Archive for marzo, 2018






 
 
 

Le Api e il design. Una connesione perfetta!

Pubblicato da blog ospite in Design, Home Lacò

Le api stanno lentamente scomparendo dal nostro pianeta. Questo è un grave problema per il nostro ecosistema. Nel Sudest della Cina gli alverai sono quasi del tutto estinti ed il governo cinese è dovuto correre ai ripari promuovendo una costosissima e complicata “impollinazione manuale”. Esatto i fiori vengono impollinati uno ad uno manualmente!

Le api giocano un ruolo fondamentale per il nostro ecosistema, perchè oltre ad essere le migliori indicatrici della presenza di inquinanti nell’aria sono fondamentali nella produzione alimentare, di fatto senza di loro chi impollinerebbe le coltivazioni?

E’ stato appurato che se le api scomparissero dal nostro pianeta, la presenza dell’uomo ne sarebbe gravemente compromessa.

Il design, oggi come ieri serve a risolvere i problemi della vita di tutti i giorni e il progetto di cui voglio parlare è proprio in risposta a questa necessità e c’entra con le api più di quanto voi possiate immaginare.

Francesco Faccin, designer fra i più promettenti nel panorama internazionale contemporaneo, sensibile alle problematiche sociali, ha lavorato a questo tema nell’ambito di Expo Milano 2015, cercando di capire come il design potesse affrontare questo problema.

L’idea di partenza è stata quella di creare all’interno delle città un “contatto più diretto” con le api e l’apicoltura, avvicinare quindi le persone al concetto di “cultura urbana”, spiegando che con le dovute attenzioni, si può non avere paura delle api.

Partendo dal dato di fatto che le api si innervosiscono quando ci si avvicina all’arnia, dopo un’anno di ricerca, in collaborazione con apicoltori e università, è stato realizzato il prototipo di Honey Factory, un’arnia urbana, progettata e realizzata in modo tale da “spostare” letteralmente il problema del contatto diretto con l’arnia. Come?

Inserita all’interno dei parchi delle città è stata progettata in modo da spostare all’altezza di 4 metri e mezzo l’ingresso delle api all’arnia, questo permette all’uomo di potersi avvicinare senza pericolo e attraverso una porta a vetri è possibile guardare l’operosità delle api.

L’arnia urbana, Honey Factory, oltre ad essere un oggetto di arredo urbano ed un dono per la città che l’accoglie, è anche il centro di attività e di informazione sulla tematica dell’apicultura urbana e luogo di produzione di miele.

Numerosi sono stati i premi vinti da questo ambizioso e sostenibile progetto ed è in atto una campagna di distribuzione mondiale, ho voluto parlarne perchè sebbene questo sia un progetto in evoluzione, mi auguro possa crescere e sono convinta che un cambiamento globale dei nostri stili di vita passi a volte dal coraggio di portare avanti le semplici intuizioni.

Oggi parlare di design ci porta con la mente alle meravigliose immagini che troviamo sul web di case e oggetti, ma il design è sopratutto quello delle idee che si riescono a concretizzare non solo in casa ma anche in un’idea di città diversa, intelligente e sostenibile.

A seguire il video del progetto presentato alla triennale di Milano nel 2017.

Spostare l’ingresso all’arnia a 4,5 metri di altezza permette alle persone di avvicinarsi all’arnia senza alcun problema

 

Salva

L’articolo Le Api e il design. Una connesione perfetta! proviene da .

Tags:

 
 

[#DIY] Pasqua fai da te con uova glitter

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni

Pasqua fai da te con uova glitter

In cerca di idee last minute per le decorazioni di Pasqua? Basta solo un po’ di colla e polverina glitter per creare uova scintillanti per Pasqua.  Usale per decorare la tavola, l’esito sarà sorprendente!

Bisognerà prima svuotare le uova oppure comprare quelle di polistirolo o plastica. Poi cospargi uno strato omogeneo di colla vinilica sul guscio. Metti in una ciotola i glitter e immergi l’uovo finché non ne sarà totalmente ricoperto oppure puoi sceglierne di fane solo metà o dei grossi pois. Fai asciugare e poi ritocca eventuali parti non ricoperte dai glitter. Ecco che così avrai delle uova di Pasqua decorate fai da te davvero bellissime. Guarda il tutorial completo qui sul blog thegirlinspired.

BUONA PASQUA

da Anna e Marco

CASE E INTERNI


 
 

Ila Y Ela

Pubblicato da blog ospite in Le Cose Semplici

Composición_león_rosa_cuadrada

Quest’anno mio marito ed io abbiamo deciso di dare una ” rinfrescata” alla camera di Melissa: ormai ci avviciniamo al quinto compleanno e giustamente le sue esigenze sono cambiate.

11

Abbiamo quindi deciso di acquistare un nuovo letto e una nuova cassettiera.

15

Nessun stravolgimento drammatico, lo stretto necessario.

13

Punteremo semmai molto sui complementi d’arredo , per dare una aria nuova alla stanza.

IMG_20170429_125722

Girovagando su Pinterest mi sono imbattuta su questo brand spagnolo, Ila Y Ela , che ha delle cose veramente carine.

7

Cuscini. ghirlande, sonagli, leoni e meduse: si può trovare davvero di tutto nello store di Ila Y Ela.

2

Dal sapore un po’ vintage , un po’ nordico, tutti gli oggetti sono creati  a mano con materiali naturali ( lana, cotone o alpaca ), con un design semplice ma di forte impatto.

MEDUSA_MOSTAZA_2

león_colores

Cisnes_blancos_2_tamaños

banderola_duende_rosa_P_WEB

sonajero_rosa-bebé_cuadrado

Natalia Breton è la creatrice di tutto questo:la sua abilità e la sua fantasia si fondono perfettamente dando vita a questi simpatici oggetti.

Composición_cuadrada_león_colores

básicos_marfil

17

19

Una bellissima idea per un regalo speciale , originale e unico.

18

3

6

 

 


 
 

Come arredare le sale in affitto per feste di tendenza 

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Parlare di arredamento non significa soltanto parlare di casa, anche se è questo lo spazio a cui siamo abituati a pensare. Arredare vuol dire sì, rendere piacevole l’ambiente in cui si vive e che si frequenta, ma anche fonderlo perfettamente con le nostre esigenze. Per questo se scegli sale in affitto per feste dovrai avere come obiettivo quello di arredarle al meglio.
Tutti desiderano uno spazio perfettamente in sintonia con la propria personalità, i propri gusti e,  non meno importante, con il tema che hanno scelto per i festeggiamenti.
Ogni festa ha un suo carattere che è esattamente quello che contraddistingue chi la organizza. Avere un arredamento originale e personale per feste di tendenza è semplice, basta seguire alcuni consigli molto facili da applicare in ogni luogo, anche nelle sale in affitto.
La scelta per arredare la sala può essere quella di farsi aiutare da un esperto del settore o, come sembra essere preferito da tempo, affidarsi alla propria creatività perché il fai da te rappresenta la nuova frontiera in ogni settore, specie in quelli che riguardano feste ed eventi di qualsiasi genere. Nonostante questo, affidarsi a chi conosce bene questo tema è la soluzione ideale.

Consigli per arredare sale in affitto per feste

Una festa è sempre un’occasione speciale per celebrare qualcuno, si parla di compleanni, ma anche di lauree, battesimi, matrimoni, traguardi importanti anche per quanto riguarda il lavoro. Insomma, ogni occasione è buona per festeggiare e, più la festa è personale, migliore sarà il risultato.
Per puntare all’obiettivo della personalizzazione della festa si dovranno mettere in pratica dei consigli. Il primo è sicuramente quello di rispettare tema e carattere dell’evento, ma anche del festeggiato perché altrimenti si perderà l’essenza più profonda della festa che non è soltanto un modo legato all’immagine per celebrare qualcuno, ma è soprattutto un modo per stare insieme alle persone che desideriamo con noi in un giorno importante.
Per rispettare questo elemento sarà necessario fare attenzione ai colori che dovranno essere quelli preferiti dal protagonista della giornata o rispettare le regole della propria facoltà se si tratta di una laurea. Il colore per la riuscita di una festa è a dir poco fondamentale.
Altro consiglio è quello di non dimenticare gli accessori che possono essere candele ai tavoli, barattoli per eventuali confetti che dovranno essere dello stesso colore del tema principale della festa, addobbi a scelta che non dovranno sembrare quelle delle feste di compleanno dei bambini, ma qualcosa di più strutturato.

Qualcosa in più del colore e degli accessori

Colore e accessori sono i due elementi da cui non puoi prescindere se scegli sale in affitto per feste che vanno necessariamente arredate, ma non sono gli unici.
Pensate di illuminare a dovere lo spazio che avete scelto come vostro per un giorno, perché una festa poco illuminata non farà certo grande effetto. Si potranno scegliere luci minimal e un po’ soffuse, magari facendosi aiutare dalle candele che si è già posizionato nella sala o, se è una festa divertente dove si balla, si potranno scegliere luci forti e colorate. Attenzione però a non rendere il tutto troppo forte, l’eleganza deve essere messa sempre al primo posto.


 
 

Easter table ideas

Pubblicato da blog ospite in REDaddress

Dalle idee per la tavola ai dolcetti per le feste, tante soluzioni e spunti
per dare un tocco creativo e femminile alle solite stanze.Fiori dappertutto! 
Colorati e in piccole composizioni spontanee da utilizzare come centrotavola, 
oppure da appoggiare su piccole consoles o appesi vicino alla finestra,largo 
alla fantasia! Per apparecchiare la tavola:vasi, piatti e tazze da scegliere 
nei colori pastello in un mix armonioso che darà più freschezza e un’aria 
easy chic alla zona pranzo. E poi tante piccole uova colorate da usare come 
segnaposto, per decorare dolci o piccoli cadeaux per gli ospiti.Buona Pasqua!


designersguild.com
pinterest.com – Chris Nease
chiarapassion.com – Danubio salato – ricetta
pinterest.com

whimsicalraindropcottage.tumblr.com
bissfloral.nl
helenalyth.se
bakingmartha.co.uk

liebesbotschaft.blogspot.de
basketbike.tumblr.com
shakemyblog.fr
pinterest.com


 
 

Country holidays

Pubblicato da blog ospite in REDaddress

Voglia di feste all’aperto, godere dei primi caldi e vivere open air il 
più possibile. Se state organizzando una piccola vacanza in campagna,un 
picnic sarebbe l’ideale per festeggiare Pasquetta in assoluta libertà.  
Optare per il total white potrebbe essere una soluzione semplice,ma sem-
pre d’effetto per decorare tavoli e buffet con mise en place informali, 
non possono mancare composizioni naturali con le erbe aromatiche appena 
colte nell’orto, per rallegrare e profumare la tavola.


piazzan.blogspot.it
labottegadiamrita.tumblr.com
pinterest.com
flickr.com


vtwonen.nl
disorganized72.tumblr.com
pinterest.com


blulilly.tumblr.com
loretablog.blogspot.com
pinterest.com – Tracy Horson photography
pinterest.com


 
 

Illuminazione di Design per l’Ufficio

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break

Rendere più piacevole lo spazio in cui si lavora è una delle missioni più importanti quando si scelgono arredi e complementi. L’illuminazione è uno dei punti fondamentali per gli ambienti di lavoro, sia che si parli di un ufficio professionale o di uno studio ricavato tra le pareti domestiche.

Illuminare in modo efficiente, con un occhio sempre volto al risparmio energetico, ma anche con cura estetica è la missione di chi si occupa di rendere vivibili e gradevoli gli ambienti in cui si lavora.

L’illuminazione di design per l’ufficio si concentra principalmente sui punti luce piccoli, da scrivania, anche se non mancano soluzioni interessanti per le fonti di luce principali da soffitto o da parete. La combinazione di queste varianti è ciò che garantisce i risultati migliori. È purtroppo errore comune sottovalutare l’importanza della progettazione luminosa dell’ufficio, con conseguenze non solo pratiche e funzionali, ma anche di rendimento e per la salute dei dipendenti.

L’impianto di illuminazione deve essere ponderato in base alla metratura, alla tipologia di ambiente se composto da uffici separati o se openspace, alla presenza o meno di sale d’aspetto o di riunione, e soprattutto alla qualità della luce naturale presente. Tutto deve essere calibrato alla perfezione per garantire ai lavoratori una miglior resa sul lavoro, un ridotto affaticamento e una buona qualità della vita in orario d’ufficio.

Le lampade di design in primis rispondono a queste esigenze pratiche e poi offrono la loro unicità e bellezza per rendere l’ambiente accogliente e ricercato. Un ufficio curato è il primo punto da cui partire per migliorare la propria immagine, ma anche l’efficienza di tutto lo staff.

Sono molti i marchi noti del design italiano e internazionale che hanno tra le loro variegate proposte delle lampade da tavolo ad hoc, in grado di offrire una buona illuminazione alla scrivania e al piano di lavoro.

Tra le caratteristiche principali da considerare la loro mobilità e versatilità. Poter orientare le lampade da tavolo è una necessità piuttosto comune e fortunatamente la maggior parte sono realizzate con attenzione a questa esigenza. Tra le più interessanti la lampada da tavolo Berenice di Luceplan per esempio: un connubio perfetto tra essenzialità, minimalismo e funzionalità.
Di grande effetto per il suo design anche la lampada da tavolo Demetra di Artemide, una delle più essenziali ed esteticamente piacevole del panorama. Chi ama il colore invece troverà grande soddisfazione nella vivacità di Tolomeo, sempre di Artemide, con braccio flessibile e regolabile (per altre lampade Artemide clicca qui).
Di grande tendenza per l’ufficio anche la lampada da tavolo Morsetto firmata dal designer Davide Groppi, che si caratterizza proprio per un morsetto come elemento di fissaggio alla scrivania.
Ad offrire una luminosità chiara ed efficiente da soffitto anche la lampada a sospensione Pétale di Luceplan. Uno dei prodotti più idonei per arredare e decorare con funzionalità uno spazio di lavoro grazie alla speciale dotazione di un pannello fonoassorbente che migliora l’acustica. I vecchi neon possono essere facilmente sostituiti con pannelli led, ecologici, a risparmio energetico e esteticamente molto più belli. Le soluzioni più trendy sono quelle proposte dai designer di grido del settore dell’illuminotecnica che si concentrano per lo più su un design minimalista.

Un ufficio generalmente non è limitato ad una sola stanza, ma comprende alcune zone di passaggio, pertinenze e altre sale attrezzate. Per ogni specifica esigenza l’illuminazione può essere curata in modo completo ed efficiente. Luci intense e punti luce per i corridoi più bui, lampade a sospensione per le sale riunioni e applique da parete per scale di congiunzione.
Buona norma è attenersi allo stile scelto per l’intero ambiente così da creare un’uniformità complessiva che regali carattere ed identità agli spazi di lavoro.

Design lighting for the office

Making the space in which you work more pleasant is one of the most important missions when choosing furniture and accessories. Lighting is one of the key points for working environments, whether you are talking about a professional office or a studio set up in the home.

Lighting efficiently, with an eye always aimed at energy saving, but also with aesthetic care is the mission of those who take care of making liveable and pleasant environments where you work.

The office design lighting focuses mainly on small desk light fixtures, although there is no shortage of interesting solutions for the main ceiling or wall light sources. The combination of these variants is what guarantees the best results. Unfortunately, it is a common mistake to underestimate the importance of the luminous design of the office, with not only practical and functional consequences, but also for the performance and health of employees.

The lighting system must be weighted according to size, to the type of environment if it consists of separate offices or open space, in the presence or absence of waiting rooms or meeting rooms, and above all the quality of natural light present. Everything must be perfectly calibrated to guarantee workers a better job performance, reduced fatigue and a good quality of life during office hours.

The design lamps above all respond to these practical needs and then offer their uniqueness and beauty to make the environment welcoming and refined. A well-kept office is the first point from which to improve one’s image, but also the efficiency of all the staff.

There are many well-known brands of Italian and international design that have among their varied proposals of table lamps ad hoc, able to offer good lighting to the desk and the work surface.

Among the main features to consider their mobility and versatility. Being able to orientate table lamps is a fairly common necessity and fortunately most are made with attention to this need. Among the most interesting the Berenice table lamp by Luceplan for example: a perfect combination of essentiality, minimalism and functionality.
The Demetra table lamp by Artemide, one of the most essential and aesthetically pleasing on the scene, is also impressive for its design. Those who love color, on the other hand, will find great satisfaction in the liveliness of Tolomeo, always by Artemide, with a flexible and adjustable arm (for other Artemide lamps click here ).
The table lamp Morsetto designed by the designer Davide Groppi, which is characterized by a clamp as an element of fixing to the desk.
The Pétale pendant lamp by Luceplan offers a clear and efficient ceiling light. One of the most suitable products to furnish and decorate a work space with functionality thanks to the special equipment of a sound-absorbing panel that improves the acoustics. Old neon can be easily replaced with LED panels, ecological, energy saving and aesthetically much more beautiful. The trendiest solutions are those proposed by the leading designers in the lighting industry, which are mostly focused on minimalist design.

An office is generally not limited to just one room, but includes some transit areas, appurtenances and other equipped rooms. For every specific need lighting can be treated in a complete and efficient way. Bright lights and highlights for the darker corridors, suspension lamps for meeting rooms and wall lights for connecting stairs.
Good practice is to stick to the style chosen for the entire environment in order to create an overall uniformity that gives character and identity to the work spaces.

*post sponsorizzato*
_________________________
CAFElab | studio di architettura


 
 

Palazzo Grillo, una Residenza d’epoca rinata come hotel di design

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
Hotel Palazzo Grillo Genova

Costruito nel 1545 per volere di Domenico Grillo e progettato con le caratteristiche tipiche di un palazzo di prestigio dell’epoca, conserva in modo egregio le caratteristiche originali che lo resero un edificio simbolo dell’aristocrazia genovese del cinquecento. Nel corso degli ultimi decenni è stato a lungo inutilizzato o usato impropriamente, mortificandone la bellezza. Un destino infelice per un edificio splendido, con affreschi e opere architettoniche, come la scala monumentale in entrata, di grande valore storico e artistico.


Hotel Palazzo Grillo Genova

Nel 2011 inizia la ristrutturazione da parte della proprietà pubblica per ridare il palazzo alla città e al suo antico splendore. Il progetto si concluse con la realizzazione al suo interno di un Hotel, capace di far rivivere l’edificio in una quotidianità. Grazie alla vincita del bando, Le Nuvole completano il progetto iniziale arricchendolo con un concetto di ospitalità di valore. 

Hotel Palazzo Grillo Genova
Hotel Palazzo Grillo Genova
Hotel Palazzo Grillo Genova
La Reception, la Hall e le sale di PRIMO PIANO, l’area espositiva di Palazzo Grillo al primo piano, sono riccamente decorate con interi cicli di affreschi a lavorazione grottesca realizzati dal Bergamasco dal 1560 in avanti. Gli affreschi narrano episodi dell’Iliade e storie della mitologia greca, temi decorativi in linea con il fasto e il prestigio del palazzo e della proprietà.

Hotel Palazzo Grillo Genova
Hotel Palazzo Grillo Genova
Hotel Palazzo Grillo Genova
Per chi sceglie di soggiornare nelle Suite, Jr Suite e Deluxe Luxury avrà la possibilità di dormire nelle camere storiche dell’antico Palazzo Grillo, caratterizzate da soffitti a volta e in legno, affreschi in piccoli salottini, portali storici in ardesia, piccole nicchie, resti di altare, pavimenti originali di cotto del ‘500. 
Hotel Palazzo Grillo è l’unico hotel a 4° stelle nel centro storico di Genova che occupa un intero palazzo dei Rolli (Patrimonio dell’umanità UNESCO) e nato dalla collaborazione tra pubblico e privato. Il Palazzo è stato ristrutturato per uso alberghiero da Arte, società della Regione Liguria, e offerto in gestione tramite bando pubblico a soggetti privati. 

Hotel Palazzo Grillo Genova
Hotel Palazzo Grillo Genova

Gli arredi e lo stile di Palazzo Grillo nascono da una intensa collaborazione con Joseph Grima, eclettico architetto inglese residente a Genova, che interpreta e reinventa la nostra concezione di ospitalità: un ambiente raffinato con uno stile informale e accogliente. L’arredo e gli ambienti sono concepiti per soddisfare le esigenze di un viaggiatore che vive l’hotel come un’estensione del proprio spazio domestico e del proprio ambiente di lavoro, il tutto inserito, grazie agli spazi espositivi, nella vita culturale della città.

Hotel Palazzo Grillo Genova
Hotel Palazzo Grillo Genova

Hotel Palazzo Grillo ospita al suo interno arredi moderni di brand internazionali scelti per uno stile essenziale ma accogliente, materiali innovativi, ricerca di soluzioni funzionali e un design senza tempo. Predominano colori caldi e pastello, linee morbide senza ridondanza

Hotel Palazzo Grillo Genova
Hotel Palazzo Grillo Genova
Hotel Palazzo Grillo Genova
Nelle aree comuni per gli arredi sono stati scelti marchi quali  Molteni, Massproduction, Hay, Desalto, Opendesk, per l’illuminazione si è optato per Vibia e pezzi unici vintage. Nelle camere e nella sala colazione oltre a questi brand si è ricercato nell’artigianato italiano aziende che garantissero qualità di materiali naturali con richieste di soluzioni uniche e personalizzate.




 
 

#Green style: POTHOS

Pubblicato da blog ospite in Filò, Idee

Come tutti gli appassionati d’ interior – per lavoro o per pura passione – avrai notato che anche per le piante da interno si è soggetti a delle mode.

Fatta questa premessa sappi che in questo post procederò controtendenza parlandoti di una dei sempreverdi più comuni da sempre: il POTHOS.
In ogni collaborazione – sia on line che non – a fine lavori sottolineo l’importanza del verde in casa.
L’ho scritto molte volte, per me dona vitalità agli ambienti, li rende meno asettici; insomma, è fondamentale perchè regala un’anima agli spazi in cui viviamo.
Molto spesso però mi rispondete di avere il pollice tutt’altro che verde e che piuttosto di vedere ‘piccoli morti’ in casa preferite rinunciarci!
Ecco, questo post è dedicato a tutti voi, o meglio, a tutti noi! –  Anch’io non vanto grandi doti nel giardinaggio! –
Come dice spesso una mia collega ‘questa pianta cresce quasi per dispetto!’, impossibile non farla sopravvivere!
Certo, io stessa non ne portavo gran bel ricordo… 
Alzi la mano chi negli anni 80 non ha convissuto con un Pothos ‘arrampicato’ su un orribile palo rivestito di non so nemmeno io cosa?!?
L’hai riconosciuto???
Ecco questa versione vintage davvero non mi appassiona, ti regalo invece una bella carrellata d’immagini dove questa pianta dal verde così intenso da’ davvero il meglio di se’!
Ti svelo il mio segreto: solo quando mi ricordo di lei provo ad accarezzarle una foglia, se tende ad essere priva di corpo ovvero piuttosto ‘floscia’ – passami il termine – allora innaffio, diversamente me ne dimentico ancora per settimane! 
Convivo con loro da parecchi anni e sono sempre belle come il primo giorno!
Prima o poi imparerò anche a farne crescere di nuove facendole radicare in acqua – per i più tecnici si dice moltiplicazione per talea di fusto radicata in acqua – ma forse potrebbe essere troppo anche per  me!

Ti ho convinto?!? Allora forza, attendo le foto dei tuoi Pothos!!
A presto,
Marianna
Tags:

 
 

L’Ottocento: le nuove forme dell’abitare

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
Anteprima Eurocucina 2018
L’Ottocento si presenta al prossimo appuntamento milanese delSalone del Mobile con un nuovo progetto di arredi per la cucina. Innova, nel segno della continuità. Mette a servizio la propria abilità tecnica e indole creativa per indagare nuove forme dell’abitare tailor-made. Parola d’ordine, la contaminazione.

Gli spazi operativi della cucina si ampliano e superano il concetto di pura funzionalità per assumere una grande valenza estetica, celebrando l’incontro tra classico e contemporaneo in un dialogo di inediti accostamenti cromatici. Le pareti si “vestono” di boiserie lignee a tutta altezza che celano vani strumentali alla preparazione dei cibi, creando un ambiente elegante ma anche versatile, dove la classicità si stempera con la complicità di cromie soft e polverose e dell’isola centrale dalle linee filanti. Chiaro richiamo alle forme elementari amate da Aldo Rossi, l’isola Archetipo, nata dalla collaborazione con makethatstudio, si connota per il parallelepipedo in legno massello che poggia su un cilindro, ospitando il piano cottura ad induzione nero lucido e la zona lavaggio.

Anticipazione Eurocucina 2018

La scelta della palette di tonalità pastello contribuisce a sottolineare il mood contemporaneo, definendone il volume: rosa antico per i cassetti con vetro laccato e grigio celadon per le anteGli stili si combinano, si intrecciano e si uniscono creando un nuovo linguaggio stilistico, fresco, leggero ma ricercato.

Eurocucina 2018 segna cosi una nuova fondamentale tappa del processo di sviluppo del brand, iniziato esattamente 25 anni fa. Un percorso manifatturiero d’eccellenza, da sempre coerente con un’anima artigianale ma in continua evoluzione. Per cogliere le sfide tecnologiche e anticipare le tendenze.  Un pò come è stato il periodo storico dell’800: un secolo di grandi e profonde trasformazioni sul piano sociale, economico e culturale, preludio di una crescita inarrestabile e culminato con l’attuale quarta rivoluzione industriale.


 
 




Torna su