Ecce Home






 
 
 

Emozioni di cera

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home
Può succedere che su Instagram ci s’imbatta in qualcosa d’interessante. È quello che è accaduto a me quando ho scoperto le bellissime lanterne di cera di Ivana.
Prodotte in diverse forme, dimensioni e moltissimi colori (Ivana ha un gusto particolare che la porta a scegliere tonalità raffinate) le sue lanterne sono splendide accese, perfette per le sere d’estate all’aperto, perché creano atmosfere romantiche, magiche ed eleganti. La cera diventa traslucida e diffonde una luce calda e piacevole. 
Ma anche spente, diventano originali portavaso o porta bouquet, adatte a creare composizioni sempre nuove. E sono perfette anche come regalo.
Molto più che  semplici elementi decorativi, le lanterne di Ivana promettono profumi ed emozioni…

Per saperne di più visita su Instagram perfumus_arte_ed_emozioni.


Wax emotions
It may happen that Instagram finds something interesting. That’s what happened to me when I discovered Ivana’s beautiful wax lanterns.
Made in a variety of shapes, sizes and colors (Ivana has a particular taste that brings her to refined tones) her lanterns are beautifully lit, perfect for summer nights, because they create romantic, magical and elegant atmospheres. The wax becomes translucent and spreads a warm and pleasant light.
But even when they are switched off, they become original bouquet pots, suitable for creating new compositions. And they are perfect also as a gift.
More than just decorative elements, Ivana’s lanterns promise perfumes and emotions …

To learn more visit Instagram perfumus_arte_ed_emozioni.






 
 

Emozioni di cera

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home
Può succedere che su Instagram ci s’imbatta in qualcosa d’interessante. È quello che è accaduto a me quando ho scoperto le bellissime lanterne di cera di Ivana.
Prodotte in diverse forme, dimensioni e moltissimi colori (Ivana ha un gusto particolare che la porta a scegliere tonalità raffinate) le sue lanterne sono splendide accese, perfette per le sere d’estate all’aperto, perché creano atmosfere romantiche, magiche ed eleganti. La cera diventa traslucida e diffonde una luce calda e piacevole. 
Ma anche spente, diventano originali portavaso o porta bouquet, adatte a creare composizioni sempre nuove. E sono perfette anche come regalo.
Molto più che  semplici elementi decorativi, le lanterne di Ivana promettono profumi ed emozioni…

Per saperne di più visita su Instagram perfumus_arte_ed_emozioni.


Wax emotions
It may happen that Instagram finds something interesting. That’s what happened to me when I discovered Ivana’s beautiful wax lanterns.
Made in a variety of shapes, sizes and colors (Ivana has a particular taste that brings her to refined tones) her lanterns are beautifully lit, perfect for summer nights, because they create romantic, magical and elegant atmospheres. The wax becomes translucent and spreads a warm and pleasant light.
But even when they are switched off, they become original bouquet pots, suitable for creating new compositions. And they are perfect also as a gift.
More than just decorative elements, Ivana’s lanterns promise perfumes and emotions …

To learn more visit Instagram perfumus_arte_ed_emozioni.






 
 

Emozioni di cera

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home
Può succedere che su Instagram ci s’imbatta in qualcosa d’interessante. È quello che è accaduto a me quando ho scoperto le bellissime lanterne di cera di Ivana.
Prodotte in diverse forme, dimensioni e moltissimi colori (Ivana ha un gusto particolare che la porta a scegliere tonalità raffinate) le sue lanterne sono splendide accese, perfette per le sere d’estate all’aperto, perché creano atmosfere romantiche, magiche ed eleganti. La cera diventa traslucida e diffonde una luce calda e piacevole. 
Ma anche spente, diventano originali portavaso o porta bouquet, adatte a creare composizioni sempre nuove. E sono perfette anche come regalo.
Molto più che  semplici elementi decorativi, le lanterne di Ivana promettono profumi ed emozioni…

Per saperne di più visita su Instagram perfumus_arte_ed_emozioni.


Wax emotions
It may happen that Instagram finds something interesting. That’s what happened to me when I discovered Ivana’s beautiful wax lanterns.
Made in a variety of shapes, sizes and colors (Ivana has a particular taste that brings her to refined tones) her lanterns are beautifully lit, perfect for summer nights, because they create romantic, magical and elegant atmospheres. The wax becomes translucent and spreads a warm and pleasant light.
But even when they are switched off, they become original bouquet pots, suitable for creating new compositions. And they are perfect also as a gift.
More than just decorative elements, Ivana’s lanterns promise perfumes and emotions …

To learn more visit Instagram perfumus_arte_ed_emozioni.






 
 

Home tour a Piccola Londra

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home, Interiors
Della strada soprannominata ” piccola Londra”, e della sua eccezionalità in una città come Roma, ho già parlato qui. Oggi vi mostro l’interno di una delle case, che ho potuto visitare guidata da Simona La Cognata una delle progettiste dello studio NOS design  (fondato da Benedetta Gargiulo Morelli) che ne ha curato la ristrutturazione. L’immobile attualmente è adibito a B&B.
Gli ambienti sono arredati (ci ha tenuto a sottolineare la progettista) quasi esclusivamente con pezzi originali vintage o di recupero, tutti molto colorati; le lampade  sono invece nuove e di design.
Per quanto riguarda i pavimenti, per l’ingresso sono state scelte delle  piastrelle  effetto optical bianco-nero che creano un piacevole contrasto con il sofà in velluto giallo (simili a queste potete trovarle nella collezione “terra” della ditta Ceramiche Marca Corona 1871) . Nella zona divani, dove spicca un importante camino francese in marmo, è stato installato un parquet in rovere bombato posato a spina di pesce.
Anche la cucina al piano seminterrato è di recupero e riverniciata, come le pareti, in un bellissimo blu scuro quasi nero.
Ma nella bella stagione lo spazio più accogliente  per gli ospiti del B&B diventa il piccolo giardino sul retro, pavimentato con marmette a scacchi bianchi e neri ed arredato con mobili in ferro battuto, con un’interessante schermatura realizzata con piante di bambù.
Curato in ogni dettaglio anche il piccolo bagno accanto alla sala colazione  è rivestito con cementine Mosaic del Sur.
Per vedere altre foto dell’intervento vai qui

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tags:

 
 

Venezia è sempre Venezia

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home

Questa volta faccio un uso molto personale del mio blog.
Se ti piace questa foto clicca qui cerca la foto e metti like.
La classe di mia figlia partecipa ad un concorso.
Grazie 🙂

Venice is always Venice
If you like this picture click here search the picture and put you like.
Thank you 🙂




Tags:

 
 

Happy Easter from Ecce Home

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home
L’homme au chapeau melon René Magritte, 1964
Tags:

 
 

Pareti neutrali

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home, Idee
Il colore è qualcosa che dà carattere e forza agli ambienti ma non tutti amano le tinte decise; molte persone ritengono, ad esempio, che tinteggiare le pareti di una casa con colori saturi possa, alla lunga, stancare, e che il più delle volte sia meglio ripiegare su un rassicurante ma più scontato total white.
In realtà però anche le cosiddette tinte neutre, come ci insegna Farrow and Ball, hanno tutta una serie di sfumature ed offrono una serie di opportunità che possono essere utilizzate per esaltare lo stile della nostra casa.
Ad esempio tonalità pastello grigio-verde creano atmosfere sofisticate e rilassanti.
I neutri a fondo giallo e le diverse gradazioni del crema sono invece adatte ad ambientazioni ricercatamente semplici, d’ispirazione country.
Le più versatili sono le tonalità calde dei neutri a fondo rosso, adatte sia ad arredi tradizionali che moderni.
I grigi leggermente tendenti al lilla sono invece adattissimi ad uno stile contemporaneo, quelli più decisamente freddi tendenti al blu, ad uno stile minimale che esalta le linee architettoniche.
E per chi non ama i contrasti di colore ma vuole differenziare le diverse superfici la soluzione giusta è utilizzare finiture lucide ed opache della stessa tonalità.
Un esempio? Pareti dalla finitura gessosa, soffitto ultra lucido ed il gioco è fatto.
Neutri a fondo giallo: sono adatti ad ambientazioni semplici d’ispirazione country
Grigi più o meno freddi: adatti ad uno stile contemporaneo o minimale
Tonalità pastello grigio-verde: per atmosfere sofisticate e rilassanti
Neutri a fondo rosso: per arredi tradizionali ma anche per quelli moderni
Pareti dalla finitura gessosa, soffitto ultra lucido

Tags:

 
 

Lezione di Colore

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home, Idee
Farrow & Ball è uno storico marchio britannico, fondato nel 1946 da John Farrow e Richard Ball; è conosciuto a livello mondiale per essere tra le aziende produttrici di vernici quella che maggiormente riesce a cogliere, ed ad influenzare, le tendenze  in fatto di colori.
Di recente mi è capito di vedere nominato Farrow & Ball in “Eccomi” ultimo romanzo di uno degli scrittori più letti del momento, Jonathan Safran Foer; lo scrittore lo inserisce nella lista dei brand considerati dalla classe media americana “il meglio di tutto”.
 
Ma vediamo quali sono i consigli ed i trucchi che gli esperti di questo marchio ci rivelano nel loro catalogo, che contiene delle vere e proprie lezioni sul colore.
  
Il colore non è un semplice rivestimento ma deve dare forma alla casa e per questo, spiegano, le loro vernici sono ricche di pigmenti ed hanno un alto potere di riflessione della luce. 
Proprio la provenienza e l’intensità della luce sono fondamentali per la scelta del colore delle pareti di una stanza.

Ad esempio se un ambiente è di ridotte dimensioni ed è esposto a nord è inutile cercare di aumentarne la luminosità: la strategia giusta è quella di mettere in risalto il carattere intimo con un colore forte come il grigio scuro: ad esempio il loro Down Pipe.

Down Pipe

Se la stanza è esposta a sud si dovrebbe esaltare la luce calda che penetra dalle finestre con tonalità soffici come il Dimpse, un grigio luminoso con fresche sfumature del blu.

Dimpse

Per le stanze esposte ad ovest consigliano invece colori capaci di esaltare la luce fredda della mattina e le tonalità calde della sera come Pointing, che prende il nome dalla calce usata nella muratura tradizionale.

Pointing

Per quelle che si affacciano ad est, in cui domina la luce fredda, sono adatti i colori leggeri come Pale Powder, meglio se abbinato a sfumature più scure, come quelle di Dix Blue (una tonalità vagamente vintage), per cornici e boiserie che fanno apparire per contrasto le pareti più chiare. 

Pale Powder
 Dix Blue
Presto un’altra lezione. Rimanete sintonizzati!
Tags:

 
 

Matrice

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home
La natura genera materia e grazie all’opera dell’artista si trasforma in arte in un ciclo continuo senza soluzione di continuità.
Questa è l’essenza dell’opera di Giuseppe Penone esposta a Roma al Palazzo della Civiltà italiana. 
La mostra, visitabile gratuitamente fino al 16 luglio 2017, è curata da Massimiliano Gioni e prende il nome da una delle opere dell’artista esposte: Matrice.
La natura non è mera fonte d’ispirazione per l’artista ma sostiene l’arte e la cultura, ne è la base (metafora espressa in Foglie di pietra dai capitelli poggiati sui rami, opera del 2013) L’uomo non può dominarla ma da Lei può apprendere; così in Essere Fiume del 2010 Penone riproduce perfettamente, ricreandola in marmo, una roccia naturale.
In Ripetere il bosco l’artista  scolpisce  tronchi e rami partendo da travi in legno prodotte dall’uomo, invertendo il processo consueto  di realizzazione di un manufatto di cui generalmente l’elemento naturale è materia prima, divenendone in questo caso il prodotto finale; quindi il ciclo può essere invertito ma non interrotto.
E la natura può farsi anche strumento d’arte come in Spine d’acacia-Contatto del 2006 in cui Penone rappresenta un volto su tela delineandolo con migliaia di spine. 
Fa da sfondo a tutto questo l’architettura metafisica del suggestivo edificio razionalista che a Roma tutti conoscono come il “Colosseo  quadrato”  che con le sue linee e rigide proporzioni geometriche si contrappone e allo stesso tempo esalta l’opera organica dell’artista. 
The nature generates matter and through the artist’s work becomes art in a continuous cycle without solution of continuity.
This is the essence of the work of Giuseppe Penone exhibited in Rome at the Palace of Italian Civilization.
The exhibitio, visited free of charge until 16 July 2017, is curated by Massimiliano Gioni and takes its name from one of the artist’s works on display: Matrix (Matrice).
Nature is not merely a source of inspiration for the artist but supports art and culture, it is the their basis (metaphor expressed in “Stone leaves” (work of 2013) The umanity can not dominate but from she can learn;  so in “Being River” Penone plays perfectly with marble recreating a natural rock.
In “Repeat the forest” the artist carves trunks and branches starting from wooden beams produced by man, by reversing the usual process of realization of an artifact referred to generally the natural element is the raw material, becoming in this case the final product; then the cycle can be reversed but not interrupted.
And nature can also be  tool of art as a in “Acacia’s thorns” where Penone design a face on canvas with thousands of thorns.
Is the background to all this the metaphysical rationalist architecture of the impressive building  that in Rome everyone knows as the “Square Colosseum” which, with its rigid lines and geometric proportions, contrasts and at the same time enhances the artist’s organic work.

Il curatore della mostra Massimiliano Gioni intervistato da alcune giornaliste



 
 

Un po’ di Londra ma non troppo

Pubblicato da blog ospite in Design, Ecce Home
Questa strada di Roma è stata spesso utilizzata come set cinematografico per il suo fascino e per la sua atipicità rispetto al tessuto urbano dei quartieri più centrali della città.
Denominata dai romani “piccola Londra” è una strada pedonale del quartiere Flaminio (precisamente via Bernardo Celentano) chiusa da due cancelli ma accessibile ai visitatori; per molti ricorda alcune strade della capitale britannica perché è costeggiata da case basse, dalle facciate colorate e decorate, ciascuna con il proprio piccolissimo giardino recintato con cancellate in ferro.
A molte di esse si accede con brevi scale e attraverso portoncini in legno dall’aspetto molto British.
 
In realtà le facciate ad intonaco, la scelta di materiali durevoli anche se economici, e di motivi decorativi come lesene ed incorniciature realizzati in stucco, è proprio della tradizione romana, ed in particolare del Barocchetto Romano, tentativo di rendere più gradevole l’edilizia residenziale. 
 
Dalle informazioni che ho raccolto, ma mi riprometto di approfondire l’argomento, sembrerebbe essere stata progettata da Quadrio Pirani nel primo decennio del novecento, uno dei maggiori esperti dell’epoca nella progettazione di edilizia residenziale pubblica, popolare e non.
 
Oggi la strada ci affascina per la sua tranquillità e per l’inaccessibilità da parte delle auto che ne fa un’oasi in un quartiere bello ma caotico ed intensivo come il Flaminio.
Tags:

 
 




Torna su