17 Maggio 2014 / / Architettura

INT2 architecture  (INT sta per intuizione + intelligenza  ma anche per internazionalità + interdisciplinarità + interattività) è un team multidisciplinare con sede a Mosca e San Pietroburgo, in attività  dal 2008, che spazia dalla progettazione architettonica, alla ristrutturazione,  alla pianificazione urbanistica (in particolare si è occupato della riqualificazione del fiume di Mosca,  la  Moskva, e delle aree adiacenti).
Qui vediamo un  progetto di appartamento, di circa 72 mq, disegnato per una giovane donna nel complesso residenziale di  ” Elk Island”.
L’appartamento è costituito da ingresso, piccolo corridoio e living (con angolo cottura) caratterizzati da una sorprendente scelta di colori per la tinteggiatura di muri e porte: un viola acceso, ripreso da tende e tappeto, abbinato al bianco.
A pavimento è previsto un parquet chiaro a spina di pesce, colorato nella parte antistante l’angolo cottura, mentre nel corridoio (come nel bagno) è stato scelto un classico  pavimento a scacchiera.
Il progetto prevede una tavolozza di colori più tenui e rilassanti per la camera da letto, giocata sui toni del bianco, del grigio e del  rosa pastello.
I progettisti dichiarano di aver ricercato una combinazione di elementi classici reinterpretati in chiave contemporanea, a me sembra che il risultato sia un insieme romantico ma non zuccheroso, adatto ad una ragazza sognatrice ma anche moderna. 
INT2 architecture ( INT stands for intuition + intelligence but also for international + interdisciplinary + interactivity) is a multidisciplinary team based in Moscow and St. Petersburg in business since 2008, ranging from architectural design , renovation, planning (in particular,have dealt with the redevelopment of the Moscow River,the Moskva, and adjacent areas).
Here we see a project of apartment, about 72 square meters, designed for a girl in Moscow, in the residential complex ” Elk Island “.
The apartment consists of entrance hall, small hall and living room (with kitchenette ) characterized by a surprising choice of colors for painting walls and doors: a bright purple combined with the white.
On the floor there is a light parquet herringbone, colored on the front of the kitchen, while in the hallway (like in the bathroom) was chosen a classic checkerboard floor.
The project includes a palette of soft,soothing colors for the bedroom, in shades of white, gray and pastel pink.
The designers claim to have sought a combination of classic reinterpreted in a contemporary key, it seems to me that the result is a romantic but not sugary apartment, suitable for a dreamer but also modern girl.

 Da int2architecture.ru

17 Maggio 2014 / / Case e Interni

case e interni - san francisco - cucina bianca grigia

Una casa di stile classico vittoriano, tipica delle architetture di San Francisco è stata completamente ristrutturata al suo interno, rispettando la grazia e il carattere dell’epoca, ma infondendo una sensibilità moderna dello spazio con luce e materiali attuali.

La facciata principale della casa è stata mantenuta in gran parte intatta, solo una porta verde mela con pannello in policarbonato traslucido suggerisce che l’edificio ha qualcosa di diverso. Una volta dentro, però, i visitatori vengono accolti da uno schermo di vetro e acciaio che nasconde la scala, illuminata da grandi lucernari, che infondono molta luce al nucleo centrale dell’edificio.

Nella parte posteriore della casa, le pareti sono state rimosse per fare in modo che cucina, pranzo e living diventassero un unico locale. Al piano superiore vi sono diverse camere da letto, tra cui una spaziosa camera matrimoniale con soffitti mansardati rivestiti in legno e un bagno padronale con vasca free-standing e box doccia in vetro. Il piano inferiore comprende anche uno studio ed una sala multimediale, che si aprono direttamente sul giardino.

In tutta la casa una palette di grigio, bianco, acciaio e vetro, con accenti di colore, unifica tutti gli spazi.

 

case e interni - san francisco - cucina bianca grigia 2

case e interni - san francisco - soggiorno terrazza

case e interni - san francisco - soggiorno terrazza 2

case e interni - san francisco - pranzo

case e interni - san francisco - studio

case e interni - san francisco - scale

case e interni - san francisco - camera

case e interni - san francisco - bagno

case e interni - san francisco - noe-valley-residence-feldman-architecture

case e interni - san francisco - noe-valley-residence-feldman-architecture 2

[Fotografie di Joe Fletcher, progetto Feldman Architecture]

17 Maggio 2014 / / Design

Perchè mai un comodino dev’essere per forza grande? Perchè mai un comodino se piccolo deve ospitare una lampada per forza altrettanto piccola?!?
Questo è un esempio perfetto per ricordarsi che volere è potere e se ci piace, ci piace e punto. 
Non c’è bisogno che sia logico o giusto, quel che è sempre importante è che rispecchi i nostri desideri, che siano essi funzionali o meramente formali!
Un’idea in più: bella la mensolina, bella l’essenzialità dello stelo della lampada, mi piacerebbe ancor di più integrarla alla mensola stessa. Semplice: svito lo stelo dalla base. Faccio un foro nella mensola e fisso su questa la lampada.
Minimal e funzionale, il rischio di farla cadere così si risolve! 😉