Rosso Papavero






 
 
 

RICORDI D’ESTATE (con la testa ancora in vacanza).

Pubblicato da blog ospite in Rosso Papavero

palizzi marinaSiamo rientrate. Ebbene, mi piacerebbe dirvi che siamo anche operative al 100% con la testa, ma come sempre il rientro è difficile eun pò traumatico.

In queste settimane di vacanza ci siamo rilassate (Francesca potrebbe non essere troppo d’accordo, dato che l’ho obbligata a svegliarsi presto per godere a pieno delle giornate di mare!), abbiamo spento il cervello ma ci siamo anche guardate intorno e tra una mozzarella di Bufala D.O.C. di Vannulo  nella sua immensa e splendida tenuta (sulla pagina facebook trovate qualche immagine!), una fetta onestissima di capicollo calabrese e una ballata di tarantella e pizzica ci siamo comunque guardate intorno e potete vedere qualche nostro ricordo carico d’affetto.

Dal mar Ionio della Calabria,passando per Stromboli e Panarea, Amalfi, Vietri, Santa Maria di Castellabbate e Roscigno Vecchia è stata una vacanza un pò itinerante tra i luoghi della nostrainfanzia, quelli che inizi ad apprezzare davvero quando hai 30 anni, che impari a conoscere e senti appartenerti sotto pelle.

RICORDI D'ESTATE.

Tags:

 
 

BUONE VACANZE!

Pubblicato da blog ospite in Rosso Papavero
2ba670c09825ad25188f397ddfb7dfe6

Pinterest

Il blog va in ferie e con lui anche io e Francesca. Ci godiamo qualche giorno di mare e relax per tornare più cariche ed agguerrite a Settembre. Ma non ci dimenticheremo di condividere con voi tutto ciò che troveremo interessante e piacevole. Ci ritroviamo qui a Settembre con nuovi aggiornamenti!!

Stay tuned and have a good holiday!!

Stefania & Francesca SUMMER LOVER

Tags:

 
 

DECORARE LA SALA DA PRANZO CON LO SHOP ONLINE DE LA GALLINA MATTA.

Pubblicato da blog ospite in Idee, Rosso Papavero

parentesi gong 002 IvoryQuando si parla di arredamento non è possibile limitarsi al mobile o alla disposizione di esso. Noi siamo dell’idea che tutto ciò che entra in casa fa parte dell’arredo, compresi tessuti, quadri, e oggetti.

E quando arrivano gli amici e si organizzano cene, a noi piace rendere ancora più importante la sala da pranzo che non è solo un’ambiente conviviale e di raccolta-tipicamente italiano-, ma ha anche una valenza estetica e invitante. Accomodarsi e cenare davanti ad una tavola ben apparecchiata, raffinata e curata aumenta l’appetito (e noi siamo esperte in questo)!

LAGALLINAMATTA-COLORS

LaGallina Matta è una realtà di cui chi sta a Roma o a Milano sicuramente avrà sentito parlare, e non solo, dato che ha conquistato anche mercati europei con la sua linea di tovagliette all’americana Parentesi in lino gommato ricamate a macchina e rifinite a mano. Della tovaglietta all’americana ne ha fatto una filosofia che ci invita ad avere un prodotto bello e pratico, allontanandosi però dall’idea un pò italiana di queste tovagliette spesso plasticose e semplicemente rettangolari, proponendone di estetiche, dai colori accattivanti che, utilizzate anche “solo” come sotto piatti, rendono più apprezzabile e caratteristica la tavola.

I colori proposti sono infiniti così come i disegni (il mio preferito è mr. Olive o 771Lime), si sposano bene in un ambiente contemporaneo ma anche in quelli più classici ovviamente scegliendo il colore più adatto.

Da Settembre, andando sul loro nuovissimo shop online non troverete solo le tovagliette all’americana ma anche una serie di tovaglie che potreste abbinarvi, o dei runner da tavolo, oppure una serie di tessuti d’arredo in lino stampato, velluto o lana.

LAGALLINAMATTA

Tags: ,

 
 

ISPIRIAMOCI: CERAMICHE VIETRI

Pubblicato da blog ospite in Design, Rosso Papavero
CERAMICHE VIETRI

Tra le cose che ci ispirano, oltre al mare, c’è l’Italia con la sua manifattura. E uno degli scorci più belli e suggestivi di sempre. Vietri, con le sue ceramiche ci ispira estate e vacanza, tutto l’anno!

Tags: ,

 
 

MENO POLVERE+SUONO

Pubblicato da blog ospite in Design, Rosso Papavero

soggiorno1Un tempo la zona living era un’insieme di apparecchi, come i lettori dvd, consolle per videogame, stereo, etc., posti sul piano del mobile o in vani a giorno in modo tale da poterli attivare senza problemi, con la conseguenza di antiestetici grovigli di cavi e un accumulo di polvere non indifferente.

Questo tempo è finito, esistono infatti accessori integrati negli arredi per ovviare a queste problematiche. I ripetitori di segnale ad infrarossi, ad esempio, consentono l’utilizzo dei vari dispositivi anche se posti all’interno dei mobili. Sono costituiti da un rilevatore di segnale, incassato o appoggiato sul piano del mobile, collegato ad un ripetitore posto all’interno, che a sua volta sarà collegato ai vari apparecchi ( da un minimo di 3 per ogni ripetitore, a seconda dell’azienda). A questo punto basterà direzionare il telecomando verso il rilevatore esterno e ciò che dovrà attivarsi, si attiverà.

Esistono anche sistemi audio integrati, le docking station. Nate per trasformare un semplice notebook in un vero e proprio computer da scrivania, collegando ad esso i classici accessori da computer (stampanti, scanner, etc.), nel mondo dell’arredamento si è trasformato in un vero e proprio dispositivo audio. Si compone di casse acustiche e 1 subwoofer ( alloggiate e ben nascoste all’interno del mobile) e da 1 consolle esterna nella quale si collegano i vari apparecchi, direttamente o tramite tecnologie BLUETOOTH o NFC. Consente quindi di ascoltare musica da IPod, IPad, chiavette USB, lettori CD/MP3 e anche dai cellulari, quest’ultimo può essere anche ricaricato se collegato alla consolle, e non preoccupatevi, se dovessero chiamarvi, la musica verrà interrotta e si passerà direttamente in modalità suoneria. Starà a voi scegliere se rispondere privatamente o diffondere la voce del vostro interlocutore per tutta la stanza. Questa apparecchiatura può essere inserita sia nel mobilio, tendenzialmente in zone living sospese, ma anche sugli imbottiti. Divani e letti che diffondono musica per creare un nuovo stile di comfort, non solo fisico.

E perché no, con i diffusori waterproof, studiati per funzionare anche in ambienti particolarmente umidi e con condizioni climatiche variabili, il suono potrà essere tranquillamente portato all’esterno dell’abitazione, anche nei paraggi di una bella piscina per farsi cullare dall’acqua e lasciarsi trasportare dalla musica.

docking station

Tags: ,

 
 

SOPRAVVIVERE AL CALDO: MINIPISCINA DA ESTERNI.

Pubblicato da blog ospite in Design, Rosso Papavero

Villeroy&BochQui a Milano il caldo è devastante. E io a casa non ho neanche l’aria condizionata, vivo attaccata al mio nuovo migliore amico: il ventilatore. Non ho il terrazzo nè il giardino, e sui miei balconi non posso certo montarmi una bella piscinetta ma se solo potessi valuterei bene la minipiscina per esterni Just Silence di Villeroy & Boch perchè un bagno vista cielo, anche in città non si rifiuta mai!

Le linee sono estremamente pulite, adattabili ad ambienti moderni ma anche a quelli più rustici, creando il giusto contrasto tra vissuto e design che a me piace tanto. Diverse sono le possibilità di disposizione degli spazi: fino a 5 posti per stendersi o stare seduti. E’ composta da una moderna tecnologia JetPak™II la cui caratteristica è l’assenza di tubi esterni, essi sono disposti all’interno della minipiscina,  si evita così dispersione del calore e un antiestetico groviglio di tubi. Si evita anche il rischio di perdite grazie al fatto che il 90% delle parti che contengono acqua sono localizzate all’interno del guscio vasca e anche il risparmio energetico è notevole grazie all’isolante in schiume.

Per non parlare poi del fatto che la minipiscina è vincitore del iF Design Award 2015.

Villeroy&Boch-minipiscina-Justsilence-esterni

Tags:

 
 

VAPORE E INDUZIONE.

Pubblicato da blog ospite in Design, Idee, Rosso Papavero

piano-induzioneIl mondo dell’arredamento è sempre in movimento e tra tante cose gli elettrodomestici la fanno da padroni.

Sono sempre in evoluzione per estetica ma soprattutto per innovazione.

Il forno a vapore è una delle ultime frontiere varcate, utile e pratico per molte qualità che racchiude. Una fondamentale è il processo con cui vengono cotte le pietanze…a vapore. Il suo funzionamento è costituito da un serbatoio, tendenzialmente posto lateralmente ed incorporato nell’elettrodomestico, nel quale viene inserita dell’acqua che, tramite una piccola caldaia, si riscalda generando il vapore.

Ma perché scegliere un forno a vapore o un combinato a vapore rispetto ad un forno tradizionale?

Questo genere di cottura mantiene il cibo più sano, lasciando intatte le proprietà nutritive dei cibi, mantiene le pietanze umide e non necessità l’aggiunta di grassi, come l’olio. In più le versioni combinate, vapore+termoventilato, consentono di mixare 2 cotture differenti per ottenere cibi teneri internamente e croccanti all’esterno.

Anche l’induzione stà iniziando a prendere piede qui da noi, un po’ perché alcune delle nuove costruzioni hanno eliminato il gas all’interno delle case, un po’ perché i nuovi modelli tengono conto dei classici contatori da 3kW presenti in un’abitazione. I nuovi piani cottura infatti possono essere regolati per limitare la loro potenza assorbita.

I loro vantaggio però sono altri, sono più sicuri, non avendo fiamma viva, il piano rimane sempre freddo, perché il calore per la cottura viene generato direttamente sulla pentola, questo vuol dire basta a cibi incrostati, oltretutto essendo un piano in vetroceramica liscio, la facilità di pulizia è notevole.

Per quanto riguarda il pentolame adatto a questo genere di piano cottura, non è del tutto vero quello che sento spesso dire in giro…non bisogna buttare via tutte le pentole vecchie, alcune potrebbero andar bene. La prova più facile è quella della calamita, avendo bisogno di pentolame a fondo magnetico, quindi ricco di materiale ferroso, se non cade, potete tenervi cara la vostra pentola.

Queste nuove innovazioni quindi puntano ad una cultura del cibo più sana e ad una velocizzazione dei tempi di preparazione… mica male!

vapore e induzione

Tags:

 
 

UNA STANZA ADIBITA A CABINA ARMADIO.

Pubblicato da blog ospite in Idee, Rosso Papavero

cabina-armadio-mansardaNon parliamo del guardaroba, né di una zona più o meno spaziosa della camera da letto adibita a grande armadio privo di ante.

Parliamo di una vera e propria stanza, un intero locale studiato e pensato per accogliere abiti, scarpe ma non solo.

Un’ambiente fatto per rilassarsi, godersi quel momento che segue la doccia e precede una bella cena o una serata danzante. Quel momento che ti fa bella.

E’ il sogno di ogni donna, ma non solo, sono sempre più gli uomini che desiderano questo locale simbolo di benestare e di lusso. Un po’ alla Sex and the city o alla 007.

Se avete una stanza che vi avanza ora sapete cosa farne.

Le regole base sono le stesse che riguardano una cabina in camera da letto, ma qui non abbiamo limiti. La struttura può essere completamente aperta, studiata quindi con una boiserie che sostiene le mensole, cassetti e appenderia. Niente fianchi a vista, ma una visuale completamente orizzontale.

Questa è certamente la soluzione più estetica perché non ricorda un armadiatura, data la mancanza di fianchi.

Gli accessori sono quasi infiniti, vassoi, reticolati per le cravatte, ripiani inclinati per ospitare le scarpe tutte ben in vista, griglie estraibili porta pantaloni e contenitori porta oggetti o bijoux.

Anche l’illuminazione è fondamentale. Se il locale è dotato di finestra o porta finestra, tanto meglio dato che la luce naturale è la miglior illuminazione gratuita che abbiamo. Certo non può fare tutto da sola. La soluzione più pratica sarebbe avere delle barre led poste sotto ogni ripiano e nella parte più esterna in modo da illuminare in modo ottimale l’abbigliamento senza avere incombenti ombre che ostacolano la scelta. L’impianto andrà quindi studiato a monte per evitare di avere fili della corrente volanti e pericolosi. Si potrebbe collegare il tutto all’interruttore centrale della stanza per illuminare tutto entrando.

Però non esiste una cabina armadio fatta solo di “armadiatura” bensì in un locale del genere dovrete pensare ad inserire prima di tutto un tappeto abbastanza grande da consentirvi di camminare per la stanza scalzi, una seduta che può essere poltrona, pouff o anche un piccolo divanetto su cui poggiarvi per agevolarvi nel vestirvi. E non può mancare uno specchio che vi riprenda a tutta altezza per mostrare il risultato finale!

STANZA-CABINA-ARMADIO

Tags: ,

 
 

VI PRESENTO FRANCESCA.

Pubblicato da blog ospite in Rosso Papavero

Stefania&FrancescaLa mia cara amica, nonché storica collega Francesca ha deciso di unirsi in questa avventura.

Prese singolarmente siamo molto brave (e vi faccio soprattutto notare l’immensa modestia!) ma insieme siamo una potenza!

E’ un gioco di compensazione, l’una arriva dove non arriva l’altra. I nostri caratteri opposti tirano fuori il meglio dell’altra.

Lei, a differenza della mia formazione artistica, proviene da una formazione da geometra, ma ci accomuna il piacere per le belle case, per il progetto pensato e studiato ad hoc per un cliente. L’idea che non solo qualcosa debba essere bello ma deve in primis essere pratico e funzionale.

Lascio però che sia lei ad inaugurare questa collaborazione, a te la parola Francy!

…Buongiorno o, buonasera, a seconda dell’orario in cui passate a sbirciare su questo blog.

Ebbene sì, ho studiato all’istituto tecnico per geometri….diplomandomi ovviamente. Però, pur avendo appreso molte nozioni tecniche sulla progettazione di edifici, la mia vera passione è sempre stato l’arredamento, quella parte della casa che si vive tutti i giorni.

Con Stefania riusciamo sempre a mettere a confronto le nostre idee, per crearne di nuove, diverse  e migliori. Forse è per questo che da colleghe non ci siamo mai tirate i capelli!

Comunque per me è questo il mondo dell’arredamento, un mondo sempre in movimento, da un’idea ne nasce un’altra e un’altra e così via, fino a raggiungere l’obbiettivo: PRATICO E BELLO!

Stefania & Francesca

Tags:

 
 

IL PIATTO DOCCIA ADATTABILE.

Pubblicato da blog ospite in Design, Rosso Papavero

elaxNon so voi, ma io quando penso ad un bel bagno la prima cosa che mi viene in mente dopo i rivestimenti sono piatto e box doccia.

Il mio bagno ad oggi ha ancora il solito piatto doccia un po’ alto in ceramica, che se non apro qualche minuto prima l’acqua calda della doccia prendo freddo ai piedi quando ci entro (sono sensibile!), e non vedo l’ora arrivi il giorno in cui potrò far saltare l’intero bagno e metter dentro un piatto doccia tattile che potrò adattare senza fatica allo spazio, come quelli di FIORA.

Quando me ne hanno parlato ho pensato “si, ok, ma mica solo Fiora fa i piatti doccia effetto pietra!”, infatti è così. La marcia in più sta nell’avere un materiale “elastico” nel senso di modellabile e flessibile. Se la doccia o lo spazio ad esso dedicato ha forma che so, in parte tonda questo “piatto” potrà essere tagliato a misura seguendo perfettamente la forma desiderata, anche solo con un taglierino. Può essere arrotolato e quindi facilmente trasportabile, è antiscivolo e sotto i piedi non da quella spiacevole sensazione di freddo risultando quasi un po’ morbido.

Onestamente, vorrei avere il modo di farvelo provare proprio sensorialmente, perché così a parlarne non si rende bene l’idea.

Ovviamente è pensato per essere installato a filo pavimento, con due tipi di pilette disponibili, una più classica piccola e quadrata, una invece più estetica lineare e lunga in acciaio e una leggera pendenza a convogliare l’acqua allo scarico. Oppure una piletta rivestita dello stesso materiale e colore del piatto.

IL PIATTO DOCCIA ADATTABILE.

Tags:

 
 




Torna su