Acquista una cameretta, ti regaliamo un materasso

Pubblicato da blog ospite in Clever, Idee

PROMO RELAX 2018

Dal 20 maggio al 10 luglio 2018 se acquisti una cameretta Clever potrai ricevere in omaggio un materasso extra comfort.

PROMO A
Acquistando una cameretta del valore minimo di € 2.290,00 potrai ricevere in omaggio un materasso singolo extra comfort del valore commerciale di € 300 (IVA inclusa).

PROMO B
Acquistando una cameretta del valore minimo di € 3.490,00 potrai ricevere un omaggio a scelta tra:
– un materasso matrimoniale extra comfort,
– due materassi singoli extra comfort.

Scopri le caratteristiche tecniche dei materassi in omaggio visitando la pagina Promo Relax

INFORMAZIONI UTILI

  • La promozione è valida presso i Rivenditori Partner autorizzati e aderenti all’iniziativa.
  • La promozione è valida fino ad esaurimento scorte.

Per trovare il negozio più vicino a te e prenotare un appuntamento consulta la pagina Rivenditori Partner.

 

Tags: ,

 
 

Un’estate 2018 ricca di eventi all’Isola d’ Elba

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto

estate 2018 ricca di eventi Isola Elba

Buondì cari amici. Avete già scelto la meta delle vostre vacanze estive? Anche se il tempo in questi giorni non è molto buono, l’estate si sta avvicinando e pianificare per tempo itinerari, spostamenti e pernottamenti è il modo migliore per passare delle vacanze in tutta tranquillitàVi ho già parlato della Sicilia in questo post 

mentre oggi vorrei parlarvi di un’altra meta ricca di  attrattive: l’ Elba, incantevole isola dell’Arcipelago toscano.

Verdi colline, mare cristallino, piccoli borghi ricchi di storia e paesaggi mozzafiato caratterizzano la terza isola più grande d’Italia. Come se non bastasse, il calendario degli eventi organizzati sull’isola per la stagione primavera/estate/autunno 2018 è straordinariamente ricco, adatto a diversi tipi di pubblico: gare sportive, rievocazioni storiche, feste tradizionali, festival e spettacoli.  Ecco un assaggio di quello che potrete fare già nei mesi di maggio e giugno, anticipo goloso di un’estate che si preannuncia animatissima:

19 maggio: Elba Kolossal 2018, gara di triathlon

20 maggio: Elbatrail 2018 “Eleonoraxvincere”, una delle gare di trail running più difficili in Italia.

25-27 maggio: Rallye Elba 2018, una delle gare di rally più amate ed apprezzate al mondo. 26-30 maggio: Irontour Road 2018, evento di triathlon road composto da 5 tappe, 5 giorni, 5 differenti splendide località dell’Isola, percorsi di gara altamente tecnici con spunti paesaggistici mozzafiato.

2 giugno: Festa del Cavatore: la cittadina di Capoliveri dedica il primo weekend del mese agli uomini che l’hanno resa grande.

21 giugno: L’estate sta arrivando, manifestazione tradizionale per festeggiare l’arrivo della stagione estiva, presso il centro storico di Porto Azzurro.

Per scoprire gli eventi in programma da agosto a ottobre, potete consultare questo calendario dettagliato, così da poter programmare il vostro soggiorno in base alle manifestazioni cui vorreste assistere o partecipare.




Calendario eventi realizzato da TraghettiPer Elba

L’isola d’Elba è facilmente raggiungibile, anche solo per trascorrervi una giornata, dal porto di Piombino Marittima, tramite il trasporto marittimo. I traghetti partono ogni mezz’ora lungo le tratte che collegano Piombino ai tre porti dell’Isola, ovvero Cavo, Rio Marina e Portoferraio.

estate 2018 ricca di eventi Isola Elba traghetto

Oltre all’opzione più sfruttata dai turisti, ovvero il traghetto veloce per il trasporto di auto e passeggeri, esiste anche la possibilità di godersi un’andata e ritorno giornaliera utilizzando l’aliscafo o i traghetti di piccoli dimensioni. Potete scegliere la soluzione più adatta alle vostre esigenze e al vostro budget confrontando i prezzi dei biglietti dei traghetti per l’isola d’Elba prima di partire.

estate 2018 ricca di eventi Isola Elba chiese romaniche

Oltre ai numerosi eventi, all’Elba potrete scegliere tra le spiagge e le calette o le escursioni  in montagna, seguendo il sentiero G.T.E. (grande traversata elbana), da cui potrete godere di diverse viste panoramiche di straordinaria bellezza.

estate 2018 ricca di eventi Isola Elba porto azzurro

Gli amanti della cultura e dell’architettura apprezzeranno i musei, gli scavi archeologici con i reperti di epoca etrusca e romana, e le numerose chiese in stile romanico, mentre la visita alle residenze napoleoniche, oltre a essere interessante dal punto di vista architettonico, vi trasporterà nella storia e nella parte più burrascosa della vita del Bonaparte.

Tags:

 
 

Society Limonta: aperto il primo flagship store di Londra

Pubblicato da blog ospite in Design, Dettagli Home Decor
Society Limonta store Londra

Dopo le recenti inaugurazioni degli store di Ginevra e Vienna, il marchio italiano di home collection ha ufficialmente aperto il 16 maggio 2018 il suo primo flagship store di Londra al numero 170 di Walton Street. Nel cuore di Brompton Cross, l’area, situata tra Knightsbridge, Chelsea e South Kensington, conosciuta negli anni ’90 come il ‘London’s original luxury village’ è protagonista, in questi anni, di una rinnovata espansione commerciale.

Lo store monomarca soddisfa la richiesta di un pubblico attento ed affezionato che, dall’apertura del corner di Harrods, apprezza e sceglie le collezioni del marchio Made in Italy di moda per la casa. 

Society Limonta store Londra
Society Limonta store Londra
Society Limonta store Londra

Lo spazio di 100 mtq è disposto su due piani con un’ampia vetrina ed un elegante giardino sul retro, disegnato da Martha Krempel.  Lo store, perfettamente in sintonia con la filosofia del lusso casual e unconventional di Society Limonta, esalta l’espressione stilistica delle collezioni di letto, tavola, bagno, accessori, homewear e delle porcellane per la tavola, disegnate da Beatrice Rossetti.


Society Limonta store Londra
Society Limonta store Londra
Il design dello spazio e degli arredi, pensati dall’architetto Ferruccio Laviani, continua a scegliere strutture essenziali in materiali e colori naturali che fanno vivere la moda per la casa come assoluta protagonista. 
Society Limonta store Londra
Society Limonta store Londra

Il sistema espositivo del flagship store di Londra permette al cliente di scoprire, attraverso un itinerario tessile, la qualità delle collezioni, all’interno di uno spazio dall’atmosfera calda e accogliente.

Society Limonta store Londra
Society Limonta store Londra

Socitety Limonta

170 Walton Street

London

SW3 2JL

+44 203 144 0000

Lunedì – Sabato: 10.30 – 18.30

www.societylimonta.com

Tags: ,

 
 

Workshop Luci in Riviera 2018, come celebrare l’importanza della luce.

Pubblicato da blog ospite in Design, Luxemozione

L’articolo Workshop Luci in Riviera 2018, come celebrare l’importanza della luce. proviene da Luxemozione.

Oggi  16 maggio 2018 è la  prima edizione dell’ International Day of Light 2018 (IDL2018), evento annuale organizzato da Unesco a celebrazione della luce non solo quale fenomeno della fisica, ma anche quale elemento fondamentale  dei settori del design, dell’arte e della cultura. L’evento nasce sull’onda del successo del più noto evento International Year of Light 2015 di cui si è parlato lungamente qua su Luxemozione. Durante la giornata della luce si svolgono attività volte a manifestare l’importante della luce nei diversi settori. Qua il programma degli eventi della prima edizione 2018

Per spiegare meglio lo spirito su cui si basano questi eventi internazionali, ricordo ad esempio questo pensiero di, Joseph Niemela, Senior Research Scientist presso l’Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics e coordinatore del Segretariato Globale dell’International Year of Light 2015, che affermava:

“L’Anno internazionale della luce è stato proclamato dall’UNESCO anche per suggerire delle soluzioni migliorative per il benessere di tutti. L’approccio Human Centric Lighting e la progettazione della luce in generale possono migliorare la qualità degli ambienti in cui viviamo. La luce può dare un contributo importante per rendere le nostre città più vivibili e migliorare la qualità della vita delle persone. La scienza non è sufficiente per affrontare le sfide globali di quest’epoca, è necessario un coinvolgimento e una collaborazione tra ricercatori, designer e industria per trovare insieme delle soluzioni efficaci. Bisogna continuare a lavorare in questa direzione, ampliare il raggio della ricerca e creare un sistema di collaborazione fra i protagonisti del settore. L’innovazione è la capacità di far dialogare la parte tecnologica con quella creativa.”

Workshop in lighting design Luci in riviera

E proprio oggi, a celebrare quest’evento vi voglio segnalare il lancio ufficiale della nuova edizione 2018 del workshop di lighting design Luci in Riviera, che è un evento a cui sono particolarmente legato, poiché l’anno passato ho avuto il piacere di partecipare come workshop head, assieme ad altri colleghi internazionali.

Per maggiori info sull’evento del 2017  vi rimando al mio articolo di report che trovate qua:

Cos’è successo al Workshop di Lighting Design Luci in Riviera

Luci In Riviera è  l’unico evento in Italia, volto a raccontare attraverso la luce il patrimonio culturale della Riviera del Brenta.  È organizzato dall’ associazione di Promozione Sociale “Luci in Riviera”  e si basa sul modello del lighting workshop educativo, ispirato a format già diffusi all’estero  e rappresenta ancor oggi una novità nel nostro Paese.

L’evento è dedicato principalmente a studenti e giovani progettisti, italiani e stranieri, diventa per loro occasione per acquisire conoscenze teoriche e pratiche nella progettazione con la luce.

I workshop heads

I workshop head 2018 selezionati provengono da Italia, Svezia, Israele e Russia e sono lighting designer di grande esperienza professionale ed accademica.

Qua sotto, in ordine di apparizione:

Jan Ehjed (Svezia) professore emerito, Lighting Designer

Dorit Malin (Israele) Lighting Designer

Natalia Markevich (Russia) Lighting Designer

Helena Gentili (Italia) Lighting Designer

Il main topic dell’evento

Il tema scelto per quest’anno è “Un mondo di luce“, una semplice filosofia che permetterà di scoprire la città e condividerne la bellezza in modo diverso dal solito, grazie a luoghi illuminati con giochi di luce non convenzionali.

La cerimonia ufficiale di inaugurazione si terrà il 22 settembre 2018.

Le installazioni luminose , che saranno realizzate dai partecipanti al lighting workshop, coordinati dai workshop heads, verranno accese il 22 settembre e resteranno visitabili gratuitamente fino all’8 ottobre 2018. I lavori saranno progettati e realizzati tenendo in considerazione la percezione umana, ovvero il principio che illuminare bene non significa illuminare troppo, né abbagliare le persone.  Le nuove scenografie saranno luogo di eventi collaterali dedicati a temi educativi e sociali.

Evento collaterale Luci In Riviera per International Day of Light

Luci in Riviera IDL2018 02

Luci in Riviera, in occasione della Giornata Internazionale della Luce dell’UNESCO invita ad inviare una cartolina dalla vostra città  all’indirizzo Luci in Riviera # IDL2018   c/o Biblioteca Comunale  Via Comunetto, 5   30031 Dolo (Venezia).  Tutte le cartoline ricevute saranno raccolte ed esposte durante il workshop di Luci in Riviera e gli eventi collaterali.

L’articolo Workshop Luci in Riviera 2018, come celebrare l’importanza della luce. proviene da Luxemozione.

Tags: ,

 
 

Di piante, fiori e nonne giardiniere.

Pubblicato da blog ospite in Idee, Paz Garden

Il Post di oggi arriva scombussolando un piano editoriale già traballante ma sempre sincero.
Arriva insieme a foto che più spontanee non si potrebbe e porta con sè il senso di questo mese passato, ancora una volta come ad ogni Primavera, tra piante, fiori e persone che riescono ancora a parlare alle piante.
Questo è un post che, nel giorno della Festa della Mamma, io scelgo di dedicare alle nostre nonne, donne che sono diventate mamme quando nessuno forse celebrava questa festa, quando nessuno credeva che questa parola avesse significati diversi dal mettere fisicamente al mondo nuovi battiti di cuore.
Donne che la vecchiaia ha reso a volte più forti e combattive, volti che in silenzio hanno continuato ad insegnare, mogli che si sono ritrovate sole ad abitare quella stessa casa un tempo piena zeppa di voci e rumori.

Le incrociamo spesso, non solo nelle nostre vite di ogni giorno, ma anche tra strade di cui non conosciamo il nome, affacciate solitarie a balconi che regalano aria nuova… sedute alle sedie, stanche dei tanti ricordi, ma sempre ricche di chiacchiere e caffè da offrire.
E intorno a loro piante da innaffiare, talee da curare, nuovi esperimenti botanici di cui prendersi cura.
Sono le donne che hanno fatto, ognuna a modo loro, la storia di un Tempo che non abiteremo più.
E comunque andrà tanto di quello che siamo diventati lo dobbiamo anche a quello che queste donne hanno saputo tenere insieme, nonostante tutto.

Proprio per questo oggi scrivo di loro, di quello che delle mie nonne resta dentro di me, mamme speciali senza le quali neanche io sarei qui e lo faccio utilizzando il linguaggio che preferisco, quello di Madre Natura e delle sue creature che tutto sanno rendere più sopportabile.

Io non riesco ad immaginare nessuna, delle nonne che ho amato o conosciuto, lontana dal proprio rito di piantare, seminare e dare da bere alle piante di cui spesso si circondano per sentirsi ancora utili, meno sole, ancora madri preoccupate per qualcuno.
Grazie alla collaborazione con SOULGREEN e alla loro mission di educare alla necessità di accudire l’anima di ogni essere vivente, sono riuscita a regalare immensa felicità alla ormai bisnonna Maria, che ha passato una vita lavorando curva sui garofani e chissà quante altre meravigliose varietà di fiori, soffrendo il caldo nelle serre, dedicandosi ad un lavoro che si è trasformato in famiglia prima e poi anche in storia di un paesello del Sud.

Le abbiamo fatto l’unico regalo da lei voluto e sempre ricercato. Circondarsi di impegno e piccoli angoli di bellezza di cui occuparsi, dimenticandosi del Tempo che scorre, dei tanti acciacchi, dei momenti di tristezza che nessuno di noi conoscerà mai.
Le abbiamo portato fiori, piante e insieme a lei abbiamo innaffiato di fiducia e speranza ogni angolo del cuore.

Post scritto in collaborazione con SOULGREEN.

Tags:

 
 

+deco + il 12° miglior trending blog al mondo!

Pubblicato da blog ospite in +deco

Che bello, +deco è al dodicesimo posto della classifica dei Best Trending Interior Design Guide di Feathr!

FEATHR è un marchio di arredamento d’interni che lavora con artisti contemporanei per creare carte da parati originali, tessuti e cuscini (vedi ad esempio il bel lavoro di Kiki Slaughter per Feathr qui.

Come stilano le loro classifiche che sono diventate ormai un punto di riferimento nel campo per professionisti e appassionati? Feathr “traccia i dati che dimostrano la performance di un blog. Questi dati includono dimensione, attiva sui social media, menzioni, influenza, autorità e molti altri. Un vero e proprio algoritmo che analizza l’insieme di data e crea la classifica finale dei 50 migliori”.

Sono molto orgogliosa che + deco cresca ogni anno, grazie a tutti voi!

(Nella foto, io su un trono usato per un set pubblicitario).

The post +deco + il 12° miglior trending blog al mondo! appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags:

 
 

FFF Multiplicity Shape of Fire, un percorso di light art che racconta le tradizioni della città.

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Luxemozione

L’articolo FFF Multiplicity Shape of Fire, un percorso di light art che racconta le tradizioni della città. proviene da Luxemozione.

Oggi vi parlerò dell’ultimo lavoro dell’amico Romano Baratta, già presentato più di una volta qua su Luxemozione, ad esempio in occasione della sua installazione di light art intitolata False Sunset, realizzata qualche anno fa per il Comune di Giulianova.

False Sunset, il tramonto impossibile di Giulianova

Quest’anno Romano si ripresenta con un percorso estensivo di light art davvero interessante: FFF. Multiplicity Shape of Fire, realizzato le scorse settimane per il Comune di Foggia, in occasione di Libando, viaggiare mangiando, la più importante rassegna di street food in Italia. Come in ogni lavoro realizzato da Baratta il concept è elemento forte: in questo nuovo progetto parole chiave all’origine dell’installazione parlano di appartenenza alle tradizioni e al territorio di Foggia, città natale dell’artista.FFF. urban-lightscape

FFF. Multiplicity Shape of Fire è un lightscape, inteso come definizione dell’insieme delle scenografie di luce che svelano ed arricchiscono il paesaggio notturno (della città), che ha vestito il centro della città pugliese di una nuova luce. Un’opera urbana totalizzante, dove la luce ha dialogato con l’architettura in un percorso coinvolgente e conviviale, pieno di concetti sul mondo del cibo e sulla storia della città. Un’opera che unisce light art, lighting design, storia, arte contemporanea e tradizione.

Tutte le foto di seguito pubblicate sono di proprietà di Vincenzo Baratta

Il Fuoco come elemento di ispirazione

Il tema del Festival di quest’anno è stato “Cucina Madre” un omaggio alla cucina delle tradizioni. FFF (Fire – Foggia – Food) è un progetto di light art e lighting design che modifica il paesaggio visivo urbano, comunica e fa emergere gli elementi basilari di un territorio.

Al centro dell’intervento c’è il fuoco come elemento simbolico e basico del festival: il fuoco è all’origine della cucina, senza il quale non sarebbe stata possibile.

Una leggenda locale narra che il fuoco nacque in seguito ad un miracolo, ovvero dopo il ritrovamento dell’icona della Madonna avvolto da Sette Veli segnalato da tre fiammelle, ed è la prima fonte di luce artificiale utilizzata dall’uomo.

Sul far della sera il riverbero del fuoco si diffonde nelle

vie, caldo e profondo e infonde al cuore l’antica

scintilla che accende e divampa.

La sua luce ravviva le antiche strade e ci nutre l’anima

come l’abbraccio di una madre. Fiamme generatrici

che ci raccontano la storia millenaria da dove tutto

ebbe inizio.

Dunque il fuoco come focolare attorno al quale mangiare e stare assieme, viaggiando con i racconti e le proprie storie.

FFF Multiplicity Shape of Fire 12

FFF è quindi un racconto storico mediante la luce, dove la narrazione viene vissuta attraverso le sensazioni che dà origine al lightscape e attraverso la lettura di parole sui palazzi antichi, volte a far rifletter sulle tradizioni, sui legami, sull’attualità e sulla felicità.

Le scritte e i colori sono dislocati a partire da un’analisi dei movimenti sociali urbani e secondo un approfondimento artistico e storico delle architetture, degli scorci e ricordi di eventi passati.

I Colori e il Paesaggio Urbano

I colori sono stati usati per valorizzare visivamente il paesaggio urbano ed in particolare per rendere conviviali gli spazi, agendo sulla psicologia della luce.

Luce rossa sui punti focali architettonici e sui punti focali di ritrovo e stazionamento delle persone, in una sorta di ‘focolare urbano’ sotto la quale mangiare con gli altri in modo confortevole.

Luce blu per la verticalità delle architetture così da aumentare la dimensione degli spazi (vista anche l’alta affluenza al festival) e per ottenere i giusti contrasti e valori prospettici.

In Piazza del Lago il colore ha assunto una connotazione descrittiva: le tre palme, che testimoniamo il luogo del ritrovamento della tavola dipinta della madonna, sono vestite di rosso a ricordare le tre antiche fiamme su una distesa d’acqua, rappresentata dall’azzurro proiettato sulle facciate circostanti.

In via San Domenico l’intervento si è discostato dal concetto base legato al colore ed ha assunto una  conformazione più popolare e festiva, poiché lo slargo è nel cuore della città più autentica. Qui la luce si è manifestata come ‘tetto’ in tutta la sua potenza come mezzo di socializzazione, sotto la quale condividere – CONVIVIeorUM – con gli altri il piacere di stare assieme.

Uno degli highlights dell’intervento di Romano è stata infine la valorizzazione attraverso la luce del Rosone centrale della Cattedrale di Foggia, visibile dall’esterno: un segno visivo nodale nella città.

Il Lightscape di FFF. Multiplicity Shape of Fire

Il lightscape, è basato su differenti livelli volti a generare un clima coinvolgente, dal forte impatto emozionale sia sul piano visivo che di pensiero:

  • livello identificativo delle aree adibite al festival + segnaletica
  • livello d’ambientazione basico ma emozionale + segnaletica
  • livello simbolico
  • livello narrativo
  • livello spaziale
  • livello di scenario
  • livello di luce d’atmosfera e funzionale
  • livello artistico

Il significato delle scritte

MOTHER: SOUL FOOD

madre: anima della cucina, anima della casa e della famiglia, madre come generatrice dei saperi che vengono tramandati ai figli. Questa scritta è frontale a quella di Filius e sta ad indicare che quest’anima viene tramandata alle nuove generazioni. Inoltre per Foggia la madre della città è la madonna e la scritta Mother è vicino alla Cattedrale, casa della Madonna dei Sette Veli e frontalmente è posta la scritta Filius ad indicare Gesù, suo figlio, in un rapporto quasi osmotico. La distanza tra le due scritte e la loro frontalità riprende il “gioco” di avvicinamento e allontanamento della processione religiosa cittadina chiamata “Dei Misteri” che si fa il venerdì santo. Un richiamo ad un momento molto sentito dalla cittadinanza.

FFF Multiplicity Shape of Fire 03

FILIUS

In latino Figlio. Figlio come destinatario di una cucina che viene tramandata dalle madri.

Ma inteso anche come figlio della madonna. La parola ha una scomposizione di ritmo dettata dalla conformazione dell’architettura che prevede gruppi di tre arcate.  FILIUS viene scomposta in FIL – IUS: IUS giustizia / FIL felicità interna lorda. Un messaggio che sta ad indicare quanto sarebbe giusto valutare la felicità e non il prodotto come fattore di crescita di uno stato o di una città.

TRAMA ‘N’ DARE

Tramandare le tradizioni, la cucina, tutto. Tramandare è ‘Dare’ agli altri e alle nuove generazioni ma con una ‘Trama’, ovvero, con una regola, con una ricetta. La frase è posta appositamente nella zona adibita ai bambini, destinatari di questo dare. La ‘N’ alla inglese è una congiunzione e la parola quindi diviene: ‘Trama e Dare’, ma ricorda anche il termine rock ‘n’ roll, nell’immaginario sempre collegata a qualcosa di energico, giovanile. Elemento innovativo che le nuove generazioni possono dare alle tradizioni che gli vengono tramandate.

CONVIVIeorUM

In latino sia ‘Convivium’ e quindi pasto da condividere assieme, che ‘Eorum’ – loro – ad indicare che il convivio del cibo andrebbe eseguito non solo tra amici, ma anche con gli altri, anche con gli stranieri e i diversi.

NOW I AM HERE – MUM

Questo testo è suddiviso in due parti e installato su due prospetti differenti dello stesso edificio, tale che la lettura completa venisse eseguita in un momento successivo.

La prima parte, Now I am here, è riferito a chiunque fosse presente lì in quel momento di festa, rendere consapevoli i fruitori del festival di porre attenzione alla loro presenza in questo momento di festa, di dare valore al loro esserci. Una rivisitazione della locuzione latina Hic et Nunc. Leggendo però la seconda parte, Mum, la frase acquista un altro significato, “Ora sono qui, mamma” ed è dedicato a tutti coloro che ritornano a Foggia e dalle loro mamme e famiglie.

Tutte le frasi hanno anche un livello di significato autoreferenziale: Mother: soul food è un omaggio alla madre dell’artista, anima della sua famiglia d’origine.

Filius: riferito a un figlio della città che ritorna per la città.

Trama’n’dare: l’intervento artistico permette alla città di riscoprire elementi e trame storiche essenziali.

Convivi eor um: l’intervento artistico come momento di condivisione delle tradizioni e della storia nonché di felicità.

Now i am here / mum: è riferito anche a Romano Baratta: ora sono qui, ma poi leggendo dietro mum, il significato assume sia il significato di, ‘mamma, ora sono qui da te’, ma mamma intesa non solo come madre naturale ma anche come città madre. Il ritorno nei luoghi di origine è sempre connesso al concetto di madre.

L’articolo FFF Multiplicity Shape of Fire, un percorso di light art che racconta le tradizioni della città. proviene da Luxemozione.

Tags: ,

 
 

Conto alla rovescia all’apertura del Congresso Nazionale AIDI.

Pubblicato da blog ospite in Design, Luxemozione

L’articolo Conto alla rovescia all’apertura del Congresso Nazionale AIDI. proviene da Luxemozione.

Manca poco al  Congresso Nazionale AIDI che si svolgerà a Roma Il 17 e 18 maggio 2018, presso l’Auditorium del MAXXI. Un evento che, dopo anni di assenza, si presenta con una veste rinnovata ed un programma interessante.

Titolo del Congresso dell’Associazione Italiana d’Illuminazione, è “Luce e luoghi: cultura e qualità” e sarà un’occasione per approfondire le tematiche più importanti che afferiscono al mondo della luce. In particolare si parlerà di innovazione sia tecnologica che di progetto e delle nuove applicazioni dell’illuminazione. Saranno affrontati anche tutti gli aspetti legati all’illuminazione artistica e museale e quella dei luoghi pubblici e della rivoluzione culturale e tecnologica che è in atto con i modelli di Smart City.

Sul sito del Congresso AIDI maggiori info

Le tematiche che verranno trattate durante la conferenza seguiranno 3 percorsi principali:

  1. Illuminazione beni artistici e architettonici (luce e arte)
  2. L’illuminazione nelle smart city
  3. Nuove frontiere e applicazioni dell’illuminazione: innovazione tecnologica e di approccio al progetto

 

Il programma del Congresso AIDI

Questo il programma dell’evento, clicca nell’immagine per ingrandire.

Programma Congresso aidi 2018

 Enti e Istituzioni patrocinanti

Inoltre, per l’evento hanno concesso patrocinio importanti enti e istituzioni che ci aiuteranno in particolare nella comunicazione e promozione delle iniziative come il Ministero dello Sviluppo Economico, il Consiglio Nazionale degli Architetti, l’EneaApil, L’Unione Nazionale Consumatori, il Politecnico di Milano e quello di Torino, l’Università La Sapienza e Roma 3, l’Università di Firenze, l’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Accademia delle Belle Arti di Brera e l’Ordine degli Architetti e degli Ingegneri di Roma, solo per citarne alcuni. Tra i partner ci sarà anche ForumLED Europe 2017 che comunicherà l’iniziativa durante la loro manifestazione che si svolgerà il prossimo 13 e 14 dicembre a Lione.

supporter CONGRESSO AIDI

Ci vediamo dunque a Roma il 17 e 18 di maggio! A presto

L’articolo Conto alla rovescia all’apertura del Congresso Nazionale AIDI. proviene da Luxemozione.

Tags: , ,

 
 

Quello che vedrò al Salone e Fuorisalone 2018

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI, Design

Questo per me sarà un Salone del Mobile speciale.

Se avete visto sui social da oggi faccio parte del team Blogger CasaFacile Style. E’ una notizia che ho atteso con ansia e trepidazione e finalmente è arrivata! L’emozione è tanta come lo è la voglia di intraprendere questa nuova avventura! Potete leggere l’articolo dell’annuncio sul sito di CasaFacile e il mio profilo e l’articolo del concorso qui.

Così il giorno 18 mi troverete, insieme alle altre/i meravigliose/i blogger al Design Lab in piazza Alvar Aalto. L’evento è riservato al team, ma potete seguire tutto via Facebook sulla pagina di CasaFacile.

Dopo questa notizia non sono riuscita a organizzare con precisione il mio tour per il Fuori Salone, perché non so se ci saranno ulteriori novità, ma alcune cose non vorrei proprio mancarle. Quindi di seguito quello che mi concederò in questa settimana.

Lo so che ormai sarete stufi di sentir parlare del Salone del Mobile e del Fuorisalone, ma capiteci, questo è un evento unico per noi del settore e per gli amanti del design. E’ una vetrina sul mondo dell’interior, una fucina di idee, creatività al servizio della collettività.

Non voglio in questo articolo ricordarvi tutti gli eventi in programma, penso che ormai li saprete a memoria. Vi voglio solo menzionare quello che io spero di vedere (spero perché nel frattempo devo portare avanti i miei lavori d’architetto) e ciò per cui ho deciso di dedicare le energie e il pochissimo tempo che avrò a disposizione.

Partiamo dal Salone del Mobile. Non posso perdere EuroCucina con FTK -Technology For the Kitchen, e il Salone Internazionale del Bagno, visto che vengono presentati ogni due anni. Credo che mi concentrerò in queste due zone e il 19 se avete voglia di seguirmi ci sarà un evento con Massimo Bottura presso lo stand Grundig.

Per il Fuorisalone invece le mie mete saranno principalmente la zona Tortona perché quest’anno più che mai sembra promettere cose straordianarie.

“Superdesignshow” al Superstudio.

Tanti i motivi per andarci: la mostra “Nendo: forms of movement”;

Superloft

un’abitazione dal carattere internazionale;

“Design in the Age of Experience”

Dassault Systèmes ha lanciato la sfida a Kengo Kuma and Associates per creare un progetto di soluzioni di design che massimizzino l’utilizzo di sistemi esistenti per la neutralizzazione dell’inquinamento.

Questi solo per citare alcuni.

“Norvegian presence”

presso l’Opificio 31 in cui verranno espresse le ultime tendenze del design nordico.

“Design Experience”

Da Archiproducts, in via Tortona 33, vivrete la  dove verranno accolte le collezioni di 70 brand internazionali.

Il design fa parte della mia vita quotidiana, ma il mio pensiero non è rivolto solo al mondo dell’interior.

Negli ultimi anni abbiamo visto la tendenza green di riempire le nostre case e i balconi, anche piccoli, di piante meravigliose. E’ una tendenza di cui ho parlato tempo fa qui, una necessità dell’uomo di ritornare alla natura e riappropriarsene. Così adesso voglio vedere lo stesso desiderio rivolto alle nostre città. Per questo meritano soprattutto questi 3 progetti:

“Living Nature”

La natura dell’abitare, davanti al Palazzo Reale, “… sviluppato insieme allo studio internazionale di design e innovazione Carlo Ratti Associati (CRA). In un unico ambiente di 500 mq, concepito con criteri di risparmio energetico, verranno racchiusi quattro microcosmi naturali e climatici che permetteranno alle quattro stagioni dell’anno di coesistere nello stesso momento, l’una accanto all’altra. I visitatori potranno immergersi nella natura e viverne i cambiamenti attraversando le quattro aree: Inverno, Primavera, Estate e Autunno”.

Assolutamente imperdibile!

“AgrAir”

in piazza Castello. Il progetto di Piuarch, che si sviluppa in parallelo e con i medesimi requisiti anche sull’orto della sede dello studio (via Palermo 1, Brera, Milano), nasce con l’idea di illustrare quei valori capaci di promuovere, nella loro reciproca interazione, la qualità ambientale: leggerezza, luminosità, consumo attento delle risorse ed economicità, dissoluzione dei confini tra interni ed esterni, tra spazi artificiali e naturali, recupero del verde e dell’agricoltura nel tessuto consolidato.

“MI – ORTO”

è un progetto di agricoltura urbana fuori-suolo per Piazza XXV Aprile voluto da Eataly Smeraldo e ideato da Liveinslums Ong, con il patrocinio del Comune di Milano Municipio 1. Un orto in pieno centro città per avvicinare la popolazione alle colture, al rispetto della città, per creare spazi verdi e migliorare la qualità della vita. Tutto attraverso laboratori, conferenze, letture dedicate all’orticoltura fuori suolo.

Se riuscirò cercherò di fare molto altro e lo potete vedere sui miei social e su instagram stories. Vi aspetto 😉

Tags: ,

 
 

Workshop “Vestire la casa”

Pubblicato da blog ospite in Design, lacasadieloisa

Vestire la casa è da sempre il motto del mio blog, il Pay Off, come direbbero gli esperti di comunicazione, il modo migliore di vivere e far vivere gli spazi in cui abitiamo.  Per questo motivo non potevo non suggerirvi di partecipare ad un interessante seminario organizzato Lucia Palmas, fashion & textile designer e Barbara Borello, architetto ed esperta di feng shui, dal titolo:

“Vestire la casa”- Architettura, design, tessile e moda

  in collaborazione con l’ Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Milano

VESTIRE-LA-CASA

Quando? A Milano Lunedì 23 e martedi 24 Aprile presso la Fondazione Floriani.

Per maggiori informazioni:

Lucia Palmas – luciapalmas@rocketmail.com – cell:  328 6517576

Barbara Borrello- info@babo-design.it – 3391310737

Tags:

 
 




Torna su