The Orange Deer






 
 
 

Come usare le foto per decorare casa #2

Pubblicato da blog ospite in Idee, The Orange Deer
Cosa ho creato con quel semplice pezzo di legno inciso che ti ho fatto vedere ieri?
Un portafoto che serve anche da base di appoggio per altri oggetti o decorazioni.
Io ho voluto lasciare il colore naturale del legno di pino con le sue venature, ma tu puoi dipingerlo come preferisci.

Ho provato a creare una versione da scrivania e una “da comodino”; quale ti piace di più?

In collaborazione con CasaFacile e Fujifilm.
Tags: ,

 
 

Come usare le foto per decorare casa #1

Pubblicato da blog ospite in Idee, The Orange Deer
Adesso che la nostra casa è arredata e organizzata, che ne dici di inserirci un oggetto fatto con le nostre mani?
Oggi iniziamo a raccogliere il materiale; ci servono:
  • Un pezzo di legno rettangolare con un incisione lungo uno dei due lati lunghi (io ho la fortuna di avere un amico falegname che lavora proprio davanti a casa mia, ma se hai una sgorbia o il Dremel puoi fare tutto da te);
  • Una foto a cui tieni particolarmente, come quelle che ho scattato a Piggy con la mia Instax wide300;
  • Un barattolo dello yogurt;
  • Decorazioni e accessori vari.

Domani ti faccio vedere come li ho assemblati, anche se probabilmente lo hai già intuito.

In collaborazione con CasaFacile e Fujifilm.
Tags:

 
 

Come usare le foto per organizzare casa #1

Pubblicato da blog ospite in Idee, The Orange Deer
Dopo aver visto come trovare l’ispirazione per progettare la tua nuova casa, in questo e in quest’altro post, tra oggi e domani voglio svelarti un piccolo trucco di organizzazione.
Eh si, perché non ha senso avere una bella casa per poi nasconderla sotto quintali di roba.
Prendiamo ad esempio l’armadio; quanta roba hai lì dentro?
Io ho cose che non metto da una vita ma ci sono affezionata, cose che aspetto mi stiano di nuovo, cose ancora con l’etichetta che non ho mai messo perché non stanno bene con niente.
Se poi sei una di quelle che, anche con un guardaroba essenziale, ci mette un secolo a prepararsi perché non trova mai l’abbinamento giusto, il trucco che voglio proporti ti piacerà un sacco!
Prima però dobbiamo fare pulizia; elimina tutte le cose che non usi, che non ti piacciono e che non ti stanno ed inizia a pensare a come abbinare quelle che rimangono.
Domani ci divertiamo!

In collaborazione con CasaFacile e Fujifilm.
Tags:

 
 

Come usare le foto per progettare casa #2

Pubblicato da blog ospite in Idee, The Orange Deer
Nel post di ieri ti ho invitato ad andare a caccia di ispirazioni per arredare casa nella tua città e fotografarle.
Una volta tornata a casa analizzale. Ritraggono uno scorcio industriale o campestre? Che colori e materiali ci sono? Sonominimaliste o belle piene?
Raccogli tutte queste informazioni e usale per creare una moodboard con dei materiali più simili a quelli che useresti per arredare casa, come pezzetti di legno e scampoli di tessuto. Se anche questa volta il risultato ti soddisfa siamo a cavallo!

Adesso che hai le idee chiare, puoi tornare su internet e fare una ricerca più concreta. Saprai se devi cercare un tavolo in legno grezzo o un tavolo in vetro, se la tenda la vuoi bianca o con un motivo floreale e così via.
In collaborazione con CasaFacile e Fujifilm.
Tags:

 
 

Come usare le foto per progettare casa #1

Pubblicato da blog ospite in Idee, The Orange Deer
Partiamo dal principio. Ti sei appena trasferita nella nuova casa ed ora è il momento di arredarla; ma da dove cominciare?
A guardare le foto su Pinterest ti sembra che ti piacciano tutte e non riesci a deciderti sui colori e lo stile da scegliere. True story.
Cosa fare quando il metodo Pinterest non funziona?
Una buona alternativa è quella di cercare ispirazioni all’esterno, nel mondo che ci circonda. Prova a guardare con occhi diversi i luoghi in cui passi tutti i giorni, potresti trovare l’accostamento giusto nel palazzo accanto al tuo, dal fruttivendolo o persino in un cantiere.
Quando lo trovi, scattagli un paio di foto, e domani vediamo come utilizzarle. Io ho già fatto le mie, ora tocca a te. Buona passeggiata!

In collaborazione con CasaFacile e Fujifilm.
Tags:

 
 

Facciamo qualche DIY con le foto?

Pubblicato da blog ospite in Idee, The Orange Deer
Grazie alla collaborazione con CasaFacile e Fujifilm, la settimana scorsa ho potuto provare la nuova Instax wide300 e ho un sacco di cose da farti vedere, quindi ti farò compagnia per tutta la settimana. Evviva!
Non preoccuparti, non saranno le solite polaroid appese al murocon i ricordi delle vacanze, lo sai che qui da me non c’è spazio per la fuffa! E poi quali vacanze? Domani ho un esame!
A parte gli scherzi, cerco sempre di impegnarmi per creare dei post che possano essere davvero utili anche a te, per condividere idee facili da applicare anche a casa tua.
Se una cosa è troppo costosa, non ne parlo.
Se è troppo complicata, non ne parlo.
Se non serve a niente, non ne parlo.
Anche in questo caso quindi ho pensato a come poter utilizzare le foto per un fine pratico, oltre che estetico. Le parole chiave saranno Progettare, Organizzaree Decorare.
Spero che mi seguirai in questa avventura, a domani!


Tags:

 
 

Rinnovare una stanza per ritrovare l’energia

Pubblicato da blog ospite in Decor, Idee, The Orange Deer
Sono una persona pigra. Tanto, troppo. Spesso faccio fatica persino a fare le cose che mi piacciono, come scrivere per il blog, e qualsiasi cosa io faccia sono estremamente lenta. Hai presente un bradipo?
Non credo che esista una cura per la mia pigrizia, però c’è una cosa che mi aiuta a racimolare un po’ di energia: rinnovare l’ambiente che mi circonda. Mi fa sentire rigenerata e mi aiuta a concentrarmi.

Per me rinnovare una stanza non significa spendere dei soldi e sostituire tutto, ma piuttosto cambiare colore, dipingere alcuni oggetti, aggiungere delle piante, riempire una parete che era rimasta vuota per l’indecisione, cambiare le tende, alleggerire un mobile troppo pieno, eliminare le cianfrusaglie che si sono accumulate nel tempo, collocare gli oggetti in modo diverso.

Puoi provare anche tu. E se non sai come fare puoi seguire questa guida.

L’ultima volta che l’ho fatto è stato circa un mese fa, quando la mia camera da letto ha iniziato a trasmettermi sensazioni come disordine (pur essendo ordinata), incompletezza e sciatteria.
Avevo accumulato un sacco di oggetti carini e colorati per ottenere un risultato come questo e invece il risultato è stato questo. Beh, almeno ho capito quale stile NON mi appartiene.

Così ho deciso che la nuova palette di colori sarebbe stata più elegante, minimalista e naturale: bianco, nero, grigio, marrone e verde.
                                                                                       

Avendo poco spazio accanto al letto, ho costruito un comodino da parete con un quadro dei cinesi che non mi piaceva più, due stecche di legno, un pezzo di stoffa, della colla a caldo e della vernice nera.

L’interno della mensolina di Tiger era verde acqua e l’ho rivestito con della carta adesiva nera; Ho lasciato in vista solo i washi tapes che riprendevano i colori scelti e ho riposto gli altri in una scatola; stessa cosa per penne e matite.

Con la stoffa che mi era avanzata dall’orlo fatto alle tende della zona giorno ho fatto un vestiletto e una testata per abbellire la mia povera branda. Ho appeso alle pareti una antica mappa di Parigi e delle cartoline vintage in bianco e nero e ho riesumato la tenda che mia madre aveva messo via dalla cucina quando avevo sei anni.

Ho dipinto lo specchio e inserito un appendiabiti dove lasciare in vista solo le cose che uso di più (che tra l’altro ci stanno benissimo perché sono in fase black&white anche nell’abbigliamento).

Ho dipinto anche le bandierine di Tiger e la scatolina di latta e ho raccolto un po’ di rami da una pianta selvatica di un verde bellissimo che ho trovato in giardino.

La scarpiera fatta con le cassette era già lì, mentre la sedia l’ho trovata a casa dei miei nonni e, indovina un po’, l’ho dipinta di nero.

Ho dipinto anche la scrivania, ma di bianco; ho trapiantato il mio cactus in un vaso trasparente e ho creato una bacheca con un pezzo di rete di metallo, anche questa recuperata.

E tu? L’aspetto della tua casa influenza il tuo umore o è solo una mia fissa?

(Una volta ho spostato un armadio in legno a tre ante da sola, ma non so ancora se dovrei vantarmi o vergognarmene.)

Tags: , ,

 
 

Decorare casa con DaWanda

Pubblicato da blog ospite in Idee, The Orange Deer
Conosci DaWanda? Il fornitissimo negozio online di prodotti fatti a mano? C’è davvero di tutto: accessori, borse, gioielli e naturalmente una sezione dedicata alla casa dove si possono trovare oggetti unici, adatti a qualsiasi tipo di stile e arredamento.

Per me è stata davvero dura fare una selezione, ma ecco i miei dieci prodotti preferiti (a parte lo sgabello, che costa 85 €, tutti gli altri costano meno di 40 €):

1, 2, 3, 4, 5.
1, 2, 3, 4, 5.

DaWanda ha anche un altro asso nella manica: una sezione di tutorial per il fai da te, divisi in categorie. Qui puoi trovare tutti quelli che riguardano la decorazione della casa; i miei preferiti sono quello per creare un portaoggetti in sughero, quello per rinnovare un comodino e quello per creare una lampada con dei bracciali di legno.

E se vuoi essere sempre aggiornata sulle novità e sulle offerte, puoi seguire DaWanda sui social network. Eccoti i link di Facebook, Twitter, Pinterest e Google +.

Buono shopping!

Post sponsorizzato.

Tags: ,

 
 

Rinnovare casa: scopri se devi farlo in venti domande

Pubblicato da blog ospite in Idee, The Orange Deer

Oggi facciamo un gioco.

Ho preparato per te un questionario che ho chiamato Il test delle venti domande, che ti aiuterà a capire se la tua casa ha bisogno di essere rinnovata.

Ma la cosa più bella è che se mi invii le risposte per email (o anche tramite messaggio privato su Facebook) io ti mando la soluzione del test, che consiste in un piccolo consiglio, insieme ad un regalo davvero speciale!

Pronta?

Tags:

 
 

Cameretta per due: ad ognuno i suoi spazi

Pubblicato da blog ospite in Idee, The Orange Deer
Questo post è ispirato ad una conversazione avvenuta qualche settimana fa su un gruppo Facebook, in cui una mamma in procinto di cambiare casa chiedeva se fosse meglio avere un unico bagno e tre camere da letto, oppure avere il doppio bagno ma far condividere ai figli un unica camera.
I commenti erano quasi tutti a favore della seconda opzione e arrivavano da famiglie che hanno un unico bagno e sanno quanto possa essere scomodo, ma sopratutto da persone che durante la loro infanzia hanno dovuto dividere la stanza con i fratelli e/o sorelle e ne hanno tratto il vantaggio di essere più uniti e di aver imparato a condividere gli spazi e a rispettarsi a vicenda.
Bellissimo no? Ma prima di imparare tutto questo, sai che litigate!
Io penso che sia giusto dare ai bambini la possibilità di sviluppare la propria personalità, i propri gusti, hobby e passioni.
Nel mondo là fuori, dove tutti cercano di uniformarsi al gruppo per essere accettati, è difficile essere se stessi, quindi è importante che inizino a farlo tra le mura di casa, e per farlo hanno bisogno dei loro spazi, anche quando la cameretta è solo una.
Un po’ per facilitarti la lettura, un po’ perché non amo i giri di parole, ho pensato di proporti in modo molto schematico quattro soluzioni, basate sulle differenze di sesso ed età.
Naturalmente questa è una guida generale ma ogni caso è a sé, quindi è possibile che la soluzione più adatta per i tuoi figli non sia quella della categoria in cui li ho collocati.
Mi piacerebbe se me lo facessi sapere nei commenti.
1. Letti uniti uno di fronte all’altro e scrivania condivisa
Grado di condivisione massimo.
Questa soluzione è adatta per bambini dello stesso sesso che hanno più o meno la stessa età, perché i gusti e le esigenze coincidono.
1, 2.
2. Letti e scrivania su due lati opposti
Grado di condivisione alto.
Soluzione adatta per i bambini che hanno la stessa età ma diverso sesso, perché le esigenze coincidono ma i gusti saranno diversi.
Ognuno ha il suo lato di stanza da personalizzare; si può usare un colore neutro e variare le decorazioni, oppure osare con due colori diversi per le pareti (ma che stiano bene insieme).
1, 2.
3. Letti e scrivania angolare
Grado di condivisione medio.
Questa potrebbe essere la soluzione ideale per bambini dello stesso sessoma con un età diversa, perché è probabile che i loro gusti siano simili ma le esigenze saranno diverse.
Con la disposizione angolare i bambini sono vicini ma si danno le spalle e questo darà loro una sensazione di maggiore autonomia.
Il modo più adatto per arredarla è quello di usare gli stessi colori ma decorazioni diverse per ciascuno.
1, 2.
4. Letti e scrivania separati da un elemento divisorio centrale
Grado di condivisione minimo.
Soluzione per bambini di diversa età e diverso sesso, che hanno gusti ed esigenze differenti e quindi hanno bisogno di una maggiore autonomia e privacy.
L’elemento divisorio centrale può essere composto da un pannello di compensato, una tenda o da due librerie messe una di spalle all’altra.
Si verranno a creare due stanze in una, che possono essere personalizzate con colori e decorazioni differenti senza problemi.
1, 2.
E l’armadio?
Dell’armadio non ho parlato perché la sua posizione è strettamente collegata alla forma della stanza e alla posizione di porta e finestra.
Se vuoi puoi scrivermi queste informazioni nei commenti, sarò felice di darti un consiglio.
Non pensare che la soluzione che scegli sarà definitiva
Tieniti pronta a fare delle modifiche, perché durante la crescita i tuoi figli alterneranno fasi in cui giocheranno insieme a fasi in cui litigheranno per qualsiasi cosa; momenti in cui non si guarderanno nemmeno in faccia ad altri in cui vorranno addirittura unire i letti.
Parola di sorella!
Tags: ,

 
 




Torna su