3 Maggio 2014 / / Interiors

Lo riconoscete?
Si trova al 64 Perry street, New York ed è l’appartamento di Carrie Bradshaw, protagonista  del telefilm “Sex and The City”. Tutti gli episodi hanno almeno una scena all’interno di questa abitazione, che è l’anima della serie, insieme a Manolo e Jimmy 🙂
La casa in questione esiste davvero! Tra l’altro, con i suoi quasi 400mq, è stata venduta alla modica cifra di 9,85 milioni di dollari.
Dalla serie tv al film, non solo è cambiata la vita di Carrie, ma anche l’arredamento che, esattamente come nella vita reale, si modifica seguendo i nostri cambiamenti. A volte non ce ne accorgiamo finchè non riguardiamo vecchie foto, com’era..com’è.
Colori chiari e senza eccessi, poche decorazioni ma molti tessuti come tende e tappeti. Il legno onnipresente, dal pavimento ai mobili, che rende l’ambiente più caldo.
All’ingresso non può mancare una libreria (eh bè, è una scrittrice) e uno svuota tasche per appoggiare chiavi, New York Times e l’ultimo numero di Vogue al rientro in casa.
Il salotto retrò, non sembra tale perchè non c’è il divano, sinonimo di Living? ci sono delle sedute confortevoli, per pensare o chiaccherare sorseggiando Martini cocktail. 
Da copiare, le stampe incorniciate appoggiate sul mobile buffet.
Di fianco, sotto la finestra, la scrivania dove Carrie scrive i sui articoli.
La cucina grande, forse troppo, è posizionata centrale all’appartamento (cliccate qui per vedere la piantina), colori pastello e stile chiamiamolo vintage. Diciamo che non è  il pezzo forte.

 La zona notte, il letto morbidissimo, molto “shabby” con colori chiari e caldi.

Arriviamo alla tanto amata cabina armadio, spogliatoio o in questo caso corridoio. Infatti è strategicamente posizionato tra la camera da letto e il ( misero, scarno e squallido) bagno. Passaggio obbligato, zona di beatitudine che avrà la sua massima espressione nel film.
Da notare, le pareti e la struttura dell’armadio sono state dipinte con lo stesso colore per unificare l’ambiente piccolo.
Il bagno ha doppio ingresso però, uno privato (dall’armadio) e uno formale per gli ospiti diciamo.
L’appartamento del film invece, è completamente cambiato mantenendo la stessa struttura ed il carattere vintage e romantico della protagonista.
Pur avendo pareti e pavimento molto scuri, nel suo totale è molto luminoso, grazie alle grandi finestre ai  tessuti e gli arredi:  chiari e “leggeri”.
Da copiare: tendaggi chiari e a tutta altezza, slanciano l’ambiente.
In classico stile americano, zoccolatura e cornici delle pareti molto spesse, un contrasto che crea molta più luce.
Sono arrivati anche due piccoli sofà a sostituire le poltrone e le sedute, e …la Tv  per godersi romantici film in bianco e nero.
Molto più ordinata e linee più pulite, colori accesi e decisi ma sobri. Meno shabby e più chic..anche se la toilette per il trucco tutta specchiata, nun se pò vedè. (parere personale)
Insomma, Carrie non ha più 30 anni, da affittuaria a proprietaria, è maturata e l’arredamento lo rispecchia in tutto e per tutto.

Voi quale stile preferite?

E adesso cosa vi andrebbe da bere? 
A presto con un’altra casa protagonista.
Silvia


Fontiringraziamento speciale per Alma Nardi, ormai fotografa ufficiale di “unacasasumisura”, per la foto dell’ ingresso .
www.claudiapoirier.com- www.hbo.com-www.lussodemocratico.blogspot.com-www.mirrormirrorblog.com
3 Maggio 2014 / / Idee

Da quest’anno Ikea ha sfornato una serie di nuovissime pubblicazioni illustrate con interessanti consigli per la casa, ricette di cucina e favole per i più piccoli, tutti a prezzi molto agevoli soprattutto per i titolari di carta Family. Ma proprio il weekend scorso, con un grandissimo colpo di fortuna, mi è capitato di trovare in promozione straordinaria a 1€ uno tra i migliori di questi libri: il titolo italiano è “Casa Dolce Casa!” ed è una raccolta di immagini di 9 abitazioni svedesi accuratamente selezionate non tanto per i prodotti Ikea che contengono, ma per i dettagli di design, il sapiente uso degli spazi e il modo in cui rispecchiano la personalità dei proprietari. 

Sfogliarlo è un piacere a cui non si può non sentirsi invogliati: foto a grandi dimensioni in quasi ogni pagina, grafica fresca e colorata, tanti simpatici e utili suggerimenti. E poi, puro stile scandinavo con originali contaminazioni! Quindi, se siete ancora in tempo, vi consiglio di fiondarvi a comprarlo. Altrimenti date un’occhiata a questi 9 tips che ne ho ricavato e che sono a dir poco fontamentali: li riporto qui per condividerli e non dimenticarmeli, uno per ciascuna casa di questo originale catalogo.

1. Arredare con i tessuti
Chi ha detto che bisogna per forza comprare una struttura per il letto? Si può realizzare una splendida testiera anche con una stoffa dalla fantasia colorata.


2. Parete nera
Non bisogna lasciarsi spaventare dai colori scuri, basta saperli usare con parsimonia e negli angoli giusti, perchè possono risultare estremamente chic!

3. Sfruttare ogni angolo
Se si possiedono sottoscala e tetti spioventi, l’ideale è attrezzarli come ripostigli e guardaroba a scomparsa.

4. Ripiani a tutto tondo
Meglio se a ponte: sopra, sotto, ai lati… così ci sta tutto. Regola numero uno per le case di piccole dimensioni. 

5. Mix di antico e moderno
Chi l’avrebbe detto che mobili rural-chic e sedie di plastica ipermoderne dai colori cangianti potessero stare così bene insieme?

6. Una casa a prova di bambino
Anche gli oggetti di uso quotidiano per i più piccoli possono arredare. E per evitare che il pargolo si sfoghi sui muri, una bella lavagna gigante come anta della cucina! Non spreca spazio ed è molto originale.

7. Dispensa aperta
Molto di moda e molto rischiosa. Ma se si scelgono contenitori di design o anche solo alimenti con un packaging ricercato, farà un figurone.

8. Total white
L’ideale per far risaltare i colori dei complementi d’arredo, e per non rendere claustrofobico un ambiente di piccola metratura.

9. Il coraggio di non ristrutturare
Se in una casa vecchia troviamo piastrelle e pavimenti d’epoca, non necessariamente bisogna rimuoverli. Quando sono ancora in buono stato e di bell’aspetto, pensiamo piuttosto a valorizzarli (il vintage va SEMPRE).
Photos by T h e P e p p e r m i n t L a n d
© Inter IKEA Systems B.V. 1999-2012
3 Maggio 2014 / / Coffee Break

“Il rosso è uno dei colori dello spettro della luce visibile, precisamente quello corrispondente alla regione di lunghezze d’onda maggiori, approssimativamente comprese tra 800 e 640 nm; è anche uno dei tre colori primari (insieme con il verde e il blu), dalla cui composizione (o sintesi) additiva vengono ottenuti  i colori restanti.” (cit. Treccani).

Accogliente, dinamico, eccitante, il rosso regala comunque una sferzata di energia positiva!

Devi ristrutturare o semplicemente vuoi dare un nuovo volto ai tuoi ambienti?
Contattaci subito e richiedi un preventivo!

CONTACT FORM


 

Html email form powered by 123ContactForm.com | Report abuse


_________________________

CAFElab | studio di architettura


3 Maggio 2014 / / Case e Interni

 

Pantone ha decretato i nuovi colori moda della stagione Primavera/Estate 2014. Per la moda femminile, oltre al già noto Radiant Orchid, ci sono tante altre sfumature delicate e pastello: il Placid Blue, il Dazzling Blue, il Viole Tulip, l’Hemlock, molto più simile al già colore di tendenza “mint”; non mancano colori più freschi e frizzanti come il Cayenne, il Celosia Orange, il Freesia e anche qualcosa di neutro, come il Sand e il Paloma. Ecco quindi tutti i colori del Fashion Report di Pantone Spring 2014.

case e interni - colori-moda-primavera-2014

w04a001a;18.indd

fonte: Pantone

Sempre sul nostro blog potete trovare altre informazioni sull’ uso dei colori nell’arredamento.

3 Maggio 2014 / / Decor

Lo ammetto, un po’ di manualità ci vuole, ma un angolo studio così potrebbe meritare anche un aiutino da chi ci sa fare più di noi!
In definitiva i materiali sono comunissimi: fil di ferro, chiodini e filo elettrico.
Realizzare delle frasi ‘filanti’, magari giocando con spessori diversi, dona originalità e personalità ad una qualsiasi parete spoglia, in ingresso, sul retro del letto, in cucina… ci possono essere talmente tante cose da scrivere, messaggi da lasciare che, diciamocelo, ogni muro è buono!