Napol Arredamenti






 
 
 

Come ricavare un angolo studio in soggiorno

Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Napol Arredamenti

Le case di un tempo erano grandi e organizzate, c’erano ambienti nettamente suddivisi, ogni stanza era destinata ad un momento del giorno e ad una attività. Oggi le dimensioni delle abitazioni sono diminuite di molto, gli stili di vita sono cambiati, chi lavora in ufficio spesso porta a casa il lavoro da terminare. Oggi arredare il soggiorno significa progettare uno spazio nel quale svolgere più attività e per soddisfare questa esigenza è indispensabile avere mobili multifunzione. Parliamo per esempio di tavolini da salotto trasformabili in tavoli da pranzo, consolle da ingresso che diventano tavolo per tutti i giorni, mobili con letti a scomparsa o ancora pareti attrezzate che svolgono funzione contenitiva, espositiva e possono essere usate anche come scrivania.
Il soggiorno è diventato il centro nevralgico della casa, luogo di piacere e di dovere in cui ritrovarsi con amici e parenti, rilassarsi sul divano davanti alla tv o ad un libro, lavorare e studiare.

Avere un angolo studio in soggiorno è indispensabile per grandi e bambini. I più piccoli hanno una scrivania dove appoggiarsi per studiare, fare i compiti, leggere e colorare; i più grandi hanno una zona ufficio con angolo pc per lavorare da casa.
L’ufficio casalingo è una richiesta molto gettonata: in molti desiderano uno spazio home office pronto ad ospitare tutto il necessario per un lavoro full time da casa; altri invece desiderano una mini postazione di lavoro da sfruttare solo per qualche ora al computer portatile.

Per rispondere alle esigenze e alle tendenze dell’abitare moderno abbiamo progettato una parete attrezzata con angolo home office. Si tratta di un mobile da soggiorno in cui scrivania, libreria e contenitori si uniscono in un unico sistema. In questa soluzione c’è spazio per contenere e nascondere, per mettere in bella mostra e c’è anche un pratico piano d’appoggio e di lavoro.

Parete attrezzata con scrivania integrata

Per chi vive in una casa piccola è fondamentale occupare poco spazio e scegliere arredi versatili e multiuso. È tuttavia importante che questa necessità di spazio organizzato non vada a discapito delle dimensioni della scrivania che deve rivelarsi sempre comoda e funzionale.
La soluzione nell’immagine propone una scrivania lunga 245,3 cm, larga (nel lato più grande) 70 cm e alta 77 cm.

Dettaglio della scrivania sagomata integrata nel mobile da soggiorno 702

La parete attrezzata proposta nelle immagini è pensata per arredare soggiorni di almeno 5 metri di larghezza ma le dimensioni possono essere riviste a seconda dell’effettivo spazio a disposizione. Tutti i nostri arredi sono componibili e realizzabili praticamente su misura, pronti a soddisfare tutte le esigenze e ad arredare qualsiasi casa.

Chi ha necessità di avere un soggiorno completo e super organizzato può optare per la parete attrezzata con angolo studio con scrittoio porta computer e numerosi contenitori.

Sotto, sopra e di fianco al piano di lavoro sono presenti vani libreria e vani chiusi con ante da utilizzare per risme di fogli, cartellette portadocumenti, fascicoli, cassette per corrispondenza o ancora libri e manuali. Insomma, tanto spazio per organizzare e riporre tutto quello che serve avere a portata di mano quando si è seduti alla scrivania a lavorare o studiare. Con un mobile così organizzato è facile allestire un mini ufficio in soggiorno.

Parete attrezzata con scrittoio e numerosi spazi contenitivi

 

Cosa non bisogna assolutamente trascurare quando si acquista una parete attrezzata con scrivania integrata?

  • Seduta

Fissa o girevole, con o senza ruote, regolabile in altezza, con o senza braccioli, con o senza poggiatesta. Prima di acquistare una sedia per scrivania è bene valutare numerose caratteristiche.
Chi rimane molte ore seduto alla scrivania deve assicurarsi di assumere sempre posizioni ergonomiche, comode e corrette per preservare la salute della schiena e della colonna vertebrale e per favorire la concentrazione.
La posizione corretta mentre si utilizza il pc prevede: schiena dritta, avambracci orizzontali e appoggiati sul piano di lavoro, mani parallele alla scrivania, ginocchia piegate a 90°, piedi a terra meglio se appoggiati su un poggiapiedi.

  • Illuminazione

L’area di lavoro dev’essere sempre ben illuminata per non sforzare mai la vista. La luce non deve illuminare direttamente lo schermo del computer o il libro, deve piuttosto essere diffusa su tutta la zona di lavoro. Quando la luce naturale proveniente dalle finestre non è sufficiente è consigliato scegliere tra: lampada da tavolo con braccio flessibile e punti snodabili, lampada da muro con braccio flessibile che non occupa spazio sul piano, strisce led da incollare ai pensili sopra la scrivania. Attenzione alle ombre che si potrebbero creare sul piano. Importante: la luminosità dello schermo dev’essere regolata in relazione a quella dell’ambiente.

 

    Desideri maggiori informazioni sulle soluzioni giorno con scrivania integrata di Napol Arredamenti? Desideri conoscere il prezzo e avere un preventivo su misura? Contatta il rivenditore più vicino a casa tua.


     
     

    La camera da letto bianca

    Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Idee, Napol Arredamenti

    La camera da letto è lo spazio privato per eccellenza, un luogo di riposo in cui ci si deve sentire sempre a proprio agio. L’arredamento contribuisce a creare l’atmosfera che desideriamo, insieme ad un uso studiato dei colori delle pareti, degli arredi e degli accessori.
    Fantasia e gusti personali sono alla base di tutte le scelte in casa ma la psicologia del colore consiglia di scegliere tinte tenui e colori pastello per la zona notte, tonalità accese e vivaci per la zona giorno. Le tendenze degli ultimi anni ci hanno mostrato soluzioni diverse e molto lontante tra loro ma tra tutte le mode del settore arredamento, ai primi posti permane la camera da letto bianca. Una stanza rasserenante dal punto di vita cromatico perché pensata per conciliare il relax totale, infondere calma e pace, rilassare.

     

    Camera bianca 8030 con letto, comodini e settimanale

     

    Una camera con mobili bianchi piace a tutti, non stanca mai e il suo look può essere rivoluzionato tutte le volte che si desidera senza incorrere in spese eccessive. È possibile cambiare la biancheria del letto, giocare con le tende o il tappeto, scegliere un nuovo colore per una o più pareti della stanza.

    Da notare in questa foto la presenza di letto, comodini e comò bianchi in abbinamento ad una parete d’accento color rame e ad accessori e complementi grigio / neri.

     

    Camera matrimoniale 4022 con mobili in laccato bianco

     

    Spesso il colore bianco viene visto come un colore di ripiego low cost ed economico, che va bene con tutto, da scegliere quando non si hanno idee e si vuole andare sul sicuro. È riduttivo pensare al bianco in quest’ottica, piuttosto è bene trovare il modo di sfruttare questa sua grande versatilità. Da dosare e usare con criterio, in modo equilibrato e studiato, il bianco diventa a volte il miglior alleato della camera da letto. Pensate allo stile scandinavo, questo colore / non colore la fa decisamente da padrone e abbinato alle calde sfumature del legno arreda in modo lodevole.

    Camera da letto bianca, ma bianco come? Puro, latte, panna, avorio, ghiaccio, freddo, sporco? Chi più ne ha più ne metta.
    Chi pensa che esiste un’unica sfumatura di bianco si sbaglia. Scegliere e acquistare mobili bianchi può rivelarsi più arduo del previsto, soprattutto quando si inizia a ragionare anche sul materiale.

     

    Camera da letto 1000 in rovere laccato poro aperto bianco segnale. Armadio con dettagli in vetro millerighe bianco

     

    Camera 2532 con letto bianco, comodini bianchi, comò bianco

     

    Quelli che potete notare qui sotto sono campioni di diversi materiali bianchi presenti nel nostro campionario online. Da notare come l’impatto visivo cambia a seconda del materiale e della texture.

    Dal campionario Napol, campioni in bianco

     

    Naturalmente tutte le nostre camere da letto possono essere completate da armadi coordinabili per finiture e colori a letti, comò, comodini e settimanali. Chi ama il look total white può scegliere tra armadi ad ante battenti o scorrevoli bianchi, soluzioni componibili al centimetro e realizzabili praticamente su misura.

     

    Armadio bianco Cono, componibile al centimetro e su misura

     

    Armadio scorrevole bianco Greta con fascia decorativa in vetro bianco

     

    Vi piacciono le soluzioni proposte in questo articolo? Vorreste conoscere dimensioni, finiture e prezzi? Prendete un appuntamento gratuito con un arredatore, pronto a rispondere a tutte le vostre domande e consigliarvi il miglior acquisto.

    Tags:

     
     

    Tavolo in legno particolare: il piano bicolore

    Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

    Se cerchi un tavolo in legno moderno e particolare sei nel posto giusto; questi tavoli in legno con piano bicolore fanno al caso tuo e ce n’è per tutti i gusti: dai decori centrali ad onda a quelli geometrici con linee rette, dall’alternanza di due colori ad abbinamenti inediti di più materiali.

    Senza nulla togliere ai modelli più classici, un tavolo in legno con piano decorato e bicolore permette di giocare con i materiali e i dettagli e di creare soluzioni e abbinamenti mai banali e sempre originali. Si possono accostare finiture in tinta o a contrasto, nuance accese o tinte sobrie, si possono scegliere soluzioni tono su tono o sperimentare accattivanti contrasti, è possibile abbinare il legno al laccato o anche al vetro. Insomma, se l’obiettivo è quello di arredare casa con arredi diversi dal solito, via libera a fantasia, voglia di sperimentare e soprattutto ai tavoli che permettono di farlo.
    Noi di Napol Arredamenti abbiamo pensato a tutto questo e abbiamo progettato quattro tavoli da pranzo con una marcia in più. Lasciatecelo dire.

    Tavolo con piano con decoro ad onda Slalom
     

    Tavolo con piano con decoro centrale obliquo Taj 1

    Tavolo con piano bicolore Taj 2

    Tavolo con piano a sezioni trapezoidali Dia

     

    Per rispettare lo stile e l’unicità di questi tavoli è consigliato abbinare materiali, finiture e colori diversi. È possibile scegliere tra legno essenza olmo Perla e olmo Brown, Cherry (o “ciliegio europeo”), Briccola Venezia (legno di recupero proveniente dai pali che costellano la laguna veneziana), Fresno (legno ricavato dal frassino), laccato opaco e laccato lucido. Queste ultime tre finiture sono disponibili in una grande varietà di colori, tra i più venduti possiamo citare bianco perla, canapa, nocciola, moka, ghiaccio, grigio piombo, nero, porpora, giallo, petrolio, bruno, cenere e carbone. Per l’elenco completo di tutti i colori disponibili è possibile far riferimento al campionario materiali online.
    Il tavolo Dia è l’unico tavolo che permette l’abbinamento di vetro e legno. Oltre a tutte le finiture già citate è possibile optare anche per specchio Nuvola, specchio Acqua, vetro Rami Bianco, vetro Rami Grigio e vetro verniciato in diversi colori.

     

    Quali sedie abbinare ad un tavolo in legno bicolore?

    Per creare un ambiente curato nei dettagli, elegante e raffinato consigliamo di scegliere sedie e tavoli in abbinamento tra loro. Partendo dallo stesso campionario materiali è facile giocare con i colori e creare piacevoli abbinamenti. Ad esempio è possibile optare per:
    A – gambe della sedia in tinta con il decoro del tavolo
    B – gambe della sedia in tinta con la struttura del tavolo
    C – alcune sedie in legno in tinta con il decoro sul piano, altre sedie in legno in tinta con la struttura del tavolo
    D – struttura della sedia in legno in tinta con il decoro del tavolo, seduta della sedia imbottita in tinta con la struttura del tavolo
    E – sedia con struttura in legno e seduta imbottita, entrambe in tinta tra loro e con il decoro del piano del tavolo.

    Per avere un’idea di queste soluzioni e per scegliere la tua preferita dai un’occhiata alle sedie proposte nelle immagini qui sopra. Presta attenzione agli accostamenti equilibrati e misurati e non esitare a contattarci per qualsiasi dubbio o consiglio.

    Ti piace l’effetto bicolore di questi tavoli? Potresti riproporre gli stessi motivi decorativi acquistando tavolini da salotto e armadi ad ante battenti e scorrevoli. Le collezioni Slalom, Taj 1, Taj 2 e Dia comprendono ciascuna tavolo da pranzo, tavolino basso per fronte divano e armadio per camera da letto.

    Stai cercando un tavolo da pranzo particolare con piano bicolore o decorato e hai visto un modello che ti piace? Vorresti sapere dimensioni e costo? Contatta il rivenditore Napol più vicino a casa tua. Prendi un appuntamento con un arredatore professionista e lasciati consigliare.

     

    Tags:

     
     

    Arredamento soggiorno: meglio la parete attrezzata o la libreria?

    Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Idee, Napol Arredamenti

    In soggiorno è meglio avere una parete attrezzata o una libreria?

    A sinistra i sostenitori della parete attrezzata, a destra quelli della libreria, al centro gli indecisi, chi vorrebbe saperne di più e chi vorrebbe rispondere “dipende” o “tutte e due”. Io mi schiero al centro e ti invito a leggere fino alla fine questo articolo per scoprire il perchè.

    Le funzioni sono pressochè le stesse: contenere, organizzare, conservare, sistemare, appoggiare, arredare. Chi più sinonimi ha più ne metta. Quello che cambia è l’aspetto. La libreria è dotata di ripiani, scaffali e mensole per lo più a giorno; può cambiare la forma ma l’obiettivo è quello di lasciare molti oggetti in bella vista. La parete attrezzata è composta da un mix di elementi tra cui basi d’appoggio con cassetti o cestoni, pensili contenitori con ante, mensole, vetrinette, teche, inserti a giorno, pannelli porta tv. Insomma sia spazi contenitivi nascosti, sia spazi espositivi per oggetti da lasciare in mostra.
    Non si dice forse che “la verità sta sempre nel mezzo”?! In soggiorno servono entrambe queste soluzioni, servono contenitori e ripiani, serve spazio per gli oggetti che si utilizzando quotidianamente e che è bene avere sempre a portata di mano, serve spazio gli oggetti poco usati. Nell’arredamento del soggiorno le mezze misure esistono e sono un ottimo compromesso tra funzionalità ed estetica. Chiamatela parete attrezzata con colonne libreria oppure libreria a parete attrezzata, poco cambia, quello che è certo è che se ne acquistate una non ve ne pentirete.

    Come scegliere la parete attrezzata e la libreria?

    VALUTA GLI SPAZI

    Prendi le misure della stanza e in particolare dell’area in cui vuoi posizionare il mobile. Considera anche l’ingrombro massimo del mobile da acquistare. Ricordati soprattutto di accertarti della presenza di eventuali parti sporgenti come ad esempio le maniglie.
    Qualsiasi sia lo spazio a tua disposizione esiste un mobile ideale. Se i mobili in vendita in stock non ti soddisfano acquista pareti attrezzate e librerie componibili e modulari. I mobili su misura soddisfano qualsiasi esigenza e aiutano ad arredare qualsiasi ambiente.

    Libreria grande, lunga, alta per soggiorno ampio. Personalizzabile per dimensioni, materiali, colori e disposizione degli elementi.Libreria piccola e compatta per soggiorni piccoli e contenuti. Libreria componibile e modulare.

    Il consiglio dell’arredatore: se acquisti un mobile di grandi dimensioni considera la possibilità di lasciare le altre pareti della stanza abbastanza libere. Non riempire troppo gli spazi, non renderli “soffocanti”, non appesantire inutilmente l’ambiente.

     

    VALUTA I DETTAGLI

     – Nello spazio in cui andrai a collocare il tuo mobile ci sono prese elettriche? Sfruttale per collegare televisore, stereo o lampade.
    – Sulla parete c’è un calorifero? Opta per elementi componibili e posizionabili dove preferisci e dove c’è spazio.
    – Ci sono porte o finestre che si aprono verso la parete attrezzata libreria? In quella zona non inserire antine o cestoni ma prevedi solo mensole e ripiani a vista.
    – I battiscopa sono facilmente rimovibili? Se non lo sono valuta soluzioni sospese a parete.
    – La parete presenta colonne o elementi strutturali sporgenti? Fai in modo di nascondere questi elementi integrandoli nel mobile oppure mettili in risalto cambiandone il colore.
    – La parete è abbastanza solida e stabile per sostenere un mobile sospeso e il peso degli oggetti? Se non lo è opta per soluzioni in appoggio a terra e valuta se è necessario / possibile l’ancoraggio a parete.

    Questa parete attrezzata sospesa è formata da elementi singoli posizionabili a piacere sulla parete.In caso di colonna in soggiorno è possibile prevedere due mobili componibili distinti, uno a destra della colonna e uno a sinistra.

     

    VALUTA LE FUNZIONI

    – Quanti libri hai? Fai una cernita e prevedi il giusto numero di ripiani e mensole
    – In soggiorno c’è un angolo tv distinto o il televisore andrà integrato nella parete attrezzata o libreria? Preferisci un televisore sospeso o in appoggio? Vuoi un pannello tv fisso, girevole, estraibile? Ci sono gli attacchi per la corrente e l’antenna?
    – Ti piacerebbe avere un piccolo angolo bar? Prevedi alla giusta altezza uno vano con anta a ribalta.
    – Sei un collezionista e vuoi esporre in bella vista i tuoi oggetti preziosi? Hai bisogno di vetrinette e teche.
    – Il soggiorno verrà sfruttato anche come home office? In questo caso prevedi scrivanie o scrittoi integrati, mensole e contenitori per fogli, documenti e cancelleria.

    Parete attrezzata con scrivania integrata, per un angolo home office organizzato in soggiornoParete attrezzata con pannello porta tv girevole per uno schermo ben visibile da più punti della stanzaMobile soggiorno completo di colonne libreria, pensili contenitore con ante battenti e basi a terra con cestoni capienti.Arredamento soggiorno con teche in vetro con luci a led RGB colorate.

    Ti sai ancora chiedendo se in soggiorno è meglio una libreria o una parete attrezzata o ti ho convinto che le risposte giuste sono “dipende” e “tutte e due”?!

    Vuoi avere maggiori informazioni sui prodotti fotografati? Vuoi ricevere un preventivo? Ti piacerebbe acquistare una parete attrezzata? Vorresti ordinare una libreria? Contatta subito il Rivenditore Napol più vicino a casa tua. Consulenza e preventivo sono gratuiti.

    Tags: ,

     
     

    Armadio a specchio: luce e profondità in camera

    Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

    Avete mai pensato a come sarebbe la vostra camera da letto con un armadio a specchio? Ve lo diciamo noi: molto luminosa e più grande. Le superfici a specchio riflettono la luce dell’ambiente, sia che si tratti di una luce naturale proveniente dalla finestra sia che si tratti della luce artificiale di una lampada. Gli specchi danno l’impressione di una stanza più ampia, modificano la percezione visiva e fanno sembrare l’ambiente più largo e spazioso.
    Per tutti questi motivi l’armadio con ante a specchio è un’alternativa da considerare quando si sta per arredare casa, soprattutto se si ha a che fare con stanze piccole e metrature ridotte.
    Lo specchio inoltre arreda con stile, dona carattere ed eleganza alla stanza ed è la scelta ideale per arredamenti sia moderni sia classici.

    Quando si parla di armadi con specchio si può fa riferimento a diversi modelli: armadio tutto a specchio, armadio con ante centrali a specchio, armadio con ante in legno e specchio. Le alternative sono numerose, pronte a soddisfare i gusti e le esigenze di tutti.

    Per le nostre collezioni di armadi battenti e scorrevoli abbiamo selezionato 5 tipi di specchi: specchio naturale, bronzato, brunito, specchio Nuvola e specchio Acqua.

    • Specchio naturale: è la classica superficie a specchio riflettente dall’effetto chiaro e molto luminoso
    • Specchio bronzato: specchio con riflesso bronzeo che ricorda le foto “effetto seppia”
    • Specchio brunito: specchio con una sfumatura scura tendente al grigio
    • Specchio Nuvola: la superficie ha un effetto spugnato, vedo-non-vedo
    • Specchio Acqua: specchio decorato con righe irregolari verticali

    Le 5 finiture a specchio per gli armadi di Napol Arredamenti

      Vi state forse chiedendo come appaiono questi specchi e quale effetto può donare un armadio a specchio alla vostra camera?
      Guardate la gallery di immagini qui sotto.

      ATTENZIONE

      1. Usare le immagini con moderazione. Lasciare libero sfogo alla fantasia, consultare le schede prodotto, contattare i Rivenditori Napol per informazioni, varianti e preventivi
      2. Realizziamo armadi componibili al centimetro, personalizzabili per dimensioni, materiali e finiture. La nostra collezione di armadi su misura include armadi battenti e scorrevoli, con maniglie applicate, integrate o a gola. Tutti gli armadi hanno un’anima in tamburato e sono impiallacciati in vero legno, esternamente e internamente, in varie essenze di tendenza che spaziano dal rovere laccato poro aperto ai laccati. È possibile avere ante interamente a specchio, ante in legno e vetro, ante in legno e specchio, ante con inserti in vetro o specchio.

        Dora è un armadio scorrevole con ante centrali a specchio brunito con profili laterali rovere laccato poro aperto, in tinta con la struttura e le ante laterali. Dora è proposto in laccato bianco segnale e in legno olmo perla, per il massimo dell’eleganza e della raffinatezza.

        Ada è un armadio scorrevole con due ante a specchio Acqua, un’elegante e appariscente finitura ideale per camere da letto moderne, classiche e contemporanee. La decorazione dello specchio può essere sdrammatizzata o accentuata scegliendo un particolare colore della struttura.

        Bai è un armadio scorrevole con anta centrale in specchio bronzato impreziosita da scanalature orizzontali che proseguono sulle ante laterali in legno. Ante laterali, telai e struttura sono qui proposti in vero legno ciliegio, per un look ispirato al passato e rivisitato in chiave moderna.

        Bai è anche un armadio con anta centrale in specchio Nuvola, sempre impreziosita da scanalature orizzontali. La particolare decorazione dello specchio crea un piacevole effetto “vedo-non-vedo”, o meglio “rifletto-non-rifletto”.

        Dia è un armadio scorrevole particolare e originale con due ante divise in quattro pannelli ciascuna. I pannelli possono essere realizzati in legno, vetro, specchio. L’abbinamento di diversi materiali e colori dà vita ad un armadio moderno e contemporaneo, capace di diventare il protagonista della camera.

         

         

        Volete vedere dal vivo i nostri armadi? Volete toccare con mano i nostri materiali? Vi piacciono i modelli che avete visto in questo articolo ma non sapete dove acquistarli? Volete un preventivo? Contattate il Rivenditore Napol più vicino a voi e prenotate un appuntamento (gratuito e senza impegno d’acquisto) con un esperto Arredatore.

        Tags:

         
         

        Un armadio moderno particolare? Personalizzalo!

        Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

        Se per arredare la camera da letto cercate un look diverso dal solito, il nostro primo consiglio è quello di scegliere un armadio particolare e originale. L’armadio, grazie alle sue grandi superfici lisce, è l’arredo che più si presta ad essere personalizzato. Per creare una zona notte davvero unica, le ante dell’armadio dovrebbero permettervi di abbinare colori e materiali diversi: solo con questa libertà potrete realizzare un arredo davvero personale, esprimere i vostri gusti e dire davvero di non avere “il solito armadio“.

        Senza nulla togliere ai più classici modelli in legno, vetro o laccato tinta unita, un armadio a due, tre o quattro colori permette di esprimere la propria personalità attraverso mix inediti e perfettamente in linea con il mood che volete dare alla vostra stanza da letto. Il legno può essere accompagnato dal laccato opaco in colori in tinta o completamente a contrasto, il rovere laccato poro aperto può essere abbinato con il corrispettivo colore nella versione liscia del laccato, le varie nuance possono essere accostate in combinazioni tono su tono che sfumano l’una nell’altra. Insomma l’unico limite è, come si suol dire, la fantasia.

        Armadio particolare? Parola d’ordine: personalizzare

        Siamo abituati a vedere armadi scorrevoli con grandi ante lisce in legno, laccate o con specchi e inserti in vetro. Ma cosa succede quando metti tutti questi materiali insieme?

        Noi l’abbiamo fatto con l’armadio scorrevole personalizzabile Dia che si caratterizza per le ante composte da 4 sezioni irregolari realizzabili in varie finiture e materiali diversi: essenza legno, rovere laccato poro aperto in vari colori, laccato opaco e vetro. Le infinite possibilità di scelta e di abbinamento consentono di creare un armadio unico, versatile e pronto per arredare camere da letto in qualsiasi stile. Senza contare che tutti i nostri armadi sono componibili al centimetro e garantiscono una grande flessibilità progettuale.

        Un armadio dallo stile particolare e ricercato va ben oltre la basica esigenza dell’arredare la propria stanza, diventa oggetto da esibire, pezzo decorativo da utilizzare anche in altri ambienti come se fosse una scultorea opera d’arte. Non per niente lo abbiamo progettato senza maniglie visibili, lasciando alle ante il ruolo da protagonista. Tocco prezioso in più: la presenta di inserti in vetro o a specchio, anche questi da personalizzare scegliendo tra varie finiture molto speciali.

        Sempre attenti a tutte le esigenze, non potevamo certo trascurare chi preferisce l’armadio con ante battenti. Anche in questo caso abbiamo voluto giocare con le linee per conferire un tocco di maggiore dinamicità ad un arredo che, per le sue dimensioni importanti, viene spesso percepito come una presenza ingombrante (nonostante il suo ruolo fondamentale all’interno della zona notte!).
        È nato così Taj, armadio componibile su misura dalle ante bicolore tricolore e perfino “quadricolore”.

        Pensato per arredare stanze moderne e, perché no, un ingresso o una cameretta, questo particolare armadio a battente consente di abbinare tra loro in totale libertà olmo Perla, olmo Brown, rovere laccato a poro aperto e tutti i colori del laccato opaco. Una palette straordinaria con cui giocare attraverso accostamenti originali, in netto contrasto o in assoluta armonia. La cosa importante è solo una: dar sfogo alla propria fantasia per arredare con un armadio diverso da tutti gli altri.

        Se state cercando idee su come abbinare colori e finiture, ecco alcuni consigli.

        State cercando un armadio particolare per arredare una camera da letto davvero unica? Vi piacciono i modelli che avete visto in questo articolo ma non sapete come personalizzarli? Prendete un appuntamento con un arredatore e lasciatevi consigliare dai professionisti.

        Tags:

         
         

        Letto contenitore in legno: 5 motivi per sceglierlo

        Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Idee, Napol Arredamenti

        Se state arredando la vostra camera da letto o volete rinnovarla vi starete sicuramente chiedendo quale modello di letto scegliere. Meglio un letto matrimoniale in legno o un imbottito? Se in legno, quale essenza? Se imbottito, meglio il tessuto, l’ecopelle o la pelle? Contenitore sì o no?

        Il nostro consiglio è: letto contenitore in legno. Qui sotto vi spieghiamo il perché in 5 semplici punti.

        1. Il contenitore: soluzione salvaspazio perfetta

        Scegliere il contenitore vi permette di guadagnare spazio laddove andrebbe altrimenti sprecato: sotto il letto.

        In una camera da letto di dimensioni standard (per legge una camera matrimoniale deve misurare minimo 14 metri quadrati) un letto con box aiuta ad ovviare alla mancanza di spazio. In una stanza piccola è difficile ci sia posto per grandi armadi in grado di contenere vestiti, cappotti, cambi di stagione e biancheria. Senza dimenticare i gruppi letto completi composti da comodini e comò o settimanali, che sempre più spesso non trovano collocazione nelle abitazioni di nuova costruzione: se i comodini sono intoccabili, comò e settimanali sembrano essere passati in seconda posizione quando si parla di arredi necessari. 

        Tra tutti gli arredi per la zona notte, il letto è quello che occupa la superficie maggiore: perché non sfruttarla al meglio ottimizzando lo spazio al di sotto?

        Inoltre, per rendere più facile l’accesso al vano sottorete, i letti con contenitore moderni sono disponibili sia con apertura verticale sia con meccanismo a “doppia alzata” o ad “alzata orizzontale”. Questo tipo di apertura permette di sollevare la rete e portarla in posizione orizzontale, rendendo agevole l’organizzazione di tutti gli spazi del contenitore oltre che il rifacimento del letto.

        2. Materiale di qualità: resistenza e bellezza duratura

        Di mobili in legno abbiamo parlato tantissime volte nel blog e all’interno di ogni pagina dedicata ai nostri prodotti. Stiamo parlando di un prezioso materiale che da secoli arreda le nostre case, bello, resistente, caldo e dall’allure sempre famigliare. I letti in legno impiallacciato sono realizzati utilizzando legname proveniente da foreste certificate. Il piallaccio in vero legno consente di conservare intatte le venature ed i naturali, leggeri cambi di colore.

        Se vi state chiedendo cosa c’è sotto l’impiallacciatura vi rispondiamo subito: altro legno.

        Ad eccezione dei due imbottiti e del modello Magnus, tutti i letti in legno di nostro produzione prevedono testiere realizzate in legno multistrato: solo questo tipo di pannello semilavorato composto da sottili fogli di legno pressati insieme ci permette di plasmare e creare le caratteristiche testiere curvate.

        3. Personalizzazione (perché il legno non è solo “marrone”!)

        I legni di qualità più utilizzati per la produzione di letti, armadi e altri arredi per soggiorno e camera da letto, sono tradizionalmente il rovere, il noce e il ciliegio. Negli ultimi anni sono venuti alla ribalta nuovi legni come il frassino e l’olmo, che piacciono molto per le loro venature fitte sporadicamente interrotte da eleganti fiammature. Dal punto di vista tecnico di questi ultimi è particolarmente apprezzabile la resistenza meccanica, la facilità di lavorazione, la stabilità e la predisposizione alle finiture.

        Le tonalità tipicamente associate al legno sono il bruno, il biondo, il rosato e il rossastro. Ma ricordiamo che oltre a queste declinazioni di marrone, il legno può essere laccato a poro aperto bianco ed in numerosi altri colori. Per un twist moderno, o se siete amanti del look total white, il vostro letto contenitore in legno può essere personalizzato in tantissime nuance.

        Per la nostra collezione di letti matrimoniali abbiamo scelto un campionario di legni che include l’olmo nei colori Perla e Brown, il rovere laccato poro aperto in numerosi colori e l’intramontabile ciliegio.

        4. Una scelta sempre al passo coi tempi

        Che sia un letto contenitore in legno di rovere, di ciliegio o di olmo, un letto moderno impiallacciato in essenza non passerà mai di moda. Le linee proposte dalle collezioni più attuali sono essenziali, dal design pulito e dai dettagli accurati. Difficile stancarsi della semplicità!

         

        5. NO a polvere e acari

        Il legno non ha bisogno di grande manutenzione e basta spolverare periodicamente le superfici del letto contenitore, dentro e fuori, per garantire il massimo livello di igiene. Questo è particolarmente importante per chi soffre di allergie: non si può godere dello stesso livello di pulizia se si sceglie un letto imbottito, in particolare se rivestito in tessuto. Certo, l’estetica a volte vince sulla praticità, ma bisogna ammettere che i letti in legno contemporanei non hanno nulla da invidiare agli imbottiti!

        Vi abbiamo convinto? Se ancora avete dei dubbi sui letti in legno, con o senza contenitore, vi consigliamo di leggere la guida “5 cose che devi sapere sui letti Napol”: un approfondimento su come sono realizzate le strutture letto e le reti.

        Per assistenza personalizzata e per toccare con mano i materiali di cui vi abbiamo parlato potete inoltre recarvi presso uno dei Rivenditori Partner Napol.

        Tags: ,

         
         

        Armadio in vetro fumé: tutto il fascino del vedo non vedo

        Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

        Non abbiamo mai nascosto il nostro amore per il legno, ma non possiamo certo disdegnare un altro materiale principe dell’arredo di casa: il vetro. Lo abbiamo inserito sia nella zona giorno che nella zona notte ed è di quest’ultima che vogliamo parlarvi oggi. Andiamo alla scoperta di una finitura particolare, raffinata e dal grande impatto scenografico: il vetro fumé.

        Nelle sue varie forme e colori, nelle svariate possibilità di personalizzazione e decorazione, nelle sue infinite varianti, il vetro arreda con intramontabile stile, donando un tocco di eleganza a qualsiasi ambiente. Scelta ideale per tutte le stanze della casa, è particolarmente apprezzato in camera da letto. Qui infatti le grandi superfici delle ante di armadi battenti e armadi con ante scorrevoli permettono di metterlo in evidenza in tutto il suo splendore: questo materiale, capace di trasformarsi da semplice materia ad elemento di design e decorazione, impreziosisce con i suoi riflessi cangianti, rendendo la camera più luminosa e creando un effetto vedo non vedo che, grazie all’illusione di maggior profondità, dà l’impressione di una stanza più ampia, con porte dietro le quali si nasconde un secondo ambiente, un angolo spogliatoio o una cabina armadio attrezzata.

        Ma l’effetto che un armadio in vetro fumé può donare alla vostra camera da letto è ancora più affascinante.

        Particolarmente in voga negli anni ’70, questo tipo di vetro dalla colorazione scura può essere declinato in grigio o in una tinta bronzata. La finitura scelta per l’armadio con ante in vetro Reflex ad esempio, è una nuance di fumé dall’effetto scenografico unico. Si possono indovinare i profili di abiti e vestiti, ma una volta spente le luci interne la superficie nasconde quasi completamente ciò che sta dentro l’armadio restituendovi il riflesso di ciò che si trova nell’abitazione.

        Un gioco di trasparenze e riflessi che vi regala quel tocco di mistero che in una camera da letto matrimoniale non guasta mai.

        Per le nostre collezioni abbiamo scelto 3 tipi di vetro fumé, pensati per soddisfare tutti i gusti ed abbinarsi ai materiali preferiti per l’arredo della zona notte: il legno e il laccato.

        Oltre al vetro bronzato abbiamo introdotto gli specchi fumé in due nuance: il brunito e il bronzato. La differenza, come è possibile vedere dai campioni fotografati, è il livello di trasparenza e la capacità di riflessione. Il vetro è infatti semi trasparente (è possibile vedere attraverso le superfici bianca e grigia sottostante) ed al contempo riflettente. I due specchi non sono trasparenti e riflettono perfettamente l’oggetto posto di fronte. Qui sotto due modelli di armadio con ante scorrevoli specchio fumé nelle due finiture brunito e bronzato.

        Armadio scorrevole con ante in specchio brunito

        Armadio scorrevole con anta in specchio bronzato

        Specchio e vetro, siano fumé, naturali, trasparenti o laccati colorati, sono un’ottima scelta d’arredo per camere da letto di qualsiasi dimensione e stile. Sempre attuali, questi materiali si adattano alla perfezione ad un arredamento classico o moderno, donando alla stanza un tocco di eleganza senza tempo, luminosità ed un senso di maggiore ampiezza nel caso di ambienti dalle misure ridotte.

        Vuoi vedere i nostri armadi dal vivo? Vuoi toccare con mano i vetri della collezione notte? Contatta il Rivenditore Partner più vicino a te per un appuntamento con un Arredatore.

        Tags: ,

         
         

        Mobile soggiorno in bianco e nero

        Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Idee, Napol Arredamenti

        Sapete tutti che siamo fedeli amanti del legno, ma dobbiamo ammettere che arredare il soggiorno in bianco e nero è sempre una scelta azzeccata. Che la vostra casa sia moderna, elegante, informale, giovane o super chic, il connubio tra i due colori-non-colori è un abbinamento di cui non ci si stanca mai.

        Total look bianco e nero

        Naturalmente, tra i suggerimenti su come arredare in bianco e nero e su come abbinare questo duo, non poteva mancare quello che per noi è il materiale principe della casa: il legno. È questo accostamento che ci ha ispirati nella progettazione della parete attrezzata bianca e nera 588, soluzione per l’arredamento di un soggiorno moderno e completo di tutti i contenitori che servono per la corretta organizzazione degli spazi del living e dell’area relax.

        Composta da basi a terra con capienti cassetti e pensili quadrati e rettangolari con ante battenti, si caratterizza per l’integrazione del mensolone in legno di recupero. Con la loro superficie segnata dal lavorio di flora e fauna marine, sono le bellissime scanalature ed imperfezioni del legno ricavato dalle briccole veneziane a completare una palette che gioca con luce e ombra.

        Sempre attuale, applicabile sia allo stile classico che al design contemporaneo, il black&white può essere adottato sia come total look, quasi optical, sia stemperato dall’accostamento con colori neutri tono su tono come le numerosissime tonalità del grigio e del bianco.

        Eleganti alternative al soggiorno bianco e nero

        Se per voi nero è sinonimo di eleganza, ma non volete abbinarlo al bianco, vi consigliamo di optare per le tonalità del grigio. Un esempio è la parete attrezzata nera e frassino grigio 803 per cui abbiamo scelto strutture laccate opache nere e frontali in “fresno” grigio cenere ed un più caldo color creta.

        Se il soggiorno è giocato tutto sull’accostamento tra nero e bianco, per i mobili o la parete attrezzata potreste preferire un abbinamento che smorzi le due principali tinte contrastanti. Per mantenere comunque un ambiente elegante e formale potete optare per un mood tono su tono puntando sul grigio. Noi l’abbiamo fatto con la parete attrezzata bianca e grigio scuro 587 ed anche con la nuovissima composizione giorno 802 grigio chiaro e grigio scuro

        Se invece volete aggiungere tocchi d’accento per spezzare la monotonia del bicolore nero e bianco consigliamo il rosso, l’oro ma anche il giallo senape o un bel divano in pelle marrone. Decisamente la scelta più adatta a fare da contraltare alla rigorosa presenza dei due toni neutri per eccellenza.

        E se il soggiorno è anche sala da pranzo?

        Nelle case moderne sempre più spesso salotto, soggiorno e sala da pranzo convivono nella stessa stanza, a volte anche con cucina a vista. Il tavolo da pranzo può essere abbinato alla parete attrezzata porta tv o semplicemente seguire i colori principali scelti per l’arredo dell’ambiente circostante. A nostro parere in un soggiorno bianco e nero è meglio optare per un tavolo in legno laccato bianco o laccato opaco, completato da sedie in tinta o a contrasto nei toni del grigio o del nero per riprendere il leit motiv dell’arredo del living.

        La scelta di arredare il soggiorno in bianco e nero è perfetta sia per ambienti piccoli che per i più spaziosi. In un salotto di piccole dimensioni il nostro consiglio è quello di equilibrare le due tonalità dando predominanza al bianco: in questo modo l’area sembrerà più grande e luminosa. Una presenza esagerata di nero in un ambiente piccolo, magari poco luminoso, è da sconsigliare. Aggiungete poi qualche tocco di colore qua e là attraverso complementi, oggetti decorativi, libri, tessili e soprammobili.

        Avete trovato il mobile soggiorno che fa per voi? Oppure siete alla ricerca di una parete attrezzata diversa da quelle mostrate? Sul portale potete scoprire alcune varianti oppure potete contattare uno dei nostri Rivenditori Partner per ricevere assistenza completa nella progettazione e nella configurazione della collezione.

        Tags:

         
         

        Come personalizzare una parete attrezzata in legno: DIMENSIONI e MISURE

        Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Design, Napol Arredamenti

        Quante volte visitando un’esposizione di mobili o navigando su internet hai pensato “Questa parete attrezzata è bellissima!… ma non va bene per il mio soggiorno!” È troppo lunga e non è alta abbastanza. La colonna libreria sta molto bene a destra ma io la preferirei a sinistra. Quelle tre mensole sono molto carine ma così non c’è lo spazio per il televisore.

        No panic! Parola d’ordine: personalizzazione.

        Ti sfido a trovare la foto che immortala il mobile dei tuoi sogni proposto nelle dimensioni perfette per il tuo soggiorno, nell’abbinamento di colori che preferisci, con tutti i dettagli esattamente come li avresti scelti Tu. Difficilmente le immagini riescono a mostrare tutte le alternative possibili. Le persone hanno gusti diversi (e difficili!), le necessità abitative e di organizzazione degli spazi sono differenti e, soprattutto, le potenzialità dei mobili sono praticamente infinite.
        Le pareti attrezzate Napol sono componibili e altamente personalizzabili: scegli tu misure totali, dimensioni e disposizione dei singoli elementi, finiture e colori.

        Da dove cominciare?

        > CHIEDI ALL’ARREDATORE
        Contatta il Rivenditore Napol più vicino a casa tua
        e prenota un appuntamento. Prima dell’incontro prendi le misure del tuo soggiorno, valuta l’effettivo spazio a tua disposizione, fai uno schizzo a matita su un foglio e segna le prese della corrente e tutti gli altri elementi degni di nota. Durante l’appuntamento mostra all’arredatore l’immagine che ti ha colpito soffermandoti sui dettagli che ti piacciono e su quelli che vorresti cambiare. Tutte queste informazioni sono indispensabili per la realizzazione di progetto completo che ti soddisfi a pieno.
        (P.S. La consulenza è gratuita, senza obbligo d’acquisto.)

        > CREA IL TUO PROGETTO
        Progetta la tua parete attrezzata in autonomia, da casa, senza la pressante presenza di rivenditori, con i tuoi tempi, pensandoci e ripensandoci tutte le volte che vuoi… il tutto prendendo libera ispirazione dalla fotografia che ti ha colpito!
        Come fare?

        1. Prendi le misure
        2. Scopri gli elementi disponibili
        3. Abbina gli elementi singoli

        1) Misura lo spazio totale a tua disposizione e valuta lo spazio che vuoi effettivamente occupare.
        Ricordati: il mobile non potrà mai essere della stessa lunghezza della parete. Sono necessari alcuni centimetri liberi ai lati per montare con facilità e correttamente tutti gli elementi, soprattutto in caso di pareti non perfettamente in squadra o di montaggio con attaccaglie a muro.

        2) Scopri i principali elementi singoli disponibili: basi a terra, pensili con ante, contenitori ad anta dritta o curva (concava o convessa). In generale è possibile far riferimento anche ad altri elementi come: vetrinette e teche in vetro, ripiani, mensole e mensoloni, pannelli porta tv, schienali a muro, moduli libreria, vani a giorno.

        3) Tutti gli elementi sono modulari, accostabili tra loro, compatibili per dimensioni. Abbinali come preferisci e componi la tua parete attrezzata firmata Napol. Prendi carta e penna e fai delle prove, procedi a tentativi fin quando la composizione non ti soddisfa del tutto. Ricordati: la funzionalità è indispensabile ma l’occhio vuole sempre la sua parte.

        Per progettare la tua parete attrezzata Napol devi sapere che…
        – le dimensioni disponibili per i moduli garantiscono sempre perfetta linearità e compatibilità;
        – è possibile realizzare pareti attrezzate a bussolotto (cioè pareti che prendono forma dall’accostamento di moduli indipendenti già finiti e montati) o pareti attrezzate a spalla (cioè pareti che prendono forma dall’abbinamento di elementi singoli come schienali, spalle, ripiani ed ante);
        – le pareti attrezzate a bussolotto e a spalla sono integrabili nella stessa composizione;
        – è possibile realizzare lavorazioni e tagli su misura che comportano riduzioni in larghezza, profondità o altezza.

         

        Fatto! Se hai seguito questi passaggi hai in mano il disegno della tua parete attrezzata. Non ti rimane che rivolgerti al rivenditore Napol più vicino a casa tua, sottoporgli il tuo progetto, conoscere il preventivo ed ordinare i mobili.

         

        Qui sotto puoi trovare alcuni spunti d’arredo. Ovviamente le immagini sono solo delle idee che puoi sviluppare e modificare come preferisci… ma questo oramai è chiaro! 🙂

         

        Parete attrezzata lunga cm 306,7 con vetrine pensili

        Parete attrezzata in legno moderna ed elegante

        Parete attrezzata in legno laccato chiaro bicolore

        Parete attrezzata completa, con mensolone porta tv

         

        Adesso che il progetto della tua parete attrezzata è completo sei pronto a scegliere materiali e colori. Scopri come fare nell’articolo “Come personalizzare una parete attrezzata in legno: materiali e colori“.

        Tags: , ,

         
         




        Torna su