Blogger Ospiti






 
 
 

I regali di Natale per la casa di parenti e amici

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti

Scegliere un regalo non è mai semplice e la cosa potrebbe essere ancora più evidente se volete regalare qualcosa per la casa. Per non avere problemi però basta evitare cose esagerate o troppo impegnative, perché anche se avete buon gusto e vi sentite degli arredatori nati è meglio non intervenire troppo nelle case altrui. Almeno con elementi a sorpresa, perché se sono gli amici e i parenti a chiedervi una mano allora potete anche proporre cambiamenti drastici.
Con i regali però è sempre meglio volare bassi, almeno per quanto riguarda la tipologia di prodotti, perché nella scelta di gadget e piccoli elementi di arredo potete davvero sbizzarrirvi.
Visto che ormai Natale alle porte potreste approfittarne per fare qualche dono pensato per la casa, e nel caso vi occorra un aiuto per trovare delle idee regalo per Natale potete chiederlo a DottorGadget.
DottorGadget è lo specialista delle idee regalo e ha tante proposte molto interessanti anche inerenti all’arredo, senza contare tutti i gadget e i prodotti per la casa utili e dal design molto particolare.
Con le sue idee trovare i regali di Natale per la casa di amici e parenti diventa molto più semplice, cosa che potreste apprezzare doppiamente visto che – con tutti i doni che dovete fare in questo periodo – ogni aiuto è sempre ben accetto. Soprattutto se efficace come quello del Dottore.
Il sito è veramente ricco di proposte e tra le idee più creative per la casa vanno messe senza dubbio le lampade, delle proposte molto originali e curiose per rendere ogni stanza di casa più bella.

Il primo modello che ha attirato le mie attenzioni è la Lampada 3D, un modello strano fin dal nome visto che è una delle poche lampade al mondo a non essere tridimensionale. Difatti la lampada simula solo la terza dimensione, in realtà è piatta, incluso il paralume che non è altro che un pannello in acrilico trasparente attraversato da dei solchi. Questi solchi creano un reticolato in prospettiva che serve proprio per simulare un paraluce tridimensionale, e quando si accende la luce i solchi si illuminano come se fossero delle fibre ottiche, per un effetto ancora più sorprendente.

Dagli effetti ottici passiamo alle illusioni ottiche con la Lampada Liquida, un elemento di arredo per nulla fluido ma che crea un effetto scenico davvero particolare. La lampada stupisce perché sembra un barattolo di vernice fluttuante che sta riversando della vernice sul piano d’appoggio. In realtà la vernice è solida e sostituisce la base e l’asta di sostegno della lampada, il barattolo invece è il paralume che cela anche la lampadina. La Lampada Liquida è una proposta davvero incredibile, un elemento in grado di lasciare a bocca aperta con il suo design davvero ispirato. Inoltre è possibile scegliere tra tre differenti colori di vernice: rossa, azzurra o verde.


Passiamo ora alla Lampada Faretto, un elemento di arredo che può essere collocato sulla scrivania come appeso a una parete. Come lascia intendere il nome la forma della lampada è quella di un faretto e la cosa più bella è il design anni 60 reso ancora più bello dalla scocca metallica colorata di rosso. Ad aggiungere ulteriore colore ci pensa il cavo dell’alimentazione in corda, il quale non prova minimamente a passare inosservato e spicca grazie al colore giallo pastello. Se vi piace lo stile retrò senza finire nell’antiquariato la Lampada Faretto è una bellissima proposta, per aggiungere una luce direzionabile di design ovunque vi serva.


Per rimanere in tema vintage c’è anche la Lampada Insegna del Cinema retrò, una bella proposta che all’elemento di arredo luminoso aggiunge la possibilità di personalizzarla a piacere. Il gadget prende ispirazione dalle vecchie insegne dei cinema, quelle strisce bianche personalizzabili con dei grossi caratteri neri per segnalare il film in programmazione. In questo caso lo spazio è organizzato su tre file e inclusi con la lampada trovate tanti caratteri con lettere, numeri e simboli per aggiungere il vostro tocco personale. La Lampada Insegna del Cinema retrò è disponibile in due formati: Grande che misura 30 x 5 x 22 cm e Piccola, la quale misura 10 x 15 e dispone anche di attacco magnetico.

L’ultima proposta invece riguarda un altro avvenimento importantissimo di Dicembre: l’uscita del nuovo film di Star Wars (siamo all’Episodio VIII). Per i fan di lunga data, quelli che seguono Star Wars dalle origini – o quasi – c’è la bellissima Luminart di Star Wars, un elemento di arredo luminoso che mostra la storica locandina del primo film Guerre Stellari. Il film, uscito nel 1977, celebra quest’anno il suo 40° anniversario, un motivo in più per usarlo come regalo di Natale per un fan della saga e andare a colpo sicuro.


 
 

Bagno su misura per arredare con stile

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti

Arredare un bagno significa ricercare la massima eleganza, combinando funzionalità ed estetica. Prediligendo materiali di alta qualità solidi e durevoli nel tempo, sarà possibile puntare su elementi contenitivi che decorano il bagno in modo impeccabile, risultando anche soluzioni salvaspazio. Arredare un bagno su misura non è impossibile, basta un pò di organizzazione per trasformare la zona bagno in un ambiente rilassante e comodo, ma soprattutto armonico con  particolare hai mobili bagno prodotti dalla ditta www.mastrofiore.it.

Bagno su misura: praticità e stile in casa

Il bagno dopo la cucina è la stanza pù utilizzata nell’arco della giornata: ecco perchè è fondamentale organizzare bene la disposizione dei mobili, evitando spiacevoli ingombri che non consentono un utilizzo agevole. Al di là della cabina doccia o della vasca da bagno, giocano un ruolo fondamentale i mobili contenitivi: cassettiere, mobili bagno, mensole, pensili sospesi assicurano comfort e versatilità, decorando in modo piacevole ogni tipo di toilette. Se il bagno è piuttosto stretto, occorre organizzarsi alla perfezione puntando su un piccolo mobile con lavabo ad appoggio, sarà così possibile riporre la biancheria, i tessili e gli accessori bagno nei cassetti, utilizzando un lavabo poco ingombrante per recuperare lo spazio a disposizione. Una soluzione innovativa e di forte impatto visivo è rappresentata dalle mensole che possono sostenere il lavabo, ottenendo uno spazio sottostante utile per introdurre una piccola cassettiera. In questo modo il bagno acquisterà un’allure nuova, risultando versatile e minimalista.

Arredare con stile un bagno su misura

Decorare un’ambientazione bagno con i mobili sospesi risulta una soluzione salvaspazio contemporanea e splendida nel suo genere. Suggestive atmosfere ricche di charme si ricaveranno con questi eleganti pensili di forte impatto visivo che possono essere posizionati affianco al lavabo o in qualsiasi spazio a disposizione. Sfruttando ogni minimo centimetro del bagno, si utilizzerrà questo complemento d’arredo per conservare in modo sistemato gli accappatoi, gli asciugamani, evitando di tenerli in alrti ambiti della casa. I materiali pregiati del legno sono messi ancor più in risalto dalle texture moderne che propongono intriganti tonalità scure, delicate nuance eteree per illuminare il bagno in modo trendy. Sarà possibile combinare la texture in nero di un pensile a una cassettiera contenitiva in bianco, giocando in contrasto e creando effetti bicromatici in perfetto stile optical.

 


 
 

Accessori bagno Stilhaus eleganza e qualità

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti

L’azienda Stilhaus, nata nel 1978, viene considerata oggi una delle eccellenze italiane produttrici di soluzioni d’arredo per il bagno di elevato standard qualitativo, di elegante impatto estetico e a prezzi assolutamente competitivi. Apprezzato anche fuori dai confini nazionali, questo brand pone al centro della propria filosofia aziendale la soddisfazione da parte dei propri clienti attraverso una prassi consolidata in cui le materie prime utilizzate, tutte di prima qualità e certificate, assicurano resistenza e durata, garantita per 5 anni. La collaborazione con designer di comprovata esperienza e l’abilità degli artigiani coinvolti nel processo produttivo danno vita a tutte le possibili tipologie di accessori, moderni e classici, per il bagno capaci di conciliare particolari esigenze estetiche con elevati livelli di funzionalità, ordine e spazio, potendosi richiedere buona parte degli articoli in catalogo anche su misura. Affidarsi, per l’arredamento del proprio bagno, a Stilhaus si traduce quindi nella possibilità, sempre più apprezzata, di personalizzare questo spazio della casa al quale vengono demandate funzioni di benessere, tranquillità, intimità e gradevolezza estetica. In più, per molti accessori bagno montabili a parete viene data la possibilità di istallarli tramite l’ausilio di sistemi d’incollaggio brevettati, evitando così di rovinare pareti e rivestimenti.

Accessori bagno moderni

Gli accessori bagno moderni di Stilhaus sono numerosissimi e pensati per assolvere a tutte le esigenze d’appoggio ed uso che quotidianamente necessitano in un ambiente bagno: dai porta asciugamani ai porta salviette, dai dosatori per il sapone al porta saponetta, dal porta rotolo al porta scopino, dai ganci per l’accappatoio ai porta phon, dal portariviste ai porta tablet, e poi ancora mensole, griglie, sgabelli e sedili. Un’ampia gamma di articoli, declinati secondo varie e a volte anche fantasiose modalità di utilizzazione, presenti all’interno di ben 18 differenti collezioni in cui condividere la particolare cifra stilistica che li contraddistingue per design e raffinatezza estetica. I tratti distintivi tra le collezioni di arredo bagno moderno Stilhaus riguardano il tipo di materiali utilizzati sia per gli elementi portanti (ottone, alluminio) che per l’oggettistica (ceramica, vetro satinato), l’uso del colore, la stilizzazione delle parti metalliche con forme dominanti all’interno della collezione (quadrangolari, romboidali, tonde, piatte, tubolari, sottili, ecc.), la possibilità di avere articoli su misura, e quella di applicare il comodo sistema di incollaggio. Ad ogni collezione possono poi venire abbinati altri complementi d’arredo come specchi, sistemi d’illuminazione e piantane, capaci di richiamare le geometrie degli altri articoli in una sinergia di grande armonia stilistica.

Le collezioni arredo bagno

Già dal nome stesso delle collezioni è possibile intuire l’effetto estetico per le quali sono state progettate. Ad esempio, l’elegantissima collezione Quid, ideata dal designer Claudio Papa, riduce al minimo le forme per concentrare l’attenzione sulla funzione primigenia dei singoli accessori, spesso combinati tra loro in un equilibrio sobrio ed efficace, come il portasciugamani con porta sapone e porta rotolo o il porta salviette con dosatore del sapone. La collezione Alfa, invece, sembra rincorrere le sottili e sinuose forme della lettera greca in un gioco di cromatismi delicati ed aerei ottenuti dall’oggettistica realizzata in vetro satinato e in un’ampia gamma di colori (verde, blu, rosso, arancio, ecc.). La collezione Urania, ispirata a questa figura mitologica, musa della astronomia e della geometria, propone accessori per il bagno caratterizzati da decise forme geometriche quadrangolari o rettangolari sia per gli elementi in metallo (porta asciugamani, porta riviste con o senza rotolo, ecc.), sia per l’oggettistica in ceramica bianca come porta saponi, porta bicchiere, porta scopini d’appoggio o a parete. Forme tondeggianti e ovali caratterizzano invece la collezione Diana, sicuro rimando, anche simpaticamente spiritoso, alla pratica sportiva del tiro con l’arco e ai cerchi concentrici dei bersagli da campo, elegantemente riproposti in porta saponi e porta bicchieri. Dunque, un universo di soluzioni, tutto da scoprire, per creare eleganti stanze da bagno nel rispetto del confort e della funzionalità.


 
 

Prevenire la formazione di muffa con un intervento di insufflaggio sulle pareti interne

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti

Con l’inverno alle porte affiorano tutta una serie di problematiche che tendono a presentarsi ciclicamente anche durante il periodo estivo, tutte riferite allo stato termico della nostra abitazione.
Recenti statistiche dimostrano che il 75% della popolazione italiana sottovaluta il potenziale di isolamento termico della propria casa, complici proprio le temperature medie piuttosto miti, tipiche del nostro territorio.
Inevitabilmente, nel medio-lungo periodo, determinati problemi relativi al riscaldamento della casa emergono prepotentemente portando con sé tutta una serie di disagi per chi vi abita.

Le riflessioni su come realizzare il corretto isolamento termico di un appartamento fanno capo a problematiche di natura strutturale: la stragrande maggioranza degli edifici costruiti tra gli anni ’50 e ’70 (quindi la porzione maggiore in tutta l’urbanistica nazionale) avevano come denominatore comune l’utilizzo della cosiddetta “intercapedine”, che altro non è che uno spazio che intercorre fra il muro cosiddetto “interno” dell’abitazione e la parete esterna dell’edificio.
L’intercapedine svolge numerose funzioni, sia in termini di stabilità che di logica di disposizione delle tubature, tuttavia si distingue anche per determinate problematiche consequenziali alla natura stessa della costruzione: lo spazio vuoto, o scarsamente occupato, che intercorre fra le due pareti diventa territorio fertile per correnti d’aria sia in estate che in inverno. In altre parole, si trasforma nel nemico numero uno per la corretta coibentazione termica della casa.
Per meglio comprendere il problema, i disagi causati dal cattivo isolamento termico di un appartamento rendono inefficaci anche i riscaldamenti più performanti. Termosifoni e supporti per il condizionamento dell’aria faticano a raggiungere la temperatura stabilita, con conseguente dispersione termica e, conseguentemente, grande spreco di denaro.
Non solo, la problematica forse più evidente determinata da un’abitazione con intercapedine è la tendenza, superiore rispetto ad altri tipi di costruzioni, alla formazione di muffa intra-parete.
L’umidità depositata nella cavità strutturale diventa terreno fertile per spore e muffa, che va dunque a radicarsi incidendo negativamente sul comfort domestico.

Sistema migliore per l’isolamento termico della casa: l’insufflaggio

 

La soluzione più adatta per questo tipo di problematica risiede sicuramente nell’utilizzo di un isolante termico nelle pareti interne, attraverso una ben nota tecnica chiamata insufflaggio.
L’insufflaggio delle pareti è un protocollo standard per coibentare la casa in tutti i suoi ambienti, attraverso l’iniezione di un isolante che va a riempire esattamente la cavità costituita dall’intercapedine. La sostanza isolante mette fine a qualsiasi corrente d’aria costituitasi negli spazi e crea una vera e propria barriera di protezione tra l’esterno e l’interno della casa, rendendola di fatto più calda d’inverno e più fresca d’estate.
A differenza dei normali sistemi di insufflaggio a secco, tra l’altro, l’utilizzo della schiuma isolante termoacustica ISOFOR consente di raggiungere anche gli spazi più stretti tra le mura, senza che ostacoli come tubazioni o residui strutturali possano incidere sull’operazione.
L’insufflaggio nell’intercapedine è un sistema da tempo rodato con risultati più che soddisfacenti: il miglioramento della coibentazione della casa, attraverso quest’operazione, può raggiungere anche il 60%.
Senza contare che, se determinati standard burocratici vengono raggiunti, i lavori di insufflaggio possono godere anche di sgravi fiscali messi a disposizione dallo Stato, pari al 65% della spesa totale (fermo restando che i costi per questo tipo di intervento sono assolutamente contenuti).

 


 
 

Arredare casa da affittare spendendo poco: alcuni consigli interessanti

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Possedere una casa seconda casa non arredata si traduce spesso nella possibilità di proporla in affitto. La paura di molti proprietari però è che arredare una casa da affittare possa prevedere un investimento esagerato.
In realtà il legittimo desiderio di risparmiare può assolutamente convivere con un arredamento funzionale e di qualità, scopriamo subito dunque quali possono essere dei suggerimenti interessanti per chi vuole arredare una casa da affittare.

Gli arredi.

Affinché una casa sappia rivelarsi confortevole è necessario provvedere anzitutto all’acquisto degli arredi “tecnici”, ovvero quegli elementi che non possono assolutamente mancare all’interno di qualsiasi abitazione: cucina, elettrodomestici principali, sanitari e arredo per la camera da letto.
Premesso che molte case prive di arredi possono avere già, nella loro dotazione di base, alcuni di questi elementi d’arredo, laddove essi fossero assenti è possibile provvedere facendo convivere qualità e risparmio.

La spesa per l’acquisto della cucina è probabilmente quella più rilevante, tuttavia in commercio sono disponibili tantissime cucine economiche dal design assai interessante.
Anche per l’acquisto del frigorifero le possibilità convenienti non mancano affatto, ovviamente il valore dell’immobile non può che crescere se si vuol fare uno sforzo ulteriore per acquistare elettrodomestici di altro tipo, come ad esempio una lavastoviglie.

Anche a livello di arredo bagno le opportunità per realizzare una stanza impeccabile con poco prezzo non mancano affatto, soprattutto laddove si voglia impostare il suo arredo con uno stile moderno.
È sicuramente un’ottima idea quella di evitare di acquistare mobili da bagno dalla struttura complessa, come possono essere ad esempio le classiche composizioni costituite da mobile, lavabo, specchiera e quant’altro: a tal riguardo si può scegliere di arricchire la parete con un semplice specchio abbinando un lavabo moderno, come ad esempio i gettonatissimi lavabi da appoggio.
Il lavabo da appoggio sa ricreare un magnifico colpo d’occhio anche laddove si opti per un modello semplice ed essenziale, e anche per quanto riguarda i box doccia vi sono tantissimi modelli essenziali e minimalisti che possono essere comprati a dei prezzi decisamente vantaggiosi.

Lo stile.

In linea generale è sicuramente un buon suggerimento quello di impostare l’arredamento della casa in stile contemporaneo, per diverse ragioni.
Anzitutto, le proposte relative ai mobili moderni sono in genere molto più numerose rispetto a quelle riguardanti i mobili tradizionali, di conseguenza è più semplice individuare delle occasioni interessanti.
I mobili moderni hanno un prezzo inferiore a quello dei mobili classici, inoltre, optando per lo stile contemporaneo, si può realizzare un interior design accattivante anche con un ambiente molto minimalista, quindi prevedendo una quantità di mobili piuttosto esigua.

 

C’è anche chi è riuscito a ricreare degli affascinanti interior design vintage spendendo molto poco, magari valorizzando e ristrutturando dei mobili antichi comperati a poco prezzo, ma obiettivamente questa soluzione è meno semplice da perseguire.

I dettagli.

Se si vogliono ricreare degli ambienti che sappiano rivelarsi molto interessanti, pur mantenendo il budget di spesa su livelli contenuti, è sicuramente un’ottima idea quella di curare i dettagli.
Piuttosto che acquistare mobili evidenti ed elaborati nella loro struttura, infatti, può essere preferibile scegliere mobili semplici ed essenziali impreziosendo gli ambienti principalmente con una serie di soprammobili particolari, oppure con delle lampade particolarmente accattivanti: il mondo dell’illuminazione di interni è stato protagonista di grandissimi progressi negli ultimi tempi, e anche una lampada semplice ed economica può recitare un ruolo da autentica protagonista.

 

Può essere una magnifica idea quella di abbellire le pareti con le stampe a muro, degli elementi dalla valenza decorativa davvero massima i quali hanno un costo decisamente contenuto.

 

Un’altra soluzione intrigante è inoltre quella di valorizzare i bancali.
I bancali, ovvero degli oggetti in legno che possono essere reperiti pressoché gratuitamente, se opportunamente lavorati e se abbinati a dei cuscini consentono di ricreare dei veri e propri mobili, come ad esempio dei divani, dei tavoli o delle poltrone.
Questa soluzione viene praticata sempre più frequentemente ed è perfetta se si vuol arredare una casa da affittare: i bancali consentono di realizzare dei mobili di grande impatto visivo, stilisticamente perfetti per un ambiente moderno e con un costo sorprendentemente basso, pressoché imparagonabile a quello di poltrone e divani da acquistare in negozio.

Quelle proposte ovviamente sono soltanto alcune idee: le possibilità di arredare una casa da affittare spendendo poco sono davvero tantissime, e il segreto è quello di non porre alcun freno alla propria fantasia.

Tags:

 
 

Tornano gli orologi vintage d’arredo

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Stili

Curiosando per il web in cerca di idee e novità ci siamo imbattuti in un complemento d’arredo che si è trasformato in una vera e propria icona: gli orologi d’arredo industriale vintage.

Orologi Vintage d'Arredo

Orologi a Palette Twemco

Parliamo degli orologi a cartelle o flip clock come sono definiti negli Stati Uniti. Questi orologi diffusi ovunque hanno una storia tutta italiana. Nascono nel 1956 come “utilities” da collocare in stazioni ferroviarie o aeroporti. Accompagnano i viaggiatori di tutto il mondo grazie alla loro funzionalità e facilità di gestione. Gli anni sessanta li vedono collocati come efficienti marcatempo in banche, uffici pubblici ed industrie

Ma nei termini che interessano a noi la svolta avviene nel 1965 quando Gino Valle progetta per Solari il Cifra 3 che diviene il simbolo degli orologi a cartelle tanto da essere esposto al Museum of Modern Art di New York.

 

Il capolavoro di Valle inizia ad ispirare il mondo del design d’interni. Nasce così una produzione che coniuga in varie forme e colori l’icona di Valle.

Particolarmente attivo in questo campo è la asiatica Twemco. La produzione è di altissima qualità. Casse e schede in Abs create in Giappone, azionate da meccanismi ad alta precisione tedeschi.

 

 

Twemco logoOrologi da tavolo segnatempo, sveglie e complementi arredo vintage. Non mancano anche i richiami agli orologi con calendario perpetuo e allo stile industriale vero e proprio. I prezzi sono conformi alla qualità del prodotto partendo dai 100€ dei più piccoli ai 450€ dei più grandi.

L’azienda che più ha creduto in questo prodotto è il sito italiano u-watch.it nato dagli eredi di un’antica orologeria modenese trasformatosi in ecommerce specializzato in orologi di tutti i tipi.

Tags: ,

 
 

Soluzioni per arredare il giardino in autunno con uno stile Uniko

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti

La tendenza degli ultimi anni riflette il desiderio di creare una continuazione tra gli spazi interni e quelli esterni della propria casa, dando vita ad arredi per giardino, verande o terrazzi pensati per offrire il massimo comfort anche nei mesi autunnali ed invernali. Grazie alle caratteristiche estetiche e funzionali delle sue collezioni, Uniko, seguendo questa nuova idea di outdoor, è in grado di realizzare arredamenti per esterno di alta qualità e design con cui poter modellare i propri spazi aperti e vivere momenti di convivialità e relax in tutti i mesi dell’anno. L’utilizzo di materiali di alta qualità abbinati ad un design esclusivo caratterizzano l’ampia collezione di mobili per esterno che propone diverse soluzioni d’arredo: sedie e tavoli da giardino per l’arredo di spazi ridotti, balconi e piccoli terrazzi come il set Bora Bora oppure grandi tavoli come Uluwatu o Barbados adatti ad ospitare fino a 15 persone.


Oltre alla serie di sedute dedicate al pranzo in giardino, Uniko offre soluzioni abbinabili per completare il proprio arredamento esterno con salotti e divani in rattan sintetico dal design esclusivo. Intrecciati seguendo antiche tecniche artigianali i salotti, dal gusto minimalista, realizzati con i migliori materiali per esterno, offrono soluzioni modulari o classiche come il divano Honolulu, disponibile in due colorazioni o il salotto da giardino Thay, dalle linee morbide e sinuose.

Per completare il proprio angolo di relax non possono mancare lettini, sdraio e sedute sospese come la deliziosa Nosy realizzata utilizzando una innovativa fibra sintetica tonda, o il divano a forma di cuore Cupido, in grado di regalare sensazioni tattili e visive simili alle più nobili fibre naturali.

Anche nei mesi autunnali possiamo quindi arredare i nostri spazi aperti e renderli vivibili e funzionali senza rinunciare all’estetica. Grazie alla vendita diretta senza intermediari e ad uno shop online ricco di soluzioni d’arredo esterno di design, Uniko vi permette di arredare il vostro giardino con la massima qualità al miglior prezzo di mercato. Per chi ha la fortuna di abitare in una casa corredata da uno spazio aperto, le giuste scelte di arredo possono aiutare a rendere vivibili, accoglienti e funzionali questi spazi, per vivere al meglio anche in questo periodo dell’anno.


 
 

Le case in Italia: cos’è cambiato dagli anni Cinquanta a oggi

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Design

Quali sono le differenze più rilevanti fra le case in cui si abitava negli anni Cinquanta e gli appartamenti di oggi?
Per conoscere la risposta affidiamoci all’infografica Ho bisogno dei miei spazi – come sono cambiate le case nel tempo, realizzata da MAN Casa negozi per l’arredamento, che illustra in maniera chiara e originale l’evoluzione dell’interior design nel corso dei decenni.

Una casa può essere definita come uno specchio degli stili di vita più diffusi in un determinato periodo storico: per questo negli anni Cinquanta la cucina era adibita esclusivamente alla preparazione dei pasti, la camera da letto era di dimensioni maggiori rispetto a oggi e il bagno era solitamente piuttosto ampio (dai 12 mq in su).
Le soluzioni di arredo tendevano a sottolineare l’unicità della zona giorno, mentre dagli anni Settanta in poi si diffondono gli open space e di conseguenza le distinzioni fra un ambiente e l’altro della casa sfumano.

Il soggiorno, nel corso degli Ottanta, acquisisce una nuova centralità, dovuta soprattutto alla diffusione del televisore nelle case degli italiani, per poi divenire, negli ultimi anni, l’area più grande della casa (circa il 40-45% dell’intero appartamento).

La diversa concezione degli spazi è correlata anche alle mutate esigenze delle persone, perché oggi si acquistano case più piccole, sfruttando soluzioni salvaspazio per arredare gli interni e valorizzare ogni angolo della casa.

Secondo quanto riportato dall’infografica, ci sono ragioni di risparmio dietro la scelta di vivere in case sempre più piccole: risparmio non solo economico, perché di certo la crisi ha ridotto la possibilità di comprare casa a molte persone, ma anche risparmio di risorse energetiche, perché si cerca di ridurre l’impatto sull’ambiente con una maggiore attenzione ai consumi domestici, una consapevolezza che in passato era assente.

Quali sono le città italiane dove le case costano di più?

L’ultima parte dell’infografica è incentrata sui prezzi al metro quadro delle case, sia per l’affitto che per l’acquisto. Qui emergono dati piuttosto sorprendenti, come il costo medio di un appartamento a Savona (3670 € al mq) confrontato con Trento (2279 € al mq), Belluno (3408 € al mq) con Firenze (2841 € al mq), Roma (2722 € al mq) con Milano (2415 € al mq).

È anche per questa ragione che molti giovani preferiscono vivere in affitto anziché fare il “grande passo” e comprare casa, senza per questo trascurare l’interior design e lo stile del luogo in cui si sceglie di vivere, perché anche in mancanza di liquidità non si rinuncia a personalizzare tutti gli spazi della casa.

Tags: ,

 
 

Progetto mansarda: finestre sul tetto da oscurare con tende giorno e notte

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti

Dalla casella email della Redazione di BlogArredamento:

Buongiorno, vorrei ristrutturare il sottotetto della casa dei miei genitori e trasformarlo in una mansarda dove trasferirmi con la mia compagna. Mi preoccupa molto l’illuminazione dell’ambiente: come posso avere luce senza dover sempre ricorrere a lampade e lampadine?

Ciao Luca, abbiamo la soluzione che fa per te: finestre sul tetto. Lasciano entrare la luce naturale e si possono oscurare all’occasione, di giorno e di notte.

Il tetto è una risorsa da sfruttare al meglio, soprattutto in mansarda dove si rivela un elemento che si fa notare e condiziona l’ambiente. In una mansarda il tetto è irregolare: l’altezza è maggiore nella parte centrale e subisce una pendenza considerevole nella parte più perimetrale.

Perché prevedere finestre sul tetto della mansarda

Più luce: una finestra sul tetto lascia entrare il doppio della luce rispetto ai serramenti verticali. Le finestre sui lati della mansarda illuminano all’interno ma non in profondità; con le finestre sul tetto invece la luce può arrivare praticamente in ogni punto della stanza.

I vantaggi di avere finestre sul tetto

Ovvero con quali altre motivazioni abbiamo convinto Luca a valutare (e acquistare) questo modello di serramenti.

  • Resistenti e a prova di agenti atmosferici: chi produce finestre per tetto ne testa sempre resistenza e tenuta. Tutti i modelli assicurano ottime performance in caso di acqua e condizioni atmosferiche sfavorevoli.
  • Isolamento termico e acustico: le finestre schermano il calore, il freddo e i rumori provenienti dall’esterno.
  • Tecnologiche e programmabili: le finestre Velux possono essere controllate tramite control pad touch screen che prevede l’impostazione fino a 8 programmi. C’è quello per il giorno e quello per la notte, quello per quando si esce di casa e quello per quando si è in vacanza, poi ce ne è uno che garantisce una corretta ventilazione degli ambienti e un altro che regola in automatico l’apertura e la chiusura per risparmiare energia per riscaldare casa. Insomma ce n’è davvero per tutti i gusti e tutti i momenti.
  • Personalizzabili: dimensioni, modello, sistema d’apertura (manuale, manuale con ganci, automatico) e colori. Una finestra per tetto può essere realizzata praticamente su misura scegliendo tutte queste caratteristiche.

Da sapere:
– Come scegliere le finestre per tetti: scarica e leggi la guida completa + trova i modelli che fanno al caso tuo.
– Per determinare il corretto posizionamento delle finestre e la loro grandezza ottimale è necessario confrontarsi con un architetto e affidarsi a installatori specializzati.
– Le finestre per tetti sono veloci e semplici da installare, non solo in fase di costruzione della casa ma anche durante una ristrutturazione.

Coprire i lucernari di giorno e di notte: tende e tapparelle

La luce naturale è piacevole e energizzante ma a volte è necessario schermare i raggi del sole e oscurare l’ambiente, insomma avere la giusta luce in ogni momento della giornata.
Come per i serramenti verticali esistono tende e tapparelle, così anche per le finestre sul tetto esistono tende parasole, tende filtranti, tende oscuranti, tapparelle manuali, tapparelle elettriche e tapparelle solari.

Ma torniamo alla richiesta di Luca e al suo caso specifico.
Per la sua casa sono necessarie tende e tapparelle dalle ottime prestazioni per tutte le ore del giorno e per tutti i giorni dell’anno. Gli obiettivi sono: schermare la luce, oscurare gli ambienti, proteggere dagli agenti atmosferici, raggiungere un isolamento termico ottimale in tutte le stagioni. La copertura migliore vede l’abbinamento di una tenda parasole e filtrante e di una tapparella. In questo modo la casa è protetta dal caldo durante l’estate, isolata dal freddo durante l’inverno, riparata dalle intemperie, oscurata di notte o quando si vuole un po’ di buio.

Dulcis in fundo: la zanzariera
Luce, raggi solari e aria sono sempre i benvenuti in casa al contrario di zanzare, cimici e altri insetti che è meglio tenere sempre alla larga.

Acquistare online tende, tapparelle e zanzariere per finestre sul tetto

Dove acquistare tende, tapparelle e zanzariere per finestre sul tetto? Su Velux Shop.

Sul sito Velux è presente un configuratore che aiuta a scegliere il modello giusto per ogni casa. È sufficiente selezionare la stanza in cui inserire la finestra e le proprie esigenze e il sistema propone in automatico i migliori modelli in commercio. Con pochi click è poi possibile mettere in confronto questi modelli, scegliere quello da acquistare e procedere con l’inoltro dell’ordine.

 

P.S.: Sì, hai capito bene. La redazione di BlogArredamento risponde ad ogni emergenza arredativa. Contattaci per email o sui social, saremo felici di risolvere i tuoi dubbi e aiutarti ad arredare casa.

Tags:

 
 

ACRIMAX, lo smalto MaxMeyer, si rinnova per garantire prestazioni ancora più eccellenti, una gamma di finiture più ampia e migliaia di colori

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Acrimax: tre finiture ed una scelta cromatica “infinita”
Acrimax, lo smalto più noto di MaxMeyer, è stato riformulato per rispondere ai gusti ed alle esigenze più disparati, grazie alle tre finiture con gradi di brillantezza diversi: opaco (5 gloss a 85° gradi), brillante (85 gloss a 60°) e satinato (25 gloss a 60°).
Acrimax viene proposto in 10 tinte pronte ed è realizzabile in migliaia di colori presso i rivenditori autorizzati MaxMeyer. La nuova formulazione di Acrimax garantisce colori più vivi e inalterati nel tempo, che non ingialliscono.

 

Acrimax: semplicità d’uso, prestazioni e durata superiori
La nuova formulazione conferisce a Acrimax un’ottima resistenza all’invecchiamento ed una elevata durezza del film: lo smalto resiste così alle sollecitazioni meccaniche (graffi, urti, sfregamenti) e garantisce un’ottima tenuta alle aggressioni chimiche (degrado causato da umidità, acidi ed agenti chimici vari).
L’effetto antiruggine immediato (anti-flash rusting) rende Acrimax l’alleato perfetto per interventi su superfici sia in legno sia in metallo.
Grazie all’eccellente adesione su ferro, lamiera zincata, plastica, legno e supporti difficili, opportunamente trattati, Acrimax è il partner ideale per colorare e rendere unici tutti i progetti di interni ed esterni, dove può essere utilizzato, ad esempio, per decorare mobili, accessori, infissi, arredi per terrazze, giardini e balconi.
La rapida essiccazione del prodotto consente di stendere due mani in un solo giorno. L’alta potere coprente, in CLASSE 2 secondo la norma ISO 6504-3 (Tra 98% e 99,5% su un massimo del 100%), fa di Acrimax l’alleato ideale per una qualità superiore e duratura degli interventi.

Acrimax: più sano, più versatile
Acrimax, lo smalto acrilico all’acqua multisupporto ed inodore conforme a HACCP, grazie alla nuova formula, è utilizzabile anche in ambienti con presenza di alimenti, strutture sanitarie e locali ad alta frequentazione. È etichettato A+, con un livello di emissione di sostanze volatili nell’ambiente (COV) bassissimo, e riduce così i rischi per l’ambiente e la salute.

Acrimax: un fondo ideale per ogni utilizzo
Acrimax può essere utilizzato in combinazione con fondi MaxMeyer appositamente studiati per massimizzarne la resa e i risultati. Acrimax Fondo Legno, formulato all’acqua e con speciali pigmenti inibitori del tannino, è la soluzione specifica per applicazione su legno. Kormax è il fondo antiruggine acrilico all’acqua, formulato con speciali pigmenti
anticorrosivi e ideale per applicazione su ferro e lamiera zincata. Zetamax, infine, è il fondo anticorrosivo multisupporto, con eccezionale aderenza su supporti difficili quali lamiera zincata, alluminio, PVC rigido, vetro.

Tags:

 
 




Torna su