Una cucina preziosa

Pubblicato da blog ospite in Decor, Ecce Home
Vi piacciono le cucine semplici ed eleganti, meglio ancora se bianche? Anche a me e certamente la semplicità è sempre una carta vincente. Purché però non faccia rima con banalità. 

Ed in un ambiente in cui di solito l’acciaio fa da padrone che ne direste di osare invece dettagli color oro che lo impreziosiscano, rendendolo davvero unico e ricercato? 

Vi sembra  difficile? Basta saperli dosare con equilibrio e sobrietà. 

Provate a scegliere in color oro le maniglie degli sportelli, i rubinetti e le lampade. 
Sbizzarritevi poi con tutti quegli accessori che rimarranno a vista come barattoli e mestoli senza trascurare la scelta delle indispensabili pattumiere per la raccolta differenziata.
  
Non dimenticate infine un tocco di oro quando apparecchierete la tavola… ed il gioco è fatto. 
A precious kitchen
Do you like simple and elegant kitchens, better if white? Me too and of course simplicity is always a winning card. Provided however simplicity does not rhyme with banality.

And in an environment in which steel usually dominates, would you like to dare instead gold-colored details that embellish it making it truly unique and refined? 

Does it seem difficult? Just know how to dose it with balance and sobriety. Try to choose the handles of the furnitures and the lamps in gold. Have fun with all those accessories that will remain in sight like jars and ladles without neglecting the choice of the indispensable rubbish bin. Finally, do not forget a touch of gold when you set the table… and you’re done.

Foto da Pinterest

Tags: ,

 
 

Come rinnovare gli arredi di casa

Pubblicato da blog ospite in Decor, Non Ditelo all'Architetto

rinnovare gli arrediQuando si vuole rinnovare l’arredo di casa, il fai da te è sempre l’opzione migliore. Fai da te non significa soltanto carta o forbici. Si possono realizzare decori incredibili anche usando stoffe e altri materiali tessili. Non sapresti come fare? Ecco qualche idea originale per rinnovare gli ambienti domestici!

La carta da parati

Quando si dice carta da parati subito viene in mente qualcosa di vecchio e polveroso. In effetti la carta da parati era usata per rivestire le pareti di casa qualche decennio fa, quando era di gran moda. Oggi è tornata alla ribalta per pareti ma anche per utilizzi creativi come ad esempio per rivestire il mobilio o i complementi d’arredo. Se hai un vecchio armadio che vorresti buttare, perché è un po’ sciupato o ti ha semplicemente annoiato, potresti pensare di rivestirne il fondo e i ripiani con della carta da parati colorata. Per creare un effetto cromatico d’impatto scegli un colore molto diverso da quello delle pareti e dell’armadio stesso. Quando al mattino aprirai le ante per scegliere cosa indossare ti sembrerà di aver spalancato una finestra su di un altro mondo! La carta da parati è ottima per rivestire cassetti e cassettiere. Ti puoi sbizzarrire soprattutto nella camera dei bambini. Trovando delle fantasie divertenti, magari che raffigurano i loro personaggi preferiti, puoi creare un mobilio ad hoc senza spendere una fortuna. Il segreto sta nell’acquistare la carta giusta, belle e poco costosa. Online puoi trovare un vasto assortimento sia di carta da parati che di stoffe per la tappezzeria di casa e, grazie ad una piacevole navigazione, puoi sicuramente elaborare il tipo di restyling che più si addice alla tua casa.

rinnovare gli arredirinnovare gli arredi  rinnovare gli arredirinnovare gli arredi  rinnovare gli arredi

Tessuti da tappezzeria

L’alternativa che hai per rinnovare un po’ il tuo mobilio è usare i tessuti per la tappezzeria. Anche in questo caso c’è chi pensa che questo tipo di rivestimento sia ormai demodè, ma non è affatto vero. Ancora una volta la chiave di lettura sta nelle fantasie da scegliere. La moda di quest’anno predilige il foliage, elementi naturali anche di grandi dimensioni che si possono usare nei modi più disparati. I tessuti possono esse infatti usati nel modo più classico, ma sempre efficace. Ovvero, li puoi usare per rivestire delle vecchie sedie, o un divano ormai rovinato dai graffi del gatto o dall’usura del tempo. Questi tessuti però si prestano anche ad usi molto più creativi! Ad esempio, ci potresti confezionare dei cuscinoni da usare nella cameretta dei bambini, messi sopra ad un vecchio sofà di legno o semplicemente sparpagliati in terra.

rinnovare gli arredi  rinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredi

Un’idea molto originale consiste nell’usare i tessuti da tappezzeria per fare dei quadri. Esatto, proprio dei quadri da appendere alle pareti! Quante volte le pareti di casa restano bianche e spoglie nell’attesa di trovare il dipinto più adatto? Può succedere che l’attesa si protragga per anni! Se nel frattempo si confezionasse un quadro con le proprie mani? Basta scegliere una bella fantasia damascata, o a rombi, o a quadri. In questo caso ci si può semplicemente lasciar guidare dal gusto personale, o dal resto dell’arredo. I quadrati di stoffa vanno poi incorniciati a dovere e appesi al muro. Coloreranno in un attimo qualunque ambiente! Naturalmente i tessuti da tappezzeria sono adattissimi anche a rivestire molti complementi d’arredo, in primis le lampade. Se c’è un vecchio paralume che davvero ormai non sopporti più, basta coprirlo con un altro tipo di tessuto, scegliendo un colore, una tinta o una fantasia diversa. Oppure, se in camera da letto vorresti rinnovare un po’ l’ambiente, con i tessuti da tappezzeria puoi anche rivestire la testata del letto. Con un’operazione poco dispendiosa e non troppo faticosa la stanza cambierà completamente aspetto. Senza considerare che, se utilizzi anche un’imbottitura, la testata potrebbe diventare anche un luogo molto comodo su cui appoggiarsi quando si legge o si fa colazione a letto.

rinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredirinnovare gli arredi

Spesso ovviamente è complicato capire dove trovare ed acquistare i tessili per la casa che ci servono, essendo certi di non spendere più del dovuto. In questo caso possiamo servirci di piattaforme che comparano i prezzi dei diversi prodotti, in modo tale da essere certi di avere il massimo rendimento col minimo sforzo, oppure naturalmente recarci presso i nostri negozi preferiti di complementi per la casa.

Gli usi possibili della carta da parati e delle tappezzerie sono molto più numerosi di quanto non si immaginerebbe. La fantasia è l’ingrediente indispensabile, insieme a materie prime di qualità e di ottimo gusto estetico che permettano di ottenere esattamente l’effetto finale desiderato

L’articolo Come rinnovare gli arredi di casa proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

Calendario fotografico o calamite personalizzate per un regalo di Natale fatto con il cuore

Pubblicato da blog ospite in Idee, Non Ditelo all'Architetto

calendario fotograficocalendario fotograficocalendario fotografico

State già pensando ai regali di natale? Dite che è troppo presto? Io non credo, soprattutto se vogliamo fare le cose con calma, in modo ragionato, senza spendere un patrimonio e magari anche in maniera personalizzata.

Dunque sto parlando di un regalo che andrebbe prima un po’ progettato!

Io pensavo a qualcosa come un bel calendario fotografico personalizzato, con fotografie o frasi o le immagini che più ci piacciono e ci rappresentano o rappresentano le persone a cui vogliamo regalarlo.

Un calendario da parete è comodo, e quasi tutti ne fanno ancora uso; anche nell’era di computer e telefonini appuntare qualcosa sul calendario può sempre tornare utile, in cucina, in ufficio, in camera dei ragazzi o dove più ci piace.

Inoltre un calendario fotografico ben progettato e con le giuste immagini sarà anche molto decorativo e ci permetterà di lanciare un messaggio d’affetto a chi lo riceverà e che ogni giorno potrà vedere le foto e le frasi che abbiamo scelto per lui. Per i nonni e gli zii, neanche a dirlo, cosa  c’è di più bello che un calendario con le fotografie e i disegni dei nipoti? Per amici e colleghi un bel calendario fotografico con immagini simpatiche dei momenti trascorsi insieme e per il nostro compagno di vita, uno con le foto dei nostri giorni felici magari completato da frasi ed aforismi. Vi sembra banale? L’amore, l’affetto, i ricordi e la condivisione non sono mai banali ricordatelo!

calendario fotograficocalendario fotograficocalendario fotograficocalendario fotografico

calendario fotografico Questo tipo di regalo può essere tranquillamente realizzato da casa on line su siti specializzati, basterà scegliere le immagini per ogni mese, l’impaginazione, la grafica e iniziare a creare il vostro calendario fotografico personalizzato come regalo natalizio.

Potrete realizzare il calendario nel formato e nello stile che preferite e di certo. quando l’anno sarà finito, non andrà a finire nella spazzatura ma sarà un album da conservare gelosamente.

calendario fotograficocalendario fotografico

calendario fotograficocalendario fotograficocalendario fotografico

Se poi siete dei creativi potete stampare le foto e realizzare un calendario fotografico originale organizzando le foto in vari modi, dando libero sfogo alla vostra fantasia, potrete creare una bellissima decorazione per la parete oppure un divertente calendario dell’avvento, stampate le foto e date libero sfogo alla fantasia!

calendario fotografico    calendario fotograficocalendario fotograficocalendario fotograficocalendario fotograficocalendario fotografico

Se poi l’idea del calendario fotografico non vi ispira, o non la ritenete adatta ad alcuni amici e parenti, pensavo anche che sarebbe simpatico regalare delle calamite sempre personalizzate.

La calamita sul frigo a mio parere ha sempre il suo fascino ed io ne ho tutt’ora tantissime a rendere allegra e colorata la mia cucina. Ultimamente ho notato che sono tornate di gran moda, sul frigo e sulla cappa come decorazione o ferma post-it e foto, ma anche su lavagnette magnetiche in ufficio o in camera dei ragazzi. Le calamite, l’ho scoperto da poco, possono anche esse essere personalizzate con frasi, immagini o fotografie e possono diventare un grazioso regalino senza impegno per colleghi ed amici. Ultimamente c’è anche chi ne ha fatto bomboniere per matrimoni e battesimi proprio a testimoniarne la nuova moda che le coinvolge!

Dunque se partite con un po’ di anticipo come ho deciso di fare io, avrete il tempo di selezionare con il cuore le foto giuste da stampare su calendari e calamite da regalare alle persone a cui volete bene e che certamente adoreranno un regalo personalizzato pensato e realizzato apposta per loro.

 

L’articolo Calendario fotografico o calamite personalizzate per un regalo di Natale fatto con il cuore proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

Come organizzare la cucina

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Idee

La cucina è il centro della casa, è la stanza che preferisco e che mi diverte di più progettare. E’ sicuramente l’ambiente più frequentato e che più degli altri deve esser realizzato in modo funzionale ma anche esteticamente accattivante. Una delle maggiori difficoltà è quella di ottimizzare gli spazi senza però tralasciare l’aspetto estetico. L’organizzazione della cucina deve seguire delle regole ben precise, non può esser lasciata al caso o improvvisata.

cucina1

Per poter capire come organizzare la cucina è importante evidenziare le fasi di lavoro più importanti che caratterizzano questo ambiente della casa:

-conservazione dei cibi

-preparazione e cottura

-riordino e lavaggio

Gli elementi sicuramente più importanti sono quelli dedicati a conservazione, cottura dei cibi e lavaggio delle stoviglie, quindi frigorifero, piano cottura, forno, lavello dovranno esser disposti in modo adeguato. La regola è semplice, per poter svolgere in modo pratico tutte le operazioni si dovrà prevedere un giusto spazio di appoggio e preparazione ma i vari elementi non dovranno esser posizionati troppo distanti, sono funzioni che verranno svolte in modo sequenziale e quindi le operazioni dovranno esser pratiche e veloci. Una delle regole per organizzare la cucina al meglio è proprio quella di tener conto dello spazio di manovra tra preparazione-cottura-lavaggio.

Per poter riordinare la cucina sarà necessario poter avere un giusto spazio per riporre i piatti sporchi prima del lavaggio che potrebbero esser accatastati sul top della cucina, oppure direttamente dentro al lavello, se abbastanza grande.

Successivamente andranno gettati i rifiuti nella pattumiera, che dovrà esser ben posizionata. L’operazione del riordino è importante e, anche in questo caso, bisogna considerare che lavello, lavastoviglie e cestino dei rifiuti dovranno esser vicini e facilmente raggiungibili senza ostacoli, in modo che il lavoro sia svolto in modo facile e veloce. La pattumiera spesso viene nascosta all’interno della base sotto-lavello della cucina, per praticità consiglio di cercare un oggetto di design che possa esser posizionato a pavimento, in commercio esistono tante soluzioni carine, per esempio il modello Bo Touch Bin, di Brabantia. Per quanto riguarda pensili, basi e cassetti per pentole, tovaglie e stoviglie dovranno esser disposte e collocate in posizione vicina rispetto alla zona lavaggio.

brabantia

Foto: http://www.brabantia.com

Proprio perché si tratta della stanza più utilizzata e vissuta spesso è anche quella dove raccogliamo tantissimi oggetti e utensili non sempre utili, quindi se volete sapere sapere come organizzare la cucina in modo razionale la prima cosa da fare è quella di liberare gli spazi dagli oggetti superflui e tenere solo ciò che veramente utilizzate.

cucina2

Foto: http://www.westwing.it

Per organizzare al meglio lo spazio è utile disporre oggetti e utensili in modo intelligente: taglieri e set di coltelli dovranno avere posizioni vicine e dovranno esser a portata di mano, anche a vista su una mensola. Lo stesso discorso vale per barattoli e contenitori delle spezie, io amo posizionarle vicino al piano cottura ma non è una regola, l’importante è che siano vicine ad olio, aceto e sale.

E’ importante sfruttare al massimo lo spazio disponibile, non tutti gli appartamenti possiedono cucine molto ampie, per questo consiglio di sfruttare le pareti libere vicine alla zona operativa della cucina, attrezzandole con mensole e scaffali a giorno, in modo da disporre tutto ciò che utilizziamo maggiormente. Le mensole sono decorative e vi aiuteranno a rendere l’ambiente ricco e personale.

cucina3

Foto: http://www.domino.com

Sfruttate ogni angolo disponibile anche con armadiature a muro, cassetti separatori, isole, cercando di eliminare ciò che non serve.

cucina4

Foto: http://www.pourfemme.it

Spero questa piccola guida vi sia di aiuto per organizzare al meglio la cucina della vostra casa, si tratta di semplici regole che vi renderanno le attività quotidiane più semplici!

 

 

Tags: ,

 
 

Soppalchi e pedane, un passo più vicini al cielo.

Pubblicato da blog ospite in Idee, Non Ditelo all'Architetto

soppalchi e pedane Un insolito interno in stile industriale declinato in total white. Spesso i loft industriali sono caratterizzati daklla presenza di soppalchisoppalchi e pedane

Serve un letto in più in cameretta? Ecco una bellissima soluzione soppalcata realizzata artigianalmente

 

Le camerette soppalcate di Tumidei
soppalchi e pedane

Per una casa studio serve raddoppiare lo spazio come nel caso del progetto realizzato in Svizzera dallo studio B+2C. soppalchi e pedane

Soluzioni creative ed ingegnose per un mini appartamentosoppalchi e pedane soppalchi e pedane

Pedana attrezzata in camera da letto

soppalchi e pedaneLe pedane possono essere accessibili anche dall’alto per contenere.

 

Le pedane sono perfette sia per la zona notte che per la zona giornosoppalchi e pedane

Interno minimal e modernissimo con Soppalco con parapetto in cristallo

soppalchi e pedaneLetto soppalcato con graziosa area studio e relax al di sotto, composta da scrivania e poltroncina.Disponibile QUI a 767.00€

 

Non chiedetemi perché sia così affascinata dai soppalchi, bellissimi quelli che si affacciano come terrazzi su grandi saloni a doppia altezza, utili a graziosi quelli che rendono abitabili, con una stanza in più, piccoli spazi; sfiziosi quelli inutili,  virtuosismi di una mente amante del soppalco tout cour proprio come me. Ma se non posso arrivare al soppalco mi accontento anche di un rialzo, una pedana alta tre? Due? Anche un solo gradino!

Secondo me questo amore spassionato e questa attrazione incontenibile è legata un po’ alla parte bambina, i bambini si sa, amano i soppalchi, arrampicarsi, stare in alto (chi non ha mai desiderato da piccolo di dormire nel letto sopra del letto a castello).

Anche io, un po’ come i bambini, ho mantenuto questa passione di stare un po’ più in alto, che unita a quella per l’architettura e l’ interior design si è trasformata in una vera mania per questo tipo di soluzioni.

I soppalchi e le pedane oltre ad essere utili sono perfetti per movimentare gli ambienti banali, risolvono la necessita di una stanza in più, che sia una camera da letto o una cucina almeno idealmente divisa dal resto della casa.

soppalchi e pedane

Sembra un installazione artistica il piccolo soppalco in metallo con la sua scala…dove porterà?!

soppalchi e pedane

Il soppalco in legno si protende come un volume monolitico sulla zona giorno

soppalchi e pedane

Una pedana rialzata per avvicinarsi alle stelle…
soppalchi e pedane

Poco spazio, tante idee!

soppalchi e pedane

Bagno in camera

soppalchi e pedane

interno romantico econtemporaneo con soppalco basso

soppalchi e pedane

Letto a soppalcocon biblioteca integrata di Cinius

sopplachi e pedane

Letto a soppalco con armadio, libreria e scrivania, disponibile in 4 colori QUI

 

Zona giorno con soppalco basso…o pedana bassa? Una soluzione del genere è realizzabile anche negli ambienti con soffitti bassi

Se parliamo di soppalco abitabile, dunque a tutti gli effetti di una nuova stanza per la nostra casa, dovremo seguire severamente il regolamento edilizio della nostra città, poiché realizzare una struttura del genere richiede specifiche altezze e proporzioni di aero illuminazione.

In questo caso la realizzazione di un soppalco aumenterà la metratura vera e propria del nostro appartamento e sarà necessaria anche una pratica edilizia, ad opera di un tecnico specializzato, per costruirlo.

Com eregola di base consideriamo che di solito puoi soppalcare 1/3 dell’ambiente, se si ha un minimo di 210 cm di altezza sia sotto sia sopra, fino a metà ambiente, se c’è l’altezza minima di 220 cm sia sotto sia sopra. Il soppalco deve essere aperto almeno su un lato e l’area finestrata deve essere 1/8 dell’intera aerea sopra e sotto. Queste sono informazioni di massima, ma per progettare un soppalco è bene chiedere le norme specifiche del proprio comune.

I soppalchi di questo tipo sono i più complessi da realizzare, ma anche i più affascinanti perché spesso disegnano l’architettura stessa di un’ambiente, in modo affascinante ed un unico:

Il soppalco può essere sospeso all’interno di una stanza sulla quale si affaccia proprio come un balcone e con la quale dialoga amabilmente, può in questo modo raddoppiare lo spazio della sopracitata stanza o ridimensionarne il volume se troppo alta.

soppalchi e pedane

La zona giorno raddoppia con il soppalco vetratosoppalchi e pedane

Il soppalco si affaccia sulla zona giorno e sostiene l’altalenasoppalchi e pedane

Lo studio sul soppalco a vista in camera da lettosoppalchi e pedane

In un piccolo monolocale la zona notte è sul soppalco affacciato sul livingsoppalchi e pedane

La camera da letto affaccia a vista su tutta la casa open space sottostante. Una soluzione scenografica che si può comunque schermare all’occorrenza con una tenda.soppalchi e pedane

Il soppalco di cristallo trasparente raddoppia la zona giorno senza creare schermature

soppalchi e pedane

Il volume monolitico che accoglie il sopalco e si affaccia sul salotto e l’elemento architettonico che rende interessante questo interno

soppalchi e pedane

Cabina armadio a vista sul soppalco

Può essere comodo costruire un soppalco del genere in una camera da letto per creare ambienti separati per letto e guardaroba o area giochi o studio per i ragazzi.

Nella zona living può essere adibito a zona relax, studio o camera degli ospiti; in un loft o monolocale, caratterizzati da spazi aperti, il soppalco accoglierà sicuramente la zona notte. Come poi questo verrà realizzato starà solo a noi deciderlo secondo il nostro gusto, la nostra audacia e il nostro allenamento, poiché ve ne sono anche senza ringhiera e con ripidissime scale per arrivarci, adatti solo ai più audaci!

soppalchi e pedane

Soppalco biblioteca  soppalchi e pedane

Nella camera da letto il giaciglio trova spazio sul sopalco per lasciare spazio alla zona studiosoppalchi e pedane soppalchi e pedane

La zona notte sul soppalco è una delle scelte più frequenti

soppalchi e pedane

Una scala davvero audace per raggiungere il soppalco! pedane e soppalchi

Total white e scala ripidissima per un risultato super minimalsoppalchi e pedane

Cameretta rustica con soppalco, il sogni di ogni bambinasoppalchi e pedane

Zona notte sul soppalco, al’occorrenza la scala si leva e il soppalco scompare dietro alla tenda

C’è poi la possibilità di realizzare un vano, una stanza un luogo appartato proprio sotto allo spazio che si viene a creare grazie al soppalco.

Potrebbe trattarsi di un bagno o di uno sgabuzzino o anche di un’altra stanza vera e propria a seconda della dimensione del soppalco soprastante.

soppalchi e pedane

Cabina armadio sotto al soppalcosoppalchi e pedane

Lo spazio sotto al soppalco viene accuratamente progettato e attrezzato con armadiature e bagno in camerasoppalchi e pedane

Se trasferiamo il letto sul soppalco lo spaziosottostante potrebbe essere occupato da un secondo bagno in camerasoppalchi e pedane

Comodo ripostigliosoppalchi e pedane

Ampia cabina armadio in stile giapponesesoppalchi e pedane

Una tenda elegante e generosa chiude lo spazio sotto al soppalco per creare un pò di privacysoppalchi e pedane

Armadiature sotto al soppalco anche nella zona giorno, in questo caso non essendo abitabile lo spazio sottostante, si tratta di un armadio non di una cabina armadio, può anche avere un’altezza inferiore ai 240cmsoppalchi e pedane

Il soppalco ribassa e disegna il corridoio

 

Spesso il soppalco è aperto ed affaccia, come abbiamo detto, con la stanza sottostante dialogandoci ampiamente ma in alcuni casi esso è chiuso in modo da creare una stanza intima ed appartata, in questo modo si possono anche creare curiosi e interessanti volumi architettonici.

soppalchi e pedane

Un volume di legno per un effetto baita moderna

soppalchi e pedane

Un soppalco schermato disegnato da Studiomama, amanti del legno.soppalchi e pedane

Il soppalco è a vista ma chiuso da un cristallosoppalchi e pedane

Soppalco sottotetto schermato da listelli di legnosoppalchi e pedane

Legno e colorisoppalchi e pedane

Il soppalco chiuso dal sapore industriale

soppalchi e pedane

Una soluzione economica e scenografica per chiudere il soppalco…le tende!

A proposito di interessanti volumetrie, una zona soppalcata della casa può essere composta e delineata da un vero e proprio volume che si contrappone o si integra al resto dell’architettura.

Può trattarsi di un cubo in muratura che si protende e prende forma dalle pareti della casa o un elemento in altro materiale, vetro, metallo, legno, che crea movimento e dialoga con il resto.

Questi volumi possono essere puri oppure attrezzati, nascondere al loro interno delle funzioni: armadi, librerie e accessori vari.

   

Cubi di legno lisci o accessoriati

soppalchi e pedane

progettazione architettonica accurata per l volume della cucina che si integra con la scala e il soppalco sovrastante in modo articolato e variegato

soppalchi e pedane soppalco e pedane

Materiali diversi come la pietra o il legno creano volumi affascinanti

 

soppalchi e pedane soppalchi e pedane

Una scelta perfetta per tutte le occasioni? Il total white

soppalchi e pedane

Volume attrezzato

soppalchi e pedane

Bellissimo il volume in legno che compone il soppalco e allo stesso tempo il parapetto e il piano home hoffice

soppalchi e pedane

Ecco uno stratagemma architettonico che aumenta lo spazio in un appartamento di 50mq a Vigo in Spagna. Uno spazio completamente rivoluzionato dallo studio u+a arquitectura 

soppalchi e pedane

Un volume bianco che si ripiega su stesso

Per chi non vuole, invece, realizzare un vero e proprio soppalco, sia per una questione di costi, sia perché non si hanno i soffitti abbastanza alti, si può sempre sfruttare l’opportunità di mobili, soprattutto letti, soppalco; strutture removibili che non hanno bisogno di autorizzazioni. Ovviamente si tratta di tutt’altra soluzione e tutt’altro effetto estetico ma possono comunque risultare molto utili per raddoppiare lo spazio soprattutto in camera da letto, posizionando il letto al piano di sopra e sfruttando al massimo tutta l’area libera sottostante.

Questi letti soppalcati possono anche essere veri e propri mobili che hanno il letto nella parte soprastante e la parte sottostante superaccessoriata. In questo caso si tratta di strutture più basse perché la parte sotto al letto non deve essere praticabile ma solo contenitiva.

Se ne trovano tantissimi esempi in commercio ma una struttura del genere si può realizzare anche su disegno e progetto in modo da integrarsi a perfezione con il resto dell’architettura. Spesso si tratta di pedane dove viene posto il letto, mentre la parte sottostante è occupata da cassetti, armadi o altri contenitori, l’estetica può risultare anche del tutto liscia ed esserci delle botole nascoste nel piano.Le pedane possono avere la duplice funzione di identificare le varie zone della casa e contenere pratici armadi e contenitori.

soppalchi e pedane

Composizione 710 del sistema design 2.0

Letti singoli soppalcati in legno o metallo, per raddoppiare lo spazio

soppalchi e pedane

Ma esistono anche strutture più ampie adatte alla zona giorno

Modelli di letti soppalcati by Cinus , arredamento ecologico in legno massello. A sinistra il modello con piano mobile che si alza e si abbassa all’occorrenza. A destra modello Yen

soppalchi e pedane

Mobile soppalcato di falegnameria

Pedana attrezzata progetto Archifacturing

Letti matrimoniali di Cinius rialzati, lo spazio di sotto è occupato da ampi e profondi armadi

soppalchi e pedane

Pedane rustiche…

sopalchi e pedane

o moderne, sempre total white

Pedane artigianali per accogliere il letto, dotate di vani contenitori e non

soppalchi e pedane

Bellissimo l’accoppiamente di due materiali a contrasto

 

Due appartamenti dallo stile scandinavo in cui vengono utilizzate  soppalchi bassi, (o pedane alte!) per la zona notte. A sinistra miniappartamento a Budapest e a destra mini appartamento progettato dallo Studio Oink in una delle zone più ambite di Wiesbaden in Germania

Se un soppalco non è per tutti la pedana è ovviamente molto più semplice da realizzare e non ha limitazioni edilizie, potremo così esaudire il nostro desiderio di essere un po’ più in alto come quando da bambini salivamo sullo sgabello!

soppalchi e pedane

Pedana attrezzata per la zona notte

soppalchi e pedane

…e lineari e minimali per la zona giorno

soppalchi e pedanesoppalchi e pedane

I soppalchi nelle camerette comodi per integrare e nascondere letti e scrivanie

soppalchi e pedane

I letti a soppalco, come quello che trovate QUI, raddoppiano lo spazio della stanza ma non necessitano di pratiche edilizie

soppalchi e pedane

La Pedana Soppalco Armadio di cinius  è progettata per valorizzare anche il salotto più piccolo: i capienti carrelli scorrevoli salvaspazio sono perfetti per riporre indumenti, scatole, tovaglie, piatti e pentole! Si possono progettare i carrelli  con quanti scaffali si desidera.
Struttura realizzata su misura in legno massello di faggio lamellare.

soppalchi e pedane

Adorabile camera da letto con pedana.

L’articolo Soppalchi e pedane, un passo più vicini al cielo. proviene da Architettura e design a Roma.

Tags:

 
 

Decorazioni: dettagli per abbellire la vostra casa

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto

Le decorazioni e i complementi d’arredo sono  dettagli importanti che rendono più bella e accogliente la vostra casa.

Decorazioni dettagli per abbellire la vostra casa

La casa non è solo il luogo in cui si pranza e si cena ma è il posto in cui una famiglia trascorre insieme buona parte del tempo libero. Per questo motivo la maggior parte degli italiani cerca di rendere più bella e accogliente la propria abitazione e spesso non basta scegliere il giusto arredamento, la perfetta pavimentazione o un particolare colore di pareti ma è fondamentale imprimere un tocco personale grazie all’utilizzo di decorazioni e complementi d’arredo che, in alcuni casi, possono fare davvero la differenza.

Niente spese esorbitanti, nessun intervento drastico e nessuna ristrutturazione invasiva, per rendere una casa più bella e accogliente è sufficiente un pizzico di originalità, una certa dose di buon gusto et voilà les jeux sont faits.

Se siete interessati ad acquistare delle decorazioni, accessori e piccoli complementi d’arredo, per donare un nuovo look alla vostra abitazione, potete consultare il sito Shopalike.it che offre l’opportunità di confrontare prezzi e offerte di tantissimi accessori e decorazioni per la casa di ultima tendenza. Inoltre, grazie alle numerose funzioni e ai vari filtri è possibile effettuare una ricerca mirata e funzionale, senza inutili perdite di tempo.

Come rendere più originale e accogliente la zona giorno

Da sempre la zona giorno rappresenta il cuore della casa, luogo di incontro e convivialità per eccellenza. Proprio per questo motivo è necessario creare un ambiente particolarmente caldo, gradevole e accattivante.

Decorazioni dettagli per abbellire la vostra casa soggiorno

Negli ultimi anni ad esempio è di grande tendenza lo stile minimal-chic che, seppure ripropone un ambiente estremamente moderno, funzionale e pratico, se non viene studiato in maniera equilibrata rischia di risultare freddo e asettico. Come riuscire quindi a creare un perfetto equilibrio tra modernità e tradizione, in grado di conferire un’atmosfera calda e accogliente? Puntando proprio su decorazioni e complementi d’arredo come tende, tappeti, mensole, fotografie, stampe, orologi, lampade dalle forme particolari, ecc…

Decorazioni dettagli per abbellire la vostra casa cucina

Senza dimenticare l’importanza degli accessori da cucina come dei fantasiosi contenitori nei quali tenere in ordine gli utensili e degli originali porta spezie e vasetti di erbe aromatiche in bella vista. Se poi non vi volete far mancare proprio nulla non dimenticate le piante verdi e un bel vaso di fiori freschi al centro del tavolo in grado di donare un tocco di allegria e fascino alla vostra zona giorno.

Come rendere più bello il bagno

Subito dopo la zona giorno, uno degli ambienti della casa che va menzionato in ordine d’importanza è sicuramente il bagno. Se la sala da pranzo o la cucina rappresentano gli ambienti in cui i membri della famiglia si riuniscono e trascorrono dei piacevoli momenti insieme, il bagno invece rappresenta il luogo in cui ognuno può ritagliarsi dei momenti per sé e, perché no, coccolarsi un po’. Ecco perché molti ci tengono a ricreare nel proprio bagno un ambiente carino e soprattutto rilassante. Come? Semplice, puntando sui dettagli. Un ruolo centrale ad esempio hanno gli specchi, elementi di design in grado di cambiare il volto di una stanza.

Decorazioni dettagli per abbellire la vostra casa bagno

Per abbellire l’ambiente potrebbe essere sufficiente uno specchio dalla cornice particolare, delle piccole ceste in vimini, delle nuove tende da abbinare agli asciugamani oppure disporre delle piccole mensole sulle quali collocare profumi, candele e sali da bagno. C’è chi addirittura, spazio permettendo, trasforma il bagno di casa in un piccolo salotto e sicuramente esistono mille piccoli trucchi, dettagli ed accessori in grado di rendere più carino il vostro bagno senza dover intervenire con costosi lavori di ristrutturazione.

Abbellire la casa con il fai da te

Siete delle persone creative, amate sperimentare sempre cose nuove e siete appassionati di bricolage? Allora per voi abbellire casa sarà, oltre che low-cost anche, un gioco da ragazzi. Oggi infatti sono sempre di più coloro che per necessità o per hobby si sono dati al fai da te creando, in alcuni casi, delle soluzioni decorative degne anche delle dimore più chic e ricercate. Ma il vero segreto, allo stesso tempo punto forte, del bricolage è la capacità di abbellire gli ambienti con degli accessori e complementi d’arredo estremamente personalizzati, che lasciano quindi emergere il gusto e la personalità dell’autore, utilizzando materiali e prodotti semplici oppure reinventando completamente vecchi oggetti oramai, da tempo, rimasti inutilizzati.

Decorazioni dettagli per abbellire la vostra casa pouf pneumatici

Pensate ad esempio ai vecchi pneumatici, sapevate che possono essere riciclati creando delle deliziose fioriere per esterni, oppure dei modernissimi pouf da mettere vicino al divano? Nel fai da te un largo impiego trova anche il cartone, utilizzato per la realizzazione di tavolini, cornici, sedie, librerie, lampadari e così via. Spesso però per rinnovare completamente la propria abitazione si può anche puntare semplicemente sulla decorazione delle pareti.

Dopo aver approfondito l’argomento le mura della vostra casa non avranno più segreti!


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tags:

 
 

Helen Round

Pubblicato da blog ospite in Decor, Le Cose Semplici

 

Il bello di scrivere e coltivare un blog come il mio è quello di sentirsi sempre ” in dovere” di cercare nuove storie da raccontare.

Helen Round è stata una scoperta veramente deliziosa.

Una storia tutta inglese, di tessuti stampati a mano in Cornovaglia.

Helen è per l’appunto l’ideatrice e creatrice di queste collezioni meravigliose : nella loro semplicità racchiudono una eleganza e una bellezza unici.

I suoi disegni classici, ispirati alla flora e alla fauna della campagna  e della costa inglese, sono stampati a mano su biancheria di alta qualità con le tradizionali tecniche di stampa serigrafica.

Il tessuto per lo più utilizzato è il lino. Ogni pezzo e cucito dalle abili mani di artigiani, per creare un oggetto non solo bello ma durevole nel tempo.

Helen Round non è solo biancheria per la casa ma anche tazze, quaderni, borse e paralumi.

Trovo bellissimi i disegni stampati sopratutto quelli della collezione Garden, Rame Head e  Hedgerow.

E’ da tanto che non mi faccio un regalo: credo che presto attingerò da Helen per farmene uno.( Spediscono anche in Italia!! 🙂 )

 

 

 

Tags: ,

 
 

Un arredo (made in Italy) di grande impatto per ogni stile

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Stili
Molto spesso capita che, nonostante tu abbia scelto uno stile specifico per la tua casa, il suo mood ti appare poco definito. 
Sei sicuro di aver scelto arredi e decor coerenti con i tuoi gusti e con lo stile che più ti rappresenta, eppure, hai la sensazione di non aver riprodotto l’atmosfera del genere di abitazione che avevi in mente.

Niente paura! 

Probabilmente, quello che manca ai tuoi spazi è la presenza di un focal point: un elemento di spicco che faccia la differenza.
In soldoni, un arredo iper-tipico dello stile che hai deciso di sfoggiare, che diventi il cuore di un ambiente.

Ecco, quindi, una serie di mobili che devi assolutamente avere se hai scelto uno di questi stili per la tua casa.

Hey, tutti gli arredi che ho scelto, sono made in Italy!


Il wabi sabi, più che uno stile è un concetto estetico: l’arte della bellezza imperfetta. 
I suoi principi chiave sono: “niente finisce, niente è finito, niente è perfetto”. Ha a che fare con l’accettazione del ciclo naturale della vita e con la ricerca della bellezza nelle cose naturali.
Applicato all’interior design, questo concetto si manifesta con la semplicità degli arredi, con materiali naturali, con pareti grezze o incomplete e con un’atmosfera Zen. 
Puoi decorare un ambiente in stile wabi sabi con pezzi handmade, oggetti presi al mercatino delle pulci, fiori di campo e lampade in carta di riso.
Un letto Zen non può proprio mancare se hai scelto il wabi-sabi per i tuoi spazi. 
Deve avere il giro-letto basso e più largo rispetto al materasso (che lasci pensare che il letto stia fluttuando su una lastra sottile) e la struttura in legno. 

Nella moodboard, il letto in tessuto Plaid risponde a queste caratteristiche, ma in più, è rivestito da una stoffa che sui bordi resta aperta e libera. La sensazione che il lavoro sartoriale sia incompiuto lo rende in perfetta sintonia con la filosofia wabi-sabi!

Il mid century glam è una rielaborazione del vintage anni 50′ che prevede l’inserimento di materiali e finiture dall’aspetto lussuoso, come il color oro, il velluto ed il marmo.
Uno stile elegante e ricercato, costituito da comode sedute imbottite, lampade retrò, accessori glamour, decorazioni semplici ed impeccabili e colori pastello desaturati.
Gli spazi sono vestiti da materiali di pregio e arredi dall’aspetto fresco e moderno. 
In un contesto simile non può di certo mancare un tavolino da caffè con piano in marmo. 
Nella moodboard, il tavolino da salotto Tray di Meme design è costituito da una struttura in metallo in tinta con il piano in marmo nero Marquinia, dalla base rettangolare, con gli angoli smussati.
Il mood rustico è perfetto sia da solo che abbinato ad altri stili. è straordinariamente valorizzante se inserito in contesti country, industrial, ma anche vintage e scandinavo.
Pensa ad un cottage, uno chalet o una casa in campagna. Il legno grezzo è alla base di questi ambienti ed è anche il loro punto di forza.
Il fulcro dello stile rustico è proprio lui, il legno, con venature a vista e tutte le imperfezioni che lo rendono tanto affascinante.
Dà il meglio di sé, abbinato a pareti in pietra, travi del soffitto a vista e decorazioni artigianali come oggetti di ceramica, cesti di vimini e coperte di lana grossa intrecciate a mano. Le piante aromatiche sono ideali per completare questo mood.
Non può proprio mancare, in un ambiente rustico, un tavolo in legno massello, meglio se usurato o non del tutto rifinito. I segni del tempo oppure i solchi del legno, non fanno altro che accrescerne il valore.
Nella moodboard, il tavolo Jaguar ha il piano ricavato da un unico tronco di quercia secolare. La sua naturalezza si fa evidente grazie alle venature ed ai bordi, volutamente non trasformati in angoli, ma lasciati grezzi ed ondulati.


Lo stile scandinavo è tipico dei Paesi del nord Europa quali Finlandia, Svezia, Danimarca e Norvegia.
Alla base, ci sono il candore e la luce, in principio scelti per godere al meglio della luce, che in alcuni periodi dell’anno, in queste zone, dura solo poche ore, poi diventati un trend universale.
Gli arredi sono realizzati con materiali naturali, e spesso si tratta di mobili di riciclo. Il mood è minimalista e la palette di colori è neutra. Gli spazi sono decorati secondo il concetto di hygge, legato alla comodità, al relax, al distacco dagli impegni lavorativi ed alla condivisione. Non è raro trovare, quindi, angoli dedicati alla lettura, calde coperte disposte assieme ai cuscini sul divano e fiori di campo che rendono l’atmosfera delle case scandinave bella e confortevole.
In una casa in stile scandinavo, deve assolutamente esserci un divano dalle linee pulite, rivestito in tessuto, comodo e ben imbottito. Meglio se di un colore neutro, e con le cuciture in evidenza, come il divano Bolb, nella moodboard.

Lo stile etnico è ideale per i viaggiatori e per gli spiriti liberi.
Racchiude in sé l’essenza di tante culture diverse facendo sì, che la casa prenda le sembianze del perfetto nido per un cittadino del mondo.
Un ambiente in stile etno chic, è composto da uno sfondo bianco e mobili, spesso antichi, provenienti da posti differenti e mixati tra loro.
Grande importanza è attribuita ai tessili, rigorosamente fatti a mano e dotati di nappe, pom pom e motivi tribali.
I materiali più gettonati sono lana, legno e bamboo, ma sono ammessi anche tutti gli altri materiali naturali purché il design degli arredi sia originale e artigianale.
Un mobile indispensabile per creare questo mood è una madia, sulla quale esporre piante esotiche e decorazioni.
La madia Renate nella moodboard è realizzata a mano. La particolarità sta nelle ante, lavorate con un motivo geometrico.


Dove ho scovato i mobili protagonisti di queste moodboard? Su Arredo Design Online, un negozio digitale super assortito di mobili made in Italy e personalizzabili.

E tu? Di che stile sei? 

Fonti delle foto nelle moodboard (in senso orario, partendo da in alto a sinistra): 
Moodboard wabi sabi 1. 2. 3. 4. 
Moodboard mid century glam 1. 2. 3. 4.
Moodboard rustico 1.  2. 3.  4.
Moodboard scandinavo 1. 2. 3. 4.
Moodboard etno chic 1.  2.  3. 4.
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 

HOME GREEN DECOR!

Pubblicato da blog ospite in Idee, Voglia Casa

La natura è sicuramente una fonte ricca di ispirazione quando parliamo di decorazioni per la nostra casa.

Il tema botanico offre meravigliosi spunti per allestire qualsiasi ambiente grazie a vari colori, tessuti e complementi di design.

20d628a24407c5dc099c1e44b6df59e9Inoltre è particolarmente versatile, dal momento che può essere valorizzato tramite l’utilizzo di piante, erbe ed elementi “vivi” per i naturalisti più esperti o essere sviluppato in modo più soft con stampe vintage eclettiche su pareti, cuscini floreali e libri su farfalle e api.
e97fcbd54183c574f0f3f7ff31ac837fb336f869dcee5104eea9726245e56fb5Può essere considerata una tematica della casa country, specialmente se combinata con arredi in legno o in metallo verde-rame e arricchita da elementi quali vasi, cassette per contenere, utensili da giardinaggio.

010a02568937f77fbddbc7cade4c1739Componenti suggestivi sono poi cimeli di famiglia (vecchi bastoni da passeggio, ombrelli, annaffiatoi, cappelli in paglia, ventilatori anni ’50 e quant’altro) che disseminati un pò a caso nella stanza arricchiscono e rendono ancor più particolare il risultato che si vuole ottenere.

6762ead20bbf1b87413b53b07afb0935

 

 

Tags:

 
 

SAVE THE BUDGET EP. 8 – Living + Zona pranzo scandi-retrò a poco più di 1600€

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Idee, Stili
Pronto per un nuovo entusiasmante episodio di Save the Budget?
Questa volta ho aiutato, una simpatica lettrice, in cerca di idee vincenti per la sua zona giorno.
Ha appena ristrutturato casa e mi ha raccontato di essere amante del vintage e dello stile scandinavo, proprio come me!
Quando mi ha mandato la piantina, ho subito adorato lo spazio a sua disposizione! Una stanza rettangolare ed aperta sia sulla cucina che sull’ingresso. Due finestre, una opposta all’altra. Insomma, un ampio e luminosissimo ambiente che non vedevo l’ora di vestire!
Questa volta la sfida ha compreso un nuovo punto: sfruttare un mobile vintage che si trova già in casa. Il mio compito è stato far sì, che questa credenza anni ’60, si intonasse con il mio progetto.
La padrona di casa, inoltre, mi ha chiesto di usare i suoi colori del cuore: il verde acido ed il rosso.

Ho scelto una base neutra e ricca di carattere, aggiungendo solo qualche tocco di colore.
Ho deciso di proporre una carta da parati retrò per rivestire la nicchia della credenza, al fine di renderla coerente con il resto della stanza.
Due poltroncine della stessa tinta contrassegnano i capitavola, mentre sui lati del tavolo rustico, figurano delle sedie da bistrot bianche rivisitate in chiave moderna.
Per il mobile tv, ho scelto un contenitore bianco, super essenziale, da sospendere sulla parete.
A completare il mood un divano da urlo grigio completato da un piccolo tavolino da caffè total red.
Sono super soddisfatta del mio operato. Confesso: invidio alla padrona di casa diversi arredi!

1. BESTA, IKEA. Una delle strutture della famosa serie Besta, può diventare una base tv essenziale, se sospeso con gli appositi binari. Questo mobile è composto da due pratici contenitori da riempire con ceste, scatole o oggetti di decòr. 40€ (30 struttura + 10 dei due binari)
2. CARTA DA PARATI FOGLIE VINTAGE, DECOCHIC. Una carta da parati autoadesiva e removibile. Disponibile in tantissimi colori e nelle finiture tessuto o pvc. Il design è ispirato al celebre motivo di Orla Kierly. 25,00€
3. SEDIA IMBOTTITA VERDE ACIDO, AMAZON: Una sedia-poltroncina da capotavola, con una spessa imbottitura che permette di stare comodi. Il rivestimento è in lino, in verde acido. I piedini obliqui sembrano in legno, ma in realtà sono di metallo! Ancora più robusti di quanto si possa pensare, insomma. 79,90€ al pezzo
4. TAVOLO ALLUNGABILE RUSTICO, AMAZON: Un tavolo destinato a durare per sempre. Il design è quello del tavolo della nonna. Sembra proprio un pezzo vintage, invece è tutto nuovo, in legno di tiglio, facilissimo da montare e robusto come quelli di una volta. Un altro punto a favore? Si estende in orizzontale e diventa perfetto per le serate con gli amici.
P.s. è difficilissimo trovare un tavolo con questo design, questo prezzo e la caratteristica di essere allungabile. Una vera chicca! 450€
5. 2 SEDIE BISTROT, LA REDOUTE INTERIORS: Come in un bistrot, queste sedie sono semplici e raffinate, ispirate allo stile retrò. La struttura è in olmo massello, verniciata di bianco opaco. Arrivano a casa già montate! 
6. TAVOLINO ROTONDO ROSSO: La ciliegina sulla torta. Un tavolo tondo dal diametro di 45 cm, minimal, leggero e molto cool! La struttura in metallo è sottile, un grande vantaggio per la luce, che è libera di attraversarlo. 22,50€
7. DIVANO OBO, KAVE HOME: Un divano in stile scandinavo, rivestito da un morbido tessuto grigio trapuntato. I piedini sono obliqui, in legno. Le linee morbide gli conferiscono uno stile elegante e femminile! 619€

Se vuoi copiare lo stile, puoi accedere alle schede prodotti o acquistarli facendo direttamente click sul sue nome.

Non dimenticare di farmi sapere cosa ne pensi! 


http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 




Torna su