Arredamento Perfetto






 
 
 

Come progettare un bagno?

Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto, Design

Tutti i consigli e le regole dei professionisti per la progettazione di un bagno.

Dare il giusto spazio al bagno è molto importante in quanto se facessimo una stima di quanto tempo ci passiamo all’interno, possiamo  notare che in alcuni casi abbiamo sottovalutato la sua importanza progettando un bagno molto più piccolo rispetto al suo utilizzo,
Per non sbagliare, di seguito alcuni pratici e semplici consigli per dare alla sala da bagno il giusto spazio e la giusta importanza.

I consigli dei professionisti per progettare un bagno perfetto

Per prima cosa se si sta pensando ad una ristrutturazione bagno bisogna capire quante persone lo utilizzeranno, con quale frequenza, oppure se è un bagno principale o secondario.

E’ utile fissare un tetto massimo oltre al quale non andare, quindi fissare un budget, perché se i prodotti fi nostro gusto vanno ben oltre le disponibilità, non si arriverà mai ad una scelta.

Nella progettazione di un bagno inoltre bisogna tener conto anche dei limiti strutturali, che il più delle volte non vanno considerati come vincoli, ma come opportunità di fare qualcosa di diverso rispetto al normale.

Per quanto riguarda i rivestimenti è utile sceglierli in base alle proprie abitudini. Ovvero se si tratta di un unico bagno, il consiglio degli esperti è quello di utilizzare delle piastrelle bagno resistenti che possano perdurare nel tempo. In commercio si possono trovare molte soluzioni di materiali diversi con ottimi rapporti qualità/prezzo. Le ultime tendenze dettate nel settore bagno parlano di una speciale carta da parati resistente all’umidità.

Per quanto riguarda i sanitari, sceglierne delle misure giuste, che non siano troppo grandi per occupare troppo spazio, ma soprattutto che siano sollevati da terra per facilitare la pulizia del pavimento.

La progettazione del bagno richiede molto tempo, anche se l’ambiente non è molto grande bisogna scegliere con cura i materiali e gli accessori da utilizzre,

Tags:

 
 

Arredamento bagno: come ottenere il Bonus Ristrutturazione 2018?

Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto, Idee

In approvazione prima di Natale, è stato riconfermato per tutto il 2018 il bonus ristrutturazione edilizia, scopri quali sono i requisiti e come ottenerlo.

Come acedere al bonus ristrutturazione 2018 per ristrutturare casa o sostituire l'arredo bagno

Il bonus ristrutturazione è stato riconfermato anche per tutto il 2018 con l’inserimento in Manovra di alcune regole nuove, ma la vera novità è dal primo gennaio fino al 31 dicembre 2018 sarà possibile usufruire del bonus a fronte di lavori di ristrutturazione effettuati nel 2017 con gli stessi requisiti e modalità concordate nell’anno precedente.

Molti sono stati i cambiamenti e tra quelli più significativi, si può vedere l’inserimento in Manovre di una nuova agevolazione fiscale che mira alla riqualificazione del verde urbano.
Il Bonus Verde o Verde Urbano, concerne una nuova detrazione pari al 36% delle spese sostenute per la bonifica del verde di giardini, terrazzi e balconi privati o condominiali per un massimo di spesa pari a 5.000 euro.

Ma come funziona il Bonus Ristrutturazione?

Il bonus ristrutturazione permette di applicare una detrazione del 50% delle spese sostenute per un massimo di 96.000 euro suddividendo l’importo in 10 aliquote annuali.

Il contribuente interessato, deve effettuare il pagamento di tutte le spese sostenute tramite bonifico bancario parlante, riportando l’apposita dicitura. Una volta presentati tutti i documenti richiesti dall’Agenzia delle Entrate, viene applicata la detrazione spettante.

La prima quota detraibile è dichiarativo dell’anno successivo, per cui se le spese sono state effettuate nel 2018, la prima quota deve essere fruita a partire dalla dichiarazione dei redditi 2019 fino a quella del 2030.

Il 2018 ormai è iniziato da qualche giorno e s e state pensando di ristrutturare casa modificando o sostituendo il toto l’arredamento bagno è bene affrettarsi per poter richiedere e quindi usufruire di questa agevolazione.

 

Tags: ,

 
 

Mobili bagno blocco unico o interamente personalizzato?

Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto

Per rendere un bagno davvero unico, personalizzalo scegliendo al posto di un unico mobile più pezzi singoli e di colori diversi.

Mobili bagno da accostare per arredare il proprio bagno secondo le proprie esigenze e il proprio budget

Se la vostra sala relax ha delle dimensioni non comuni oppure se volete fare qualcosa di molto personale con tanti colori e mobili bagno davvero particolari, provate a creare composizioni monoblocco. Accostate pezzi singoli, ovviamente più pezzi vengono usati più il risultato sarà gradevole. Tutto dipende molto dal budget a disposizione, dalle dimensioni della stanza, ma soprattutto dalla vostra fantasia!

Il vantaggio delle composizioni complete è quello di trovare tutto già pronto, poiché vengono venduti già finiti con ripiani, una zona per ospitare il lavabo, specchio e tante ante per contenere i prodotti utili al bagno. I mobili bagno componibili invece sono da personalizzare secondo le esigenze di ciascuno della famiglia.

Tenendo conto che questi mobili bagno sono soluzioni studiate ad hoc per ogni sala benessere, cercate di sfruttare tutte le pareti del bagno nel migliore dei modi; dividete i vari blocchi e acquistatene di varie dimensioni e di vari colori. Sono combinazioni libere che diranno molto dellepersone che abitano la casa.

Gli aspetti positivi che si ottengono utilizzando questo tipo di arredamento sono molteplici e una è anche quella che non essendo combinazioni fisse, ma libere, è possibile arredare un pezzo alla volta aggiungendo e sostituendo elementi nel tempo anche secondo le proprie necessità.


 
 

Tappeti fatti a mano: un bene prezioso da tramandare alle generazioni future

Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto

Nell’interior design l’attenzione al dettaglio è fondamentale. Ogni intervento è pensato in funzione del progetto globale ed ogni elemento è scelto con scrupolosa meticolosità.
I tappeti come il resto degli arredi devono essere scelti con attenzione non solo al design, ma anche alla qualità e all’impatto sociale.

I tappeti di pietra dell'India realizzati con la pregiata lana della Nuova Zelanda

Parlare di design e qualità nella scelta dei tappeti per la propria abitazione sembra essere un’ovvietà, ma sentire la frase “impatto sociale” sembra essere una stranezza.

Per capire meglio cosa significa “impatto sociale” parlando di tappeti, è necessario conoscere le caratteristiche che deve avere un tappeto per essere definito di qualità.

Le caratteristiche di un tappeto di qualità

  • Un tappeto di qualità deve essere fatto a mano per essere durevole
  • Un tappeto di qualità deve essere realizzato con i migliori filati e lane per esaltare la trama del tappeto
  • Un tappeto di qualità deve essere originario del paese di cui porta il nome: un tappeto indiano, nepalese, marocchino, turco non può essere realizzato in Cina!

 

    I tappeti dipalline di feltro sono realizzati in Nepal e sono 100% lana nuova e pura

    Un tappeto con queste caratteristiche non solo non si deteriora nel tempo, ma è un bene prezioso da tramandare alle generazioni future.

    Sukhi è un brand giovane che non bada alle apparenze, ma va dritta all’essenza e cioè punta tutto il suo successo sulla qualità: qualità del manufatto, qualità delle condizioni di lavoro dei suoi artigiani.

    In una società dove ciò che conta è il profitto, spesso a scapito della qualità e della manodopera, scegliere un prodotto originale, di qualità, ad un prezzo conveniente e alle migliori condizioni di lavoro degli artigiani è quasi un obbligo morale.

    Dove sono realizzati i tappeti fatti a mano?

    Se desideri acquistare un tappeto, la prima cosa che farai è visitare uno showroom per trovare tra i tanti tappeti proposti in serie quello che più ti piace.
    Alla fine, porterai a casa un tappeto di qualità, avrai speso una bella cifra, ma non avrai di certo un tappeto unico, esclusivo ed originale.

    Scoprire che esiste un brand che permette di acquistare direttamente dagli artigiani che realizzano il  tuo tappeto secondo le tue necessità estetiche e funzionali e nel momento in cui lo ordini è qualcosa di eccezionale perché il tuo tappeto sarà sicuramente unico.

    I tappeti Beni Ourain del Marocco 100% lana di pecora non tinta

    Il tappeto sarà realizzato nel suo paese di origine da un artigiano che sarà libero di lavorare presso un opificio o direttamente presso la propria dimora. Solo alla fine del suo lavoro consegnerà il tappeto ad un  team di qualità che lo ispezionerà prima di spedirlo al cliente.

    Ogni tappeto porterà il nome dell’artigiano che lo ha realizzato e l’indirizzo mail per contattarlo.

    L’impatto sociale di un tappeto fatto a mano

    Dare la possibilità di lavorare senza trascurare la famiglia e i figli, avere un salario che permette di mandare i figli a scuola, soprattutto in Nepal, uno dei paesi più poveri del mondo, dove la maggior parte delle donne è senza un’educazione e un lavoro, rende gli artigiani che firmano i tappeti Sukhi, orgogliosi e felici perché riescono ad avere un buon tenore di vita  e li fa sentire parte di un progetto molto grande, perché sanno che il loro manufatto supererà i loro confini e approderà in paesi lontani dove racconterà la loro storia.

    Esempio di tappeto realizzato con palline di feltro annodati a mano

    In base al design e alla tecnica di lavorazione potete scegliere tra i tappeti di lana e feltro indiani come per esempio i tappeti di pietre, gli eleganti ed unici tappeti berberi 100% lana non tinti (Beni Ourain), o ancora gli incredibili e originali tappeti nepalesi di palline di feltro fatte a mano e ancora, i divertenti e colorati tappeti turchi patchwork.

    I tappeti patchwork sono realizzati in Turchia regione nota per i suoi tappeti di prim'ordine

    Se anche voi come me volete scoprire la gioia di possedere un tappeto speciale, realizzato da abili artigiani, che vi fa sentire bene, cominciate a scoprire le meraviglie dei tappeti Sukhi che più si sposano con il vostro stile.


     
     

    Tante idee regalo per il tuo bagno

    Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto

    Se siete in cerca di un regalo originale per la ristrutturazione della casa dei vostri amici, parenti o semplicemente conoscenti, ti possiamo fornire tante idee utili per fare una bella figura e non  passare inosservato!

    Se ricevete un invito da una coppia che si è appena traferita in una casa nuova, o semplicemente ha deciso di effettuare una ristrutturazione bagno, il regalo più gradito e azzeccato potrebbe essere qualcosa che ha a che fare con il bagno e i mobili bagno.

    Set asciugamani colorati

    Portare un piccolo presente per arricchire la stanza è un’ottima soluzione perché con pochi euro si può fare una bellissima figura e il padrone di casa ha l’opportunità di cambiare look alla stanza con nuovi accessori. Per andare sul sicuro scegliere profumatori per ambienti con bastoncini di legno oppure candele dalle fragranze delicate, conferiranno alla stanza un’aria sofisticata e diffonderanno un aroma piacevole in tutta la casa.

    Altro regalo che farà sicuramente piacere sono i set di asciugamani. Rigorosamente colorati e di varie misure, saranno un’idea divertente da inserire in abbinamento ad un beauty magari personalizzato per i lunghi viaggi in compagnia oppure saponette, bagnoschiuma e olii essenziali per prendersi cura della propria persona con un bagno rilassante.

    Se il rapporto è davvero stretto e il budget non è un problema, potete optare per mobili bagno di design come toilettine o specchi che porteranno quell’aria un po’ vintage alla stanza.

    Definite il budget, cercate di capire il mood della nuova stanza e poi sbizzarritevi con colori, aromi e particolarità. Il vostro regalo non passerà inosservato!


     
     

    Carta da parati: il miglior alleato per un design d’interni unico ed accattivante

    Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto

    Un classico sempre attuale che rende ogni ambiente unico, particolare e accattivante: stiamo parlando delle carte da parati.

    Carta da parati che riproduce le piastrelle in 3D è ideale per cucina e bagno

    Le carte da parati: dagli anni ’70 ad oggi

    Le carte da parati hanno visto il loro boom negli anni ’70 e sono state utilizzate per un lungo decennio come la migliore soluzione decorativa per le pareti di casa.

    Già negli anni ’80 le carte da parati sono state surclassate dalle pitture decorative. Pareti dal design più moderno e contemporaneo venivano semplicemente colorate con ducotone; gli ambienti più particolari e di stile retrò vedevano l’utilizzo dello spatolato, come lo stucco veneziano; per una via di mezzo tra il classico ed il moderno vedeva la luce la velanuta.

    Nonostante tutte queste varianti, tecniche utilizzate e colori, gli ambienti restavano anonimi e tendevano ad una certa omogeneità di stile: la casa non parlava dei suoi abitanti, ma era semplicemente una casa!

    La tendenza a personalizzare l’ambiente in cui si vive è una necessità e quindi stanchi di quell’anonimato, si è cominciati a cercare soluzioni che rendessero ogni ambiente esclusivo.

    Si sono fatti strada soluzioni un po’ più creative ricorrendo all’uso di stencil o stickers murali che riproducevano frasi, aforismi, immagini per descrivere al meglio l’ambiente in cui erano riprodotte.
    Soluzioni semplici, ma certamente impegnative per applicazione e tecnica pittorica e comunque non apprezzate da tutti.

    Negli anni 2000 si assiste al ritorno delle carte da parati come mezzo più esclusivo per riflettere al meglio l’universo delle emozioni e dello stile di vita degli abitanti della casa.

    La nuova carta da parati

    La carta da parati ha subito una grande evoluzione nel tempo.
    Infatti, mentre prima potevano essere utilizzate solo in alcuni ambienti della casa, oggi trovano spazio, per creatività, design e funzionalità in qualunque ambiente: dal soggiorno alla camera da letto, dalla cucina al bagno.

    Sì, avete capito bene! Oggi esistono carte da parati con caratteristiche idrorepellenti e lavabilità che possono sostituire le piastrelle del bagno, l’alzata tra base e pensili della cucina, la ormai classica e rinomata pittura lavagna, le pareti in pietra e ancora le pareti in legno.

    L’effetto di queste carte da parati è tale che difficilmente si può riconoscere una pittura lavagna da una carta da parati lavagna sulla quale si può realmente scrivere.

    La carta da parati lavagna permette di scrivere con i gessetti come una vera pittura

    Allo stesso modo l’effetto legno, tipico per esempio delle mansarde, è perfettamento riprodotto dalle carte da parati, così anche le piastrelle in 3D.

    La carta da parati effetto legno ideale per rendere caldo e colorato tutti gli ambienti della casa

    Per i nostalgici o per coloro che desiderano vivere periodi passati di cui hanno solo letto e sognato, esistono design di carte da parati degli anni 70. Queste carte da parati in stile retrò  sono la riproduzione di motivi particolari disegnati da designer di fama internazionale come Orla Kiely, ideatrice del motivo floreale anni ’70. Realizzate con colori accesi, tipici di quegli anni, o con colori più tenui è la carta da parati che dona carattere e personalità ad ambienti come il soggiorno e la camera da letto.

    Osiris è la carta da parati degli anni 70 della designer Orla Kiely

    Per gli amanti del vintage, queste carte danno una veste moderna ai colorati anni ’70 e nuova vita ad ogni stanza.

    Come scegliere la carta da parati per ogni ambiente della casa

    Quelli appena citati sono solo alcuni esempi di carta da parati, ma la scelta è ancora più ampia.

    Per poter scegliere la carta da parati che più vi rappresenta, dobbiamo andare oltre l’idea di carta nel senso stretto della parola, perché, sebbene sono poche le aziende che offrono un’ampia scelta di carte da parati, esistono  diversi tipi di carta da parati che si distinguono per:

    • motivo (floreale, barocco, geometrico, glamour, romantico, a strisce, per bambini, vintage)
    • materiali (naturali, metallici, tessuto, perline di vetro)
    • caratteristiche (resistenza alla luce, lavabile ed extralavabile, bassa infiammabilità)

    Adesso non vi resta che scegliere la carta da parati che renderà perfetta la vostra casa e che si abbini al vostro arredamento e stile di vita.


     
     

    Decorazioni natalizie che funzionano tutto l’anno

    Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto

    Certamente il Natale è uno dei periodi più belli dell’anno, ed è facile lasciarsi trasportare dalla magia delle luci scintillanti e dalle decorazioni colorate. Per molti la magia del periodo natalizio è così forte da rischiare da rischiare di soffrire di depressione post-natalizia, e pertanto cercano sempre di prolungare tale periodo tenendo il più a lungo possibile l’albero e lasciando appese le luci. Fortunatamente, esistono alcuni modi per utilizzare alcune decorazioni natalizie tutto l’anno in modo intelligente. Trovare altri modi per utilizzare alcune decorazioni natalizie anche per gli altri undici mesi dell’anno non è solo economico, ma ci consente anche di risparmiare spazio per il loro deposito e la difficoltà di dover riconfezionare il tutto. Molti accessori ed elementi decorativi sono per così dire neutri, cioè sono facilmente adattabili ad ogni stagione e possiamo acquistarli scegliendo tra una vasta gamma di scelta disponibili oggi anche sul web, come su Verdelilla Home, un sito specializzato nella vendita di complementi e accessori per la casa, un sito sicuro che offre diverse interessanti promozioni. Ma vediamo insieme alcuni spunti utili da prendere in considerazione per le prossime festività.

    Decorazioni natalizie e non solo

    Il modo migliore per poter riutilizzare le decorazioni anche durante il resto dell’anno, è sicuramente quello di non acquistare oggetti troppo a tema natalizio come presepi, vischio e babbi natale. Possiamo cercare di giocare maggiormente con decorazioni più versatili come ad esempio dei fiocchi di neve, molto validi per tutto il periodo invernale. Se vuoi fare un vero affare allora decora utilizzando colori neutri ed elementi metallici: il blu e l’argento, per esempio, sono un ottimo accostamento di colori, perfetto per il periodo natalizio ma anche per tutto il resto dell’anno.Se invece amiamo comunque il verde ed il rosso, allora in questo caso cerchiamo di utilizzarli non accostandoli, almeno non durante il periodo extra festivo. Cercate decorazioni natalizie che non siano troppo specifiche per il Natale, per esempio, i vasi in vetro trasparente possono essere usati durante tutto l’anno applicando poche e semplici modifiche. Riempiteli con delle lampadine colorate per le vacanze e con della sabbia o delle candele per un centro tavola durante il periodo estivo.

    Decorazioni natalizie: luci & Co.

    Non c’è alcun bisogno di eliminare le luci dell’albero di  Natale se ci piace godere del loro bagliore, possiamo trovare anche online tantissime soluzioni fai da te originali e di buon gusto. Se invece preferite solo poterle usare nuovamente sull’albero l’anno prossimo, potete semplicemente installarle fuori per illuminare gli esterni come un ponte o sul patio per creare un’atmosfera accogliente. Anche le piante ci vengono in nostro aiuto, così il bosso, una pianta sempreverde tradizionalmente utilizzata a Natale, può in realtà essere utilizzata tutto l’anno. Il suo colore verde e fresco è un punto luminoso per tutto l’inverno e durante la primavera. E che dire invece delle candele rosse e bianche; queste tra tutti sono tra gli elementi decorativi più versatili in assoluto, abbinate al verde ed altri elementi possono diventare prettamente natalizie, ma se separate possiamo sfruttarle al massimo durante ogni altro mese dell’anno, per esempio a San Valentino per una cenetta intima. Parlando sempre di candele, quelle alle finestre sono un modo tradizionale per dare dall’esterno un aspetto ed una sensazione di vacanza. Le candele alle finestre però non sono solo per Natale, ma danno ad ogni casa un’atmosfera familiare tutto l’anno.


     
     

    Ristrutturazione Bagno: Fughe colorate?

    Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto

    Stai per ristrutturare il bagno e vorresti fare qualcosa di particolare, ma non sai cosa?
    Tutto ciò che ti piace, di un po’ più sofisticato, è fuori budget?
    Nessun problema, possiamo consigliarti una semplice alternativa che renderà la tua sala da bagno unica e funzionale.

    Nella ristrutturazione bagno al momento della posa delle piastrelle il consiglio è quello di colorare le fughe, ma non con i soliti colori tenui, ma trovare tonalità che possano stare bene con l’ambiente circostante, risultando un bel particolare inaspettato e inusuale.

    Ritrutturazione bagno con fughe colorate

    Per far sì che il risultato si noti, bisogna osare e utilizzare colori sgargianti, ma rimanendo comunque in linea con l’arredamento bagno. Una soluzione molto interessante è sicuramente quella di dipingere le fughe dello stesso colore del soffitto in modo da creare continuità ed armonia nella stanza. Una volta che si è stufi, basterà riverniciare tutto di bianco oppure scegliere nuove tinte.

    Utilizzare questo tipo di ristrutturazione bagno in ambienti di piccole dimensioni è sicuramente un lavoro molto carino da tenere davvero in considerazione. Creare dei giochi di colore permette di ottimizzare la luce e far sembrare lo spazio più grande. Attenzione a non esagerare, in questo modo decorazioni troppo appariscenti non funzionano!

    Per i più discreti, optare per colorazioni molto delicate che si discostano leggermente dal colore della piastrella; scegliere tonalità quasi impercettibili, ma che donano un’aria curata ed elegante alla vostra stanza relax.

    Un’idea molto forte, per una ristrutturazione bagno fuori dagli schemi, è quella della tinteggiatura a contrasto: bianca e nera. Se abbiamo scelto delle piastrelle bianche, scegliere il nero per le fughe e viceversa. Questo permetterà di far risaltare molto di più il formato della piastrella e conferire un’aria attuale e sempre moderna.

    Esistono infinite combinazioni tra il colore delle piastrelle bagno e le tonalità delle pareti, basta solo scegliere quella più adatta a voi!


     
     

    Accessori Bagno: per un autunno all’insegna del colore!

    Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto, Idee

    Per iniziare al meglio il periodo invernale, una ristrutturazione bagno potrebbe fare al caso vostro! Pochi e semplici accorgimenti potranno trasformare la vostra stanza in una sala relax da sogno!

    Segui il trend del momento, inizia a ristrutturare il bagno partendo dal colore. Tra le molte tonalità che si prestano, troviamo il Greenery, un verde molto acceso che può essere usato sia per ricoprire le pareti che utilizzato per gli acessori bagno. Essendo un colore molto vivace e brillante, può essere stemperato affiancando ad esso toni più soft come il beige, il bianco, l’avorio o il rosa pallido. Altro colore adatto ad un design bagno delicato ed elegante è rappresentato dal blue lapis! Per essere ancora più cool utilizzare accessori bagno dai toni in perfetto contrasto con le pareti, sarà un’ottima modalità per rinnovare senza stravolgere l’ambiente.

    Accessori bagno abbinati al greenery

    Per quanto concerne l’arredamento, quello che va per la maggiore è lo stile rustico, dove vengono utilizzati materiali naturali, primo fra tutti il legno grezzo o dipintp con colori neutri che variano dal marrone chiaro al bianco. La parola d’ordine è minimal, tutti gli accessori bagno dovranno seguire questa linea, dai termo arredi ai sanitari fino ad arrivare ai mobili.

    Unico tocco in netto contrasto con questo stile minimale è l’introduzione del marmo come piano d’appoggio dei mobili bagno, ma un po’ troppo delicato se in casa si hanno bambini! Le nuove tendenze però propongono l’utilizzo dei gres porcellanati molto più resistenti agli urti e di ottima qualità risparmiando anche qualcosa sul prezzo. Questo materiale è molto simile al marmo, lo si può trovare in tutte le sfumture dal bianco al rosa con diverse venature.

    Tendenze minimali per ripartire alla grande e affrontare l’inverno all’insegna del colore! Basta scegliere quello più adatto a voi e il gioco è fatto!

    Tags: ,

     
     

    Il design nella progettazione d’interni

    Pubblicato da blog ospite in Arredamento Perfetto

    Il compito di un interior designer è trasformare ogni desiderio in realtà, concretizzando le ispirazioni che il cliente trova su internet o sulle riviste di arredamento.
    Nell’interior design non ci sono limiti e nulla è impossibile.
    L’unica condizione per realizzare un bel progetto è affidarsi a professionisti competenti e avere fiducia nelle loro capacità.
    Un progetto di interior design si crea insieme al cliente, ascoltando le sue esigenze, elaborando un progetto coerente al suo stile di vita e alle sue necessità.

    Arredamento Perfetto presenta SAG'80 in un progetto di interior design con DADA Cucine modello TRIM

     Un progetto di interior design vede concentrato il professionista su molteplici aspetti simultaneamente: dalla scelta del colore ai materiali di pareti e pavimenti, dall’arredamento ai corpi illuminanti, dai tendaggi ai tappeti. Tutto perfettamente incastonati tra loro per un effetto WOW! garantito, a prescindere dalle dimensioni degli ambienti. Sì, perché l’interior designer riesce a trovare i punti di forza in ogni ambiente, piccolo o grande che sia. E se non ci sono, li crea!

    L’arredamento è indubbiamente il protagonista per ottenere un bel risultato.

    Avere come partners professionali grandi brand per design e qualità è fondamentale per poter offrire le giuste soluzioni estetiche e funzionali al cliente.

    Per esempio per l’open space, in cui si sono abbattute le barriere architettoniche che separano l’ambiente cucina dal living, è necessario arredare i due ambienti non come unità separate, ma appunto per quello che sono, ossia un unico ambiente. Lo spazio diventa il protagonista di un sistema che deve essere razionale e duttile. A tale scopo, proporre il design di Dada cucine è la soluzione migliore perchè le collezioni Dada mixano la tecnologia e la funzionalità della vita contemporanea, rivoluzionando il concetto classico di cucina.

    Dada cucine partner SAG'80

    Nel modello VVD, infatti, si va oltre il concetto canonico di cucina: le basi hanno sofisticati fianchi sottili in netto contrasto con il piano di lavoro dallo spessore importante; i ripiani diventano ampi vassoi estraibili e i cassetti perdono la connotazione classica diventando a giorno.  Eleganti pensili a soffitto ed esili credenze in vetro trasparente con micro-cerniere ammortizzate donano nuova veste architettonica alla cucina che si integra perfettamente alla zona living.

    Soluzione di design per arredare l'open space con Dada cucine e SADG'80

    Per chi desidera impreziosire un ambiente già esistente, dando un tocco di design dal sicuro successo, sceglierà una delle poltrone o delle chaise-longue di design di Cassina, come i modelli Le Corbusier che uniscono al gusto classico le esigenze più contemporanee.

    Cassina partner SAG'80 per una scelta di design senza tempo

    Per chi invece, oltre al design, desidera portare a casa anche un pezzo della storia del mobile italiano, non può che guardare agli arredi di design di Molteni: “Protagonista della cultura italiana dell’arredamento, ha saputo presentare un’offerta di prodotti disegnati con costante dignità, sicura qualità e ampia visione del contesto culturale” (Mensione della giuria per la consegna del “Compasso d’Oro” alla carriera nel 1994).

    Per una casa ricca di design storia e qualità SAG'80 propone gli arredi Molteni

    Questi solo alcuni esempi per avere una casa bella, di qualità e di design con un occhio alla storia italiana del mobile.

    Tutto questo è l’espressione di SAG’80, brand la cui storia è cominciata cinquat’anni fa e che in breve tempo è diventato il punto di riferimento del design a Milano e nel mondo.


     
     




    Torna su