GiCiArch






 
 
 

Il grès porcellanato

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Idee

Il grès porcellanato è una tipologia di ceramica con una struttura molto dura ed estremamente compatta. Possiede diverse qualità, proprio legate alla sua compattezza, infatti è poco permeabile, per questo ottimo come pavimento per cucine, bagni ed ambienti umidi in generale.

Il grès porcellanato è largamente utilizzato sia come pavimento che come rivestimento, infatti è piuttosto economico, molto semplice e pratico da pulire, esteticamente molto gradevole. In commercio troviamo tantissime tipologie di grès porcellanato che riproducono effetti simili al parquet, alla pietra o al cotto.

atlas concorde

Atlas Concorde-Etic Pro

Le mattonelle acquistabili in grès porcellanato sono composte da diversi materiali, quali argilla e sabbia, che vengono cotte al forno a temperature molto elevate,  per tale ragione il materiale è molto compatto e resistente, anche sottoposto a diverse condizioni climatiche mantiene smalto e lucentezza, inoltre è impermeabile.

ceramica rondine

Ceramica Rondine-Elegance

Le materie che vengono utilizzare per create il grès porcellanato sono naturali e, proprio come già accennato, per via della loro cottura, non necessitano dell’aggiunta di agenti chimici che conferiscano impermeabilità. Si tratta di un materiale che non sprigiona nessun tipo di gas nocivo nell’aria, neppure a contatto con fonti di calore. Molte delle aziende che lo producono hanno ottenuto le certificazioni UNI EN ISO 14001 e EMAS relative all’ecogestione. Inoltre troviamo sul mercato anche piasrelle in grès porcellanato antinquinanti ed antibatteriche.

Si trovano di tantissimi formati, da quelli quadrati 30×30, 60×60, 90×90 a listoni 15×90 o 20×120. Stesso discorso possiamo farlo per le tipologie, sono tantissime poiche le ditte produttrici sono davvero molte.

Possiamo acquistare piastrelle in grès porcellanato allo “stato naturale“, dall’aspetto grezzo, “lappate” liscie e luminose, “smaltate” molto resistenti.

Inoltre è un materiale che proprio per le sue numerose caratteristiche si adatta alle tendenze, un esempio sono le piastrelle in grès porcellanato effetto cementine realizzato da Ceramiche Keope . Molto adatto per rivestire pareti della cucina oppure per creare degli inserti vintage, una sorta di tappeto, sul pavimento.

ceramiche keope

Ceramiche Keope-cementine

 

 

 

fonti:

http://www.keope.com

http://www.atlasconcorde.com

 

Tags:

 
 

Quale stile scegliere?

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Stili

Quando ci si trova a ristrutturare o semplicemente ad arredare casa, i dubbi sono tanti, spesso legati allo stile d’arredo che più ci rappresenta. Nell’immaginario comune ciò che è moderno è anche minimale e asettico, impersonale. In realtà non è proprio così. In generale ogni stile deve seguire la nostra personalità oltre che le esigenze funzionali.

living
La cosa più importante è scegliere una tipolgia e seguirla, senza creare contrasti spesso fastidiosi, magari mischiando elementi che stonano accostati insieme.Le domande fondamentali da farsi sono:

1)Qual è il giusto stile che fa al caso nostro?

2)Quanto bisogna lasiarsi trascinare da trend e mode del momento?

pranzo contemporaneo
Ho raccolto qualche idea che potrà aiutarvi a rendere unica e personale la vostra casa.

Una casa accogliente è una casa luminosa. Lo stile che sceglierete dovrà tener conto della forma dei locali e della quantità di luce naturale che filtra all’interno. Questo è un fattore importantissimo perchè se l’abitazione non è molto luminosa sarà opportuno scegliere uno stile che punti su colori chiari ed elementi semplici, sicuramente più vicini allo stile contemporaneo o moderno.

zona giorno contemporanea

camera

Non esagerare con materiali e finiture differenti. Per evitare errori consiglio di scegliere materiali e colori che si ripetono, se dosati nel modo giusto il risultato sarà di grande effetto. Ricordate che non sono i colori a rendere monotona una casa!

Esaltare ciò che è già presente. Non bisogna farsi prendere dalla frenesia del cambiamento e del nuovo a tutti i costi. Spesso nelle nostre case ci sono degli elementi che appartengono al passato che, messi in evidenza nel giusto modo, rendono unica la nostra abitazione, come per esempio un vecchio camino o un pavimento in pietra natrale.

color-patterns

Osare! Non bisogna aver paura delle novità ed innovazioni che il mercato ci offre. In commercio troviamo tantissima scelta in quanto a rivestimenti e decorazioni, indipendentemente dallo stile d’arredo che viene scelto. E’ possibile rivestire le pareti con immagini artistiche, un esempio è la carta da parati anni 70 adatta a varie tipologie di arredo, oppure colorare con pitture “materiche” che riproducono effetti metallici o in pietra. Inoltre in vendita troviamo tantissime tipologie di pavimenti e piastrelle decorative di grande effetto. Insomma la proposta è davvero vasta.

carte-da-parati-anni-70-pensieri-positivi-2-31

Non abbiate paura di sperimentare, non lasciatevi convincere dall’idea che se scegliere un mobile o un rivestimento molto particolare, magari colorato,  vi stancherà… E’ una frase che nel mio lavoro sento molto spesso e penso che, sinceramente,  qualunque cosa si scelga, dopo diversi anni vi stancherà. Quindi perchè non optare per ciò che vi piace?

Fonti:

https://www.cartadaparatiartistica.com

 

 

 

Tags:

 
 

Perchè scegliere una casa prefabbricata

Pubblicato da blog ospite in Design, GiCiArch

Sono abitazioni sempre più diffuse in Italia, sia per le caratteristiche ecosostenibili sia per la velocità di realizzazione.

casa1

 

Fig.1 Loona-Wolf House

Il mercato offre tantissime soluzioni sia per dimensioni che per materiali e costi.

casa2

Fig.2 Casa 117-Norger Hus

interno casa2

Fig.3 Interno Casa 177-Norger Hus

casa3

Fig.4 Casa prefabbricata a Tofarello-Barra&Barra

Perchè scegliere questo tipo di costruzione? Ecco i vantaggi:

1.Velocità di realizzazione, le tempistiche sono decisamente più brevi rispetto alle case tradizionali, vanno dai 60 ai 150 giorni.

2. Preventivo di spesa fissato non prevedendo modifiche al progetto, i costi sono certi. Si spende esattamente ciò che era stato pattuito in fase progettuale.

3. Risparmio energetico la tecnica costruttiva, sopratutto nel caso delle case in legno, permette di abbattere i consumi, che sono minimi.

4.Antisismiche poichè i materiali impiegati offrono prestazioni elevate da questo punto di vista

5. Personalizzazione è possibile dimensionare e studiare gli ambineti in base alle proprie esigenze

6. Zero impatto ambientale Trattandosi di costruzioni prevalentemente a secco, è possibile ridurre moltissimo l’impatto ambientale sia in fase di costruzione che durante la vita dell’edificio. Infatti infissi, impianti tecnologici e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili rendono queste case ad impatto zero.

7.Salubrità poichè il materiali ecologici utilizzati, il legno e l’isolaneto termoacustico consentono di creare ambienti sani

8 Chiavi in mano, il team di esperti fornisce un prodotto finito, pronto per poter esser abitato e vissuto, curato anche nei dettagli interni, come mostrato in Fig.3.

9.Garanzia, alcune ditte forniscono una garanzia di 30 anni

Spesso mi è capitato di vedere prezzi impossibili per quanto riguarda questo tipo di costruzioni, 12000 € per una villetta; vorrei chiarire che non è una soluzione economica, anzi il costo per ottenere una buona costruzione è più o meno lo stesso di quelle tradizionali, sicuramente un punto importante è legato alla certezza della spesa e alla velocità di realizzazione.

Inoltre la prefabbricazione assicura una qualità costruttiva elevata, in quanto sottoposta a controlli rigidi per evitare inconvenienti in cantiere e poter garantire tempi e invariabilità dei costi.

Fonti:

http://www.wolfhaus.it

http://www.norgeshus.it

http://www.wolfhaus.it

 

 

Tags: ,

 
 

Scale interne moderne, quale scegliere?

Pubblicato da blog ospite in Design, GiCiArch

Utilizzare un elemento di tipo strutturale come la scala per dare un tocco di modernità e design alla propria casa è piuttosto semplice, grazie alla vastissima scelta di modelli e materiali che il mercato ci propone. Sarà necessario scegliere il giusto modello in base alle proprie esigenze ed allo spazio a disposizione. Navigando su Pinterest, ho selezionato una serie di modelli di scale interne dal design originale e unico, si tratta non solo di elementi fondamentali e strutturali della casa ma dei complementi di arredo veri e propri, in grado di caratterizzare l’abitazione.

La raccolta fotograficha che vi propongo presenta scale di varia tipologia, accomunate dalla tendenza contemporanea che punta allo stile minimale, creato con semplici linee, pulito e moderno. Troverete scale a sbalzo, molto di moda, sospese, scatolate, a chiocciola ed elicoidali. Sono tutte realizzate in materiali differenti, dal vetro alla pietra, ferro e legno.

Trattandosi di elementi di forte impatto e di carattere, la scelta del giusto modello sarà legata allo stile che si vuol dare alla casa in cui verrà collocata, se ciò a cui si punta è un equilibrio tra bellezza, praticità e design, consiglio sempre di rivolgersi ad un professionista, infatti solo la mano di un esperto riuscirà a valorizzare al meglio le l’abiente bilanciando in modo corretto le luci e lo stile di arredo. Se per esempio si parla di scale a sbalzo, sarà molto importante la decorazione della parete, in modo da esaltare la scala senza esagerare con finiture e colori, come mostra la fig.1

Carta da parati damascata

Fig. 1 Decorazione su parete in carta da parati damascata

Ecco le foto dei modelli di scale interne che ho selezionato per voi!

scala1

scala2

scala3

scala4

scala5

scala6

scala7

scala8

scala9

scala10

Fonti:

http://www.pinterest.com

https://homeadore.com

http://www.incredibilia.it

https://www.rifaidate.it

http://aequivalere.com

http://decoholic.org

https://divisare.com

http://www.wallpaper.com

https://deavita.fr

http://www.novate.ru

Tags:

 
 

Cos’è il Cohousing

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Idee

Si tratta di un fenomeno nato nel nord Europa che si sta espandendo anche nel nostro Paese, che punta al consumo collaborativo ed alla divisione dei costi. Sono dei veri complessi abitativi che comprendono non solo abitazioni private ma anche spazi comuni di condivisione, aree verdi, asili nido, spazi lavanderia. L’obiettivo è quello di vivere secondo uno stile di vita qualitativo, puntando alla promozione dell’architettura green e alla realizzazione di progetti a basso impatto ed energicamente efficienti. Il complesso prevede la progettazione partecipata di chi vivrà i luoghi, i cohouser, sotto ogni punto di vista, da quello umano a quello architettonico.

Negli ultimi anni il nostro Paese si è mostrato sempre più interessato a questo stile di “abitazione” e sopratutto a questo modo di abitare e vivere, infatti sono oltre 23.000 le adesioni al sito www.cohousing.it. Sono persone accomunate dall’idea di vita in collettività alla ricerca di soluzioni sperimentate.

Oltre all’organizzazione della quotidianità il fulcro di ogni progetto di cohousing riguarda i criteri di costruzione orientati alla sostenibilità ambientale e a quella economica e sociale, ormai punti fondamentali per il tessuto delle nostre città.

Ecco qualche realizzazione!

Urban Village Bovisa – Milano

UVB+(1)

UVB+(2)

UVB+int+(3)UVB+int+(4)

Terracielo – Rodano (MI)

Terracielo+edificio+(3)

Terracielo+spazi+comuni+(1)

Terracielo+edificio+(1)

Smartup – Bolzano

 

fonti:

http://www.cohousing.it

Tags:

 
 

Come decorare le pareti

Pubblicato da blog ospite in Decor, GiCiArch, Idee

Per dare un tocco di orginalità e carattere alle pareti di casa ci sono tantissimi modi. Molto dipende dal tipo di stanza e dallo stile della casa, chiaramente si dovrà seguire un ordine e una linea ben precisa. Per decorare le pareti è possibile utilizzare la pittura, dei fregi, della carta da parati, degli stickers o semplicemente con gli stencil realizzare delle fantasie a contrasto, ci vuole solo un pò di fantasia!

Ecco alcune idee da cui prendere spunto!

Nell’ambiente in stile mediterraneo della foto qui sotto, vediamo un moderno salotto esaltato dalla decorazione a parete monocolore di stampo più classico. La boiserie in poliuretano, dipinta in tono con il sofà esalta l’altezza delle pareti. Ad interrompere l’effetto verticale sono le decorazioni modanate poste sul perimetro il alto del soffitto. Questo tipo di soluzione è adatta sia ad arredi classici che a quelli moderni.

1Fig. 1 La boiserie

Una delle soluzioni più semplici per rendere particolari le pareti di casa è quella di utilizzare delle cornici di varie misure e appenderle in maniera casuale sulla parete. Qua sotto vi mostro un’idea molto carina, su una parete bianca di un corridoio, sono state posizionate diverse cornici per misura e forma, ma dello stesso colore del muro. Sicuramente un’idea minimal ma, utilizzando delle cornici in legno invecchiato può diventare una soluzione interessante anche per ambienti in stile shabby chic.

cornici

Fig. 2 Le cornici

Per una casa moderna, giovane e vivace sono adatti gli stickers murali, Si trovano in commercio di varie forme e misure, fiori, frasi, animali, monumenti, insomma la scelta è vastissima. Sono realizzati in vinile, plastica autoadesiva o PVC. Qua sotto vi mostro un’idea orginale ed economica per rendere particolare la parete della vostra camera da letto. Sono molto semplici da applicare e rimuovere, infatti servirà solo un asciugacapelli per riscaldare la superficie dello stickers e questo potrà esser rimosso facilmente.

stickers

Fig. 3 Gli stickers murali

Gli stencil sono il mezzo sicuramente più semplice per decorare le pareti di casa. Esistono diverse tipologie. I più comuni sono i fiori, ma in generale qualunque elemento naturale, alberi spogli o decorati, sono molto utilizzati. Si tratta di maschere che riproducono disegni semplici in negativo e posizionandoli sulla superficie da decorare e fissandoli ad essa basterà utilizzare una pittura a contrasto con il fondo e riempire le parti vuote della mascherina. Una volta asciugata la pittura, rimuovere la maschera ed il disegno sarà concluso.

stencyl

Fig.4 Stencil

Un altro modo per rendere originali le pareti di casa è quello di giocare con la pittura e i colori. Basterà colorare una delle pareti della stanza con una tinta differente e l’aspetto sarà completamente diverso. La scelta del colore sarà legata al tipo di stanza e stile di arredo, sono sconsigliate tinte troppo scure nelle zone giorno o eccessivamente accese in quelle notte. Basterà riprendere il colore di qualche accessorio ed il gioco è fatto! Magari riproporre il colore di una tenda, o dei cuscini del divano come mostra la foto qua sotto.

salotto-dai-toni-fucsia

Fig.5 La pittura colorata

Per rendere uniche le pareti delle vostre case consiglio sicuramente la carta da parati. E’ di semplice applicazione e in commercio si trovano tantissime fantasie e colori che ben si adattano a qualunque stile e qualunque ambiente. Una tendenza degli ultimi anni è quella di rivestire una delle pareti della stanza con un effetto materico, uno dei più diffusi è l’effetto cemento. In commercio sono tanti i marchi che propongono carta da parati effetto cemento, sono pochi però quelli che oltre l’effetto materico mixano altri effetti di tipo  pittorico/artistico. Si tratta di grafiche molto interessanti che renderanno le pareti dei veri quadri,  adatte a moderne sale living ma anche alle camere da letto o ad ambienti di passaggio come i corridoi. Basta acquistare la carta da parati giusta e la parete effetto cemento sarà realizzata in poco tempo con risultati di grande effetto.

carte-da-parati-effetto-cemento-pentagramma-su-muro-2-144

Fig.6 La carta da parati

Fonti:

http://www.interiorbreak.it

http://princessannecounty.blogspot.it

https://thedecalhouse.com

http://designinspiration.typepad.com

http://donna.nanopress.it

https://www.cartadaparatiartistica.com/effettocemento

Tags:

 
 

Il leasing immobiliare

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Idee

case

Il leasing immobiliare, cioè il contratto di locazione finanziaria, è una forma di prestito agevolato, che la Legge di stabilità 2016 ha esteso anche ai privati, infatti prima potevano richiederlo solo le aziende. In sostanza, la società di leasing, un intermediario finanziario o un instituto di credito, acquisteranno l’immobile e l’utilizzatore pagherà un “canone” ed alla fine del contratto potrà riscattare la casa.

Si acquista casa senza contrarre un vero mutuo con la banca, inoltre il leasing immobiliare potrà essere attivato sia nel caso in cui l’immobile debba essere acquistato pronto o  in cui debba essere costruito da zero.

casa chiave

Il canone che dovrà esser corrisposto all’istituto di credito dovrà tener conto del prezzo di acquisto o di costruzione, e della durata del contratto. Nel caso in cui il contratto venga risolto, l’utilizzatore dovrà restituire l’immobile che lo rivenderà al valore di mercato restituuendogli quanto gli spetta.

Il vantaggio, rispetto alla formula classica di acquisto casa sono sopratutto legati alla prima fase, infatti non ci sono spese di istruttoria, niente ipoteche, niente spese notarili, queste saranno da valutare in caso di effettivo riscatto finale.
il leasing immobiliare è assimilabile ad una forma di finanziamento del 100% della somma necessaria all’acquisto della casa, però al momento della sottoscrizione del leasing potrebbe essere richiesta una rata iniziale oscillante tra il 10 e il 30% del valore dell’immobile.
Inoltre dal punto di vista fiscale è molto interessante, sopratutto per i giovani under 35 con redditi sotto i 55mila euro, infatti per essi i canoni sono deducibili ai fini Irpef nella misura del 19% fino a 8mila euro l’anno e il riscatto finale fino a 20mila euro.
Inoltre, qualora la società di leasing acquisti l’abitazione dal costruttore (soggetto passivo Iva), viene applicata l’aliquota Iva ridotta del 4% (anziché al 10%). L’Iva, così come le imposte d’atto e le spese notarili e peritali sull’immobile, possono essere finanziate dalla società di leasing.

Chiaramente uno svantaggio potrebbe esser la durata, generalmente più breve dei mutui, la locazione finanziaria non supera i 20 anni, ma generalmente si aggira tra i 12 e i 15 anni. Ciò significa rate mensili, o bimestrali, più alte.

Come si calcola il canone? Bisogna prendere in considerazione vari fattori, tra cui l’import dell’eventuale prezzo del riscatto, la durata del leasing, il prezzo dell’immobile, la percentuale di profitto dell’intermediario.

Il sistema del leasing prevede anche che, in caso di difficoltà economiche, il canone possa esser bloccato una volta per un periodo massimo non superiore a 12 mesi.

 

 

fonti:

http://www.leasing-immobiliare.it

http://quifinanza.it

Tags:

 
 

Il battiscopa filomuro

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Idee

Il battiscopa o zoccolino è un elemento di protezione fondamentale, esistono tante tipologie in commercio e, oltre al lato funzionale bisogna valutare bene anche quello estetico. Lo stile moderno e minimale punta su linee esseziali e pulite, questa tendenza ha pian piano coinvolto tutti gli elementi dell’arredare casa ed anche alcune rifiniture. Oggi possiamo trovare il battiscopa minimal ossia il battiscopa filomuro, che diventa un vero elemento di arredo raffinato.

Il battiscopa o zoccolino non è un elemento da trascurare, poichè le sue funzioni sono molteplici. Protegge la parte inferiore della parete, sopratutto quando si effettuano le operazioni di pulizia della casa, nasconde il giunto tra muro e pavimento e le sue naturali imperfezioni, può esser utilizzato per mimetizzare il passaggio dei cavi elettrici.

Troviamo tantissime tipologie di battiscopa in commercio, in cui le principali differenze riguardano il materiale di cui sono composti. I più attuali sono sicuramente i battiscopa filomuro, che seguono la tendenza minimale delle porte filomuro, che scompaiono completamente sulla parete.

Per poter ottenere questo particolare effetto “mimetico” è necessario prevedere la realizzazione di una tamponatura in cartongesso.

Le aziende che producono battiscopa filomuro sono diverse, ho scelto alcuni dei modelli più interessanti.

battiscopa_1000x720Fig. 1 Syntesis di Eclisse

Battiscopa-per-Cartongesso-Metal-Line-100Fig. 2 Profilpas mod. Meta Line

Proskirting_flat-640x480Fig. 3 Proskirting Flat di Progress Profiles

 

Foto da:

http://www.cosedicasa.com

http://www.weprofile.it

Tags:

 
 

Riciclo creativo, il mobile bagno

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Idee

La tendenza attuale al riciclo, al riuso, pone l’attenzione sugli oggetti del passato, magari quelli nascosti in soffitta o nelle cantine pronti per esser gettati via, ed attraverso un processo creativo vengono traformati diventando oggetti di design  ad uso quotidiano. Tutto ciò che può sembrarci inutile, può esser rielaborato e riutizzato,  basta solo un pò di fantasia e manualità.

Nelle case si trovano sempre oggetti e mobili ormai vecchi e in disuso. Navigando su Pinterest ho selezionato una serie di progetti in cui, degli elementi del passato, sono stati trasformati in mobili bagno.

Sono progetti che ho scelto sia per la bellezza estetica sia per praticità e funzionalità. Acuni sono davvero interessanti, quale preferite?

1 Macchina da cucire Singer – ideadesigncasa.org

Singer

2 Una vecchia cassettiera – shabbyandcharme.blogspot.it

cassettiera

3 Una botte

botte

 

4 Un vecchio abbeveratoio – mondodesign.it

Abbeveratoio

5 Un tavolo – http://www.greenme.it

tavolino_mobile_bagno

6 Una bicicletta – paperblog.com

bicicletta

7 Una vecchia madia – http://www.greenme.it

madia shabby

8 Un piccolo vagone con binari – bellegreydesign.com

carrello

Tags: ,

 
 

GiCiArch nel Network di BlogArredamento

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch

Da oggi GiCiArch farà parte del network di BlogArredamento!

BlogArredamento

BlogArredamento nasce nel 2009, è il primo network Italiano dedicato al settore arredo e interior design.

Si tratta di una raccolta,  una community che riunisce tutti i migliori blog dedicati all’arredo, al design, all’architettura e a tutti i temi che ruotano attorno al mondo della progettazione e della casa.

I vari blogger condividono su BlogArredamento i propri articoli , diffondendo idee, ispirazioni e opinioni.

Buona lettura a tutti!!!

GiCiArch su BlogArredamento

fonte:

http://www.blogarredamento.com

Salva

Tags:

 
 




Torna su