9 Maggio 2014 / / Dettagli Home Decor

Avete mai sognato di abbandonare tutto, acquistare una barca e girare il mondo?Kristen Coates e Chris Wylie, famosi galleristi di Newport (Rhode Island), hanno realizzato questo sogno trasformando una vecchia barca in un vero e proprio appartamento galleggiante chiamato Belafonte.
Originariamente…

[[Se vuoi continuare a leggere clicca sul titolo dell’articolo]].

9 Maggio 2014 / / Design

Ricavare un angolo lettura in casa è per molti un’operazione che ha il sapore della conquista e del lusso: uno spazio dedicato al relax, al silenzio, al distacco dal resto del mondo.
Cosa serve per realizzare l’angolo lettura perfetto? Pochi mobili ma essenziali.
La spesa non è eccessiva e il risultato può essere davvero soddisfacente. Ecco i must have:
poltrona
lampada da terra
tavolino da salotto

JanetJanet

Ma facciamo un passo indietro: dove posizionare il nostro piccolo angolo di paradiso? Serve una zona della casa tranquilla, appartata e non di passaggio.
Può essere un corner del soggiorno o del salotto distaccato dall’area tv e dall’area pranzo; oppure uno spazio in camera da letto, per eccellenza la stanza più tranquilla e meno frequentata della casa. Se poi avete uno studio siete a cavallo!
Idealmente la zona del soggiorno dedicata alla libreria, meglio ancora se ad angolo, rappresenta il “triangolo perfetto” in cui inserire il set poltrona-tavolino-illuminazione. Ciliegina sulla torta è un bel tappeto da definire come “zona a traffico limitato” per mariti, mogli, partners, bambini. Che ve ne pare?

SwingSwing

La poltrona da lettura: accogliente, comoda, ergonomica
La poltrona coi braccioli è una naturale assistente alla lettura, sostiene le braccia e permette così di tenere il libro all’altezza desiderata senza incorrere in formicolii e paralisi temporanee. Meglio ancora se i braccioli sono modellati ed ergonomici, così da aiutarci a mantenere una posizione comoda e rilassante.
L’ideale è una poltrona con schienale alto e avvolgente per accogliere e sostenere schiena, collo e testa. Per lunghe sedute di lettura, di quelle che la notte non ha abbastanza ore, è necessario avere una seduta pratica e accogliente, in grado di favorire il cambio di posizione e all’occorrenza cullarci in un sonno profondo. Perfetta quindi una poltrona con pouf come Janet o con seduta allungabile come Attitude. Lo schienale alto di Bella è un altro ottimo esempio di sostegno ideale.

BellaBella

L’illuminazione: una lampada per la lettura serale o per quando fuori piove
Sarebbe perfetto collocare l’angolo lettura vicino ad una fonte di luce naturale, ma quando ciò non è possibile è necessario optare per la luce artificiale. Si può scegliere una lampada da tavolo o da terra, con braccio fisso o orientabile. La luce, meglio se calda per non stancare troppo gli occhi, deve illuminare il libro e deve provenire da sopra. Non deve essere forte ma nemmeno troppo fioca, quindi consigliamo l’uso di lampade in cui la lampadina non sia schermata da paralumi coprenti. L’obiettivo non è creare atmosfera ma illuminare le pagine.
Libra Little Flag Raduga
Lucy ET Astra

Il tavolino
Semplice ma efficace, il tavolino da salotto va posizionato a fianco della poltrona per appoggiarvi all’occorrenza libro, riviste, occhiali da vista, un drink o qualche snack, sempre ottimi compagni di lettura. Se si opta per una lampada da tavolo questa sarà la sua collocazione. Se si desiderassero più punti di appoggio una soluzione perfetta è quella di unire più tavolini, anche di forme e altezze diverse. Il non plus ultra è l’originale Ideo con due piani di appoggio e il portariviste integrato.

IcaroIcaro

IdeoIdeo

L’angolo lettura in casa diventa per il lettore accanito un piccolo eremo domestico, ritiro spirituale in cui chiudersi ed estraniarsi. Anche a questo serve la lettura: a staccare la spina, a riposarsi, a fantasticare, a viaggiare con la mente lontani dal trantran quotidiano. Tra gli arredi elencati finora il più importante per assicurarsi una lettura piacevole (oltre al libro stesso!) è sicuramente la poltrona. Una seduta scomoda può davvero rovinarvi questo momento speciale. Per darvi qualche idea in più vi lascio con una piccola gallery di foto di poltrone ideali per la lettura.
Rosie Hearthbreaker Attitude
Kokon Peel Teresa
Gravity Balans Benny Richard

9 Maggio 2014 / / ArchitettaMI

Sono rimasta affascinata dalla casa e dallo studio di Marko Brajović, architetto, designer, scenografo, direttore creativo e ogni giorno qualcosa in più… Croato di nascita, si laurea a Venezia, passa da Barcellona e alla fine approda in Brasile. A San Paolo fonda lo studio, si sposa e nasce Zoe.

Sostiene che lo studio dei materiali ti permette di usarli nel modo più corretto; crede nella sostenibilità dei progetti, ma quella vera, non di facciata che spesso si nasconde dietro a spot pubblicitari; crea Bamboo Lab e porta avanti la sua campagna per l’utilizzo del bamboo come materiale ecologico e poliedrico.

Negli anni la sua reputazione cresce e i suoi clienti diventano: NIKE, Camper, Google, OI, Samsung, SESC, Eletrolux, MIS, KitchenAid, Mitsubishi e MADE.

Quando ho visto la sua casa ho pensato che fosse in perfetto stile Libreriamo e adatta quindi per il mio blog Domus libri. Infatti una mente del genere non può non amare i libri e all’interno della sua casa ogni posto è fatto per ospitarne qualcuno. A volte possono persino risolvere piccoli problemi come nel caso della chaise longue a cui manca un piede.

Ma l’idea più carina si trova all’interno del suo studio, da copiare ;-)

Immagini via Freunde von Freunden.

9 Maggio 2014 / / Architettura

Un progetto sviluppato nel nostro studio di architettura qualche tempo fa.
La committenza ci ha richiesto di progettare un giardino per una villetta al mare che consentisse un utilizzo intensivo da parte di una famiglia numerosa con età variabile da pochi mesi fino agli 80 anni d’età, lo spazio doveva essere a bassa manutenzione e occasionalmente carrabile.
Come in molti dei nostri progetti ci è stato chiesto di curarne anche l’illuminazione.

Si è scelta una pavimentazione in pietra lavica locale, piuttosto chiara e molto durevole, scegliendone una varietà più liscia e chiara per il percorso pedonale delimitato da un cordolo in travertino.
La casa avrà un utilizzo estivo, gli spazi che si prevede saranno utilizzati a piedi scalzi sono pavimentati in doghe di teak marino.
La preesistente cucina all’aperto è nascosta dietro uno schermo in legno che individua la zona spogliatoio e doccia all’aperto, una vasca di ciottoli raccoglie parte dell’acqua per delle piante che abbisognano di un ambiente molto umido come l’Equiseto, molto amato dai nostri architetti.

L’Equiseto è una pianta acquatica resistente al freddo, ideale per la piantagione negli specchi acquatici e nei terreni umidi ha steli ornamentali privi di foglie che risultano molto decorativi anche in inverno.

Il vano sottoscala viene destinato ad ospitare un orto dei semplici con sedute in legno e vasi rialzati per permettere di godere delle essenze profumate anche agli abitanti della casa dotati di mobilità ridotta.

Una doccia in muratura nascosta tra il verde permetterà a chi torna dal mare di potersi togliere il sale di dosso all’aperto.


_________________________

CAFElab | studio di architettura