Finestre e porte finestre: come orientarsi nella scelta? Scopri le nuove tecnologie

Pubblicato da blog ospite in Design d' Ingegno, Idee

Quando arrediamo la nostra casa prestiamo attenzione ai vari elementi affinché ne risulti un ambiente accogliente e piacevole. Ci dedichiamo ai dettagli, alla distribuzione ed ottimizzazione degli spazi, all’organizzazione degli arredi e degli accessori, ma sempre più persone decidono anche di dedicare la giusta attenzione per la collocazione e la tipologia degli infissi.

Meglio sempre prediligere spazi in cui i vuoti e i pieni si equilibrano – per non rendere troppo soffocante l’ambiente – e dove possibile prestate attenzione al posizionamento delle finestre e delle fonti di luce.
Se gli spazi sono piccoli, le finestre dovranno avere un ruolo centrale per illuminare la stanza e dare l’illusione di spazi maggiori, fino a decidere di ricorrere ad una porta finestra o ad una parete vetrata.

C’è chi ama guardare fuori e chi invece sente invadere la propria privacy attraverso le finestre. Per questa ragione le nuove tecnologie e le numerose opzioni di tende e tendaggi offrono una soluzione perfetta per tutti. Un vetro oscurante, una pianta oppure una tenda velata o coprente possono assecondare il nostro umore e le nostre necessità senza farci rinunciare ai benefici della luce naturale.

vecchia finestra

Come sono cambiate le finestre negli anni e cosa possiamo aspettarci oggi

Circondati da tecnologie e confort, a volte diamo per scontato le nostre finestre, eppure negli ultimi 60 anni ci sono stati molti cambiamenti importanti nella struttura, nelle prestazioni e nel modo di concepire gli infissi.

Negli ormai lontani anni ‘50, Alastair Pilkington (che era il direttore tecnico dell’omonima azienda manifatturiera del vetro Pilkington Brothers) inventò il vetro float: un sistema a galleggiamento nello stagno fuso per fabbricare il vetro più piatto ed uniforme che però nel tempo si rivelò pericoloso, poiché tendeva a rompersi in grossi pezzi taglienti.
Da qui in poi si realizzarono vetri sempre più sicuri, più elaborati, telai con maggiori capacità isolanti e così via, fino ad arrivare alle moderne finestre attuali che sono più efficienti, dinamiche, orientabili e multifunzione.

Le tipologie principali sono due: la prima riguarda le finestre a controllo solare che gestiscono la quantità di luce solare in entrata attraverso un conduttore trasparente, posizionato tra i due vetri, che può scurirsi o schiarirsi gradualmente usando l’elettricità; la seconda tipologia invece permette di controllare il calore in entrata rimanendo trasparente. In quest’ultimo caso, la finestra può essere opacizzata o scurita manualmente oppure attraverso un sistema domotico.

Pannelli scorrevoli in vetro

Cosa può fare una finestra? Ecco alcuni esempi delle tecnologie esistenti

Prima di tutto ci offrono riparo dalle intemperie, dagli occhi indiscreti e poi ci forniscono luce e calore naturale. Ci aiutano a gestire la temperatura in casa, in ufficio e (se ben posizionate ed ottimizzate) ci supportano anche nel risparmio energetico, rendendo la nostra casa più bella e più efficiente.

Futura+

La Idealcombi ha realizzato una serie di infissi innovativi e il loro modello Futura+ è stato premiato come Best Window al Build It Award 2016. Si tratta di una tipologia di finestra con una sezione vetro massimizzata, che garantisce una luce sempre naturale, unita ad un design che ne supporta la funzionalità e l’estetica per conferirle un aspetto moderno rispettando tutte le caratteristiche attuali.

Futura+ è una serie che prevede le aperture verso l’esterno, a cui si aggiunge una serie gemella Futura+i che invece ha funzioni di apertura verso l’interno e inclinata. Offrono entrambe una stessa visuale ed un gamma completa di tonalità e materiali per tutte le necessità.

Tra le sue caratteristiche troviamo il PUR, un nucleo isolante in poliuretano con elevate capacità di isolamento posto tra i profili interni ed esterni. Questa soluzione ne favorisce la manutenzione e fornisce elevate prestazioni in termini di isolamento e risparmio energetico.
Il design di questa finestra si focalizza quindi sull’ambiente, riducendo il consumo di energia ed incrementando il risparmio energetico.

sezione della tecnologia brevettata Idealcombi

Innergy

Anche l’azienda Inoutic ha introdotto una tecnologia per le finestre che ha definito la linea Innergy per ottenere alte prestazioni e vantaggi attraverso l’installazione di questi infissi. Si tratta di finestre (e porte) che si propongono come alternativa al semplice alluminio e lo fanno attraverso un alto livello di rigidità e una rilevante capacità di isolamento.

Fibre di vetro vengono impregnate in una resina di poliuretano che poi viene polimerizzata ed assume la sua forma definitiva. Combinando le prestazioni meccaniche dell’alluminio con le proprietà termoisolanti della resina, la conducibilità termica è 400 volte inferiore a quella in alluminio, mentre l’espansione termica può essere fino a 4 volte inferiore. Ciò significa anche che la struttura è più dura del normale PVC ed è più resistente anche la superficie alle intemperie, senza bisogno del rinforzo in acciaio.

A questo si aggiungono ottime prestazioni di insonorizzazione e antifurto, e le su caratteristiche le permettono di essere una buona soluzione anche per proteggere la casa anche dall’umidità.

Finestre Inoutic

FixFrame

Nel caso di FixFrame di Josko, parliamo invece di un modello che è stato premiato nel 2009 al Red Dot Product Design per le sue qualità estetiche e per la sua funzionalità. Linee semplici, cornici sottili e queste porte-finestre scorrevoli sono anche innovative.

Questo tipo di finestre ha funzioni naturalmente diverse e quindi diverse devono essere anche le prestazioni. Una porta scorrevole in vetro deve quindi poter offrire la visibilità di una finestra e la sicurezza di una porta, come accade per le serie di Josko in cui, ad esempio, le componenti tecniche scompaiono discretamente nelle pareti garantendo una visibilità a tutta superficie e quando due elementi si incontrano le giunture sono raffinate.

Incorniciate nell’alluminio, queste vetrate hanno la griglia di scorrimento che rasenta il piano su cui sono posate, senza barriere di sorta verso l’esterno. Le ante infatti si sollevano e scorrono, introducendo importanti vantaggi: l’accumulo di condensa è limitato dal triplo vetro che crea una barriera di calore, ma eventualmente non viene accumulata, perché la scanalatura protegge il pavimento.

La struttura è fatta con materiali compositi moderni e per gli insetti c’è inoltre una schermatura scorrevole a scomparsa (con la guida in alto). Infine, oltre all’opzione manuale, è possibile gestire chiusure e aperture con un sistema automatico con telecomando.

Pareti vetrate Josko

Magic

Allo stesso modo, l’azienda Magic Windows ha realizzato le Magic Series, di cui fanno parte finestre e porte-finestre scorrevoli residenziali dal design pulito e minimale che, naturalmente, propongono profili ultra sottili per massimizzare la visibilità e la luce in entrata, così come la zanzariera a scomparsa (inclusa in ogni modello) che nelle finestre si attiva estendendosi quando la finestra viene aperta e si ritrae automaticamente quando la si chiude.

Inoltre, lo scorrimento delle ante è così fluido che sembra non richiedere sforzo e i singoli pannelli sono indipendenti nel movimento e si possono realizzare in diverse grandezze (così da avere magari un’anta che sia della taglia di una porta). Sono anche tutte fornite di una tecnologia che le rende strumenti validi per l’efficientamento energetico con un telaio che è un mix di alluminio ed acciaio inossidabile per assicurare resistenza, durevolezza e sicurezza per la vostra abitazione.

Per quanto riguarda le schermature e l’efficienza energetica ci sono diverse possibilità offerte. Si possono avere vetri con schermature solari che si attivano o disattivano modulando il calore in entrata (soprattutto per regolare il calore in estate) e che garantiscono la privacy nascondendo, senza togliere luce alla stanza. In alternativa si può ricorrere alle tende tecniche, alle tende tecniche solari o a tutte e tre le soluzioni insieme secondo necessità.

Finestre e finestre scorrevoli MagicWindows

Consiglio

La personalizzazione, come sempre, è indispensabile e quindi non bisogna mai dimenticare di analizzare attentamente le esigenze di un edificio prima di decidere quale soluzione è più adatta a voi. Se dovete scegliere le vostre finestre, dunque, informatevi e documentatevi su quelli che saranno i benefici che potrete avere nel lungo termine prima di valutare la spesa iniziale.

Tags: ,

 
 

Come decorare le pareti

Pubblicato da blog ospite in Decor, GiCiArch, Idee

Per dare un tocco di orginalità e carattere alle pareti di casa ci sono tantissimi modi. Molto dipende dal tipo di stanza e dallo stile della casa, chiaramente si dovrà seguire un ordine e una linea ben precisa. Per decorare le pareti è possibile utilizzare la pittura, dei fregi, della carta da parati, degli stickers o semplicemente con gli stencil realizzare delle fantasie a contrasto, ci vuole solo un pò di fantasia!

Ecco alcune idee da cui prendere spunto!

Nell’ambiente in stile mediterraneo della foto qui sotto, vediamo un moderno salotto esaltato dalla decorazione a parete monocolore di stampo più classico. La boiserie in poliuretano, dipinta in tono con il sofà esalta l’altezza delle pareti. Ad interrompere l’effetto verticale sono le decorazioni modanate poste sul perimetro il alto del soffitto. Questo tipo di soluzione è adatta sia ad arredi classici che a quelli moderni.

1Fig. 1 La boiserie

Una delle soluzioni più semplici per rendere particolari le pareti di casa è quella di utilizzare delle cornici di varie misure e appenderle in maniera casuale sulla parete. Qua sotto vi mostro un’idea molto carina, su una parete bianca di un corridoio, sono state posizionate diverse cornici per misura e forma, ma dello stesso colore del muro. Sicuramente un’idea minimal ma, utilizzando delle cornici in legno invecchiato può diventare una soluzione interessante anche per ambienti in stile shabby chic.

cornici

Fig. 2 Le cornici

Per una casa moderna, giovane e vivace sono adatti gli stickers murali, Si trovano in commercio di varie forme e misure, fiori, frasi, animali, monumenti, insomma la scelta è vastissima. Sono realizzati in vinile, plastica autoadesiva o PVC. Qua sotto vi mostro un’idea orginale ed economica per rendere particolare la parete della vostra camera da letto. Sono molto semplici da applicare e rimuovere, infatti servirà solo un asciugacapelli per riscaldare la superficie dello stickers e questo potrà esser rimosso facilmente.

stickers

Fig. 3 Gli stickers murali

Gli stencil sono il mezzo sicuramente più semplice per decorare le pareti di casa. Esistono diverse tipologie. I più comuni sono i fiori, ma in generale qualunque elemento naturale, alberi spogli o decorati, sono molto utilizzati. Si tratta di maschere che riproducono disegni semplici in negativo e posizionandoli sulla superficie da decorare e fissandoli ad essa basterà utilizzare una pittura a contrasto con il fondo e riempire le parti vuote della mascherina. Una volta asciugata la pittura, rimuovere la maschera ed il disegno sarà concluso.

stencyl

Fig.4 Stencil

Un altro modo per rendere originali le pareti di casa è quello di giocare con la pittura e i colori. Basterà colorare una delle pareti della stanza con una tinta differente e l’aspetto sarà completamente diverso. La scelta del colore sarà legata al tipo di stanza e stile di arredo, sono sconsigliate tinte troppo scure nelle zone giorno o eccessivamente accese in quelle notte. Basterà riprendere il colore di qualche accessorio ed il gioco è fatto! Magari riproporre il colore di una tenda, o dei cuscini del divano come mostra la foto qua sotto.

salotto-dai-toni-fucsia

Fig.5 La pittura colorata

Per rendere uniche le pareti delle vostre case consiglio sicuramente la carta da parati. E’ di semplice applicazione e in commercio si trovano tantissime fantasie e colori che ben si adattano a qualunque stile e qualunque ambiente. Una tendenza degli ultimi anni è quella di rivestire una delle pareti della stanza con un effetto materico, uno dei più diffusi è l’effetto cemento. In commercio sono tanti i marchi che propongono carta da parati effetto cemento, sono pochi però quelli che oltre l’effetto materico mixano altri effetti di tipo  pittorico/artistico. Si tratta di grafiche molto interessanti che renderanno le pareti dei veri quadri,  adatte a moderne sale living ma anche alle camere da letto o ad ambienti di passaggio come i corridoi. Basta acquistare la carta da parati giusta e la parete effetto cemento sarà realizzata in poco tempo con risultati di grande effetto.

carte-da-parati-effetto-cemento-pentagramma-su-muro-2-144

Fig.6 La carta da parati

Fonti:

http://www.interiorbreak.it

http://princessannecounty.blogspot.it

https://thedecalhouse.com

http://designinspiration.typepad.com

http://donna.nanopress.it

https://www.cartadaparatiartistica.com/effettocemento

Tags:

 
 

Materiali e colori: il mio compromesso

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee

Lentamente, la casetta si trasforma e diventa più coerente, più funzionale.

Ci vuole tempo, per capire dove è meglio collocare ogni oggetto, come organizzare le cose. Vivendola, è proprio la casa a suggerirmi i miglioramenti da apportare.
L’appendiabiti ad esempio. Ne avevo bisogno, ma non avevo ancora deciso che tipo scegliere e dove collocarlo. Ancora una volta, la cantina delle meraviglie è venuta in mio soccorso: un meraviglioso gancio vintage, su un supporto di legno.
L’ho posizionato alla stessa altezza dell’armadietto che contiene il quadro elettrico ed ho aggiunto dei ritagli botanici per dare personalità a questo nuovo angolino.
La palette è finalmente ben definita. 

Sono davvero convinta delle mie scelte cromatiche Ho scelto delle tinte neutre come il grigio ed il beige. Sono colori che amo da sempre, quelli di cui non mi stanco mai, quelli che mi colpiscono di più sulle riviste. 
Ho trovato un giusto compromesso: la base bianca è riscaldata dai tanti elementi in legno (che temo stiano per aumentare di numero!). Le nuances tenui mantengono un’atmosfera soft e natural.
Tessili ed home decòr sono la vera anima della casetta. Mi rappresentano, perché sono il mio lavoro e la mia passione. 
Ora che il mood è ben definito, arriveranno diverse novità (tutte rigorosamente dal sapore vintage).

 



Come ho fatto a trovare (finalmente) il giusto mood per questo ambiente? Te lo spiego nel prossimo post!

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Confettata fai da te: come decorare la casa con stile

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto
Enchanted Empire

Cerimonie, baby shower, compleanni e anniversari: non c’è festa che non preveda la cosiddetta confettata, spesso allestita in casa con tanto di decorazioni a tema.
Organizzare una confettata sembra una cosa semplice: basta ricoprire un tavolo con la tovaglia di Fiandra della nonna e mettere su un tavolo confetti e caramelle, magari utilizzando vasi e ciotole di cui già disponiamo, qualche palloncino colorato ed il gioco è fatto.
In realtà non c’è niente di più triste di un allestimento poco curato, con elementi spaiati disposti a caso, soprattutto se si tratta di una di quelle cerimonie che si festeggiano una volta nella vita!
Bastano pochi accorgimenti per preparare una confettata chic e scenografica, che gli invitati apprezzeranno e non dimenticheranno facilmente, senza dimenticare che la preparazione può essere molto divertente e creativa.

Il tavolo

Per prima cosa scegliete dove collocare il tavolo, tenendo presente che deve essere facilmente accessibile e nello stesso tempo non deve intralciare i movimenti: il posto ideale è lungo una delle pareti della stanza se il tavolo è rettangolare, o in un angolo se rotondo, purché possiate spostare i mobili intorno per far sì che gli invitati possano muoversi liberamente. Se la festa si tiene all’aperto, potete stupire i vostri ospiti allestendo il candy bar su un carretto o su un vecchio mobile in stile shabby chic.

Lo stile

Il secondo passo è quello di scegliere il tema e lo stile della festa, fondamentale per la selezione delle decorazioni, dei contenitori e dei bon bon che comporranno il nostro candy bar. Per le cerimonie, il trend punta sugli stili shabby chic, country, vintage e, nei mesi estivi, marinaro. Per i compleanni, ci si può sbizzarrire con i temi più disparati, soprattutto per i bambini, da Guerre Stellari ai personaggi dei cartoons. Ogni stile o tema è caratterizzato da uno o due colori di base cui andranno abbinati tutti gli elementi, dalle decorazioni ai confetti.
Enchanted Empire

Decorazioni e contenitori

Una volta scelto lo stile, il tema e di conseguenza i colori, potete procurarvi le decorazioni e i contenitori per i confetti.
Non lesinate sugli addobbi e cercate di ottenere un effetto scenografico in ogni zona della casa in cui riceverete gli ospiti, a partire dall’ingresso fino agli spazi all’aperto. Utilizzate palloncini colorati per creare festoni da collocare intorno alle porte e alle finestre, grossi pon pon di carta da sospendere sopra il tavolo della confettata, bandierine e ghirlande per decorare il tavolo.
Per il candy bar, anche qui la parola d’ordine è abbondare: scegliete confetti di gusti e colori diversi e arricchite il buffet con caramelle, pop-cakes, biscotti e marshmallow.
Per i contenitori, utilizzate vasi di vetro di diverse forme e dimensioni per i confetti e le caramelle, collocando i più alti a partire dal fondo del tavolo: disponete poi delle alzatine per i cupcakes ai lati e dei vassoi per i biscotti sulla parte anteriore del tavolo.
Ricordatevi di preparare le targhette per indicare i gusti, i “conetti” in carta o cartoncino che gli invitati riempiranno di bon bon i cucchiai d’argento da inserire nei vasi. Completate con pile di tovaglioli in linea con lo stile o il tema scelto, e la vostra confettata è pronta.

Dove acquistare

Potete recarvi in un negozio specializzato per le feste oppure, opzione molto comoda e in certi casi più economica, acquistare tutto l’occorrente on line.
Per esempio sull’e-shop www.festemix.com trovate tutto il necessario per allestire il vostro candy bar e decorare la casa, in diversi stili e temi, dai matrimoni alle comunioni, dai battesimi ai compleanni.
Per i confetti e i dolci, scegliete prodotti di qualità, magari rivolgendovi alla vostra pasticceria di fiducia per farvi preparare biscotti e dolcetti, e recandovi presso una confetteria che propone prodotti di altissima qualità e con una vasta scelta di gusti. Ricordatevi infine i confetti da lasciare agli ospiti, insieme alle bomboniere, nel caso delle cerimonie: 3 per il battesimo e 5 per il matrimonio, confezionati in contenitori semplici, dai sacchetti di carta rifiniti con etichette alle scatoline in cartone, purché rigorosamente in linea con lo stile e il tema della festa.

Tags:

 
 

Il leasing immobiliare

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Idee

case

Il leasing immobiliare, cioè il contratto di locazione finanziaria, è una forma di prestito agevolato, che la Legge di stabilità 2016 ha esteso anche ai privati, infatti prima potevano richiederlo solo le aziende. In sostanza, la società di leasing, un intermediario finanziario o un instituto di credito, acquisteranno l’immobile e l’utilizzatore pagherà un “canone” ed alla fine del contratto potrà riscattare la casa.

Si acquista casa senza contrarre un vero mutuo con la banca, inoltre il leasing immobiliare potrà essere attivato sia nel caso in cui l’immobile debba essere acquistato pronto o  in cui debba essere costruito da zero.

casa chiave

Il canone che dovrà esser corrisposto all’istituto di credito dovrà tener conto del prezzo di acquisto o di costruzione, e della durata del contratto. Nel caso in cui il contratto venga risolto, l’utilizzatore dovrà restituire l’immobile che lo rivenderà al valore di mercato restituuendogli quanto gli spetta.

Il vantaggio, rispetto alla formula classica di acquisto casa sono sopratutto legati alla prima fase, infatti non ci sono spese di istruttoria, niente ipoteche, niente spese notarili, queste saranno da valutare in caso di effettivo riscatto finale.
il leasing immobiliare è assimilabile ad una forma di finanziamento del 100% della somma necessaria all’acquisto della casa, però al momento della sottoscrizione del leasing potrebbe essere richiesta una rata iniziale oscillante tra il 10 e il 30% del valore dell’immobile.
Inoltre dal punto di vista fiscale è molto interessante, sopratutto per i giovani under 35 con redditi sotto i 55mila euro, infatti per essi i canoni sono deducibili ai fini Irpef nella misura del 19% fino a 8mila euro l’anno e il riscatto finale fino a 20mila euro.
Inoltre, qualora la società di leasing acquisti l’abitazione dal costruttore (soggetto passivo Iva), viene applicata l’aliquota Iva ridotta del 4% (anziché al 10%). L’Iva, così come le imposte d’atto e le spese notarili e peritali sull’immobile, possono essere finanziate dalla società di leasing.

Chiaramente uno svantaggio potrebbe esser la durata, generalmente più breve dei mutui, la locazione finanziaria non supera i 20 anni, ma generalmente si aggira tra i 12 e i 15 anni. Ciò significa rate mensili, o bimestrali, più alte.

Come si calcola il canone? Bisogna prendere in considerazione vari fattori, tra cui l’import dell’eventuale prezzo del riscatto, la durata del leasing, il prezzo dell’immobile, la percentuale di profitto dell’intermediario.

Il sistema del leasing prevede anche che, in caso di difficoltà economiche, il canone possa esser bloccato una volta per un periodo massimo non superiore a 12 mesi.

 

 

fonti:

http://www.leasing-immobiliare.it

http://quifinanza.it

Tags:

 
 

Il battiscopa filomuro

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Idee

Il battiscopa o zoccolino è un elemento di protezione fondamentale, esistono tante tipologie in commercio e, oltre al lato funzionale bisogna valutare bene anche quello estetico. Lo stile moderno e minimale punta su linee esseziali e pulite, questa tendenza ha pian piano coinvolto tutti gli elementi dell’arredare casa ed anche alcune rifiniture. Oggi possiamo trovare il battiscopa minimal ossia il battiscopa filomuro, che diventa un vero elemento di arredo raffinato.

Il battiscopa o zoccolino non è un elemento da trascurare, poichè le sue funzioni sono molteplici. Protegge la parte inferiore della parete, sopratutto quando si effettuano le operazioni di pulizia della casa, nasconde il giunto tra muro e pavimento e le sue naturali imperfezioni, può esser utilizzato per mimetizzare il passaggio dei cavi elettrici.

Troviamo tantissime tipologie di battiscopa in commercio, in cui le principali differenze riguardano il materiale di cui sono composti. I più attuali sono sicuramente i battiscopa filomuro, che seguono la tendenza minimale delle porte filomuro, che scompaiono completamente sulla parete.

Per poter ottenere questo particolare effetto “mimetico” è necessario prevedere la realizzazione di una tamponatura in cartongesso.

Le aziende che producono battiscopa filomuro sono diverse, ho scelto alcuni dei modelli più interessanti.

battiscopa_1000x720Fig. 1 Syntesis di Eclisse

Battiscopa-per-Cartongesso-Metal-Line-100Fig. 2 Profilpas mod. Meta Line

Proskirting_flat-640x480Fig. 3 Proskirting Flat di Progress Profiles

 

Foto da:

http://www.cosedicasa.com

http://www.weprofile.it

Tags:

 
 

Feng Shui per principianti: 5 step per attirare la fortuna

Pubblicato da blog ospite in Design d' Ingegno, Stili

A tutti noi piace l’idea di poter contare su un pizzico di fortuna in più nella vita e come avevamo già visto nel nostro blog, il Feng Shui ha per scopo principale proprio quello di accrescere il benessere in casa favorendo il fluire della buona sorte.
Ricordiamoci, ovviamente, che queste non sono tradizioni e filosofie che fanno miracoli, ma possono invece diventare uno spunto interessante per rinnovare gli ambienti guidandoci nella riorganizzazione degli spazi.

Il Feng Shui fornisce le linee guida per disporre gli elementi in modo tale da rievocare le forze della natura e della mitologia cinese dei quattro animali celesti. Esso prende infatti dal mondo animale la sua simbologia delle forze naturali e così, attraverso la Teoria dei Quattro Animali, vengono interpretate e gestite le quattro direzioni, le quattro stagioni, i quattro elementi base della natura e così via.

Come propiziare la fortuna?

Per attirare la fortuna è necessario quindi rispettare i parametri indicati nel Feng Shui e le relazioni tra le forme, i colori, i materiali e l’orientamento degli arredi. Immaginiamo allora che questo sia possibile e vediamo come può cambiare l’aspetto di una stanza se cambiamo il modo in cui concepirla.
Le relazioni tra gli elementi naturali implicano una comunicazione energetica tra gli elementi all’interno di un’abitazione, poiché secondo la disciplina del Feng Shui è nel flusso continuo di energie positive che si muove la prosperità.

Come attirare le energie positive? Ecco i 5 step

Le energie positive si attirano “risvegliando” la forza di ogni elemento dell’arredo (siano essi in legno, metallo, ceramica, tessuto, pietra ecc..) e grazie alla risonanza che questa forza ha in rapporto agli elementi della natura.

In un certo senso, quindi, le energie positive vengono “attivate” in base alla loro collocazione e alla loro essenza materiale. Per ottenere questo sono necessari 5 passaggi da affrontare nell’organizzazione di un ambiente domestico.

1. Eliminare le negatività

La negatività può risiedere in diverse variabili di un arredo, inclusa la sua collocazione. Vanno quindi evitate le disposizioni a “L” perché creano simbolicamente una “freccia negativa” nella stanza. Dove non sia possibile mutare la disposizione si può sempre neutralizzare la negatività di questa forma posizionando una pianta alla fine della “freccia” o anche appendendo un lampadario sferico o con sfere in cristallo per dissipare la carica negativa.

Secondo quest’arte millenaria, i quadri che rappresentano mari in tempesta o burrascosi sono di cattivo auspicio, perciò è meglio sostituirli con paesaggi che offrono un’immagine serena e romantica dell’acqua.
Se avete dipinti o modellini e soprammobili a forma di barca, ricordate che vanno sempre posizionati come se le navi stessero entrando e non uscendo dalla stanza. Questo perché nel Feng Shui la barca rappresenta le opportunità che quindi non devono sfuggirci!

Non dovrebbero nemmeno esserci troppe porte e finestre nella stanza, poiché generano un flusso caotico dell’energia Ch’i (nota anche come “energia vitale”) che nel tempo diventa dannoso e di cattivo auspicio.

Dipinto tema mare per studio

2. Rispettare la natura delle cose

Ogni elemento dell’arredo deve poter attivare le sue potenzialità energetiche in rapporto con la stanza stessa e questo accade rispettando la sua essenza e l’ambiente in cui viene inserito, proprio come accade in natura.
Ad ogni punto cardinale corrisponde uno dei quattro elementi della natura: al Nord corrisponde l’acqua, al Sud corrisponde il fuoco, ad Est e Sud-Est si associano il legno e le piante, ad Ovest e Nord-Ovest si abbinano i metalli e a Nord-Est e Sud-Est, infine, corrisponde l’elemento terra.

Se volete attenervi più strettamente a questa scienza antica, secondo il Feng Shui alcuni elementi attirano il benessere, ma sono soprattutto I Quattro Animali Celesti a necessitare di una specifica collocazione nella casa:

Dragone

Tartaruga

Elefante

Cane Leone o Cane Fu

La Tartaruga dovrebbe essere posizionata nell’angolo a Sud-Est di una stanza e il Dragone sul lato Est. L’Elefante, invece, non ha una collocazione precisa (purché la sua proboscide non venga mai rivolta verso un uscio), mentre i Cani-Leone cinesi hanno un ruolo protettivo ed andrebbero quindi messi ai lati della porta d’ingresso di una stanza.

Lo specchio è invece l’elemento per eccellenza, usato ovunque per dare una sensazione di spazi più ampi del reale e, secondo il Feng Shui, utilizzare uno specchio che rifletta il tavolo da pranzo raddoppierà simbolicamente il cibo e sarà beneaugurante per propiziare abbondanza e fortuna. Questo ovviamente vale anche per aumentare la luminosità di una stanza ed aiuta pure nel guidare l’attenzione verso ciò che vi è riflesso, contribuendo a mettere in evidenza qualcosa che volete mettere in risalto.

Specchi nella sala da pranzo

3. Trovare la giusta collocazione

È fondamentale rispettare il rapporto tra gli elementi e l’orientamento in base alle direzioni in cui si trovano. Ogni direzione ha poi un suo elemento di rinforzo che la rappresenta: a Nord è consigliata la presenza di acqua anche sotto varie forme quali dipinti, acquari, soprammobili e così via; a Sud invece dovrebbe essere collocato il caminetto (se ne avete uno) oppure un qualsiasi altro elemento che può richiamarlo, come le candele, il legno e altri decori. Ad Est e Sud-Est vanno posti gli oggetti in legno e le piante, inclusi i libri da esse ricavati, mentre ad Ovest e Nord-Ovest dovreste posizionare tutto ciò che è fatto di metallo: statue, porta candele, cornici e così via.
A Nord-Est e Sud-Ovest, infine, risuona maggiormente l’energia della terra, per cui in queste aree vanno collocati gli elementi in vetro, ceramica, cristallo e altri minerali.

Inoltre, lo schema dei Quattro Animali Celesti (il dragone, la tartaruga, l’elefante e il cane Fu o cane-leone) e dei quattro elementi va ripetuto il più possibile. Se avete sufficiente spazio, ad esempio, l’ideale sarebbe organizzare il salotto in modo da avere un sofà, una poltrona a due sedute e una poltrona singola per creare un ampio spazio per sedersi e comunicare oltre a ricavare anche uno posto centrale per il tavolino da té.

Ottomana in pelle trapuntata

4. Scegliere le forme della serenità

Le forme dovrebbero richiamare il numero 4 oppure la sfericità. Nel primo caso si evocano i quattro animali celesti, i quattro elementi della natura e così via, mentre nel secondo caso, le forme sferiche aiutano a dissipare le energie negative, facendole scorrere via.
Ad esempio, sempre nel caso del salotto, il tavolino da té potrebbe avere una forma quadrata o rettangolare per richiamare il prezioso numero 4 che ricorre nella simbologia dei quattro animali celesti.

In generale, non è necessario focalizzarsi su un solo tipo di sagoma da ripetere ovunque, poiché se lo spazio è ridotto potrebbe rivelarsi scomodo e rischioso disporre troppi angoli in giro. Per ovviare al problema, nel caso del tavolino da té è sufficiente sostituirlo con un’ottomana dalla forma rettangolare che renderebbe l’ambiente più “soft”.
Ricordiamoci comunque che mescolare le forme è per il Feng Shui altrettanto importante, poiché il quadrato rappresenta la terra, il rettangolo simboleggia il legno, i triangoli incarnano il fuoco e le forme ovali rappresentano il metallo.

Luce in una cucina luminosa

5. Armonizzare i colori

Anche i colori si armonizzano con i quattro punti cardinali e quindi ad ogni direzione corrisponde un colore in grado di accrescerne le energie positive.

  • A Nord vanno scelti i toni del blu e del nero, ma anche i metalli o le colorazioni metalliche sono beneauguranti perché in grado di attivare l’essenza dell’acqua.
  • A Sud le tonalità da rispettare sono quelle calde del rosso, il rosa, l’arancione, ma anche le sfumature di verde che si collegano alle piante e quindi al legno, con cui si fa tradizionalmente il fuoco.
  • Ad Est e Sud-Est vi è ancora una forte presenza dell’energia della natura e quindi i colori da preferire sono quelli del verde e del marrone, che richiamano la terra.
  • Ad Ovest e Nord-Ovest utilizzate invece ancora il blu, il grigio, il bronzo e l’oro perché ricordano i colori dei metalli.
  • A Nord-Est e Sud-Ovest destinate tutte le sfumature del marrone, un leggero dorato, i colori ruggine e senape.

In generale, i colori dalle tonalità ricche ed intense sono ottime per le aree comuni della casa ed il rosso in particolare è rinvigorente ed energizzante secondo il Feng Shui. La stessa cosa vale anche per il blu e il viola scuro, molto forti ma utilizzabili con parsimonia e sapienza.

Non dimentichiamo inoltre l’importanza della luce, un elemento centrale anche nelle disposizioni e nel design d’interni prettamente occidentale. Nel Feng Shui l’illuminazione attiva le energie positive, perciò avere più fonti di luce accresce le possibilità a nostro favore e le buone vibrazioni.

Parete in blue scuro per il soggiorno

Consiglio extra

Va benissimo rispettare queste indicazioni per propiziare la fortuna, ma non dimenticate che si tratta della vostra casa e come tale necessita del vostro tocco personale. A volte basta solo mettere un elemento che amiamo in una posizione di rilievo, in bella vista. In questo modo, entrando in una stanza, noteremo subito quel qualcosa che ci piace molto e questo ci predisporrà verso sensazioni positive ogni volta che ci troviamo a passare lì.

Scegliete pure gli arredi e i decori che preferite, poiché non è obbligatorio inserire oggetti e simboli portafortuna cinesi, ma se volete attirare la prosperità e il benessere in casa con il Feng Shui, quello che conta davvero è rispettare i principi della forma e del posizionamento. Quindi buona fortuna a tutti!

Tags:

 
 

Arredare con il color rosa pesca e i rami di pesco in fiore

Pubblicato da blog ospite in Decor, Idee, Non Ditelo all'Architetto

Arriva la primavera e con essa la Pasqua, due eventi accomunati a mio parere dai bellissimi rami di pesco in fiore

albero di pasquaghirlanda pasquale composizione pasquale con rami di pesco e conigli di ceramica.

cocktail pasquale

Cocktail pasquale!

centrotavola pasquale

tenere decorazioni per il pranzo di pasqua
albero di pasqua

Interpretazione romantica e moderna dell’albero di Pasqua

Graziosi rametti di fiori di pesco per composizioni pasquali… e non! Li trovate QUI

Il pesco, oltre ad essere legato all’immaginario decorativo della Pasqua, suggerisce anche atmosfere orientali ed, infatti, non tutti lo sanno, il pesco è originario della Cina!

Nasce come pianta selvatica e solo nei secoli è stato addomesticato; secondo me mantiene in sè la bellezza delicata, romantica e selvaggia della sua natura ed è davvero uno degli alberi dai fiori più belli, ancora più affascinanti quando composti in rami.

Un tè alla pesca in stile orientale con le tazza in porcellana dipinta a mano che trovate QUI
e QUI

carta da parati

Carta da parati “Sakura”, Collezione Natural Instinct su mycollection.it

decorazione

profumo d’oriente con le lanterne in di carta ed i fiori di pesco riprodotti su rametti secchi con carta velina rosa pallido. Piegate un quadrato di carta velina lungo la diagonale 3 volte così da ottenere un triangolino. Ritagliate con le forbici una forma a goccia, aprite il triangolino e voilà, il fiore è pronto. Realizzane diversi e applicali sui rami con colla a caldo.

olio su tela

Classica decorazione ad olio su tela in stile orientale con uccello su dei fiori di pesco.

stickers fiori di pesco

Di Ling@ fiori di pesco sticker da parete in pvc, disponibile QUI

I rami di pesco vengano usati in particolare per le decorazioni pasquali perché proprio in quel periodo, di solito, sono in piena fioritura gli alberi, che con i loro meravigliosi fiori sono particolarmente rappresentativi della primavera e del concetto di rinascita.

Il fiore di pesco è una decorazione particolarmente amata anche dallo stile shabby , che lo usa per composizioni d’arredo spesso utilizzando brocche e vasi di vetro , metallo o ceramica, o come stampa, stickers e decorazione per pareti e tessuti.

 

Composizioni di rami di pesco in contenitori di vetro

composizione shabby

Composizione in stile shabby in vaso dimetallo zincato

Rami di pesco in contenitori di ceramica.

ghirlanda shabby

Bellissima ghirlanda shabby perfetta non solo per la Pasqua ma per tutta la primavera.

Stickers ai fiori di pesco per tutti i gusti e tutti gli ambienti. In alto a sinistra decorazione della giapanese e korean collection che trovate su degournaycom di seguito una graziosa decorazione per la cameretta disponibile su http://www.stikid.com. In basso a destra stickers con rami di pesco ed uccelli disponibile QUI ed in fine romantica decorazione in camera da letto con lo stickers di Decoidea

stampa su tela

Una bella stampa 70x50cm rafigurante profumati fiori pesco disponibile QUI

carta da parati

Ha il sapore shabby questa bellissima carta decorativa paper Moon prfetta per rivestire mobili e cassetti o fare piccole decorazioni. fogli da 50x70cm disponibili QUI

completo letto shabby

Completo matrimoniale con fiori di pesco, per notti romantiche! Disponibile QUI
stickers shabby

Un allegro albero in fiore disponibile QUI
in due colori a soli 7.99€

Si tratta di un tema molto romantico e forse un po’ femminile, anche perché la maggior parte delle volte declinato nei colori rosati, ma se ne trovano anche versioni in bianco e delle bellissime interpretazioni contemporanee come quelle della carta da parati di Inchiostro Bianco.

minimale e contemporaneo

Composizione minimale, contemporanea, con ramo di pesco.

art

Dipinto realizzato su pannello ligneo ed impreziosito da cristalli Swarovski by superopera

carta da parati moderna fior di pesco

Carta da parati “Natzumi” di Inkiostro bianco, evocazione del giappone  

Cuscino in cotone bianco con motivo di fiori di pesco di Coin casa,  perfetto per armonizzare un salotto contemporaneo total white e dare un tocco di colore.

Una bella tovaglia per portare la primavera in casa in modo fresco e giovane, la trovate http://www.unicj.com

Molto blla la carta da parati con fiori di pesco bianchi su sfondo grigio nuvolato di domusarrdilissone

Un quadro fresco, moderno e primaverile che raffigura un ramo di pesco in fiore per portare la primavera in casa. Lo trovate QUI, 152x78cm.

Parure matrimoniale in bianco per il letto di primavera. Disponibile QUI

Il color pesca è una variante molto speciale del colore rosa, ricercata, elegante ed originale, adatta anche a chi non ama particolarmente questo colore; perfetta per creare atmosfere speciali, calde, accoglienti e ovattate.

Bellissimi gli arredi declinati in questo colore dal gusto bohemien, molto decorativi e che certamente non passeranno inosservati. Possiamo decidere di dipingere in questa tonalità un vecchio mobile e farlo rinascere a nuova vita proprio come ci insegna lo spirito della primavera e della Pasqua.

cameratta rosa pesca

Il rosa pesca è il colore perfetto per rinnovare gli arredi della cameretta delle nostre piccole principesse, più elegante e ricercato del rosa confetto.

 

Rosa pesca, più intenso o meno inteso, per ogni ambiente della casa, dalla camera da letto alla cucina.

Classico o moderno, tutti gli ambienti si sposano bene con il color pesca.  

Gli arredi rinasco a nuova vita, eccentrica, briosa e piena di gioia, con una mano di pittura color pesca.

Un piccolo ambiente minimale reso speciale dal colore.

Romantico, raffinato, elegante e speciale, è il rosa pesca, iol colore che stavamo cercando per la nostra casa.

Un abbinamento moderno? Il rosa pesca con il grigio, a dir poco perfetto!

Anche gli elementi archittetonici come una scala o la facciata della nostra casetta possono diventare speciali con un tocco di rosa pesca.

Bellissimo il pesca sugli elementi in velluto che richiamo ancora di più la trama del frutto.

In fine, questo tema è proprio perfetto per un matrimonio, con la sua fresca delicatezza, il romanticismo e il “candore” che gli appartiene; decorazioni per la chiesa, la tavola, torte, bouquet, il color pesca e i bellissimi fiori potrebbero essere la caratteristica che stavate cercando per rendere il vostro matrimonio unico!

 

Matrimonio in rosa pesca per lei e per lui. A destra cravattino by design Tie, lo trovate QUI

matrimonio rosa pesca

decorazioni.

matrimonio rosa pesca

La torta

matrimonio rosa pesca

Il rosa pesca è di certo uno dei colori più adatti al giorno del matrimoniomatrimonio rosa pesca

Suggestioni.
matrimonio rosa pesca

La tavola.

Semplici decorazioni che diventano magiche con il color pesca. A destra lanterna giapponese di carta color pesca diametro 35cm disponibile QUI a 3.59€

Tulle e nastro di raso color pesca per le vostre decorazioni potte trovarli QUI e QUI
.

Ghirlanda composta da 12 pon pon color pesca disponibile QUI a 4.99€

Lasciamoci l’inverno alle spalle e salutiamo l’arrivo della primavera con questo bellissimo fiore e il suo inimitabile colore.

L’articolo Arredare con il color rosa pesca e i rami di pesco in fiore proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

Pulizie di primavera…di design!

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee

Scommetto che anche tu le hai già iniziate e ti ritrovi a girare per casa con capelli legati in modo molto instabile. 
Cito la mia vicina di casa, che trovandomi intenta a spazzare ha esclamato in dialetto (traduco solo per una questione di chiarezza, ma in italiano, si sa, la frase è meno incisiva) “è questo che tocca fare alle donne!”.
Non mi annoia pulire casa, perchè sono riuscita a trovare un certo ritmo organizzativo, e si sa, in una casa che profuma si vive meglio.
La luce che filtra dalle finestre in questi primi giorni di sole mette a nudo ogni minima zona trascurata nella routine invernale. Ho avuto la triste idea di scegliere il bianco per pareti, divano, cucina e (udite udite…) pavimento. Credo di passare almeno la metà della mia giornata “in piedi”, ad aspirare, lavare e strofinare.

Rendere le pulizie domestiche un momento emozionante SI PUÒ’!
Hai presente l’irrefrenabile voglia di lavare i pavimenti che viene quando hai appena comprato un detersivo nuovo? 
Beh, succede lo stesso se ti regali, o meglio ancora, ti fai regalare, un set di design per le pulizie di primavera!
Ho raccolto per te i miei 5 utensili preferiti in una moodboard.

via 1.  2.  3.  4.  5.


1. CIOTOLA CON SPAZZOLA, NORMANN COPENHAGEN. Un contenitore da riempire di acqua e sapone ed una spazzola adatti a mille usi diversi. Dal design Scandinavo, è disponibile in molti colori. €68 su normanncopenhagen
2. MENU, PALETTA  E SCOPINO. Per il camino, set di scopino e paletta. Lo scopino è in legno e crini di cavallo, mentre la paletta è in plastica. Quando non sono utilizzati, lo scopino può essere incastrato nella paletta per risparmiare spazio. Disponibile anche in nero. € 69,90 su lovethesign.

3. SPAZZOLA PER COMPUTER, HAY. Due spazzole per raggiungere le aree più nascoste del tuo computer. Le setole in crini di capra e di cavallo sono delicate e pensate per non “graffiare” i supporti, mantenendoli puliti e privi di polvere. 35€ su COS

4. PEDAL BIN NEW ICON BY BRABANTIA, PATTUMIERA. Compatto e trendy, dalla finitura opaca. Questo cestino è dotato di una pratica apertura a pedale. Il cilindro interno è estraibile per facilitare la pulizia e la chiusura è mirata a non far fuoriuscire i cattivi odori. Quella in foto è la colorazione Clay Pink, ma i colori tra cui scegliere sono svariati!  € 24 su brabantiastore

5. PULA BY GIULIO IACCHETTI, SCOPA. La struttura è in legno di faggio, le setole in fibra di saggina o cocco, a seconda se deve essere utilizzata outdoor o indoor. € 68 su internoitaliano.

Se ti piace l’idea condividi questo post sui tuoi canali social per far sapere al mondo di quali regali hai bisogno!




http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

Babies rooms

Pubblicato da blog ospite in Idee, REDaddress

Perfetti anche per la camera dei più piccoli, i colori pastello addolciscono 
gli ambienti senza diventare stucchevoli e caramellosi. Leggerezza e glamour 
per ambienti allegri e luminosi.

1 mensola con casette www.mollymeg.com
2 letto a baldacchino www.pinterest.com
3 cassettiera www.britmorin.com
4 parete dipinta a motivi geometrici www.casinhacolorida-simone.blogspot.com

1 letto a ponte www.rafa-kids.blogspot.nl
2 casetta di cartone www.petitspetitstresors.tumblr.com
3 letto a castello www.nubie.co.uk

1 appendiabiti www.instagram.com
2 copripiumino www.hm.com/home
3 quadro floreale www.le-sojorner.tumblr.com
4 pareti a pois www.pinterest.com

Tags: , ,

 
 




Torna su