21 marzo 2019 / / Idee

Ufficialmente è arivata da qualche ora, ma ormai lo sapete da quanti giorni l’aspettavo!
Ad ogni minuto di luce in più, durante le giornate d’inverno, fatte di silenti e scivolosi pensieri che vanno a dormire nei quaderni.
Ad ogni passaggio sotto gli alberi da frutto spogli, che lo so che stanno riposando e allora non li guardo per non mettere fretta alle gemme, addirittura ai miei desideri che corrono.
Ad ogni anno che passa, da quando sono piccola, è talmente forte quello che di bello riesce a darmi, nonostante la tachicardia, il sonno che più pazzerello non potrei immaginarlo, la mole di lavoro che si moltiplica ovunque. Perchè siamo designers ma anche giardinieri e in qualche modo siamo riusciti a rendere possibile e sostenibile una vita dove si pagano prima di tutto le bollette.

Oggi che la Primavera ritorna davvero, io mi emoziono non poco, anche se dietro una tastiera diventa più facile esporsi e mascherare le guance rosse o il ritmo accelerato del cuore.
Insieme a Lei quest’anno è tornata la fioritura di una Magnolia che amo moltissimo e che, tempo fa, era morta per colpa di una potatura ignorante e inutile. Me ne sono fatta regalare un’altra qualche mese fa ancora con i boccioli chiusi, ma già carichi di un’incredibile energia. Ho aspettato con tutta l’impazienza del mondo e poi eccolo, il suo regalo più bello.
Sbocciare lentamente e con semplicità, nel suo momento perfetto. Lo stesso che nessuno potrebbe mai interrompere. Quando sbocciare vuol dire avere il proprio momento di splendore e perfetta consapevolezza di cosa siamo e possediamo dentro di noi.
E poi ci penso continamente, che è uno spettacolo di vera Meraviglia, che accade ovunque, ad ogni Primavera proprio davanti ai nostri occhi.
Senza dover pagare nulla, senza fare sforzi. Ci è dato di assistere a tutta questa immensa perfezione.
E io non riesco a non leggerlo come un messaggio di perfetta Poesia da tenere stretto a me, il più a lungo possibile.

Ed era proprio questo messaggio che io volevo poter custodire e rendere reale, per non dimenticare cosa voglio continuare ad essere. Oggi finalmente ho tra le mani un oggetto che ho pensato e creato prima di tutto per me. Che ora è qui ed è diventato anche un piccolo pezzo di questo nostro Giardino, da poter condividere in maniera tangibile con voi. Che mi regalate coraggio, affetto e tantissima energia per credere in un’idea. Che sono sicuramente più romantica con le parole che brava a elogiare le mie creazioni.
Quindi perdonatemi se non sarò qui a descrivervi nel dettaglio la mia PRESSA PER FIORI.
Mi emoziona troppo parlarne, come se farlo le potesse far perdere la sua delicatezza o la leggera aura di poesia che ho voluto creare per lei.

Per continuare a giocare con tutti i fiori che incontreremo d’ora in poi. Fuori o dentro di noi.
Se vorrete, d’ora in poi, potrete avere una Pressa tutta per voi, insieme a quelle parole che non dovremmo dimenticarci mai. Insieme a tutta la gratitudine di cui sono capace e a un template scaricabile e stampabile (che trovate QUI) per poter creare il vostro Erbario personale.
E adesso ditemi? Siete pronti a sbocciare?


 
 

 
 
 
18 marzo 2019 / / Decor

Da quasi due anni ormai, ho iniziato a raccogliere centinaia di ispirazioni su cosa potrei realizzare con tutti i miei fiori pressati, custoditi con tanto amore tra le pagine dei miei libri.
Oltre ad aver raccolto un immaginario di possibilità davvero incredibile, ho cominciato a pensare che sarebbe stato un buon punto di partenza per la creazione, finalmente, di un prodotto in perfetto stile Paz Garden.
Uno strumento utile, che potesse anche veicolare un messaggio a cui credo molto, con tutta me stessa.

Photo by CARY BATES

Graphic artwork by EVIE SHAFFER

Tutto è cominciato raccogliendo piccoli fiori di campo, poi è arrivata una grafica che avete tanto amato su Instagram, ve la ricordate QUESTA?
Il resto è una storia che vi racconterò il primo giorno di primavera ;-))))

Inutile dirvi che tutto questo avrà a che fare con i Fiori, le bellissime sensazioni che sanno regalarci e anche, un po’ con l’arte dello Slow Living attraverso la riscoperta di hobbies e attività manuali che richiedono un po’ di pazienza in più!
C’è qualcosa di più rigenerante di una passeggiata in mezzo alla Natura? Qualcosa di più poetico che comprarsi un bouquet come promemoria di quanta Bellezza esista?
Quanti ricordi legati ad un momento possiamo conservare tra le pagine di un libro? Io non vedo l’ora che la Primavera arrivi, con il suo carico di vibrazioni frizzzanti e positive. Ricche di Vita, colore, profumi. E insieme, finalmente, un pezzo tangibile di questo Giardino pazzerello che tanto amo perchè ricco ormai della nostra Amicizia.
Io ritorno ad organizzare al meglio questa nuova settimana ma intanto, per voi, qualcuna delle immagini che ho collezionato e che mi hanno ispirato in questo percorso!!!

PHOTO CREDITS 1 – 2 – 345678
5 marzo 2019 / / Decor

La seconda vita dei piatti particolarmente decorativi, preziosi e non, è quella di essere messi in mostra come veri e propri quadri. Vediamo l’effetto che fa.

Parete bianca, piatti colorati e decorati…ma se la parete ha tinte forti, i piatti non possono che essere bianchi.

Il tema dei piatti da appendere può essere il colore ma anche il decoro, magari un decoro a cui ti sei appassionata perché hai visto tanti piatti così nei mercatini, o anche uno più particolare, originale, che hai scovato in giro per negozi.

Hai una casa moderna? I piatti appesi non devono essere necessariamente decorati con fiorellini o paesaggi bucolici. Puoi scegliere disegni grafici che ben si adattino allo stile del tuo arredamento, magari appendendo i piatti seguendo una forma immaginaria e combinando misure differenti che vanno dal piattino per il pane al piatto frutta, fino a quello piano.

Puoi anche utilizzare piatti di servizi incompleti che non usi più per la tavola o pezzi trovati dai rigattieri: basta scegliere un tema che ti piaccia…e la caccia al piatto e aperta!

Di piatti bianchi e decorati i rigattieri sono pieni. Puoi davvero sbizzarrirti nella scelta, e decidere di optare solo per quelli con il bordo decorato o con il motivo che spazia su tutta la superficie, con o senza profilo dorato, oppure inventare un mix fantasioso. Chi ha detto, poi, che si appendono solo i piatti, e non per esempio un bel vassoio in porcellana con il bordo che sembra un pizzo? Per una casa classica è la scelta ideale.

 

Ma cos’è che trasforma un piatto in un quadro?

Bé, oltra al fatto di essere talmente bello e decorativo da meritare un posto alla parete, è il gancio giusto che permette di appenderlo al meglio. In commercio sono disponibili ganci in diverse misure e che, grazie alla molla, riesce ad adattarsi a piatti di qualsiasi diametro.

Prima di appendere i piatti, fai le prove sul pavimento, esattamente come si fa con i quadri: crea la composizione che preferisci, prendi le misure e fai dei segni sulla parete con la matita. Fatto ciò puoi attaccare i chiodi e fissare i tuoi piatti alla parete.

 

 

L’articolo La seconda vita dei piatti proviene da Dettagli Home Decor.


 
 

 
 
 
6 febbraio 2019 / / Decor

Vista l’accoglienza felice che avete riservato al mio ultimo Post dedicato al Minimalismo caldo e accogliente… rieccomi qui pronta a regalarvi qualche altra immagine poetica e rilassata!!!
Questa volta però sappiate che non sono affatto sola, ma anzi in super compagnia della mia amica Vita, mia fornitrice ufficiale di delicate e poetiche creazioni con cui sto riempiendo la mia Casetta pe trasformarla, a piccoli passi, nel mio nido felice a tema Slow living.
Vita è una designer che ammiro e seguo da tantissimo, creatrice di piccole meraviglie lavorate all’uncinetto con davvero tantissima cura e attenzione. Creatrice del piccolo brand indipendente VITAVI HANDMADE, potevo non invitarla a passare un po’ di tempo insieme a noi, vista la sua passione per la Natura, lo stile di vita semplice e il design nordico?
Dai sottopentola alle presine, passando dai cestini portatutto, per arrivare a fantastiche collanine ricche di semplicità e dettagli fioriti.
Finalmente ho avuto il piacere di poterle chiedere piccole curiosità sul suo mondo fatto di grandi e piccole passioni,  per permettere anche a voi di conoscerla meglio e farla entrare a braccia aperte tra le vostre fonti di ispirazione, proprio così come è capitato a me.
Io vi lascio sbirciare la sua intervista e anche le foto che ho realizzato per raccontare al meglio le incantevoli creazioni di Vita (che voglio sappiate hanno trasformato in bellissimo anche il mio bagno non proprio romantico e bellissimo!!!).
Buona lettura Pazzerelli e come sempre vi aspetto qui… al prossimo post 🙂

CROCHET STORAGE BASKETS BEIGE – S, M, L

Ciao Vita. Raccontaci subito chi sei, dove vivi e quali sogni custodisci nel cassetto.

Ciao! Sono una ragazza d’origine russa. Quando avevo 20 anni mi sono trasferita in Italia dove ho vissuto per tre anni. Dopo ci sono stati altri tre anni in Finlandia e adesso è da poco più di 6 mesi che vivo a Zurigo, in Svizzera. 
Nella mia vita ci sono stati tanti spostamenti, lingue, esperienze e cambiamenti. L’unica cosa che è sempre rimasta la stessa è la mia passione per creare cose fatte a mano, grazie all’influenza di mia madre che è sempre stata una persona molto creativa, e il sogno di aprire un giorno il mio negozio / studio creativo. 

BOTANICAL CREAM & BEIGE WREATH


Come è nato il tuo progetto “VITAVI Handmade”?
Ho cominciato a creare all’uncinetto quando vivevo ancora in Italia, però il progetto e il negozio online di vitavihandmade è nato in Finlandia. Sono stata molto ispirata dal design minimalista nordico e dallo stile di vita lento e semplice, molto presente nella cultura scandinava.
A cosa si ispirano le tue creazioni?
I miei gioielli e ghirlande decorative si ispirano perlopiù a fiori e piante. Le idee le cerco e trovo ovunque. Nella natura, nelle illustrazioni, nei giornali, nei social media e sopratutto nelle persone. 
Niente mi ispira e spinge ad andare avanti così come la compagnia delle persone dal forte animo artistico. Per fortuna ne ho conosciute tante nei paesi in cui ho vissuto e, grazie ai social media, riesco a rimanere in stretto contatto con loro.

Hai solo 3 Parole per descrivere il mondo di “VITAVI”.
Naturale, semplice e femminile.

Cosa credi sia indispensabile per vivere consapevolmente, con più lentezza?
Trovare e fare ciò che realmente ci piace. Cercare di eliminare dalla vita tutte le cose negative e inutili. Circondarsi di persone che ami e ammiri. 
Crescere cercando di sviluppare al meglio le tue capacità personali. Passare più tempo con la propria famiglia e imparare a godersi i momenti semplici che la vita ci offre ogni giorno.

KNIT POT HOLDERS/COASTERS, BEIGE

Styling & Photography by me for VITAVI HANDMADE
27 dicembre 2018 / / Dettagli Home Decor

come realizzare una ghirlanda con la frutta

Cosa ne dite di realizzare una decorazione profumata per abbellire la cucina durante le feste?

Oggi vi proponiamo un semplice tutorial per realizzare una ghirlanda fai da te con la frutta.

Le ghirlande di Natale sono un vero e proprio must have, ma se ne realizziamo una con la frutta, possiamo lasciarla appesa anche dopo le feste.

Ecco di cosa avrai bisogno per creare la tua ghirlanda di frutta:

  • Mele assortite, pere e arance
  • Noci
  • Ago per tappezzeria
  • Spago
  • Carta da forno

ghirlanda con frutta secca

Tutorial

1. Scegli una varietà di mele, pere e arance dai colori vivaci.

frutta fresca

2. Taglia la frutta a fette sottili e disponile sulla griglia da forno sopra una teglia.

come realizzare una ghirlanda di frutta secca

3. Lascia cuocere la frutta in forno a 150 gradi, dalle cinque alle sei ore.  Quando la frutta sarà completamente secca, potrai toglierla dal forno. Lascia raffreddare la frutta prima di procedere con il passo successivo.

come realizzare una ghirlanda di frutta secca

4. Utilizza un ago per tappezzeria per infilare la frutta secca nel filo di corda. Tra un frutto e l’altro puoi aggiungere anche qualche noce e dei bastoncini di cannella.

come realizzare una ghirlanda di frutta secca

5. Appendi la ghirlanda alla finestra della cucina e il gioco è fatto!

come realizzare una ghirlanda di frutta secca

 

L’articolo Ghirlanda fai da te con la frutta proviene da Dettagli Home Decor.