Riciclo creativo: 8 idee per arredare riciclando

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee

Vuoi adottare uno stile di vita più sostenibile? Il riciclo creativo è una valida soluzione per combattere l’inquinamento del pianeta inoltre ti permette di rinnovare casa in modo originale e spendendo poco!


Perché buttare via vecchi mobili, oggetti o materiali inutilizzati, basta trasformarli! Con un po’ di fantasia e una buona manualità, non è difficile riportarli a nuova vita. Se stai pensando di rinnovare una stanza di casa, prima di pensare ad acquistare nuovi mobili o complementi, pensa a ciò che hai già e che può essere facilmente trasformato e riutilizzato. A volte basta davvero poco per cambiare aspetto ai nostri interni.


Dal riciclo creativo di vecchie porte ai contenitori in legno per il vino trasformati in arredi, ecco 8 idee per arredare riciclando.


riciclare vecchie porte
Ricicla delle vecchie porte in legno per decorare una parete di casa, il risultato sarà unico!

riciclare le cassette di legno per il vino

Le casse di legno normalmente utilizzate per contenere e bottiglie di vino, sono fantastiche da riciclare. Puoi creare una base il per io tuo divano fai da te, creare un tavolino da abbinare, oppure puoi creare un mobilecontenitivo aperto da collocare in cucina o in qualsiasi  altra stanza di casa.

riciclare le cassette della frutta
Appendi le cassette della frutta alla parete della tua cucina, sono una valida alternativa ai tradizionali pensili! 
riciclare vecchi mobili e materiali
Per fare ordine nella sala da pranzo, puoi ad esempio riciclare un vecchio mobile, aggiungendo delle pratiche rotelle, sfruttandolo per contenere piatti e bicchieri. Per le posate puoi utilizzare delle piccole scatole di cartone!
riciclare un vecchio tavolo da lavoro in legno
Regala una seconda vita al tavolo da lavoro in legno. Basta personalizzarlo con il colore, collocarlo dove serve e magari utilizzarlo come porta piante.
riciclare pallet e cassette della frutta
Hai deciso di ricavare uno spazio home office? Bene, per arredarelo ti basta riciclare un pallet con il quale realizzare una piccola scrivania salvaspazio e delle cassette della frutta per creare una pratica libreria.
riciclare i cartoni
Se stai arredando la camera degli ospiti, una soluzione economica per riporre vestiti e accessori la puoi facilmente realizzare fai da te assemblando e personalizzando più cartoni. I tuoi ospiti ne saranno stupiti!



idee riciclo per il bagno
Anche la stanza da bagno può essere caratterizzata da particolari elelementi di riciclo, inserendo ad esempio una scala di legno, un vecchio appendiabiti oppure trasformando dei setacci inutilizzati in specchi da appendere a parete!

Tags: ,

 
 

Come rinnovare gli arredi di casa

Pubblicato da blog ospite in Decor, Non Ditelo all'Architetto

rinnovare gli arrediQuando si vuole rinnovare l’arredo di casa, il fai da te è sempre l’opzione migliore. Fai da te non significa soltanto carta o forbici. Si possono realizzare decori incredibili anche usando stoffe e altri materiali tessili. Non sapresti come fare? Ecco qualche idea originale per rinnovare gli ambienti domestici!

La carta da parati

Quando si dice carta da parati subito viene in mente qualcosa di vecchio e polveroso. In effetti la carta da parati era usata per rivestire le pareti di casa qualche decennio fa, quando era di gran moda. Oggi è tornata alla ribalta per pareti ma anche per utilizzi creativi come ad esempio per rivestire il mobilio o i complementi d’arredo. Se hai un vecchio armadio che vorresti buttare, perché è un po’ sciupato o ti ha semplicemente annoiato, potresti pensare di rivestirne il fondo e i ripiani con della carta da parati colorata. Per creare un effetto cromatico d’impatto scegli un colore molto diverso da quello delle pareti e dell’armadio stesso. Quando al mattino aprirai le ante per scegliere cosa indossare ti sembrerà di aver spalancato una finestra su di un altro mondo! La carta da parati è ottima per rivestire cassetti e cassettiere. Ti puoi sbizzarrire soprattutto nella camera dei bambini. Trovando delle fantasie divertenti, magari che raffigurano i loro personaggi preferiti, puoi creare un mobilio ad hoc senza spendere una fortuna. Il segreto sta nell’acquistare la carta giusta, belle e poco costosa. Online puoi trovare un vasto assortimento sia di carta da parati che di stoffe per la tappezzeria di casa e, grazie ad una piacevole navigazione, puoi sicuramente elaborare il tipo di restyling che più si addice alla tua casa.

rinnovare gli arredirinnovare gli arredi  rinnovare gli arredirinnovare gli arredi  rinnovare gli arredi

Tessuti da tappezzeria

L’alternativa che hai per rinnovare un po’ il tuo mobilio è usare i tessuti per la tappezzeria. Anche in questo caso c’è chi pensa che questo tipo di rivestimento sia ormai demodè, ma non è affatto vero. Ancora una volta la chiave di lettura sta nelle fantasie da scegliere. La moda di quest’anno predilige il foliage, elementi naturali anche di grandi dimensioni che si possono usare nei modi più disparati. I tessuti possono esse infatti usati nel modo più classico, ma sempre efficace. Ovvero, li puoi usare per rivestire delle vecchie sedie, o un divano ormai rovinato dai graffi del gatto o dall’usura del tempo. Questi tessuti però si prestano anche ad usi molto più creativi! Ad esempio, ci potresti confezionare dei cuscinoni da usare nella cameretta dei bambini, messi sopra ad un vecchio sofà di legno o semplicemente sparpagliati in terra.

rinnovare gli arredi  rinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredi

Un’idea molto originale consiste nell’usare i tessuti da tappezzeria per fare dei quadri. Esatto, proprio dei quadri da appendere alle pareti! Quante volte le pareti di casa restano bianche e spoglie nell’attesa di trovare il dipinto più adatto? Può succedere che l’attesa si protragga per anni! Se nel frattempo si confezionasse un quadro con le proprie mani? Basta scegliere una bella fantasia damascata, o a rombi, o a quadri. In questo caso ci si può semplicemente lasciar guidare dal gusto personale, o dal resto dell’arredo. I quadrati di stoffa vanno poi incorniciati a dovere e appesi al muro. Coloreranno in un attimo qualunque ambiente! Naturalmente i tessuti da tappezzeria sono adattissimi anche a rivestire molti complementi d’arredo, in primis le lampade. Se c’è un vecchio paralume che davvero ormai non sopporti più, basta coprirlo con un altro tipo di tessuto, scegliendo un colore, una tinta o una fantasia diversa. Oppure, se in camera da letto vorresti rinnovare un po’ l’ambiente, con i tessuti da tappezzeria puoi anche rivestire la testata del letto. Con un’operazione poco dispendiosa e non troppo faticosa la stanza cambierà completamente aspetto. Senza considerare che, se utilizzi anche un’imbottitura, la testata potrebbe diventare anche un luogo molto comodo su cui appoggiarsi quando si legge o si fa colazione a letto.

rinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredi

Spesso ovviamente è complicato capire dove trovare ed acquistare i tessili per la casa che ci servono, essendo certi di non spendere più del dovuto. In questo caso possiamo servirci di piattaforme che comparano i prezzi dei diversi prodotti, in modo tale da essere certi di avere il massimo rendimento col minimo sforzo, oppure naturalmente recarci presso i nostri negozi preferiti di complementi per la casa.

Gli usi possibili della carta da parati e delle tappezzerie sono molto più numerosi di quanto non si immaginerebbe. La fantasia è l’ingrediente indispensabile, insieme a materie prime di qualità e di ottimo gusto estetico che permettano di ottenere esattamente l’effetto finale desiderato

L’articolo Come rinnovare gli arredi di casa proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

4 idee (più una) per decorare con le foglie

Pubblicato da blog ospite in Decor, VDR Home Design

L’autunno è alle porte e con lui i suoi meravigliosi doni. Come possiamo sfruttare quello che ci regala la natura? Con 5 esempi per decorare con le foglie.

……….

Una delle stagioni più belle dell’anno è alle porte, pronta a portarci il freddo si, ma anche tanti doni naturali. Pensate solo ai colori della natura in autunno, le pigne e le foglie. Tutti elementi che possiamo sfruttare a nostro vantaggio per decorare casa praticamente a zero euro.

Ci vuole un po’ di manualità è vero, ma neanche tanta. Ho trovato 5 carinissime idee per decorare con le foglie, volete vederle?

IDEE SEMPLICI E D’EFFETTO PER DECORARE CON LE FOGLIE

Vi avevo promesso idee semplici e così sarà. Cominciamo con le foglie verdi: avete qualche bella pianta tropicale in casa, di quelle con le foglie giganti e decorative? Raccoglietene una per tipo (o fatevele dare da un amico/a che le ha) e inseritele in cornici dal fondo trasparente. Usate cornici di formati diversi e disponetele sulla parete che preferite. Ci sarà un bellissimo effetto decorativo un po’ museo delle scienze naturali.

Oppure mettetele all’interno di vasi cilindrici di diversi formati: saranno perfetti come centro tavola.

decorare con le foglie

|Image credits: decoartinc|

decorare con le foglie

|Image credits: thecottagemarket.com|

Un’altra idea molto carina e semplice è quella di raccogliere piccoli frammenti di piante rampicanti (loro hanno usato l’eucalipto invece) e legarne un’estremità ad un filo. Questo filo verrà annodato ad bastoncino di legno che avrà una corda alle estremità. La corda vi permetterà di agganciare lo “scacciapensieri” naturale al muro. Perfetto se quelli in macramè non fanno per voi.

Volete una soluzione ancora più facile? Entry level proprio? Raccogliete alcuni rami di alberi con foglie dai colori rossastri, aceri ad esempio. Inseriti all’interno di un vaso alto saranno una decorazione assicurata.

decorare con le foglie

|Image credits: ideadesigncasa|

decorare con le foglie

|Image credits: ideadesigncasa|

NON SIETE FATTI PER IL FAI DA TE?

Non avete assolutamente voglia di passeggiare per i boschi alla ricerca di foglie e simili e men che meno di darvi al fai-da-te? Bé, siete fortunati perché le foglie sono ancora un trend. Vi basterà comprare qualche accessorio a tema per portare comunque le foglie a casa.

decorare con le foglie

|Image credits: Maisons du Monde|

L’articolo 4 idee (più una) per decorare con le foglie sembra essere il primo su VHD.

Tags: ,

 
 

DIY – Wall hanging con la lana Merino extra-large

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Decor, Idee

Nuovo semplicissimo DIY!
A grande richiesta, ecco un velocissimo progettino fai da te con la lana grossa! 
Ho ricevuto da tantissime lettrici la stessa domanda: “dove posso trovare i gomitoli di lana Merino XL?”. Ci sono tantissimi shop online che la vendono! Io l’ho acquistata su Etsy, puoi scegliere tu in quale negozio acquistarla cliccando qui

Il mio gomitolo di lana Merino xl è grigio, perché questo è uno dei colori che useremo di più nell’arredo della Casetta.
Adoro la consistenza di questo materiale: è soffice e leggero come zucchero filato! Proprio come te lo immagini guardando le foto dei maxi gomitoli.

Puoi usare questo filato per il crochet, il tricot, il telaio o il macramè. Insomma, è un filato come gli altri, solo molto più voluminoso.
Ovviamente, sono necessari strumenti giganti (puoi usare i bastoni delle scope come ferri), o in alternativa puoi servirti delle tue braccia usandole come ferri (arm knitting) e delle tue mani per lavorare all’uncinetto.

Fantastico, no?

Premesso ciò. ti mostro cosa ne è stato del mio gomitolo paffuto.
Ho realizzato una morbida decorazione da parete, solo con nodi e trecce. Ho voluto inserire anche della stoffa, per aggiungere texture e colore.
Se ti piace l’idea, utilizza pure il tessuto/filato che preferisci. Che ne pensi, ad esempio, della corda, o della fettuccia?


Ogni wall hanging ha un supporto, che può essere un cilindro di legno, un tubo di rame, un ramo, un anello di metallo…
Il mio è un bastoncino di legno di 40 cm.
Ho tagliato delle porzioni di filo di lana, lunghe un po’ di più del doppio della misura che volevo per la mia cascata di lana. Le ho fissate al legno con dei cappi (basta curvare il filo piegandolo a metà. mettere il bastoncino al di sopra de filo, far passare le estremità dello stesso all’interno dell’asola e tirarle, stringendo così il cappio). 


Ho tagliato una striscia di stoffa lunga quanto i fili di lana. L’ho legata con un cappio, in posizione centrale. Il cappio di stoffa è più piccolo e snello di quelli di lana, quindi, per migliorare l’estetica del wall hanging, l’ho nascosto tra la lana!


Volevo rendere dinamico l’aspetto del mio wall hanging, quindi, una volta riempito tutto il bastone, ho tagliato le estremità a forma di V.

Puoi scegliere di lasciarlo così, oppure di proseguire!



A questo punto, ho diviso ogni singola ciocca il 3 più piccole e, come se fossero lunghi capelli da intrecciare, ho fatto le trecce alla lana (nell’immagine qui sotto, passo dopo passo, ti mostro come fare le trecce)! Quando sono arrivata alla stoffa, ho fatto lo stesso, mescolando lana e stoffa nella stessa treccia.
Infine, ho chiuso le trecce con del filo da cucito ed ho rifinito le punte con dei tagli netti.



Voilà, in soli quindici minuti il wall hanging è pronto!
Puoi usare uno spago per appenderlo ad un chiodo. 

Questa è una delle strade più facili da seguire per realizzare un wool hanging. Se sai usare i ferri o l’uncinetto o il telaio o conosci le tecniche del macramè, abbandonati alla fantasia e realizza il tuo arazzo da parete, con il tuo stile personale.

Puoi prendere ispirazione dai profili IG di @druiventuintje (macramè), @willowandthewoolves (telaio) o @knottingonthewall (macramè).

Leggi anche…

ALL ABOUT…FETTUCCIA

CROCHET STARS: MOLLA MILLS




http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags: ,

 
 

Camera da letto: testiera DIY!

Pubblicato da blog ospite in Idee, Voglia Casa

La camera da letto è sicuramente la zona più intima e personale della propria abitazione. E’ il luogo dove ciascuno di noi conserva le cose più preziose e soprattutto dove riposiamo lasciandoci alle spalle un’altra giornata faticosa e frenetica.

Solitamente quando acquistiamo il letto, lo desideriamo comodo, con testiera, a volte pediera, con o senza contenitore.

Ma se possediamo già una struttura e vogliamo personalizzarla e renderla davvero unica, perchè non trovare soluzioni alternative?

https://www.facebook.com/vogliacasa/

Esistono infiniti modi per realizzare questa operazione e il metodo più innovativo è quello di creare una testiera su misura e per le nostre esigenze.

Testiera personalizzata

In tessuto, imbottite, in legno, disegnate, con sticker, effetto lavagna, con libri, vecchie persiane….ce ne sono davvero per tutti i gusti!!!

Per realizzazioni scrivete a vogliacasa.it@gmail.com

Tags:

 
 

Costruire una scrivania girevole fai da te? Il post passo passo

Pubblicato da blog ospite in Idee, VDR Home Design

Vi piacciono le scrivanie girevoli, di quelle che si aprono e chiudono all’occorrenza? Vediamo come costruirne una, di scrivania girevole fai da te.

Settimana scorsa ho scritto un post dedicato alle scrivanie dei bimbi ed in particolare vi ho dedicato un post per realizzarne una molto particolare. Perché si sa che una delle attività maggiormente amate dai piccoli è disegnare e scrivere, indipendentemente dalla superficie. Quindi per evitare di rovinare muri e mobili, perché non trasformare una scrivania in un grande blocco da disegno? 

Se però i vostri piccoli di casa non sono più cosi piccoli e pensate che questa idea per voi sia un po’ superata, allora magari il post di oggi fa al caso vostro. Mettiamo che stiate cercando una scrivania un po’ speciale, che abbia anche una libreria. Che si possa aprire e chiudere all’occorrenza. Però non ne trovate come dite voi. Perché non ce la costruiamo?

STEP BY STEP: LA SCRIVANIA GIREVOLE FAI DA TE

E quando quello che cerchiamo non si trova, perché non farcelo da noi? Vedrete che è più semplice di quello che sembra e i pezzi necessari non sono neanche tanti.

scrivania girevole fai da te

| 1- Libreria Kallax Ikea | 2- Doerner + Helmer 441609 perno filettato | 3- Pannello compensato multistrato pioppo | 4- SO-TECH Gamba da Tavolo Altezza Regolabile | 5- Emuca set 4 rotelle |

Ecco qui sopra l’elenco dei pezzi utilizzati per realizzare questa scrivania girevole, che come vedete è composta da una libreria aperta di Ikea, modello Kallax in bianco opaco. Essendo aperta da entrambi i lati rende facile inserire e prendere libri, quaderni e tutto quello che può servire durante lo studio o il lavoro.

La scrivania in sé è formata da un piano da 60 cm di profondità per 200 cm in lunghezza, da farsi tagliare a misura. Io ne ho scelto uno di quelli a disposizione da Leroy Merlin, in compensato multistrato di pioppo con spessore 30 mm.  Le gambe è meglio siano regolabili, in base alla dimensione del perno girevole che trovate. Quello che ho trovato su Amazon ha lunghezza totale di 4,4 cm, con perno filettato da 1 cm (L1), rondella centrale da 8 mm e perno inferiore da 2,6 cm (L2).

Le gambe sono regolabili in altezza, da 70 cm fino a 120 cm. Sotto le gambe dovranno essere incollate o avvitate due rotelle piroettanti per mobili, per garantire l’apertura e chiusura della scrivania.

Io ho scelto di fare libreria bianca e scrivania nera per dare un po’ di contrasto ma nulla vieta di fare tutto nella stessa finitura o nei colori che più preferite.

 

 

L’articolo Costruire una scrivania girevole fai da te? Il post passo passo sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Come riempire un pouf ottomano a costo zero

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee

Se avessi comprato ogni pouf di cui mi sono innamorata in questi ultimi anni, ora probabilmente il mio pavimento sarebbe totalmente non calpestabile.


Non so tu, ma io ho una vera e propria passione per queste sedute dall’aspetto fresco, giovane ed easy.

Finalmente mi sono decisa a comprarne uno (su Etsy), e sono super soddisfatta dell’acquisto. Si tratta del classico pouf ottomano nella tinta natural. Credo starà benissimo in salotto e il suo colore richiamerà le calde sfumature delle pietre sulla parete.
Il pouf ottomano è arrivato qualche giorno fa dall’Inghilterra, dove è stato confezionato artigianalmente.

Presa dalla fretta di acquistare, mi sono dimenticata di verificare se l’imbottitura fosse inclusa o meno nel prezzo (molti pouf sono venduti senza imbottitura per abbattere i costi di spedizione, quindi è sempre meglio verificare i dettagli prima di comprare).

Quindi, sono caduta dalle nuvole quando a casa ho ricevuto un piccolo pacchetto, che evidentemente non conteneva un pouf già riempito!

Non potevo ordinare delle palline di polistirolo e aspettare che arrivassero, ero troppo impaziente di sedermi sul pouf!

Allora ho deciso di risolvere il problema utilizzando solo materiali di riciclo.


Ho aperto il pouf  dalla zip ed ho inserito dei vecchi vestiti, prove di lavori all’uncinetto, qualche asciugamano, un piccolo cuscino e un lenzuolo.

Ho imbottito cercando di colmare ogni spazio, in modo uniforme. Per ogni strato di imbottitura, ho riempito prima i bordi e poi la parte centrale.

Una volta arrivata alla fine, ho definito i bordi del fondo del pouf con della carta di giornale arrotolata.

Ho smesso di aggiungere imbottitura solo quando il pouf iniziava a fare fatica a chiudersi.

Prima di chiudere la zip, ho mosso il contenuto del pouf, affinché si distribuisse al meglio.

Così facendo, ho riciclato cose che non usavo più ed ho completato il mio pouf senza spendere soldi per l’imbottitura.

Tip: con il tempo, forse il pouf si appiattirà un po’, ma basterà aprire la zip e rimpinguarlo di altri panni che facciano volume.

Ed ecco il mio primo pouf! 

Sono sicura che presto ne arriveranno altri a fargli compagnia!






http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Marble and gold trolley restyling

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee
Un carrello di metallo è di certo uno dei più comuni arredi al mondo. Ce n’è o ce n’è stato almeno uno in ogni casa.
Ho deciso di dare un nuovo aspetto al mio carrello, con un DIY facilissimo, veloce e super economico. Ho speso solo 6€ per questo restyling, tuttavia, a giudicare dal suo nuovo look sembra proprio che io l’abbia pagato una fortuna!
Ho trasformato le mensole con una pellicola effetto marmo ed ho tinto di oro la struttura tubolare per un effetto elegante e super glam.
Questo è un restyling che si abbina perfettamente ad ogni tipo di carrello in metallo e sai cosa vuol dire questo? Puoi copiarlo a prescindere da quale sia la forma del tuo carrello!
Il mio è uno scaffale a due mensole a base quadrata. I piani di appoggio sono di vetro fumè. Per rimuoverli, mi è bastato sollevarli.
Ho acquistato un rotolo di pellicola adesiva effetto marmo a pochi euro. Si tratta di uno sticker in pvc, completo di griglia sul fondo per facilitare il taglio.
Ho tagliato un quadrato di carta adesiva più grande rispetto alla mia mensola di due o tre centimetri per ogni lato.
Ho posato sul piano di lavoro la porzione di carta al contrario (la parte decorata sotto, quella quadrettata sopra). Quindi, partendo da un angolo e procedendo con molta calma ed attenzione, ho tolto la pellicola quadrettata protettiva. Mi sono aiutata tenendo fermo l’angolo opposto rispetto a quello di partenza con un vaso.
Ho sollevato la mensola tenendola ben centrata al di sopra l’adesivo. L’ho avvicinata a quest’ultimo e poi, l’ho lasciata andare facendola cadere sulla pellicola. 
Una volta attaccati vetro e adesivo, ho passato sulla superficie della mensola una tessera (quale potevo usare se non quella IKEA?) per evitare la formazione di bolle. Una volta terminato questo passaggio ho piegato i bordi in eccesso  al di sotto del vetro.

E voilà, in pochi minuti le mensole sono pronte!







Per quanto riguarda la struttura, invece, dopo aver pulito e sgrassato la superficie, l’ho levigata con della carta abrasiva a grana fine, per renderla più ruvida e far aderire meglio lo spray.
Ho scelto uno spray color oro. La vernice spray è la più adatta per le superfici tubolari e la scelgo sempre per sedie, carrelli e piccoli oggetti a base rotonda.
Dopo la levigatura, ho spolverato la struttura, ma per assicurarmi di non lasciare neanche un granello di polvere, ho fasciato la mia mano con del nastro di carta e l’ho passata su tutta la superficie.

Una sola mano di spray è stata sufficiente per coprire il colore originale del carrello. Ho esteso la verniciatura anche alle ruote.




 

Ho rimontato le mensole e voilà!
Il carrellino ora ha tutto un altro aspetto!
Sono piuttosto soddisfatta di questo makeover.
Non so ancora se utilizzare il carrello come mobile bar, o plant stand. In ogni caso, si presta benissimo ad entrambi gli usi!




Ok, la versione marmo ed oro è una delle mie preferite, ma tu puoi spaziare con la fantasia ed scegliere uno sticker con un pattern differente per rivestire le mensole ed una delle tue tinte preferite per colorare la struttura. In questo modo avrai un carrellino super personalizzato!

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Fai da te o bricolage, quello che serve è un’idea!

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Idee

Il fai da te bricolage, indica l’attività fatta da principianti e amatori che consiste in piccoli lavori manuali da eseguire per la propria soddisfazione e per risolvere piccoli problemi di casa. Ma il fai da te è anche per le piccole migliorie di casa come riparare un mobile o ridipingere una stanza, ma anche creare nuovi oggetti e abbellimenti come costruire una fioriera o un barbecue, illuminare il giardino o costruire casette per gli uccelli o la casa per il proprio animale domestico. Voglia di fare, inventiva e le guide di portali esperti in fai da te come bricoportale.it sono gli strumenti necessari e sufficienti per il bricolage!

Attività di fai da te

Sono innumerevoli le attività fai da te, se lo puoi pensare lo puoi fare!
Se dovessimo fare una lista non potremmo finirla ma ecco le attività più canoniche che definiscono bene il fai da te:

  • Decorazioni all’interno o all’esterno della vostra abitazione;
  • La posa di parquet o, a livello più avanzato, di piastrelle;
  • Tinteggiatura o ritinteggiatura degli interni;
  • Lavori con impianto elettrico o televisivo o idraulico;
  • Piccoli lavori di muratura, falegnameria o giardinaggio.

Alcune idee creative per il fai da te

Con il fai da te si può costruire davvero di tutto, ecco alcune idee simpatiche che possono stuzzicare la vostra fantasia.

Costruire una sedia di design: riutilizzare vecchie basi, bancali, botti o sedili o tronchi di legno per realizzare sedie con un design originale e tutto vostro.

Recuperare i sacchetti di carta: possono avere nuova vita diventando porta pane o porta pop corn ma anche dei simpatici centro tavola.

Costruire la cuccia del cane: chiodi, tavole di legno e un po’ di inventiva e il vostro cane avrà la sua villa!

Creare un angolo di giardino sul balcone: piante rampicanti abbinate con fiori e qualche supporto per costruire uno splendido giardino verticale sul vostro balcone.

Creare una lampada di design: basta un po’ di attitudine con i fili elettrici e tanta fantasia per riutilizzare damigiane, bottiglie e qualsiasi cosa di vetro abbiate da trasformare in una splendida lampada dal design originale e tutto vostro.

Dipingere una parete con gli stencil: le tue pareti possono avere splendidi disegni, basta avere un po’ di fantasia. Non serve per forza saper disegnare, su internet si trovano centinaia, migliaia di stencil già fatti per decorare le vostre pareti con lo stile che preferite.

Creare le vostre decorazioni: per le varie festività potete costruire centro tavola, decorazioni da appendere alle pareti e alle porte a tema natalizio, pasquale, estivo o qualsiasi altra occasione vi venga in mente!

Riciclare vestiti usati per realizzare nuove creazioni: da una vecchia camicia o da vecchi maglioni potete ricavare una gonna o un grembiule, una nuova federa per il cuscino del vostro divano, dei simpatici bavaglini per i vostri bambini o addirittura una custodia per le vostre bottiglie di vino. Non dimenticate che i guanti possono diventare simpatici peluches e che gli scarti di abbigliamento e tessuti possono diventare giocattoli per i vostri amici a quattro zampe. I vecchi collant imbottiti o le vecchie cravatte possono diventare degli utili para spifferi. I foulard invece possono avvolgere di tutto per dare nuova vita a vecchi oggetti.

Riciclare vecchie cinture: potete riciclare le vecchie cinture per farla diventare un collare per il cane o una cornice ma anche un semplice bracciale di cuoio.

Tags:

 
 

Scale e arredamento

Pubblicato da blog ospite in Decor, Non Ditelo all'Architetto

scale e arredamento

Una scaletta per esporre, per riporre, per arredare e molto altro…scale e arredamento

Ci sono tanti modi per decorare in modo creativo le alzate di una scala

scale e arredamento

scala d’arredo di hkliving 

scale e arredamento

Una vecchia scala diventa nuovo, bellissimo e ingegnoso guardaroba!scale e arredamento

Progetto Mezzosangue Lab

scale e arredamento

Scale fino al soffitto!

scale e arredamento

In total white la scala diventa testata

Quante cose si possono fare con una vecchia scala? Davvero tante, io le adoro, con poca fatica ci danno la possibilità di creare dei fantastici arredi, come lampadari, testate, libreria, attaccapanni, o anche semplici decorazioni.

La vecchia scala di legno a pioli è sicuramente quella più ricca di suggestioni, io ho avuto la fortuna di trovarne una on line ed acquistarla veramente a pochissimo; veniva usata per la raccolta delle olive ed è di una bellezza estasiante, un semplice oggetto che basta appoggiare ad una parete per migliorare e far risplendere di nuova luce tutta la stanza.

scale e arredamento

Una scala a pioli ed è subito interior design con  il progetto di home stage realizzato da Non ditelo all’archietttoper una casa vacanza di Roma

scale e arredamento

Due vecchie scale diventano due moderni lampadari dallo stile creative per il restyling di un ristorante rustico a Roma

scale e arredamento

Bello, affascinante, creativo e semplicissimo da realizzare il guardaroba scala!

scale e arredamento

Un tocco rapido, speciale e creativo in camera da letto, grazie alla scala.

 

Al naturale o dipinte le scale a pioli in legno hanno davvero un gran fascino e bastano, da sole, ad arredare in modo speciale un ambiente

scale e arredamento

Sarebbe bellissimo avere una bella scala di recupero con la quale realizzare le nostre creazione, ma possiamo anche acquistarne di carinissime on line come quella al naturale QUI e quella bianca QUI

scale e arredamento

Mensola a parete…

scale e arredamento

…o testata per il letto! con una scala a pioli di legno si può fare anche questo.

Con questa tipologia di scala possiamo realizzare decorazioni, testate, attaccapanni per sostenere poco peso, come asciugamani in bagno, servomuto in camera da letto, o canovacci in cucina. Sarebbe sempre meglio fissarle a parete ma se fate attenzione può non essere strettamente necessario.

scale e arredamento

In cucina…scale e arredamento

in cameretta…scale e arredamento

in bagno…

scale e arredamento

In camera da letto come servo-muto…

scale e arredamento

…o comodino.

scale e arredamento

In bagno versione di design con la scalaportasciugamani Feridas, in cromo con quattro barre, disponibile QUI 10x44x150 cm

scale e arredamento

Una scala a pioli può diventare un comodo espositore, ad esempio per la mostra collezione di pachmine

scale e arredamento

Bellissima la decorazione per il soffitto del corridoio che crea il giusto contrasto con il lampadario con gocce di cristallo.

scale e arredamento

Ciel de lit per la camera da letto romantica.

Ci sono poi le classiche scale autoportanti che si aprono e possono essere utilizzate per realizzare librerie e scaffalature, con l’aggiunta di mensole e ripiani saranno molto stabili e capienti.

scale e arredamento

Stile eclettico, informale e un pò gitano….elegantissimo con legerezza.

scale e arredamento

Divertente, creativa e moderna la libreria a parete realizzata con due scale e delle mensole di legno

 

Possiamo recuperare una vecchia scala o anche acquistare una scaffallatura che ispira il suo design a quello delle scale, sia versione naturale che in bianco, per ogni stanza della casa

scale e arredamento

In bagno un comodo e grazioso scaffale che assomiglia ad una scala scale e arredamento

Le scale si possono utilizzare ed interpretare in molti modi, anche per allestire un affascinante negozio  d’abbigliamento   scale e arredamento

Un metodo facile e veloce per realizzare  una scaffalatura in più?

scale e arredamento 

Credenze creative in cucina e salotto

scale e arredamento 

Angoli green

Oltre alle scale di grandi dimensioni esistono anche le scalette di legno, spesso grezze e semplici da decorare, che possono essere utilizzate come comodini o tavolinetti da appoggio.

scale e arredamento

Comodo e informale il comodino realizzato con una vecchia scaletta.

scale e arredamento

Se la scaletta non ce l’avete potete anche trivarla QUI!scale e arredamento

Una semplice scaletta diventa un grazioso e romantico comodinoscale e arredamento 

Se ti piace questa idea puoi ricrearla con la scaletta che trovi QUI
scale e arredamentoscale e arredamento

Stile industriale con le scalette in metallo

scale e arredamentoscale e arredamento 

La scaletta in legno di Ikea si trasforma in cucina gioco, coffee tablet e tavolino d’arredo

scale e arredamento

Una mensola creativa!

Utilizzare nell’arredamento di interni le scale, sfruttando la tecnica del riuso, è spesso applicato ad uno stile shabby o rustico ma non dobbiamo pensare che sia esclusivo di questi mood.

Le scale possono essere utilizzate anche in modo contemporaneo e pop, magari dipinte di colori sgargianti o laccate di bianco e ancora avere un sapore industriale, soprattutto quelle in metallo…ancora sporche della vernice del cantiere!
Anche in questo caso, poi, esistono tantissime interpretazioni di design, commercializzate da varie aziende, molto eleganti e stilose come la libreria Hô di Le Corbeille, un richiamo ironico alla scala dei pittori by Jocelyn Deris Design, oppure lo scaldasalviette di Tubes disegnato dalla designer Elisa Giovannoni.

Stile eclettico.

Industrial style con scale di metallo

 

Di recupero in stile shabby o di design come la libreria Hô di Le Corbeille?scale e arredamento

Scaletta, l’iconico scaldasalviette di Tubes con alimentazione elettrica plug&play disegnato da Elisa Giovannoni 

scale e arredamento 

Shabby in bagno…un cult!

scale e arredamento

Una bella scala di legno si può abbinare a diversi tipi di arredamento che si contraddistinguono da un carattere eclettico e creativoscale e arredamento

Una libreria creativa dal sapore industrialescale e arredamento

Stile pop per la scala trasformata in libreria con l’aggiunta di mensole e dipinta di verde bandierascale e arredamento

Anche il designer nordico Nikko Halonen ha realizzato la sua personale versione di una libreria ispirata a una scala

scale e arredamento

Lbreria simile a una scaletta da appoggio by  Cinius

scale e arredamento

Interpretazione moderna per la scala trasformata in guardaroba.

Fino ad ora abbiamo parlato di arredi ma scale sono anche quelle che ci portano da un piano all’altro (per quelli che hanno la fortuna di avere una casa a due piani!) e bene anche queste possono essere decorate e rese uniche in tantissimi modi, potremmo partire proprio da esse per dare una rinnovata alla casa, personalizzare l’ambiente rendendolo speciale.

Possiamo decorare l’alzata della scala dipingendola, utilizzando stickers o stancil o rivestendola di mattonelline, legno o carta da parati.

scale e arredamento

Volete decorare la scala con delle belle frasi QUI trovate questi begli stickers

scale e arredamento

Un murales sulla scala!

scale e arredamento

Piastrelle di ceramica…

scale e arredamento

O listelli di legno di recupero?

 

Un’idea poetica quella di decorare i gradini della scala con le frasi di una poesia o di una canzone.

Vernice lavagna per decorare la scala

 

scale e arredamento

un’idea semplice e di grande effetto…la carta da parati

 

E’ sufficiente una buona idea per rendere affascinante una scala semplice.

 scale e arredamento

Soluzioni creative per scale fantasiose!

Stancil

scale e arredamento

Giochi di ombre

Se poi siete proprio in fase di progettazione sappiate che le scale possono essere attrezzate e con la scala e il sottoscala si possono fare tantissime cose (ditelo all’architetto!).

La vostra scala si potrà trasformare in scarpiera, libreria, scaffalature e altro ancora per attrezzare al meglio la vostra casa e per renderla bella e comoda.

 

Una scarpiera nella scala!

scalee arredamento

E’ sempre difficile raggiungere i ripiani alti della libreria e questo progetto mi sembra davvero geniale!

scalee arredamento

Tanti modi di contenere grazie alle scale

scalee arredamento

Una scala con libreria a giorno per contenere in modo minimal. Perfetta per ogni ambientescalee arredamento

La scala diventa un elemento contenitivo ed espositivo, bellissima completata dalle giuste luci.

scale e arredamento

Questi kaidan dansu, mobili contenitivi tradizionali giapponesi, sono costruiti su misura ed inseriti nella scala, creati dall’architetto Kotaro Anzai sulla base dell’arte di falegnameria tipica giapponese.

scale e arredamento

Il salottino sotto la scala, realizzata in modo da non dover nemmeno rinunciare alla finrestra.

scale e arredamento

La scala che contiene è un ottima idea salvaspazio

scale e arredamento

Scala attrezzata degli architetti spagnoli BUJ + COLON . Armato solo di compensato e di un concetto creativo e cool, lo studio di architettura ha realizzato questo interessante proget

L’articolo Scale e arredamento proviene da Architettura e design a Roma.

Tags:

 
 




Torna su