29 Aprile 2014 / / Idee

Uno splendido mix di pezzi vintage, accenti di colore qua e là, tessuti in lino, un’atmosfera rilassata e informale. Benvenuti nell’accogliente nido della stylist francese Aurélie Lécuyer! Immagino che molti di voi abbiano già ammirato questa casa. Le foto, pubblicate su The Socialite Family circa un anno fa, hanno fatto velocemente il giro della blogosfera. Ma se vi fossero sfuggite, correte immediatamente ai ripari! Aurélie vive con il marito e i figli in una vecchia scuola vicino Nantes. Uno spazio pieno di fascino e con tante idee da rubare, se volete personalizzare la vostra casa senza spendere una fortuna. Curiosi? Allora seguitemi nel tour;)

A wonderful mix of vintage pieces, color accents here and there, linen textiles, a relaxed and informal atmosphere. Welcome to the cosy nest of the French stylist Aurélie Lécuyer! I suppose that many of you have already seen this home. The photos, posted on The Socialite Family about a year ago, have been around the blogosphere. But if you missed them, run for cover. Aurélie lives with her ​​husband and children in an old school near Nantes. A charming space with lots of nice and cheap ideas to steal. Curious? So, follow the tour;)

Amo queste lampade di carta utilizzate per decorare il soffitto! Uno spunto semplice ma di effetto.

I love these paper lamps! A simple but impressive idea.

E questo ramo reinventato come appendiabiti? Un’altra idea economica a cui ispirarsi.

And this branch repurposed as a clothes hanger? Another low cost idea.

Per vedere il tour completo andate su The Socialite Family. E se lo stile di Aurélie ha fatto breccia nel vostro cuore, seguite il suo blog ledansla.

See the full home tour on The Socialite Family. And if you like the style of Aurélie, follow her blog ledansla.

Photo: Mélanie Rodriguez.

Ti potrebbero anche interessare:

L’articolo Home tour: la casa di Aurélie Lécuyer sembra essere il primo su Interior Break.

29 Aprile 2014 / / Architettura

Avevo trovato queste immagini un po’ di tempo fa, quando l’articolo è uscito su Yatzer. Poi ho fatto altre tremila cose e me ne sono dimenticata. Oggi sono rispuntate dai meandri del mio computer e voilà, ve le posto, perché più le guardo e più le trovo geniali. Lui è Federico Babina, architetto e illustratore, che attraverso la sua visual art ci mostra come l’architettura e il design si intrecciano all’arte. Le immagini che vi mostro sono delle serie Archist (architetture reinterpretate secondo il tratto distintivo di un artista famoso), Archiset (interni cinematografici ispirati a noti film) e Archi_Portrait (ritratti grafici di architetti protagonisti della storia dell’architettura moderna e contemporanea), ma ne trovate altre sul suo sito, che vi consiglio di guardare. Potete inoltre acquistare le sue illustrazioni nel suo e-shop.
Poi ditemi se non sono bellissime!

Tutte le foto sono © Federico Babina


English text

I found these pictures a little time ago, when the article came out on Yatzer. Then I did other three thousand things and I forgot. Today they have cropped up from the depths of my computer and voila, I post them, because the more I look, the more I find them brilliant. He is Federico Babina, architect and illustrator, who through his visual art shows us how architecture and design are interwined to art. The images that I show are from the series Archist (architecture reinterpreted in accordance with the hallmark of a famous artist), Archiset (interiors inspired by well-known film) and Archi_Portrait (graphic portraits of important architects in the history of modern and contemporary art), but you can find more on his website, which I recommend you to watch. You can also buy his illustrations in his e-shop. 

Then tell me if they are not beautiful!


29 Aprile 2014 / / Hugs and Violence

Stavo pensando che mi piacerebbe creare una rubrica, a cadenza più o meno regolare, che possa essere fonte di ispirazione per coloro che cercano un mood per la propria casa o anche solo per sbirciare dal buco della serratura abitazioni meravigliose.
Per iniziare al meglio oggi vi propongo un appartamento di soli 36 mq a Gothenburg con un’anima vintage delicata e discreta che dona carattere e quel pizzico di vitavissuta che non fa mai male.
Ma com’è che sti svedesi hanno sempre delle stufe così spettacolari?? Mi viene un nervoso..

Visto (e invidiato) su Alvhem.

Emily

29 Aprile 2014 / / Design

Oggetti di design con materiale di recupero? È molto facile avere oggetti unici che sorprendono per la loro versatilità. Pensate alle grucce.
Fuori dai nostri armadi possono trasformarsi in composizioni artistiche per arredare la nostra casa. 
Provare per credere! 

29 Aprile 2014 / / Architettura

L‘architetto Giovanni Francesco Frascino,  incaricato dai due colleghi Carmen Del Grosso e Vincenzo Corvino di ristrutturare il loro appartamento a Napoli, in un edificio di via Caracciolo, ha dovuto fare i conti con due presenze ingombranti: la collezione di opere d’arte comtemporanea dei due committenti e la splendida vista  del mare e del porto turistico di Mergellina.
Il progettista  napoletano ha scelta la strada,  nelle  sue corde, di creare ambienti neutri, quasi austeri,  optando  per il bianco assoluto per pareti, pavimenti e arredi, assecondando e non contrapponendosi alla luce mediterranea, quasi accecante, che penetra dalle finestre.
Eppure questo appartamento non appare asettico, privo di personalità ma  sembra fortemente “strutturato” dal punto di vista architettonico.
 Il disegno è anzi messo in risalto dall’assenza di colore e la mano dell’architetto è ben evidente nei tagli e nelle prospettive, nonché nella  scelta dei materiali, come il marmo di Carrara utilizzato per tutti  i pavimenti e i  rivestimenti del bagno a della cucina.
Per gli arredi il progettista e i committenti hanno scelto infine  pezzi di design (come il tavolo Less di Jean Nouvel per Molteni & C, le sedie 3107 di Arne Jacobsen per Fritz Hansen,o il biocamino Bio fireplace), o realizzati su disegno, anche in questo caso optando per il bianco puro.
Complessivamente un  progetto efficace che coniuga architettura, arte, paesaggio, e design realizzando un  delicato equilibrio in cui nessuno di questi elementi prevarica sugli altri, ma anzi si integrano e si valorizzano a vicenda. 

Un unico dubbio, cosa accadrà quando un quinto elemento, la vita quotidiana,  inevitabilmente diromperà all’interno dell’appartamento?

A delicate balance in Naples

The architect Giovanni Francesco Frascino, commissioned by two colleagues Carmen Del Grosso and Vincenzo Corvino to renovate their apartment in Naples, in a building in Via Caracciolo, has had to deal with two bulky appearances: the collection of works of art Comtemporanea of the two principals and the beautiful view of the sea and the marina Mergellina.
The Neapolitan designer has chosen the road, in his ropes, to create neutral environments, almost austere, opting for the absolute white for walls, floors and furniture , supporting and  not opposing the Mediterranean light, almost blinding, which penetrates through the windows.
Yet this apartement does not appear aseptic flat, lacking personality but it seems highly “structured” from the architectural point of view.
The design is indeed emphasized by the absence of color and the hand of the architect is evident in cuts and prospects as well as the choice of materials such as Carrara marble used for all floors and walls of the bathroom to the kitchen.
For the furniture  the three architects  have finally chosen designer pieces (like the table Less by Jean Nouvel for Molteni & C, the 3107 chairs by Arne Jacobsen for Fritz Hansen, or the  Bio fireplace, or custom-designed, even in this If opting for the pure white.
Overall, an effective project that combines architecture, art, landscape, and design creating a delicate balance in which none of these elements prevails over the other but rather complement and enhance each other.
A single doubt, what will happen when a fifth element, everyday life, inevitably diromperà inside the apartment?


Da   Grazia casa e gff
29 Aprile 2014 / / My Ideal Home

  • stunning & sustainable 38-metre-high treehouse (via Dezeen)
29 Aprile 2014 / / Design

Anche questa mattina la Brianza si è svegliata con un cielo che non promette bene. Quest’anno la primavera sembra davvero farsi attendere e proprio il tempo è stato la mia ispirazione per l’oggetto del desiderio di oggi: il portaombrelli Narciso.
Vi state forse chiedendo come è possibile che un portaombrelli diventi un oggetto del desiderio per arredare casa?
Se siete le donne-mamme di casa non vi sarà difficile capirlo. Sapete quanto è comodo avere un posto apposito per riporre gli ombrelli appena rientrati ed evitare così di bagnare il pavimento. Se siete gli uomini di casa sapete invece che vostra moglie o fidanzata vi sarà molto grata se riporrete subito l’ombrello senza sporcare il pavimento. Se vivete da soli eviterete il lavoro di pulizia a voi stessi e questo può solo che farvi piacere.
Potrei continuare ancora con l’elenco ma in questo modo non potrei subito dirvi un altro motivo per cui Narciso è un oggetto dei desideri…

oggetto-del-desiderio-portaombrelli-narciso-00

Ha una forma originale, linee fluide e ondulate, è elegante e raffinato ed è disponibile in cinque colori. Posizionato sull’uscio farà invidia a tutti i vostri vicini; subito all’ingresso farà stupire i vostri ospiti e vi delizierà gli occhi ogni volta che rientrerete a casa.
Possono bastare queste caratteristiche per farlo entrare di diritto nella nostra rubrica? Secondo me si ed è anche riuscito a posizionarsi quasi in cima alla classifica. (Qualcosa vi suggerisce forse che io sono donna?! :-) )

Anche le caratteristiche più tecniche di Narciso lo rendono un oggetto fuori dal comune e desiderabile. E’ realizzato in metallo verniciato sottoposto ad un particolare trattamento di curvatura che permette di ottenere l’originale forma. Il profilo ricorda una leggera sfoglia dolcemente curvata, a dimostrazione del fatto che anche gli oggetti più semplici e di uso quotidiano possono essere ricercati e raffinati. Può comodamente contenere fino a 9 ombrelli e questo è un grande vantaggio soprattutto quando si hanno ospiti. L’acqua che cade è conservata all’interno della struttura in una pratica vaschetta raccogli-gocce, facilmente svuotabile all’occorrenza. Occupa poco spazio e può arredare in modo funzionale l’angolo dell’ingresso che altrimenti rimarrebbe inutilizzato.
Narciso è un oggetto dei desideri anche perchè è perfetto per qualsiasi casa: i toni chiari del bianco e del beige per un arredamento classico e raffinato, i toni del fucsia e del giallo senape per un tocco più moderno e giovanile.

Ancora non vi fidate delle mie parole? Guardate il portaombrelli Narciso con i vostri occhi…

oggetto-del-desiderio-portaombrelli-narciso-01 oggetto-del-desiderio-portaombrelli-narciso-02 oggetto-del-desiderio-portaombrelli-narciso-03