19 Maggio 2014 / / Decor

La mia ultima ossessione? Questo vecchio tappeto. Eh sì, trovo meraviglioso il modo in cui scalda questo spazio dominato dal bianco. Un perfetto mix di vecchio e nuovo. Non mi stupisce che sia il quartier generale di Studio Oink, il pazzesco studio tedesco di interior design e styling di cui vi ho già parlato qui e qui. Amo tanto il loro lavoro. Utilizzando una base neutra, mescolando mobili moderni con qualche pezzo vintage e prestando grande attenzione ai dettagli, Studio Oink crea interni ariosi e puliti ma dalla forte personalità. Insomma, proprio lo stile che mi rispecchia maggiormente. Come mi piacerebbe rivolgermi a loro per una consulenza!

Per vedere le altre foto dello studio andate qui.

My latest obsession? This old rug. Oh yes, it’s wonderful how it warms this white space. A perfect mix of old and new. I’m not surprised it is the headquarters of Studio Oink, the amazing German interior design and styling studio which I have already talked about here and here. I love their work so much. Using a neutral base, mixing modern furniture with vintage pieces and with a great eye for detail, Studio Oink creates airy and clean interiors but with a strong personality. In short, it is my favorite style. I would like to ask them for advice!

If you want to see more photos, go here. 

Ti potrebbero anche interessare:

L’articolo Un vecchio tappeto sembra essere il primo su Interior Break.

19 Maggio 2014 / / Design

Il bagno può essere abbastanza trascurato che è un po’ strano in quanto è una delle stanze più facili da decorare. Siamo bravi a passare il tempo cercando la roba pratica (vasche, rubinetti, piastrelle) e non tanto bravi a trovare quegli elementi importanti che lo trasformano in un rifugio.

E’ inutile dire che esso dovrebbe essere trattato come qualsiasi altra stanza della casa, ammorbidito dagli elementi che lo fanno sentire accogliente – una vecchia sedia, piante, candele profumate, magari un tappeto morbido. I cestini sono favolosi per gli asciugamani o cassonetti in quanto aggiungono calore e consistenza. Lo storage è una chiave. Le cose brutte vanno dietro le porte chiuse, le cose belle vanno in un deposito aperto come per esempio un carrello, credenza o scaffali. I dettagli sono importanti e contribuiranno a personalizzare la stanza.

Rubinetti, vasche e lavabi possono essere comprati ad un prezzo abbordabile  anche da qualche mercato. Tenete le cose semplici con piccoli tocchi intelligenti – come le maniglie per i cassetti che cambiano l’aspetto del mobile, l’illuminazione insolita, i ganci eccentrici per appendere asciugamani o accappatoi. Questo è un modo favoloso di collegare il bagno con il resto della casa invece di farne uno spazio clinico, privo di carattere e vita.
Puntate sulla gamma di colori o la carta da parati. I bagni sono stanze con cui possiamo prendere il maggior rischio – generalmente tendono di essere più piccole rispetto alle altre stanze. La vernice gioca un ruolo enorme nel trasformare una stanza – la profonda sontuosa tonalità darà alla stanza un vantaggio stabilendo un’identità visiva che grida solo sofisticazione.

Però l’enorme vantaggio della carta da parati è che si può effettivamente provare prima dell’applicazione. Alcuni consigli da ricordare – i motivi grandi riducono visivamente le dimensioni del bagno, i verticali attireranno l’occhio verso l’alto e faranno sembrare la stanza più alta e gli orizzontali la allargheranno. Per quanto riguarda l’umidità – il materiale rivestito di vinile più spesso creato apposta per i bagni è la cosa giusta da comprare  – qualsiasi altro rapidamente degraderà in ambiente umido.

Questo spazio e piccolissimo però molto drammatico e divertente. Le strisce parlano da soli!

Bagno di Kate Challis design. La carta da parati è Porter’s Lace in Aniseed di Catherine Martin.


Progettare un bagno è una questione di miscela di stile con la roba pratica. Un bagno dovrebbe fondersi perfettamente con il resto del vostro spazio tramite un passaggio delicato. Sì, si sentirà diverso, ma non dovrebbe essere uno spazio freddo e sterile, privo di personalità .

Sotto un’immagine di un bagno nella camera da letto. Funziona bene perché i proprietari hanno inserito il bagno finemente nello schema, appendendo un lampadario bellissimo nell’apposito spazio, riecheggiando la tavolozza di colori – è quella cosa di transizione delicata di cui stavo parlando sopra.

Qui ci sono alcune idee per arredare il bagno e a che renderanno come se fosse un lussuoso rifugio per rilassarsi dopo una lunga giornata faticosa! Da Arredamento.it anche altre idee per l’Arredo bagno.

  ♥
English version:

Bathrooms can be quite neglected which is a little crazy as they are one of the easiest rooms to decorate. We’re good at spending time searching out all the practical stuff (tub, taps, tiles) and not so good at finding those all-important elements that turn them into a sanctuary. 
It goes without saying that they should be treated like any other room in the house, softened with items that make them feel homely – an old chair, plants, scented candles, maybe a soft rug. Baskets are fabulous for towels or rubbish bins as they add warmth and texture. Storage is a key. Ugly stuff goes behind closed doors, cool stuff should go on open storage like a bar cart or dresser or shelves. Details matter and will help set the room apart.
Taps, baths and basins can all be brought relatively inexpensively from reclamation yards – keep it simple with clever little touches – such as drawer pulls that update cabinets, unusual lighting, quirky hooks to hang towels or robes. This is a fab way of connecting your bathroom to the rest of your house – instead of making it a clinical space devoid of character and life.
Push the paint palette or wallpaper choice. Bathrooms are rooms we can take the most risks being generally smaller than the other rooms and places we tend to zoom in and out of. Paint plays a huge part in transforming a room – deep sumptuous hues will give the room an edge by establishing a visual identity that just shouts sophistication. 
But the huge advantage of wallpaper over paint is that you can actually try it out before applying – few tips to remember large patterns will visually reduce the size of your bathroom verticals will draw your eye upward, and make the room feel taller (yay to that) and horizontals will widen it.
Regarding moisture well the thicker vinyl coated stuff made especially for bathrooms is the way to go – anything else will quickly degrade in the moist environment. 
Designing a bathroom is a matter of mixing function with the practical stuff but also combining style. A bathroom, shower room whatever you want to call it should blend in beautifully with the rest of your space – yes it will feel different but it should be a gentle transition if that makes any sense, not some cold sterile space that lacks personality.
Here are a few ideas and solutions that will make the space feel like a luxurious retreat for relaxing after a long exhausting day! By arredamento.it 
Images:
1. Kate Challis design The wallpaper is Porter’s Lace in Aniseed by Catherine Martin. 
2. This space is teeny tiny but way more dramatic and fun. The stripes do all the talking you almost don’t need anything else.
3. An image from Livingetc – a bathroom in a bedroom. It works because the owners have blended the bathroom beautifully into scheme, hanging a beautiful chandelier in the space, echoing the palette – it’s that gentle transitional thing I was banging on about a second ago.

19 Maggio 2014 / / Creative & Ordinette

May is the month of lush vegetation, “the scented May” Leopardi, the great italian romantic poet used to call it and these pictures reflect exatly how  May in Rome and everywhere else (I hope) is. Green, colorful, warm, cheerful and blossoming. I stumbled upon these outdoor pictures through Freshome and just couldn’t wait to share them. Wouldn’t you spend hours and hours in the midst of this explosion of colors and this amazing landscape, savouring a good fresh drink, reading and wondering about things you never have to time to think about?

“Era il maggio odoroso”……. per dirla con Leopardi. Ecco delle foto di esterni che racchiudono la mia percezione del mese di maggio a Roma. E’ il mese più bello dell’anno, verdeggiante e rigoglioso. Attorno a me sento il profumo dei germogli in fiore, la natura che si risveglia e un’energia rigenerante di cui sento molto il bisogno, insieme al desiderio di perdermi in bei sogni in un ozio pensieroso di cui al momento non posso godere. Questi esterni sono per me l’ambiente ideale dove trascorrere qualche ora in compagnia di un buon drink e di una lettura interessante.

19 Maggio 2014 / / Design

IKEA compie 25 anni in Italia! In occasione dei festeggiamenti ci ha chiesto 
di personalizzare la libreria IVAR. Noi di REDaddress le abbiamo cambiato il 
look e la vedrete chic e glam! Una mano di vernice nera opaca con accessori 
molto colorati a contrasto, da abbinare a pannelli in tessuto rigato che abbiamo 
realizzato e di cui troverete tutti gli steps. Un’idea che darà un tocco personale 
alla libreria, pensata soprattutto per le amanti dell’ordine!
Entusiaste di interpretare la Ivar che con la sua versatilità si adegua ad ogni 
spazio e che può diventare veramente utile nell’angolo dell’home-office. Nel nostro 
caso una vera e propria postazione da blogger, dove tenere libri d’arredamento, 
fotografie, riviste e tutto quello che serve per trovare nuove idee e ispirazioni. 
Ma non abbiamo cambiato il look solo a lei, guardate la lampada e il vassoio…

Per la nostra soluzione home-office dedicata alle blogger occorrono:
IVAR combinazione scaffale con ripiani € 122. Pino grezzo qui dipinto di nero opaco
MELLTORP  – tavolo € 39,00. Piano tavolo rivestito melammina, 125 x 75 cm.
SOFIA – tessuto a metraggio in cotone h. 150 cm. € 7,99 al metro
IKEA PS –  sedia a braccioli in materiale composito di plastica e legno € 69/pz.
KNAPPSÄV –  cuscino cm. 60×30  € 3,99/pz 
KNARRA –  cestino cm.16x38x29 € 6,99/pz.
Tutti gli accessori sono di IKEA, li potete trovare in negozio oppure online www.ikea.it
Per dipingere la libreria IVAR di nero occorrono: barattoli di vernice nera opaca all’acqua, pennello, scotch carta, giornali. 
Prima di tutto proteggete le parti che non vanno dipinte con lo scotch carta, verniciate le mensole e lasciatele asciugare bene. 
Dipingete i montanti e la libreria é pronta da montare.
Tutto l’occorrente per realizzare i pannelli in tessuto: due metri di tessuto SOFIA in cotone alt.150 cm € 7,99 al metro, forbici 
per tessuto, fettuccia per orlo adesiva, metro, velcro nero e ferro da stiro. Prendete le misure della mensola dove andrà applicato 
il tessuto, tagliate il tessuto lasciando tre centimetri in più su tutti i lati per fare l’orlo, utilizzate la fettuccia adesiva e stirate con il 
ferro caldo. A questo punto applicate il velcro adesivo al tessuto e applicate il velcro anche alla mensola.
Ora potete attaccare il pannello tendendo bene il tessuto

Lampada da lavoro ARÖD (€ 39,99) in acciaio rivestito a polvere, diventa glamour dipinta con lo spray fucsia 
(ha il braccio e la testa regolabili). Piatto a righe TICKAR decorato con lo scotch colorato e tazza nera POKAL 
per un piccolo bouquet di rose. Per la pausa té o caffé tante tazze a righe UNGDOM appese ai ganci FIXA che
abbiamo dipinto di nero e avvitato alla mensola. In alto a sinistra scatola tonda PALLRA, ciotola SKÄCK e scatola rosa TJENA
New look per la lampada ARÖD dipinta con lo spray fucsia. L’occorrente: una mascherina, un telo in plastica, lo scotch 
carta e i guanti di gomma. Proteggete le parti metalliche cromate e  gli snodi con lo scotch carta prima di dipingere la lampada. 
Se possibile dipingete all’aperto sopra a un grande telo di plastica e lasciate asciugare bene. Ecco la lampada finita, luccicante e 
allegra in tinta con le scatole e gli altri accessori.
Il vassoio OMVAXLANDE in acciaio rivestito a polvere (€7,99) diventa una bacheca dove mettere le foto, gli inviti, 
i messaggi e tutto quello che vi ispira per una perfetta moodboard. Tutto l’occorrente per realizzarla: vassoio, calamite e colla 
Millechiodi a presa rapida: mettete la colla agli angoli e al centro del vassoio, a questo punto potete fissare il vassoio al muro 
tenendolo premuto per qualche secondo (avete 10 minuti di tempo per aggiustare il posizionamento, dopodiché sarà ben attaccato).
Siete particolarmente ordinati e chic e non volete vedere troppi oggetti a vista? Moltiplicate i pannelli di tessuto e scegliete accessori 
solo in bianco nero e rosa. Potete scegliere un altro modello di sedia, in questo caso ESBJORN nera, cuscini NÄVVIVA, cesti BRANAS 
e un notebook veramente elegante! Arianna già al lavoro nella sua nuova postazione.
Segui il nostro video tutorial sul sito http://spazioallavita.ikea.it/personalizzare
photo by Marzia Malli styling Arianna Battistessa
19 Maggio 2014 / / Cappello a Bombetta

Ho sempre amato le creazioni patchwork: i colori, le fantasie che pur sembrando a volte lontane magicamente si abbinano creando meravigliose alchimie … ma c’è un altro aspetto che amo di questa tecnica, che, a dispetto di quello che si crede, è molto semplice e anche errori e imprecisioni sono accettati, soprattutto nel patchwork “libero”, come questa coperta che ho realizzato per la camera di Romeo. Le basi sono davvero semplici: tagliare le pezze di stoffa, comporle insieme a piacere in lunghe strisce cucendole dritto contro dritto e poi unire insieme le varie strisce. Oggi esistono anche trapuntini già finiti da cucire insieme alla coperta che dimezzano decisamente il lavoro! Una bordura a scelta e voilà, la coperta è pronta!
Le stoffe provengono da IKEA, Mes Habits Cherie e mercatini vari.

I’ve always loved patchworks creations: colors, patterns that seems so different but together create amazing alchemies … but there is another aspect I appreciate: it is more simple that many people think: also mistakes and imprecisions are accepted, above all in free patchwork, like this blanket I’ve made for my Romeo. The basis are very simple: cut fabric’s pieces, sewing together straight to straight, than in stripes long as you need. Today we have also stuffed fabric just quilted to sew together the blanket that help and make faster the work! Add a hem and voilà, blanket is ready! 
Fabrics are from IKEA, Mes Habist Cherie and local markets.

19 Maggio 2014 / / Design

Ecco un’altro dei miei grandi desideri: un armadio a muro realizzato con struttura in cartongesso e vecchie finestre come ante.
Non mi dispero, primo o poi ti farò mio!
19 Maggio 2014 / / Coffee Break

Manish Arora è un designer esplosivo di origine indiana che oggi vive a Parigi; nei suoi ambienti mescola con successo suggestioni tipiche della cultura figurativa indiana, atmosfere cariche di colore e decorazione provenienti da Bollywood e li applica sul rigore decorativo di strutture architettoniche parigine. In questi ambienti dai colori “bold” l’energia scorre veloce, aiutata dalle mille superfici diverse, trasparenti, riflettenti, metalliche in un tourbillon di colore.
NB. Emulare Manish Arora non è semplice e sicuramente non è per tutti! Per non rischiare un effetto carnascialesco, per chi si senta particolarmente ispirato da questi ambienti saturi di colore, un tocco vivace con l’introduzione di accessori o pareti colorate può essere sufficiente per svegliare una casa monocromatica!

Via Lonny


_________________________

CAFElab | studio di architettura


18 Maggio 2014 / / Architettura

Un altro progetto di INT2 architecture, questa volta un appartamento a San Pietroburgo di circa 100 mq.
Il living è trattato come un open space ma  con aree funzionali ben distinte.
La zona pranzo è realizzata all’interno di una sorta di gazebo in legno con il pavimento leggermente rialzato, l’office è nascosto dietro pareti- librerie, mentre l’area dedicata alla cucina,  con isola centrale, è sottolineata da una controsoffittatura realizzata con travetti di legno  verniciati di bianco.
Per creare un’atmosfera intima e rilassante è fondamentale  la scelta dei colori: tinte neutre per pareti e pavimenti, grigio e tortora per divani e poltrone, appena vivacizzati da pennellate di color pastello tra cui spiccano il corallo e l’azzurro.
Per l’arredo  “una miscela di tradizione scandinava e design moderno”  ideata per creare ambienti semplici ma studiati nel dettaglio.

Se vuoi vedere un altro progetto di INT2 vai qui.


Scandinavian flavor in St. Petersburg
Another project of INT2 architecture, this time an apartment in St. Petersburg about 100 square meters. 
The living room is treated as an open space but with distinct functional areas. 
The dining area is housed in a sort of wooden gazebo with the slightly raised floor, the office is hidden behind walls-libraries, while the area devoted to the kitchen with center island, is highlighted by a ceiling made ​​of wooden beams painted white. 
To create an intimate and relaxing is fundamental the  choice of colors: neutral colors for walls and floors, gray and taupe sofa and armchair, just enlivened by touches of pastel colors, among which the coral and blue. 
For the furniture, “a mixture of Scandinavian tradition and modern design” designed to create simple environments but studied in detail. 


If you want to see another project of INT2 go here.