Mayday Casa Blog






 
 
 

Grigio e verde per un effetto deciso ed elegante “GREEN & GREY”

Pubblicato da blog ospite in Idee, Mayday Casa Blog

Come promesso a fine 2016 è giunto il momento di presentarvi la seconda proposta living con cucina in stile PLAM JUNGLE!

Un progetto giocato sul GREEN & GREY, il grigio elegante accostato al verde nelle sfumature tra il pino e l’ottanio. L’ottanio per chi ancora non lo sapesse (colore molto di moda nell’anno appena passato) è un colore che sta a metà tra il blu e il verde per questo lo trovo molto adatto ad una casa dalle note maschili. E’ incredibile e divertente scoprire quanti colori siano stato codificati con nomi precisi, se siete curiosi potete vederne alcuni nella Lista dei Colori di Wikipedia.

moodboard-palm-grigio-verde

Il concetto di questa scelta cromatica è la base neutra con un colore deciso a contrasto e piccoli dettagli gialli per scaldare e non annoiare. Perché ricordiamocelo che la mia parola d’ordine del 2017 è IRONIA e non monotonia :).

Se vi siete persi la storia che ci ha portato a questo progetto potete vederlo qui nella versione GEOMETRIC GREIGE.

Ed ecco il risultato con questa palette colori:

pianta-tridimensionaledividere-con-libreriaingresso-studio-ottanio-e-legno
soggiorno-grigio-bianco-verdelibreria-parete-divisoria

 

Voi quale preferite? Geometric Grege o Green & Grey?

Tags:

 
 

Come scegliere i serramenti per la propria casa

Pubblicato da blog ospite in Idee, Mayday Casa Blog

Siete pronti ad affrontare questi giorni di gelo? tanti maglioni ma soprattutto è importante tenere il freddo fuori dalla casa, ecco perché sono estremante importanti i serramenti, voi avete quelli giusti? Ecco qualche consiglio per scegliere quelli adatti a voi.

Migliore l’efficienza energetica ed il comfort della propria abitazione, a volte richiede investimenti cospicui, altre volte no. La sostituzione dei propri vecchi serramenti, rientra sicuramente tra gli interventi che, con una spesa tutto sommato contenuta, consente di migliorare sensibilmente le condizioni della propria casa.

Insieme all’azienda Gioma srl che si occupa della vendita di serramenti in pvc a Udine e provincia, vedremo alcune idee che vi aiuteranno nella scelta dei vostri nuovi infissi.

Chi attraverso l’installazione di nuovi serramenti vuole migliorare l’isolamento termico della propria casa, sceglierà i serramenti in pvc a taglio termico, che garantiscono attualmente le migliori prestazioni in fatto di coibentazione. Questo tipo di serramenti non solo scherma dalle infiltrazioni di umidità e spifferi, ma grazie alla ridottissima trasmittanza termica evita le dispersioni di calore attraverso la struttura del serramento.

La trasmittanza termica è un fattore chiave, in quanto consente di avere diritto alle detrazioni fiscali del 65% previste per gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici. Per accedere alla detrazione infatti, è necessario che la trasmittanza termica degli infissi che andiamo ad installare sia inferiore a quella indicata come valore di riferimento per la zona climatica in cui ci troviamo.

L’isolamento termico garantito dai serramenti in pvc a taglio termico, può essere ulteriormente migliorato attraverso la scelta di vetri basso emissivi, che consentono di elevare ancora di più i livelli di coibentazione. Allo stesso modo la scelta di vetri con alto fattore di rifrazione esterna consente di non surriscaldare gli ambienti delle case poste nell’area mediterranea per esempio, dove la calura dovuta dal sole può essere molto alta.

Da valutare poi la tipologia di apertura a seconda della funzionalità di una determinata finestra ed in considerazione di quello che è lo spazio a nostra disposizione. Per esempio se non sussistono particolari necessità e lo spazio non manca, la soluzione più comune è l’apertura mista a battente o a ribalta. Per le porte finestra invece molto popolari, per risparmiare spazio soprattutto, le aperture a bilico o a libro. Per le finestre disposte su ambienti con poco spazio invece la soluzione migliore, è l’apertura a scorrimento.

Quanto all’estetica se i serramenti in legno sono quelli che riescono a garantire ad una casa il feeling più caldo ed accogliente, i serramenti in pvc invece, riescono a simulare trattandosi di un materiale plastico, qualsiasi tipo di finitura compresa quella con effetto del legno, ma a costi più contenuti. Inoltre c’è da ricordare che il pvc è un materiale estremamente facile da pulire e che non scolorisce anche se esposto a sole o intemperie.

Archiviato in:consigli arredamento, personal shopper arredamento Tagged: casa, consigli arredamento, finestre, isolamento termico, serramenti

Tags:

 
 

Polizze per la Casa: come trovare le più convenienti

Pubblicato da blog ospite in Idee, Mayday Casa Blog

La casa è il bene materiale più importante di cui una persona può disporre. Una casa di proprietà o in affitto è l’ambizione di ogni singolo o gruppo famigliare. È lo spazio in cui si passano i momenti più importante della propria vita, il luogo in cui le relazioni si creano e si sviluppano, ma sono anche contenitori di ricordi, oggetti e beni a noi cari. Tutelare la propria casa è un’esigenza primaria delle persone. Ci sono molte eventualità negative da cui ci si può proteggere stipulando una polizza casa. Alcune zone del Paese sono soggette a frequenti furti e rapine, in altri territori sono le calamità naturali a comportare i peggiori danni ed esistono poi innumerevoli casi di danni che possono coinvolgere la nostra  abitazione. Non è semplice scegliere le garanzie da inserire in una polizza casa, nel grande mare delle offerte presenti, così come non è sempre immediato individuare le polizze più convenienti.

COSA COPRONO LE POLIZZE CASA

Danni e furti sono le garanzie più scelte per le polizze casa. Si può scegliere di assicurare la casa a valore intero, a valore nuovo e a primo rischio assoluto. È buona norma, in fase di stipula del contratto di polizza, valutare bene il valore dell’immobile e non sottostimare la casa e il suo contenuto per risparmiare qualche euro. In caso di danni o furti è importante poter conseguire il massimo risarcimento, in linea con quanto inserito nella polizza. La personalizzazione dell’assicurazione casa consente ad ogni proprietario di far stimare i possedimenti al meglio e quindi di ottenere in caso di avvenimenti negativi un  risarcimento adeguato.

Chi vive con uno o più animali domestici è buona norma che inserisca una clausola di assicurazione che tuteli l’immobile e i terzi da danni provocati da essi. Alluvioni, terremoti, grandinate e tempeste sono eventi naturali che possono essere anche piuttosto frequenti, in modo particolare in alcuni territori italiani. Tutelarsi dai danni che questi avvenimenti possono creare è fondamentale, per non ritrovarsi in situazioni che possono mettere in ginocchio una famiglia. Possono intercorrere nel corso del tempo anche piccoli, all’apparenza, eventi domestici come danni all’impianto elettrico o idraulico o allagamenti di cantine o ancora danni agli elettrodomestici o gli incendi. Quando si sceglie una polizza per la casa è importante tenere in considerazione tutte le possibili evenienze negative che possono comportare disagi, perdite economiche e danni patrimoniali.

QUANTO COSTANO LE POLIZZE CASA

I prezzi dei premi delle polizze casa sono molto variabili. A contribuire alla formazione del premio troviamo soprattutto i massimali scelti per il risarcimento e le clausole inserite in contratto. Maggiori sono le opzioni di danni inserite nella polizza e più alto sarà il massimale, più alto sarà il costo della polizza casa scelta. Anche la zona di residenza, per quanto riguarda gli eventi naturali di tipo catastrofico, hanno forte influenza nella formulazione del prezzo della polizza. In via generale possiamo affermare che il costo di una polizza casa può oscillare tra 150 e 250 euro l’anno. È possibile sottoscrivere anche polizze condominiali.

COME TROVARE LE POLIZZE CASA PIU’ CONVENIENTI

Per trovare le polizze casa più convenienti è buona norma affidarsi ai servizi gratuiti di comparazione delle assicurazioni, come ad esempio MioAssicuratore.it Inserendo i dati relativi all’immobile da assicurare e la propria anagrafica nel modulo di richiesta di preventivo gratuito tramite il sito di comparazione si avrà accesso in tempi brevi ad un gran numero di preventivi per la medesima polizza. In questo modo il contraente potrà individuare subito quella più conveniente per assicurare la casa da tutti i possibili danni.

 

Archiviato in:consigli arredamento Tagged: polizza casa; assicurazione casa; interior design; arredamento;

Tags:

 
 

Iniziamo l’anno con più ironia, nella vita e nella casa

Pubblicato da blog ospite in Idee, Mayday Casa Blog

Un paio di giorni fa ero in treno di ritorno a Milano dopo una breve vacanza nella mia Ferrara e durante il viaggio, seppur breve, annoiandomi ho iniziato a guardare i video di Max Gazzè ed alcuni mi hanno fatto sorridere facendomi riflettere sul fatto che con un pò d’ironia e di sorrisi si vive decisamente meglio. Per deformazione professionale ho subito pensato ma perché non arrediamo anche le nostre case con un pizzico di ironia per farci sorridere vivendole?

Tra i vari video che ho ascoltato-guardato questo mi ha fatto davvero sorridere

“Ammazzo il tempo provando con l’auto meditazione canto un po’

Nella testa uhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuh”

Vi state chiedendo “quindi? come arredo casa con ironia senza cadere nei soliti banali oggetti “spiritosi”?

Trovo che degli spunti interessanti ci arrivino da famosi designer alle volte dal design irriverente come Marcel Wanders, Patricia Urquiola, Giulio Iacchetti ma anche aziende come Lago, Essent’ial.

air-side_softswingcomp-15-16-1incipit

cybex_parents_collection_003_content_bg-wandersmoooi_charleston_chair_3_content_dvmoustache-doormat-door_grande
Flare,  This is a low stool made from semitransparent plastics, which is also an ottoman, a little table and a container. The little wheels on the bottom make it move from one place to another. Design: Marcel Wanders, 2003 Material: table legs – ABS; table top – HPL laminate Dimensions: Height: 76 cm; Length: 160 cm / 80 cm; Width 80 cm Production and distribution: Magis, Italy Photography: Occhiomagico Milan Magis (Italy) T +39 0422 862600 F +39 0422 766395 E info@magisdesign.com agent Benelux Quattro Benelux T +32 16765400tavolo-fatto-due-cassettiil-design-ironico-divertente-e-utile-di-marama-seletti
thabto-sunglasses-mirror2_grandemw_xo_babel_interior_497x365elledecorgh2083-urquiola

Perciò come buono proposito: più ironia per tutti nel 2017! BUON ANNO!

Tags:

 
 

Acquisto casa: costo notaio, a chi spetta, come calcolarlo

Pubblicato da blog ospite in Mayday Casa Blog, News

Siamo in piena frenesia regali e chissà se qualche famiglia non stia pensando di regalarsi una casa? Tra un regalo, una decorazione e tante idee su imbandire la tavola per le feste potrete apprezzare queste utili informazioni se sotto l’albero o per l’anno nuovo avete intenzione di comprare casa.

Nel momento in cui si decide di acquistare una casa, il costo del notaio è una delle voci da tenere in debita considerazione. Pur essendo naturalmente di gran lunga inferiori rispetto alle voci preponderanti – il prezzo dell’immobile su tutti – il costo del notaio è infatti uno di quei capitoli di spesa che sarebbe bene valutare sin dai primi passi, non fosse per altro motivo che il conto di paga di norma alla sottoscrizione stessa dell’atto e sono dunque cifre di cui dovremo avere la disponibilità immediata all’atto dell’acquisto. Una volta chiarito questo primo punto, ed esserci quindi preparati a muoverci per tempo in questo senso, Passiamo a sgomberare il campo dalla seconda questione pressante: a chi spetta sostenere il costo del notaio? La risposta è: all’acquirente della casa. Sarà dunque colui che compra a dover pagare il conto, ma sarà sempre colui che compra ad avere anche il diritto di decidere a quale notaio rivolgersi. Non si tratta di una cosa da poco: la possibilità di rivolgersi a un notaio di propria scelta dà infatti la garanzia di poter avere a che fare con un professionista di fiducia, che possa consigliarci per il meglio e con il quale possiamo instaurare un rapporto corretto. Questo naturalmente non significa in nessun modo che il notaio favorirà noi rispetto alla nostra controparte, né tantomeno che ci consiglierà modi per aggirare leggi e regolamenti: ricordiamoci che si tratta di un pubblico ufficiale e che il pieno rispetto della legalità è una delle prerogative di questa professione! Il costo del notaio però prevede di norma anche una fondamentale parte consulenziale che – nel pieno rispetto della legge e nella massima trasparenza verso le parti coinvolte – può aiutarci a prendere le decisioni migliori e più sicure sia per la nostra situazione presente sia per quanto potrebbe verificarsi in futuro. Il notaio, grazie all’approfondita conoscenza della materia e alla vasta esperienza nei campi di sua competenza, può infatti prevedere molto meglio di noi eventuali complicazioni che potrebbero nascere anche in futuro e consigliarci al meglio per mettere in atto tutte quelle accortezze che potrebbero rivelarsi un’efficace protezione negli anni.

Costo del notaio: come calcolarlo

Una volta stabilito a chi spetta il costo del notaio, il prossimo passo è quello di stabilire come calcolarlo. Nel caso dell’acquisto di un immobile, il primo importante distinguo nel calcolo del costo del notaio è, naturalmente, stabilire se si tratta di una prima o di una seconda casa. Per la prima casa infatti la legge prevede (come e in quale misura è questione suscettibile di modifiche a seconda delle diverse legislature e del susseguirsi dei  provvedimenti in materia) delle agevolazioni fiscali che influiscono anche sul costo del notaio, che naturalmente in questo caso diminuisce. Ricordiamoci infatti che nel costo del notaio è compresa anche la riscossione di una serie di tasse e imposte che il notaio provvederà a versare a nostro nome in quanto sostituto d’imposta. Altro aspetto che influisce notevolmente sul costo del notaio e sul relativo calcolo è la necessità di stipulare, insieme all’atto di compravendita, anche quello di mutuo: anche in questo caso il costo dell’atto notarile e di tutto ciò che ad esso concerne è a carico della persona che stipula il mutuo e non della banca che lo eroga, a meno che si tratti della surroga di un mutuo esistente.

 

Fonte immagini: google images

Archiviato in:consigli arredamento, personal shopper arredamento Tagged: a chi spetta costo notaio, calcolare costo notaio, costo notaio, notaio acquisto casa


 
 

Progetto soggiorno, ingresso e cucina di 38mq in stile “Geometric Grege”

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Interiors, Mayday Casa Blog

La prima casa propria è sempre un grande traguardo e si vogliono fare le cose fatte per bene! Durante la fase di progetto della ristrutturazione avava le idee ben chiare per la zona notte ma era in crisi per il progetto d’arredo della zona living, cucina e su come organizzare il grande ingresso.

Ho elaborato due progetti Geometric Grege e Gree&Grey che si differenziano oltre che dalla palette colori anche nella suddivisione cucina e soggiorno. Ho cercato di sviluppare due moodboard con palette colori al maschile.

Oggi vi mostro il “Geometric Grege” che non è altro che un arredo studiato sui colori del grigio, beige con un tocco di avio ed il tutto scaldato dal pavimento in parquet rovere.

Geometrie sobrie ed eleganti caratterizzano il setto di parete che divide la cucina dal salotto.

progetto-living-ingresso-palettecolori

Grazie al generoso ingresso dello stato di fatto abbiamo potuto ricavare una stanza in più adibita a studiolo senza farci mandare ripostiglio e guardaroba. La zona giorno con ingresso è di 38 mq.

stato-di-fatto-e-progetto

progetto-living-ingresso-pianta-tridimensionale

Il progetto d’interni acquista grande valore grazie alla scelta dei colori e della carta da parati geometrica che riassume tutti i colori della casa.

progetto-living-ingresso-soggiorno-grigio-avio-beigeprogetto-ingresso-soggiorno-grigio-avio-beigearredo-ingresso-soggiorno-grigio-avio-beige
progetto-arredo-colori-uomoprogetto-cucina-a-vista

A breve la variante di progetto living “Green&Grey” dai colori più audaci e saturi.

Tags: , ,

 
 

Mutuo prima casa o liquidità: quale Chiedere per aprire uno studio professionale?

Pubblicato da blog ospite in Mayday Casa Blog

Oggi parliamo di un argomento più tecnico del solito che però sta molto a cuore a chi vorrebbe aprire il proprio studio professionale. Molti lavoratori autonomi hanno il sogno di aprire uno studio professionale e in molti devono chiedere un mutuo orientandosi tra un mutuo prima casa o liquidità. Qualsiasi sia il mutuo a cui va ad accedere il libero professionista potrà fare il proprio preventivo online, su una delle piattaforme di mutui online; qui le varie banche concorrono con le offerte più vantaggiose per il nuovo mutuatario. Ovviamente ogni nuova grande impresa richiede una spesa e non poche tribolazioni come il dover decidere tra un mutuo liquidità o prima casa, una scelta non facile che deve essere pertanto studiata e ponderata.

Le agevolazioni del mutuo prima casa per studi professionali

Per valutare quale mutuo accendere è bene che il libero professionista in questione sappia di cosa si stia parlando, cioè cosa si intenda per mutuo liquidità e cosa si intenda per mutuo prima casa. Per mutuo liquidità si intende un capitale richiesto alla banca che il cliente decide di utilizzare in ciò che più desidera e a condizioni più convenienti rispetto a un finanziamento. Per richiedere il mutuo liquidità ovviamente è necessario possedere un immobile che verrà messo a garanzia della somma richiesta, tuttavia non vi sono vincoli alle modalità d’impiego della somma stessa e quindi potrebbe essere tranquillamente utilizzata per l’avviamento di uno studio professionale. L’immobile posto a garanzia del mutuo deve essere ovviamente senza ipoteca e la somma richiesta può arrivare a coprire fino al 70% del valore dell’immobile per una cifra massima fino a 500.000 euro. Alla luce di ciò sembrerebbe tuttavia più conveniente per l’avviamento di uno studio professionale un mutuo prima casa. Già perché il professionista che decide di aprire l’attività acquistando un immobile può farlo richiedendo un mutuo prima casa e usufruendo delle agevolazioni dello stesso; questo inoltre è possibile anche laddove l’immobile acquistato per lavoro si trovi in un comune diverso da quello di residenza del mutuatario. È stata proprio la Commissione regionale tributaria di Roma che lo scorso anno nella sentenza 3460/2015 ha stabilito che un professionista che acquista un immobile da adibire alla professione in un comune diverso da quello di residenza ha diritto alle agevolazioni fiscali previste per il mutuo prima casa. La Commissione infatti ha stabilito che non è necessario risiedere nel comune in cui si acquista l’immobile da adibire a studio, ma è necessario che il mutuatario svolga già la sua attività lavorativa nello stesso. Alla luce di questa sentenza il mutuo prima casa sembra davvero conveniente, non solo perché non vi sono vincoli di residenza, ma anche per le agevolazioni fiscali che vanno a incentivare la spinta verso l’attività professionale.

Buon lavoro e spero apriate presto la posta del vostro studio professionale

Non chiedetemi perchè ma questo argomento mi ha ricordato Renè Magritte…

the-victory-19391

Renè Magritte, La Victoire – 1939 -olio su tela

la-corde-sensible

Renè Magritte, La corde Sensible-1960 olio su tela

Archiviato in:consigli arredamento Tagged: agevolazioni, la victoire, libero professionista, magritte, mutuo liquidità, mutuo prima casa, rene magritte, studio professionale


 
 

Interni in stile scandinavo

Pubblicato da blog ospite in Mayday Casa Blog

Lo stile scandinavo è senza dubbio uno degli stili che più affascina sia per quanto riguarda i complementi d’arredo che per l’interior design.

Quali i punti fondamentali per arredare in stile Scandinavo? Ecco le linee guida da seguire per trasformare la propria casa in “Scandinavian Home”.

bagno-scandinavian-style
ingresso-stile-scandinavo
interior-scandinavian-home-decor-scandinavian-style-home-furnishings
living-stile-scandinavo
nordic-decor-3-800x533
salotto-scandinavian-style
salotto-stile-scandinavo
scandinavian-interior-design
scandinavian-style-living-room

  • Bianco, è sempre il colore predominante donando all’ambiente luminosità, a seguire vengono i toni del grigio e il nero a contrasto;
  • Legno il materiale che si accosta a linee ed altri materiali minimali e più industriali, per un effetto finale di calore senza cadere nell’effetto baita di montagna;
  • Il colore è spesso espresso in pattern geometrici su cuscini, piccoli complementi e oggettistica. I colori vivaci sono tocchi che completano l’ambiente  ambiente allegro e dinamico.
  • L’illuminazione è fatta di tanti punti luce e candele, forse dovuto al fatto che nei paesi in cui nasce questo stile l’inverno è molto buio perciò dedicano molta cura e attenzione a scaldare l’ambiente con punti luce differenti e candele.
  • Gli arredi di design scandinavo si caratterizzano da forme essenziali ma arrotondate e sempre scaldate da tessuti, cuscini o dettagli in legno.

coppia-di-mensole-stockholm-112450_1920
tavolo-augstu-112870_1920
divano-svendsen-modello-grande-118710-clip_560
3-tazzine-da-caffe-bruni-113654_1920
lampadario-trebal-114618_1920
poltrona-colombine-118382-clip_560
tavolo-in-legno-fjord-111490_1920

Vi confesso che io amo lo stile scandinavo sia per gli interni che nei complementi da inserire in qualsiasi ambiente moderno come ciliegina sulla torta. Proprio in questi giorni mi è arrivata questa stupenda coppia di mensole in legno acquistata su https://www.produitinterieurbrut.com/ che non vedo l’ora di appendere!

imballo-mensole-01
pronte da appendere

 

Archiviato in:interiors design


 
 

Come arredare con i quadri

Pubblicato da blog ospite in Decor, Mayday Casa Blog

Ho recentemente trattato come appendere i quadri e soprattutto ci siamo resi conto della loro importanza nel progetto di ristrutturazione a Torino in cui i quadri sono considerati  un elemento d’arredo vero e proprio.

I quadri sono elementi che possono dare personalità e carattere ad ogni stanza. Sono importanti elementi d’arredo in grado di offrire colore, stile e unicità alla casa. I quadri, che siano opere di prestigio o copie d’autore o ancora frutto della vostra creatività, hanno potenziale spazio in qualunque ambiente dell’abitazione. Alcuni sono più adatti alla cucina, altri alle camere da letto, altri ancora possono dare un tocco di classe alla stanza da bagno, e poi ci sono quelli che sembrano fatti apposta per decorare ingressi, scale e corridoi.

quadri-arte-minerva-auctionsL’opera d’arte può rappresentare il moodboard del progetto e la nostra palette colori, un modo diverso di arredare.

Vediamo com’è possibile arredare con i quadri in modi diversi secondo l’ambiente che si vuole impreziosire. Quadri e cornici sono l’ideale per decorare le pareti delle nostre stanze. É un modo semplice e personale di portare il colore all’interno della casa, assieme al sapore dell’arte e della cultura.

L’ingresso, qualunque sia la sua metratura, dispone spesso di una parete che non sappiamo come arricchire. Fissare dei quadri con cornice o senza alla parete può essere interessante. Si accoglie l’ospite in questo modo con allegria e si dà subito un’impressione positiva. Tra le tematiche più adatte all’entrata di casa troviamo quella del viaggio, della natura, ma anche i ritratti. Nel soggiorno ci può sbizzarrire di più, avendo a disposizione in genere pareti più ampie. Si può scegliere una tematica unica che arredi la stanza come quadri paesaggistici, ritratti di famiglia o opere moderne che giocano con i colori riprendendo il resto dell’arredamento. Il posizionamento può avvenire sia in modo geometrico e schematico che in modo apparentemente casuale. Se lo spazio lo consente è divertente anche giocare con cornici differenti: alcune antiche, altre minimaliste, altre ancora moderne e colorate. Appendendo i quadri in modo creativo il risultato può essere molto interessante.

Se tra i quadri a nostra disposizione per arredare la casa ci sono opere di particolare pregio allora la progettazione va fatta in modo completamente differente. Un’opera importante deve essere appesa da sola e illuminata in modo efficiente, magari con un faretto che ne esalta le caratteristiche. Per le stanze di passaggio come disimpegni e corridoi sono più adatti quadri a tema astratto o con ritratti di membri della famiglia. A seconda degli spazi a disposizione le pareti potranno essere più o meno ricche, con quadri posizionati alla stessa altezza o sfalsati per esempio. Infine per quanto riguarda la cucina a renderla più ricca possiamo selezionare quadri che ritraggano momenti conviviali, frutta e verdura, piatti raffinati o materie prime.

Ottime occasioni per acquistare quadri unici di differente valore sono le aste di arte organizzate dalla casa d’aste Minerva Auctions. Tutte le info su: www.minervaauctions.com/arte-moderna- contemporanea.

emilio-todini-quadropiero-dorazio

Tags:

 
 

La postura corretta davanti al pc

Pubblicato da blog ospite in Design, Mayday Casa Blog

Stiamo seduti per quasi tutta la giornata ma diamo la giusta importanza alla sedia che utilizziamo?

Proprio ora mentre vi sto scrivendo, essendomi andata a documentare sulla giusta postura da tenere davanti al computer, mi sono resa conto che  la mia posizione è assolutamente sbagliata e che ciò è principalmente dovuto  dalla sedia che ho, una poltroncina molto carina ma non idone, mi occorre una sedia da ufficio come quelle viste su Sediadaufficio.

Queste sedie hanno il vantaggio della regolazione su più fronti dall’altezza, ai braccioli allo schienale potendo così personalizzare la postura aspirando a quella corretta.

Se poi si tratta di arredare un ufficio allora l’ideale è avere anche scrivanie e schermi regolabili in altezza.

Ci sono poi sedute che presentano l’omologazione per l’uso professione da preferire per un uso superiore alle 4 ore di utilizzo.

Il fatto di dover scegliere sedie professionali e prestanti non ci fa rinunciare al gusto e all’interior design anche per il lavoro: ecco alcuni abbinamenti in base ai diversi stili.

Minimal style: sedia ideale per 4 ore di lavoro

sitle-minimalpoltrona-arucas-in-pelle-bianca

Old important style: poltrona omologata per 8 ore di lavoro

ufficiopoltrona-ufficio-classica

Open space: funzionalità operativa per 8 ore lavoro

open-space-colore-designsedia-ufficio

Industrial style: seduta squadrata per spazio metropolitano

ufficio-industrialesedia-verde-ufficio

Cercando sul web ho trovato questo video molto simpatico che in pochi minuti ci fa capire come sederci correttamente alla scrivania davanti al pc, in poltrona con il portatile e anche come far sedere i bambini , dura pochi minuti e fa sorridere.

ed ora buon lavoro a tutti!

fonte immagini: sediaperufficio.it, pinterest


Tags:

 
 




Torna su