1 Maggio 2014 / / Una casa non a caso
Tre

Buon Compleanno Blog

Ieri ho partecipato ad un convegno organizzato dagli allievi di un liceo romano. L’argomento era il lavoro, il lavoro che per i giovani oggi è solo una lontana ambizione, non una certezza, come era per noi.
I ragazzi hanno voluto iniziare la giornata con il video del memorabile discorso di Steve Jobs all’Università di Stanford.
L’avevo letto e ascoltato, questo discorso, ma ogni volta c’è un nuovo spunto che mi colpisce e che mi sembra adatto a riflettere rispetto a quello che mi succede e che succede intorno a me.
Steve Jobs racconta tre storie:
“… la prima storia parla di unire i puntini
non potete sperare di unire i puntini guardando avanti, potete farlo solo guardandovi alle spalle: dovete quindi avere fiducia che, nel futuro, i puntini che ora vi paiono senza senso possano in qualche modo unirsi nel futuro. Dovete credere in qualcosa: il vostro ombelico, il vostro karma, la vostra vita, il vostro destino, chiamatelo come volete… questo approccio non mi ha mai lasciato a terra, e ha fatto la differenza nella mia vita….”

Ecco, proprio questo approccio, tre anni fa ci ha spinto a pubblicare il primo articolo di questo blog, tre anni fa abbiamo aperto la nostra prima pagina Facebook. Tre anni fa abbiamo iniziato ad esprimere le nostre opinioni, a condividere le nostre conoscenze ed esperienze sulla rete.
Non sempre quando parte un progetto si riesce a prevedere fino in fondo dove questo ti porterà, fino a che unto i puntini uniti tra loro daranno vita ad un’immagine coerente ed efficace.
Così è per noi, che ogni martedì ci organizziamo per uscire con un post, che ogni martedì ci spediamo messaggi e mail, durante la giornata di lavoro per scambiarci le ultime opinioni sul post. E’ così per noi che ogni settimana ci diamo gli appuntamenti per le riunioni del blog, e che puntualmente le spostiamo. E’ così per noi che lavoriamo la sera al blog, quando ormai tutti a casa dormono.
I nostri puntini in questi tre anni sono fatti da 152 post, 735 commenti, 732 immagini, 2 video, tantissime mail di aziende e di amici che ci invitano a postare i loro lavori nel settore dell’arredamento e dell’architettura. Ogni martedì per noi è una sfida e una scommessa.

Lavoreremo ancora per questo blog. Fino a quando guardandoci alle spalle non ci apparirà un’immagine compiuta.

“…Il vostro tempo è limitato, perciò non sprecatelo vivendo la vita di qualcun’altro. Non rimanete intrappolati nei dogmi, che vi porteranno a vivere secondo il pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui zittisca la vostra voce interiore. E, ancora più importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione: loro vi guideranno in qualche modo nel conoscere cosa veramente vorrete diventare. Tutto il resto è secondario….” Steve Jobs

1 Maggio 2014 / / News

Volevo fare la figa e modificare la grafica del blog con l’inizio del mese, ma ho fatto un casino bestiale e quindi penso che cambierò un po’ di layout nei prossimi giorni. Giusto perché sappiate che sono una capra, ecco.
Buon primo maggio!



English text

I pretended to be super-html-friendly and change the graphic layout of my blog with the beginning of the new monthh, but I messed up and I think I’m going to change it several times in the next days. I just wanted you to know that I’m a goat (italian way to say ignorant).
Happy May 1st!

1 Maggio 2014 / / Architettarte


Biscotti all’olio
(ricetta originale qui)

Ingredienti:
230 gr di farina t2
75 gr di zucchero di canna a velo
1 uovo
150 gr olio di semi di girasole
1/2 cucchiaino di cremor tartaro
pizzico sale
un cucchiaino di succo di limone 


Mescolare l’uovo, il sale e il succo di limone, aggiungere l’olio a filo e poi unire gli ingredienti secchi già mescolati fra loro.
L’impasto è molto morbido e per formare i biscotti bisogna utilizzare una sac a poche.
Infornare per una decina di minuti a forno caldo (circa 170°). Una volta freddi io li ho inzuppati nel cioccolato fuso!
Deliziosi.

Buon Primo Maggio
1 Maggio 2014 / / Coffee Break

1 Maggio 2014 / / Design

A volte basta davvero poco: una lunga mensola o semplicemente un pezzo di top da cucina, appoggiato sul un cassettone; approfittare della luce della finestra integrandola con delle lampade a braccio; uno specchio e dei trucchi.
Semplice e funzionale!