I letti matrimoniali sospesi creano sensazioni visive ed emozionali davvero molto particolari, perchè in grado di attirare l’occhio su qualcosa che assomiglia al nulla, al vuoto.

Sembra paradossale da dire, ma l’effetto visivo di un letto sospeso è proprio quello che evoca il niente, lo spazio in senso lato, quello assoluto, che non crea ingombro, ma che anzi crea estensione.

Un’estensione dove, apparentemente in modo casuale, si trova qualcosa, un oggetto, in questo caso un letto, che fluttua incontrastato, sfidando le leggi e la consuetudine. Come quei pezzi di sentiero sparsi su cui saliva SuperMario nei videogiochi di un tempo: in apparenza instabili, volanti, appunto sospesi.

In realtà poi la stabilità è maggiore (infatti SuperMario si aggrappava saldamente a quei pezzetti di sentiero), perchè se la sensazione è quella di coricarsi sul vuoto di una nuvola, sarà enorme l’impressione fortemente contrastante dell’immobilità e della forza di un letto in realtà saldo e fermo.

Ecco che allora l’effetto del letto sospeso è doppio, soprattutto quando essendo matrimoniale, sembrerebbe sfidare ancora di più la legge di gravità per le sue dimensioni: da una parte abbiamo la sensazione di guardare un fenomeno apparentemente impossibile e quindi immensamente affascinante, dall’altra possiamo godere di emozioni contrastanti quando ci corichiamo sul letto sospeso.

Scendendo nella sconcertante verità legata alla praticità delle cose, un letto matrimoniale sospeso ha anche un gran vantaggio, che va a colmare quello che potrebbe essere invece percepito come uno svantaggio: il letto sospeso infatti, per definizione non può incorporare un comodo contenitore per cuscini e biancheria, ma di contro rende molto più semplici le pulizie di questa zona della casa.

Il letto imbottito Dylan ha inoltre un ulteriore pregio estetico: non soltanto è sospeso nel vuoto (o così parrebbe), ma con la sua forma irregolare, sembra proiettarsi letteralmente in avanti, come pronto a decollare.

Il letto sospeso Diaz invece, oltre a offrire un contenitore retromaterasso e una comoda testiera reclinabile che aumentano la sua funzionalità, può addirittura essere posizionato a centro stanza, per aumentare la sensazione di fluttuare nel vuoto.


Il letto Aladino Up infine, incorporando dei led colorati sulla base, regala la sconcertante ma piacevole sensazione di trovarsi su una navicella spaziale, pronti per volare verso mete sconosciute.

24 Ottobre 2009 / / Arredamenti Diotti A&F

Le cucine angolari sono soluzioni grandi, nelle dimensioni e anche nell’impatto visivo, ma nello stesso tempo sono soluzioni salvaspazio, perchè recuperano lo spazio solitamente morto in concomitanza dell’incontro tra una parete e l’altra, e perchè come dice il loro nome, possono essere messe in qualunque angolo della casa.

In una cucina angolare infatti non solo c’è tutto l’occorrente per preparare e conservare i cibi, ma c’è anche la possibilità di sfruttare al meglio tutti i cm a disposizione: così la zona propriamente “angolare” della cucina, è in grado di contenere molti più oggetti rispetto a un pensile o a una base “normale”.

La base e il pensile angolare infatti, sono dotati di un’anta visivamente più stretta, che però si apre su un mondo di spazio; questi elementi della cucina sono infatti più profondi e più larghi dentro, e provvisti di carrelli e accessori che ne rendono facile lo sfruttamento: con semplici gesti è possibile appoggiare e riprendere un qualsiasi oggetto, senza chinarsi o allungarsi troppo e senza rischiare di non sfruttare appunto “ogni angolo”.

Anche il piano di lavoro “angolare” acquista più spazio rispetto a un piano lineare. Inoltre, l’angolo può essere anche occupato da piano cottura o lavello, evitando di “rubare” altro spazio al piano d’appoggio per la preparazione dei cibi.

Senza contare che l’effetto visivo della cucina angolare è ormai foriero di una “tradizione” insita ormai anche nella modernità, delle forme e del modo di concepire questo ambiente: una cucina angolare trasmette subito un senso di bontà, di calore, di lineare pulizia, di ordine precostituito, tutte caratteristiche che rendono una cucina moderna accattivante e “appetibile”.

La cucina angolare Kube possiede inoltre un ulteriore pregio: lo zoccolo molto alto realizzato in acciaio inox (in netto ma piacevole contrasto con il legno di olmo delle ante), la fa sembrare sospesa nell’aria, donando all’insieme un grande senso di leggerezza.


La cucina angolare Quadra arriva a travalicare il concetto stesso di cucina angolare, diventando una cucina “quasi circolare”, che con il suo semi-abbraccio è in grado di circondare lo spazio, accogliendo gli occhi e il palato in modo totale. Da notare il grande spazio a disposizione nella parte angolare della base, ottenuto anche grazie alla curva arrotondata.

La cucina angolare Zerocinque è il classico esempio di “grande salvaspazio”: si tratta di un modello che può raggiungere dimensioni imponenti, ma che sfrutta ogni centimetro. Il piano di cottura e la cappa infatti si trovano proprio nell’angolo, consentendo di risparmiare lo spazio del restante piano di lavoro.

24 Ottobre 2009 / / Arredamenti Diotti A&F

Investiamo un’attenzione particolare al nostro catalogo online di mobili ed arredamento: migliaia di immagini con relative descrizioni delle nostre collezioni di cucine, soggiorni, salotti, camere da letto, camerette, armadi, complementi d’arredo e forniture contract…e in più progetti 3D ed alcune case dei nostri clienti.
Sul nostro sito internet è tale la mole di mobili e arredamenti presentati che a volte la ricerca della soluzione adatta può (poteva?) rivelarsi impegnativa.
Lavorando al nostro catalogo ho sempre quindi voluto porre attenzione alla “navigabilità”, da qui il titolo di questo post parafrasando Claudio Baglioni con la sua “Navigando”…navigando il mare di proposte d’arredo!
Abbiamo attivato in questi giorni 2 nuovi strumenti che un po’ di ragionamento e la tecnologia ci hanno reso disponibili: i Visti di Recente ed i Vedi Anche.
Si vanno ad aggiungere, ed in alcuni casi si integrano, alla navigazione tradizionale e ad altri strumenti attivati in passato come il Cerca&Arreda, la lista dei Preferiti e le Sotto Categorie Opzionali.
La funzione Visti di Recente (presente nella fascia di sinistra sotto al menù prodotti) mostra le ultime 8 schede prodotto visualizzate e si integra perfettamente alla lista dei Preferiti: dai Visti di Recente posso attivare facilmente la lista dei Preferiti, e dai Preferiti posso comunque visualizzare nella stessa pagina i Visti di Recente ed eventualmente aggiungerli e toglierli dai Preferiti in modo facile ed intuitivo.
Il Vedi Anche (presente a fondo pagina in quasi tutte le schede prodotto del catalogo) mostra fino a 4 suggerimenti di prodotti correlati od alternativi. In alcuni casi sono suggerimenti del nostro staff di arredatori (processo che verrà completato nei prossimi mesi), ma al momento la maggior parte dei suggerimenti mostrati sono prodotti in automatico dal nostro sito, un consulente “virtuale” incredibilmente efficace: i mobili vengono associati e suggeriti sulla base dell’appartenenza alla stessa Sotto Categoria Opzionale, alla stessa collezione oppure per il fatto di essere realizzati con materiali che permettono un perfetto abbinamento.
Ho sempre ritenuto frustrante visitare un sito ricco di informazioni e non riuscire a trovare quello che cerco; peggio ancora a volte è non ri-trovare quello che mi aveva colpito durante una visita precedente od anche solo pochi minuti prima.
Speriamo che questi nuovi strumenti possano aiutare i nostri visitatori a muoversi nel “mare” del nostro catalogo, siamo contenti del risultato raggiunto ed al tempo stesso siamo desiderosi di eventuali suggerimenti che dovessero giungerci dai visitatori…siamo “tutto orecchie”! 😉
A presto!