Le decorazioni di natale sul portone

La facciata esterna della porta (anche detta portone) si presta molto bene a svariate tipologie di decorazioni e, in quanto ingresso di casa, anticipa l’atmosfera accogliente delle decorazioni che si trovano  all’interno. Le opzioni per decorarlo sono davvero molte e comprendono sia gli addobbi da parete sia le installazioni luminose.

Ghirlanda natalizia

È la più classica e tradizionale delle decorazioni. In commercio ce ne sono di diverse; decorate con pigne, con bacche rosse e con fiocchi verdi o rossi. Se preferite il fai da te, potete acquistare la classica forma a rami intrecciati per poi comporla secondo il vostro gusto personale.

Decorazioni pendenti

Completano gli addobbi della porta con i colori tipici del Natale e abbelliscono senza dubbio l’ingresso di casa. La più classica delle decorazioni pendenti comprende le sagome di Babbo Natale, piccole o grandi a seconda della grandezza della porta.

Anche gli angioletti a tema natalizio rendono molto bene l’idea di atmosfera calda e accogliente del Natale. Si possono anche realizzare personalmente; basta acquistare degli angeli da decorazione e sistemarli attraverso dei piccoli ganci all’interno di un nastro in raso, o in tulle, rosso o verde, colori tipicamente natalizi, ma anche blu o argento, se le restanti decorazioni seguono questi colori.

Luci e decorazioni luminose

Le luci non possono mai mancare in qualsiasi contesto natalizio. La scelta varia innanzitutto in base alle dimensioni della porta e poi a seconda dell’effetto che volete creare.

Le luci a filo sono la scelta più tradizionale e possono essere disposte intorno alla porta di casa oppure attorno alle siepi di ingresso, se avete un vialetto indipendente che conduce  all’entrata della casa. Tra i modelli più utilizzati, oltre alla classica catena di luci, ci sono anche le lucine a cascata e quelle a tubo.

Fate sempre attenzione durante l’acquisto delle luci. Per evitare corti circuiti, scegliete sempre modelli con protezioni in plastica e prodotti conformi agli standard tecnici europei.


Desiderio: la vasca da bagno in legno Tempoperdue

La vasca in questione si chiama Desiderio ed è firmata dal designer Raffaele De Angelis per l’azienda italiana Tempoperdue, che ha lanciato sul mercato questo complemento d’arredo per la sua linea da bagno dedicata al relax e al benessere della persona.

La vasca è molto capiente e spaziosa ed è realizzata in multistrato marino, assemblato con una colla naturale, in genere utilizzata in campo nautico, resistente all’acqua. È perfettamente compatibile con l’acqua, al vapore e alle alte temperature, per evitare l’insorgere di muffe e inestetismi, molto frequenti all’interno del bagno, soprattutto se i complementi d’arredo sono costruiti in legno.

Desiderio in due modelli

È disponibile in due modelli;

  • classica, con rifiniture in zebrano fiammato o rigato
  • versione idromassaggio rifinita con legno d’acero.

L’idromassaggio è dotato di bocchette a fondo vasca, consente tre velocità e l’opzione “effetto ad onda”o “effetto sorgente”. La versione elaborata e tecnologica offre anche il benessere della cromoterapia, con telecomando touch screen per regolare le varie funzioni.

La vasca Desiderio è stata inoltre rifinita con una lavorazione di fissaggio antibatterica, antistatica e resistente a graffi e urti.

Questa vasca in legno, dal sapore indiscutibilmente retrò e con uno stile classico, ha trovato così il modo di coniugarsi alla perfezione con il design e la tecnologia dei complementi da bagno più moderni, sfatando il mito della poco compatibilità del legno alla stanza da bagno, e proponendo un arredo funzionale ed elegante che nulla ha da invidiare alle jacuzzi moderne.

Per maggiori informazioni si Desiderio, per conoscere dettagli tecnici, prezzi e rivenditori autorizzati potete consultare la pagina web dell’azienda.


Cube RLX firmato Ralph Lauren

Dal tono chic ma perfettamente adattabile a qualsiasi tipo di contesto, il letto a baldacchino in questione si chiama Cube RLX ed è firmato Ralph Lauren per la collezione Home dell’omonimo marchio.

Il nome ricalca la forma del letto, un cubo. La struttura si ispira infatti alla perfezione geometrica per riproporre un complemento d’arredo d’altri tempi, ma in chiave moderna, versatile e adatto a tutte le tipologie d’arredo.

La struttura del letto è in metallo con rifiniture in alluminio, mentre la testata e la base sopra la quale si adagia il materasso sono imbottite in pelle. Il colore che caratterizza il letto Cube di Ralph Lauren è il nero, colore elegante, raffinato e semplice allo stesso tempo, perché il total black è la tonalità che meglio si adatta agli altri colori dell’arredo.

Il nero offre inoltre la possibilità di creare originali giochi cromatici e contrasti accattivanti attraverso la scelta del colore delle lenzuola. Chi vuole ricreare l’atmosfera classica e un po’ fiabesca del letto a baldacchino d’altri tempi, pieno di drappeggi e tessuti colorati, potrebbe utilizzare allo stesso modo il contrasto cromatico del nero, giocando con tende e drappeggi di vari colori che si possono sistemare intorno ai pilastri del letto.

La struttura dei quattro pilastri è molto semplice e permette di cambiare look al letto ogni volta che si vuole, adornando i pilastri, per poi tornare alla versione semplice ogni volta che si vuole.

Approfondimenti

Per maggiori informazioni e per prendere visione delle altre creazioni firmate dalla celebre casa di moda dedicate al design d’interni e all’arredamento potete consultare il sito della Ralph Lauren Home.

6 Dicembre 2012 / / Design d' Ingegno

Atmosfere seducenti

Al giorno d’oggi avere un camino in casa non è più necessità, ma un vezzo opzionale per pochi fortunati. In effetti, esso ha una sorta di fascino suggestivo che lo rende particolarmente piacevole ed accogliente in qualunque casa. Se poi lasciamo carta bianca ai designer, ne otterremo dei risultati sorprendenti.

Il camino Basalto, creato da Massimo Battaglia, è stato progettato ispirandosi alle scogliere irlandesi. In particolare, il Selciato del Gigante (the Giant’s Causeway) è una formazione di origine vulcanica, caratterizzata da una grande quantità di colonne di basalto con varie forme poligonali.

Questo camino consta dunque di due elementi che sostituiscono il classico concetto di camino, con una base in terra in cui si trova il fuoco ed una cappa che si protende dal soffitto in corrispondenza dell’altra. Realizzati in ceramica smaltata e disponibili nei colori bianco e nero, i camini Basalto sono certamente insoliti da vedere e creano un ambiente unico e magico.

La soluzione creata da Alexandra Mazur-Knyazeva è piuttosto pensata per essere inserita nella natura e proprio dalla natura sembra essersi creata la struttura-camino che viene proposta nella serie Essence of Flames. Qui il tutto è ridotto ai minimi termini ed ogni elemento è portato alla sua sintesi estrema senza trascurare dettagli naturali ed unici propri della natura degli elementi.

Il design si ispira al movimento della fiamma stessa e gli anelli sono realizzati in argilla refrattaria. Si tratta di una collezione artigianale e bio, con lo scopo di creare atmosfere emozionali ed intime.

Ancora più originale è il camino che si chiama Warmpath, realizzato da Michaël Harboun. In questo caso esso non soltanto non è più un classico elemento a parete o ad angolo, ma non è nemmeno il centro concettuale di una stanza: esso è ora parte di un’altra struttura. Inserito nel tavolo, questo camino diventa qualcos’altro, qualcosa di nuovo.

Il tavolo come la stufa o il camino sono due degli elementi che nella casa possono per eccellenza raccogliere e riunire le persone. La superficie è realizzata in Corian per resistere alle temperature e consentire questo connubio.

Il B-Fire della Tulp Firemaker è altrettanto minimal e moderno. Scompare qualsiasi struttura per far si che tutto il camino possa inserirsi all’interno della parete. Come una finestra, come uno spiraglio, si affaccia su una o più pareti della casa creando nuove possibilità e nuove interazioni nella casa. La sua presenza discreta scalda l’ambiente e genera un effetto visivo unico, di sicuro impatto! Quale secondo voi è il più bello?

L’articolo “Atmosfere seducenti” è apparso originariamente su blog design d'ingegno. Rispettane le condizioni di licenza. è vietata la ripubblicazione in aggregatori di feed RSS senza l’esplicito consenso dell’autore.