatica si può addossare alla parete, integrare direttamente nell’architettura, oppure optare per una struttura autoportante con pilastri. A seconda della superficie a disposizione si possono creare coperture di grandi dimensioni affiancando più moduli, oppure si possono richiedere soluzioni su misura.  Lo spazio che si crea diventa una vera e propria stanza in più della casa, a metà tra esterno e interno, perfetta sia in estate che in inverno grazie alle ampie aperture scorrevoli.  Le pergole offrono inoltre la possibilità di mettere al riparo le piante più delicate durante l’inverno.
Pergola bioclimatic PRATIC
Pergole bioclimatic PRATIC
Arredamento
Il giardino o terrazzo va arredato in modo funzionale ed innovativo, con elementi che possano andar bene sia durante il caldo periodo estivo che durante quello invernale, ma prima di pensare all’arredamento occorre stabilire le diverse funzioni.

A seconda dello spazio a disposizione, possiamo creare una zona pranzo e una seconda area destinarla al nostro relax con un comodo divano o delle poltrone.  In fase di scelta dei mobili da giardino occorre, però, fare attenzione ai materiali con cui sono realizzati, che dovranno resistere agli agenti atmosferici e ai raggi solari. L’azienda Fiorin propone soluzioni di altissima qualità, in grado di durare a lungo mantenendo intatte le caratteristiche dei prodotti.

Moltissimi i tavoli da giardino, realizzati in differenti materiali proprio per rispondere alle diverse esigenze di spazio e stile: alluminio verniciato, acciaio zincato a caldo e verniciato, tavoli in teak combinato all’alluminio o all’acciaio, in robinia oppure tavoli con piani in pietra vulcanica ceramizzata. Il tutto, naturalmente, da coordinare con comode e pratiche sedie da giardino, pieghevoli o fisse, ma anche sgabelli e panche.

Tavolo da giardino MILO by Talenti
Tavolo da giardino MILO by Talenti
Tavolo in alluminio SUSHI allungabile o fisso
Tavolo da giardino SUSHI in alluminio 
Tavolo in teak allungabile IXIT di Royal Botania
Tavolo da giardino in teak IXIT allungabile di Royal Botania
Per la zona relax e i momenti di convivialità, invece, non può mancare un divano, al quale, se lo spazio non manca, abbinare delle poltrone, una chaise lounge, oppure dei puff.
Poltrone e divani da giardino proposti da Fiorin sono la scelta ideale i per valorizzare gli spazi esterni con stile, senza rinunciare a comodità ed affidabilità. Articoli di design che rispecchiano le tendenze più attuali, realizzati in alluminio, leggeri e facili da spostare, corredati da tessuti antimacchia, idrorepellenti, resistenti ai raggi UV e agli agenti atmosferici, sedute completamente sfoderabili per una maggior praticità.

Divano 2 posti con braccioli AIKANA by FAST
Divano 2 posti con braccioli AIKANA by FAST
Chaise Longue a pozzetto by GART
Chaise Longue a pozzetto by GART
Divano modulare CASILIDA by Talenti
Divano modulare CASILIDA by Talenti
Personalizzare lo spazio: complementi e accessori décor
Una volta definito l’arredamento per il giardino o la terrazza, occorre completare lo spazio inserendo complementi e accessori in grado di valorizzare al meglio l’ambiente e renderlo più personale: una lampada per illuminare il tavolo, una seconda per la zona divani, magari anche un bel tappeto, vasi per le piante, candele e molto altro ancora. Per sfruttare lo spazio anche d’inverno è possibile inoltre prevedere l’inserimento di un caminetto.

Lampada BALAD e set giardino di FERMOB
Lampada BALAD e set tavolo da giardino by FERMOB
Anche in questo caso Fiorin si rivela il partner giusto con tanti complementi d’arredo e accessori che renderanno unico il giardino o la terrazza: lampade da giardino, pavimenti, tappeti per esterni, caminetti in bioetanolo e torce, vasi in polipropilene, il tutto proposto in diverse forme, colori e dimensioni.
Tappeto da estrno LOOM
Tappeto da estrno LOOM
Se il vostro desiderio è realizzare uno spazio dallo stile semplice e moderno, o quello di creare uno spazio outdoor elegante e raffinato, l’ampio assortimento dell’azienda Fiorin è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di arredamento di giardini e terrazze. Per toccare con mano la qualità dei loro prodotti è possibile visitare il loro showroom a Treviso, uno spazio di ben 1000mq, oppure potete acquistare comodamente on line mobili e complementi per il vostro giardino e per qualsiasi informazione o necessità, un servizio clienti è sempre a vostra disposizione!
Per maggiori informazioni e scoprire tutte le proposte www.fiorinmaurizio.it



 
 

Palladiana e Corrispondenza, le novità di Ceramica Bardelli

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI

Ognuno di noi fa un percorso sia scolastico che lavorativo e durante questo percorso fa degli incontri, che possono essere fugaci, fortuiti o duraturi.

Dopo la laurea in architettura, come la maggior parte dei laureati, ho fatto la gavetta in diversi studi e devo ammettere che, insieme alla mia sensibilità in materia di colori, texture e materiali, hanno contribuito a formare l’architetto che sono oggi.

Mi sono occupata di progettazione di edifici, di uffici, di showroom, ma è stato con le ristrutturazioni per i privati che ho iniziato a valutare meglio i materiali e ad apprezzarne le loro peculiarità.

Proprio nel periodo che ha dato il via alla mia indipendenza lavorativa, ho iniziato a interessarmi al mondo di Altaeco Spa. Sotto questo nome troviamo i brand che tutti conosciamo bene: Ceramiche Bardelli, Ceramica Vogue Appiani. Sono per me da sempre sinonimo di qualità e design e, ognuno con le proprie caratteristiche, capaci di interpretare la tradizione italiana in chiave contemporanea. Diversi i bei progetti in cui ho potuto giocare con gli infiniti colori di Ceramica Vogue, con i mosaici di Appiani e con le famose piastrelle Bardelli firmate da Fornasetti, Ronald van der Hilst, Ruben Toledo, Maddalena Sisto, Marcel Wanders, Nigel Coates solo per citare alcuni.

Oggi voglio soffermarmi proprio su due nuove collezioni di Ceramica Bardelli, davvero straordinarie. Anche se dissimili e ideate da due studi di design per motivi a sé stanti, le trovo estremamente legate tra loro per presenza scenica; i designer sono riusciti a creare un dialogo tra passato e futuro e un gioco sapiente di linee, che formano patterns geometrici di forte impatto.

Mi riferisco alla collezione Palladiana, opera di Studiopepe, e alla collezione Corrispondenza di Dimore Studio. Come vedete i designer tirati in causa da Ceramica Bardelli non hanno bisogno di presentazione. Sono tra gli studi milanesi (per non dire italiani ed internazionali) più interessanti e in voga da diversi anni. Il loro percorso visivo è anche un percorso emotivo, capace di prendere ispirazione dal passato per riportarlo alla luce, trasformato, reinterpretato, riattualizzato e al contempo visionario.


 

Inizio con il parlarvi della Palladiana.

Questo nome non è nuovo, visto che la palladiana o opus incertum altro non è che un tipo di pavimentazione composto da scarti di marmo o di pietre di tagli diversi e irregolari. Il suo nome deriva da Palladio che di questa tecnica ha fatto uso in molti edifici.

Studiopepe realizza la Palladiana, ma accosta materiali diversi per tipologia e natura, come pietre, gessi, cementi, tessuti e legno, li miscela sapientemente creando sfumature di colori e mezzitoni. Il gioco che si realizza interagisce con l’ambiente circostante senza prevaricarlo per esaltare, invece, le valenze estetiche dell’interior design.

Quattro le famiglie di colore: grigio chiaro,

nero antracite,

beige

e una versione policroma con tonalità pastello.

La collezione si completa con altre 3 varianti, decorate nelle tonalità grigio, nero e beige, pensate per arricchire ulteriormente la sua versatilità.

L’alfabeto cromatico sviluppato da Palladiana, grazie all’utilizzo di colori morbidi e nuance terrose, dà alla collezione un risultato finale moderno ed estremamente contemporaneo. Una gamma di colori, raffinata e perfetta, per valorizzare qualsiasi ambiente residenziale o per impreziosire pavimenti o rivestimenti di ambienti extra residenziali.
Palladiana, con i suoi abbinamenti cromatici insoliti e i suoi schemi decorativi sempre diversi, richiama quel tocco di eleganza e pregio tipico delle grandi dimore signorili italiane, che hanno contribuito a diffondere nel mondo il gusto raffinato del design italiano sin dai tempi più antichi.

 

La collezione Corrispondenza nasce da un evento fortuito, come gli incontri di cui vi parlavo all’inizio. Il designer Emiliano Salci trova un libro risalente agli anni ’30 o ’40 del secolo scorso, in cui vede fogli di lettere, di corrispondenza appunto, piegate in diversi modi. Questo gioco fatto di linee e figure geometriche ispirano la collezione, in cui l’imperfezione della manualità e dell’artigianalità crea un mondo tribale, un caleidoscopio policromo dai toni smorzati e morbidi, dove sette disegni geometrici essenziali si intersecano tra loro per suggerire la magia delle sfaccettature degli origami.

Corrispondenza, grazie allo schema geometrico e ai colori vivaci e ricercati, è una collezione ricca di dettagli capace di rendere semplice e sofisticato ogni progetto di interior design. In virtù della sua produzione manuale, ogni piastrella differisce dalle altre, divenendo unica nel suo genere e ideale complemento d’arredo, elegante e raffinato.

Adatta per essere posata a rivestimento o a pavimento, la collezione Corrispondenza è composta da sei tinte unite in abbinamento, disponibili nel formato 20×20 cm, spessore 7 mm.

 

Non so se voi avete colto tra loro quella possibilità di dialogo che io ho avvertito in entrambe le collezioni. Vi lascio però con una foto scattata da Helenio Barbetta per Elle Decor, durante il Cersaie 2017 presso lo stand Bardelli; questa immagine visivamente interpreta il mio pensiero.

via Instagram

Le foto del servizio sono state fornite da Ceramica Bardelli.


 
 

Appartamento a Kiev!

Pubblicato da blog ospite in Voglia Casa

Una meravigliosa scoperta questo appartamento a Kiev, firmato da Denis Krasikov.

Semplicemente splendido l’ utilizzo dei colori e dei materiali in cucina. Bianco, verde e legno. Accostamenti sensazionali che impreziosiscono l’ambiente senza renderlo banale.

Quale ragazzo non vorrebbe una camera con Batman alle spalle di un letto entusiasmante e prospettiva centrata verso un grande schermo con consolle per videogame? Una stanza studiata ad hoc per un giovane uomo che cresce.

Ingresso e stanza padronale molto luminosi! I colori cambiano decisamente rendendo più femminile la stanza da letto della mamma con veri e propri tocchi di design.

Cosa dire, un progetto da cui trarre sicuramente ispirazione.


 
 




Torna su